Passa ai contenuti principali

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine.

Le misure

Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari.

Cosa sono i count

I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm).
É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità di misura, ma niente paura perchè possiamo facilmente fare la conversione, sia con un calcolo che con tabelle. Poi, con la pratica e col tempo, queste misure le impariamo a memoria e ci vengono naturali.
Vediamo la formula
Per sapere a quale tipo di stoffa corrisponde il numero di count, bisogna fare questo calcolo

(numero count x 10) : 25

e otteniamo il numero di quadratini (e quindi di crocette) che ci sono in 1 cm di stoffa.

Ad esempio, se ci propongono una tela da 20 count, facciamo il calcolo

(20 x 10) : 25 = 8

in 1 cm della nostra tela ci sono 8 quadretti e quindi ci stanno 8 crocette. Questo significa che in 10 cm di stoffa ci sono 80 quadretti, e infatti, in italiano, si chiama aida 80.
É abbastanza chiaro? Questo tipo di calcolo ci servirà in futuro anche per il lino, perciò è bene impararlo.

Naturalmente possiamo farci una tabella di corrispondenza per non avere sempre la calcolatrice in mano, eccola qui. A sinistra i count, al centro quanti quadretti ci stanno in 10 cm (corrisponde alla denominazione italiana della dimensione dell'aida), a sinistra quanti quadretti ci stanno in 1 cm (per praticità ci servirà quando calcoleremo la dimensione del nostro schema).



COUNT
QUADRETTI IN 10 CM
QUADRETTI IN 1 CM
6
24
2,4
8
32
3,2
11
44
4,4
14
55
5,5
16
64
6,4
18
72
7,2
20
80
8

Il filato

A questo punto sorge un altro problema: a seconda delle dimensioni, quale filato dobbiamo usare? Posto che dipende da cosa stiamo facendo (se, ad esempio, stiamo facendo una coperta di lana con quadrettoni molto grandi, un 6 count o un 11 count, forse è meglio usare lana o cotone lanato, no?), io vi do un consiglio riguardo al mouliné. Premetto che molto dipende dai gusti: ad alcune di noi piacciono le crocette cicciotte che coprono bene la tela, ad altre più rade, quasi trasparenti, quindi è sempre bene fare un campione di prova. Vi do quindi una tabella indicativa in base alla mia esperienza, ma voi fate le vostre prove e decidete secondo i vostri gusti. A sinistra i count, al centro i quadretti in 10 cm (quindi la denominazione italiana), a destra quanti capi di moulinè è consigliabile usare.



COUNT
QUADRETTI IN 10 CM
CAPI DI MOULINE’
6
24
6
8
32
5
11
44
3
14
55
2
16
64
2
18
72
2
20
80
1

Come calcolare la dimensione dello schema

Per decidere quale tela aida usare, è importante osservare bene il nostro schema che vogliamo ricamare. Di solito sono scritte le dimensioni, ovvero il numero di punti in altezza e in larghezza, altrimenti calcoliamole. A questo punto, calcolatrice alla mano, dividiamo il numero dei punti dello schema per il numero dei quadretti che ci stanno in 1 cm della nostra tela.

numero dei punti dello schema : numero di quadretti in 1 cm della tela

Ad esempio, se il nostro schema misura 80 x 80 punti, e vogliamo farlo piccino, scegliamo un'aida 80 (20 count) con 8 quadretti in 1 cm e facciamo il calcolo:

80 : 8 = 10

Il nostro ricamo misurerà 10 x 10 cm.
Vogliamo farlo più grande? Scegliamo un'aida con meno quadretti per cm, ad esempio una 55 (14 count) e rifacciamo il calcolo

80 : 5,5 = 14,5

Il nostro ricamo misurerà 14,5 x 14,5 cm circa (ho arrotondato).
É abbastanza chiaro? Una volta imparato questo, lo potrete tranquillamente applicare anche sul lino. Naturalmente lo rivedremo quando ne parleremo.

Qualche considerazione

Se guardate i blog delle più grandi ricamatrici vedrete che raramente usano l'aida. E vi confesso che, quando avevo imparato a ricamare sulle altre tele, anch'io l'avevo abbandonata, come se fosse solo per le principianti. Questo anche perchè, se vogliamo essere davvero sincere, nelle mercerie di paese non è che bbiano una gran scelta, vero? Di solito color bianco, con quadrettoni grandi, rigidissima... Negli ultimi anni, complice anche il fatto che acquisto online, l'ho rivalutata tantissimo e ora la acquisto e la uso regolarmente. Il motivo principale è che, ricamando la sera davanti alla tv, i miei occhi ringraziano: sono più veloce, non faccio errori. Poi mi aiuta quando devo rifinire e cucire: riesco meglio a fare i biscornu, sono più precisa. E, tutto sommato, usando un'aida 80, da lontano si vede poco la differenza per chi non ricama e facciamo lo stesso un figurone. Quindi non vergogniamoci di usare l'aida e sfruttiamo la sua bellezza.

La prossima volta iniziamo a parlare delle tele a trama regolare (lino e suoi sostituti). In questo campo non sono espertissimissima, quindi vi parlerò delle tele con le quali ho esperienza, forse sarò un po' soggettiva, quindi i vostri contributi saranno preziosissimi. Inizieremo a parlare delle tele 28 count, ovvero di quelle che corrispondono a un'aida 55 (eh già, i count per queste tele cambiano, eeeehhh è una lunga storia, ma la racconteremo).

Se volete, poi, ho creato una pagina dove raccoglierò tutte queste informazioni per averle a portata di mano, la trovate qui.

Se ti piace il mio post, condividilo, grazie!

Commenti

  1. io mi perdo nei count....ma come te apprezzo l'uso dell'aida 80 per facilità nel ricamo serale

    RispondiElimina
  2. grazieeee!!
    <3<3<3<3<3<3<3
    :*

    RispondiElimina
  3. Bravissima Ire!!! Tutto chiaro!!!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  4. Great post, thank you. I always wondered about the differences.

    RispondiElimina
  5. Great explanation I never thought about fabric count with other countries.

    RispondiElimina
  6. Come sempre sei utilissima e chiara. Forse ora riuscirò finalmente a capirci qualcosa. Grazie grazie grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Ricamo terapeutico: cucire aiuta le persone ad esprimersi e a guarire

Il ricamo è terapeutico? Per noi appassionate la risposta è scontata: naturalmente ! Concentrarsi su un lavoro, farsi completamente assorbire dall’ago e dal filo, allevia cattivi pensieri, tumulti interiori, ferite del corpo e dell’anima. Parliamone.


Questo post trae origine da un articolo di Clare Hunter, autrice di Threads of Life. A History of the World Through the Eye of a Needle [qui su Amazon, qui su BookDepository]: penso che il libro lo comprerò, nonostante le recensioni non molto positive, pare che pecchi un pochino di superficialità, magari aspetto che sia scontato.
Clare racconta come a casa sua, nella Glasgow del dopoguerra, la macchina da cucire, le scatole di bottoni, il cestino da lavoro, fossero il simbolo del tepore e della sicurezza della famiglia. Il suo primo colpo di fulmine è stato entrare in una merceria per scegliere tele di lino, aghi, fili e forbicine: quel piccolo tesoro era il primo lusso tutto suo, una cosa bella che le apparteneva. In questo le somigli…

Bacche e balocchi: a Natale Renato Parolin non può mancare!

É la vigilia! Non so nemmeno se mi leggerete, sarete tutte indaffarate tra ultimi regali e preparazione di cenone e pranzo, vero? Vi mostro lo stesso un ricamo perfetto per il periodo, Bacche e balocchi di Renato Parolin, schema comprato tempo fa e ora realizzato!

Lo stile di Renato Parolin, inconfondibile, mi piace molto, tuttavia ultimamente acquisto poco perchè un po' si ripete e a me piace spaziare su tante cose. Ma questo schema è così bello che volevo assolutamente farlo, lo trovo perfetto anche per San Valentino, quindi via di ago!

Ricamato su un avanzo di Murano con due fili di mouliné rispettando alla lettera i colori della legenda (sono i classici paroliniani).
La cornice non è proprio perfetta ma prima o poi ne troverò una adatta, intanto va così.
Schema di Renato Parolin Bacche e balocchi 2 Tela Murano Lugana 32 count Petit pois bianco
Fili e Filati DMC Mouliné: 3021, 3781, 840, 520, 3363, 523, 814, 304, 934, 815 Care ragazze, voglio augurarvi un Natale pieno di tenere…

Primo post e primo ricamo dell'anno!

Buon anno ragazze! Non posso che iniziare così il primo post, sperando che il vostro 2020 sia iniziato bene, in salute, in allegria e perché no, con anche un po’ di ricamo o con tanti progetti e voglia di fare. Oggi vi mostro qualcosa che in realtà ho iniziato a dicembre, ma l’ho rifinito proprio a Capodanno e chi rifinisce il primo dell’anno rifinisce tutto l’anno! Speriamo sia di buon auspicio.

Tutto è nato da un SAL gratuito di Jardin Privé partito a dicembre, il SAL de Noel 2019 (lo potete trovare qui), iniziato perché non avevo idee e voglia di fare, perciò ricamare in compagnia mi spronava. Pensate che tempo fa non amavo né i monocolore, né i primitivi e invece ora, i gusti cambiano, mi piacciono un sacco!
La disegnatrice ci aveva lasciato piena libertà sulla scelta dei materiali, io ero molto indecisa, volevo qualcosa di invernale e avevo un tessuto a fiocchi di neve d’argento. Le dimensioni erano piuttosto importanti e non volevo farne un quadro, così una Lugana 25 count da r…

Il punto suisse n. 3: recensione

Buongiorno ragazze, oggi vi saluto proprio tutte perché sarete tornate dalle vacanze, belle, ritemprate e pronte per affrontare il nuovo anno. Come me avrete ricominciato a lavorare o, comunque, la solita routine e, se vi siete fatte il proposito di ricamare di più, già lo avrete dovuto ridimensionare causa impegni della vita, vero? Così è anche per me, ma pazienza, il nostro bell’angolino di tempo sospeso, tele e fili colorati ci aspetta sempre! E oggi recensione!

Ho finito qualche altro ricamino che vi farò vedere prossimamente, ho intenzione di fare un SAL (ma so già che non riuscirò a stare al passo con le altre compagne), e sto facendo qualche altra piccola cosina che non mi soddisfa molto, ma la porto a termine lo stesso, chissà.
Nel periodo natalizio compro spesso riviste di ricamo, la maggior parte di quelle belle escono proprio a fine anno, ma invece… delusione. Come saprete alcune riviste italiane di punto croce sono state chiuse, ne ho viste delle altre ma con l’amara sorp…

Christmas Snowfriends Banner

Eh sì, oggi vedrete il mio banner natalizio finito! Naturalmente sto già guardando avanti preparando Halloween e ho qualche idea futura. Parleremo poi dell’utilità di avere un quaderno di progetti, un piano editoriale per il blog e cartelle colori per filati e tele.

Anni fa, ogni gennaio, pianificavo le tappe mensili di un lavoro molto lungo in modo da arrivare a dicembre con il tutto finito. Questo lavoro lo riservavo ai weekend e ai mesi estivi perché, di solito, montato su telaio e con schema impegnativo. Anche quest’anno ho fatto la stessa cosa con il Christmas Snowfriends Banner di Stoney Creek. Tuttavia, visto che uno dei miei propositi del 2017 era di lavorare con più calma e ricamare con più cura, le tappe non venivano rispettate: a volte facevo di più, a volte meno. Inoltre, complice la calda estate, durante le vacanze sono andata avanti così spedita che l’ho finito. 

Voi che mi avete seguito passo a passo, già ne sapete molto: qui avevo tradotto in italiano la legenda e in…