Passa ai contenuti principali

Renna in feltro

Sono orgogliosissima! É la prima volta che mi cimento con un lavoro così, non so perché ma li ho sempre guardati con timore, non credevo di riuscirci e invece... ta daaa!



L'avevo vista sul blog Latte & cannella che a sua volta si era ispirata a FareCreare. Avevo stampato il cartamodello e poi messo via sentendomi imbranatissima. Domenica in una botta di coraggio mi sono detta: Proviamoci! E se ce l'ho fatta io ci riuscirete tutte!
Due consigli: come ha detto Cristiana usate una forbice ben affilata e non preoccupatevi se non siete perfette, i piccoli difetti si riescono a nascondere. Il secondo è fare il punto festone ben regolare, l'imbottitura tiene meglio.
Ho usato il pannolenci marrone (più morbido del feltro) e per cucire un avanzo di Retors d'Alsace n. 8 color rosa. Ma usate pure tutto quello che avete in casa: fili, bottoni, perline, se guardate bene il fiocco e il campanellino sono quelli di un famoso coniglietto pasquale di cioccolata! Tutto si ricicla!
Provateci.
Pannolenci FiestaFelt color Dark brown
Imbottitura Prym
Filato DMC Retors d'Alsace n. 8 color rosa 818
bottoni, perline, campanellini
Post chiuso in redazione il 18 novembre 2013.
Rivisto e corretto il 18 ottobre 2018.

Commenti

  1. Innamorata di queste renne!! Ormai ho la casa invasa!!!

    Brava brava!!
    Daniela
    lattecannella.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. ma che bella questa renna, complimenti sei bravissima!

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Monica Ferris, A Stitch in Time: recensione

Ricamine del martedì, oggi post letterario! Vi recensisco un altro bellissimo giallo della Serie dei Needlecraft Mystery di Monica Ferris che è entrato a far parte della mia bibliografia dei romanzi sul ricamo. Grazie a questo volume non solo conosceremo di più la comunità di Excelsior, ma impareremo come le ricamatrici possono inserire nei loro lavori dei simboli per tramandarli o rivelare qualcosa.

Monica Ferris, A Stitch in Time, Berkley Prime Crime, New York 2000 (Needlecraft Mystery; 3)
Genere: giallo soft, Cozy Mystery
Categoria: ricamo Trama Care ragazze, voi che mi seguite avete già conosciuto Betsy, la proprietaria della merceria Crewel World e protagonista di questa serie di gialli.
Come la Signora in giallo, nonostante viva in una cittadina tranquilla, si trova sempre invischiata in qualcosa di strano: siamo nel periodo natalizio, c'è gran fermento tra le ricamatrici che devono preparare i regali. Nel Minnesota gli inverni sono molto rigidi, la neve cade copiosa, e Betsy …

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come rifinire un biscornu con il retro in stoffa: tutorial

Buongiorno ragazze, oggi tutorial! Il mese scorso abbiamo visto come cucire in modo perfetto un biscornu. Aveva entrambe le facce ricamate, ma oggi vi mostro come fare qualcosa di diverso: un biscornu con il retro in stoffa. E vi spiego i motivi della mia scelta. Partiamo? L'idea non è mia, l'ho trovata sulla rivista dalla quale ho tratto lo schema con i ricci di Durene Jones, CrossStitcher n. 361 del 2020. Tuttavia l'articolo non spiegava perfettamente come farlo e, se devo dirvi la verità, quelli delle foto erano cuciti maluccio, forse perchè fatti in fretta.Quindi ho deciso di provare e di spiegarvi come evitare errori.Innanzi tutto, perchè usare stoffe diverse? E perchè non ricamare entrambe le facce? I motivi possono essere diversi: per dare movimento al biscornu e renderlo originale con un contrasto di colori;lo schema della parte superiore è così pieno e ricco che non ci starebbe bene sotto, sarebbe troppo;non abbiamo abbastanza tela ma vogliamo farlo assolutamente s…

Ricamare social: vale la pena? Parte seconda

Il mese scorso abbiamo analizzato alcuni social per vedere se, per noi ricamine appassionate, vale la pena esserci. Avevamo parlato di blog, Bloglovin e Facebook. Oggi proseguiremo con altri social: Instagram, Pinterest e Youtube. Vi ricordo che sono sempre opinioni personali su un uso dei social da ricamina dilettante, non professionista né commerciale. Allora, proseguiamo?
Instagram Sì, ci sono anch’io, da poco, sono qui. Non avevo aperto la pagina perché avevo paura di non riuscire a starci dietro, diventa un lavoro! Invece mi sono organizzata, ho fatto delle scelte e ho deciso di pubblicare le foto dei miei lavori contemporaneamente al blog
Si può scegliere di avere un account personale e uno per il ricamo, oppure di usarne uno unico misto, pubblicando foto personali e i propri lavori. Io ho scelto di fare solo quello del ricamo per ora, non lo conosco ancora bene e devo prenderci la mano.
Grazie all’uso degli hashtag si possono vedere tantissimi lavori da tutto il mondo e conosc…