Passa ai contenuti principali

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine.

Le misure

Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari.

Cosa sono i count

I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm).
É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità di misura, ma niente paura perchè possiamo facilmente fare la conversione, sia con un calcolo che con tabelle. Poi, con la pratica e col tempo, queste misure le impariamo a memoria e ci vengono naturali.
Vediamo la formula
Per sapere a quale tipo di stoffa corrisponde il numero di count, bisogna fare questo calcolo

(numero count x 10) : 25

e otteniamo il numero di quadratini (e quindi di crocette) che ci sono in 1 cm di stoffa.

Ad esempio, se ci propongono una tela da 20 count, facciamo il calcolo

(20 x 10) : 25 = 8

in 1 cm della nostra tela ci sono 8 quadretti e quindi ci stanno 8 crocette. Questo significa che in 10 cm di stoffa ci sono 80 quadretti, e infatti, in italiano, si chiama aida 80.
É abbastanza chiaro? Questo tipo di calcolo ci servirà in futuro anche per il lino, perciò è bene impararlo.

Naturalmente possiamo farci una tabella di corrispondenza per non avere sempre la calcolatrice in mano, eccola qui. A sinistra i count, al centro quanti quadretti ci stanno in 10 cm (corrisponde alla denominazione italiana della dimensione dell'aida), a sinistra quanti quadretti ci stanno in 1 cm (per praticità ci servirà quando calcoleremo la dimensione del nostro schema).



COUNT
QUADRETTI IN 10 CM
QUADRETTI IN 1 CM
6
24
2,4
8
32
3,2
11
44
4,4
14
55
5,5
16
64
6,4
18
72
7,2
20
80
8

Il filato

A questo punto sorge un altro problema: a seconda delle dimensioni, quale filato dobbiamo usare? Posto che dipende da cosa stiamo facendo (se, ad esempio, stiamo facendo una coperta di lana con quadrettoni molto grandi, un 6 count o un 11 count, forse è meglio usare lana o cotone lanato, no?), io vi do un consiglio riguardo al mouliné. Premetto che molto dipende dai gusti: ad alcune di noi piacciono le crocette cicciotte che coprono bene la tela, ad altre più rade, quasi trasparenti, quindi è sempre bene fare un campione di prova. Vi do quindi una tabella indicativa in base alla mia esperienza, ma voi fate le vostre prove e decidete secondo i vostri gusti. A sinistra i count, al centro i quadretti in 10 cm (quindi la denominazione italiana), a destra quanti capi di moulinè è consigliabile usare.



COUNT
QUADRETTI IN 10 CM
CAPI DI MOULINE’
6
24
6
8
32
5
11
44
3
14
55
2
16
64
2
18
72
2
20
80
1

Come calcolare la dimensione dello schema

Per decidere quale tela aida usare, è importante osservare bene il nostro schema che vogliamo ricamare. Di solito sono scritte le dimensioni, ovvero il numero di punti in altezza e in larghezza, altrimenti calcoliamole. A questo punto, calcolatrice alla mano, dividiamo il numero dei punti dello schema per il numero dei quadretti che ci stanno in 1 cm della nostra tela.

numero dei punti dello schema : numero di quadretti in 1 cm della tela

Ad esempio, se il nostro schema misura 80 x 80 punti, e vogliamo farlo piccino, scegliamo un'aida 80 (20 count) con 8 quadretti in 1 cm e facciamo il calcolo:

80 : 8 = 10

Il nostro ricamo misurerà 10 x 10 cm.
Vogliamo farlo più grande? Scegliamo un'aida con meno quadretti per cm, ad esempio una 55 (14 count) e rifacciamo il calcolo

80 : 5,5 = 14,5

Il nostro ricamo misurerà 14,5 x 14,5 cm circa (ho arrotondato).
É abbastanza chiaro? Una volta imparato questo, lo potrete tranquillamente applicare anche sul lino. Naturalmente lo rivedremo quando ne parleremo.

Qualche considerazione

Se guardate i blog delle più grandi ricamatrici vedrete che raramente usano l'aida. E vi confesso che, quando avevo imparato a ricamare sulle altre tele, anch'io l'avevo abbandonata, come se fosse solo per le principianti. Questo anche perchè, se vogliamo essere davvero sincere, nelle mercerie di paese non è che bbiano una gran scelta, vero? Di solito color bianco, con quadrettoni grandi, rigidissima... Negli ultimi anni, complice anche il fatto che acquisto online, l'ho rivalutata tantissimo e ora la acquisto e la uso regolarmente. Il motivo principale è che, ricamando la sera davanti alla tv, i miei occhi ringraziano: sono più veloce, non faccio errori. Poi mi aiuta quando devo rifinire e cucire: riesco meglio a fare i biscornu, sono più precisa. E, tutto sommato, usando un'aida 80, da lontano si vede poco la differenza per chi non ricama e facciamo lo stesso un figurone. Quindi non vergogniamoci di usare l'aida e sfruttiamo la sua bellezza.

La prossima volta iniziamo a parlare delle tele a trama regolare (lino e suoi sostituti). In questo campo non sono espertissimissima, quindi vi parlerò delle tele con le quali ho esperienza, forse sarò un po' soggettiva, quindi i vostri contributi saranno preziosissimi. Inizieremo a parlare delle tele 28 count, ovvero di quelle che corrispondono a un'aida 55 (eh già, i count per queste tele cambiano, eeeehhh è una lunga storia, ma la racconteremo).

Se volete, poi, ho creato una pagina dove raccoglierò tutte queste informazioni per averle a portata di mano, la trovate qui.

Se ti piace il mio post, condividilo, grazie!

Commenti

  1. Grazie Irene😸😸😸

    RispondiElimina
  2. io mi perdo nei count....ma come te apprezzo l'uso dell'aida 80 per facilità nel ricamo serale

    RispondiElimina
  3. grazieeee!!
    <3<3<3<3<3<3<3
    :*

    RispondiElimina
  4. Bravissima Ire!!! Tutto chiaro!!!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  5. Great post, thank you. I always wondered about the differences.

    RispondiElimina
  6. Great explanation I never thought about fabric count with other countries.

    RispondiElimina
  7. Come sempre sei utilissima e chiara. Forse ora riuscirò finalmente a capirci qualcosa. Grazie grazie grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata

Ho iniziato a ricamare l'estate!

Buongiorno ragazze! Da venerdì scorso siamo ufficialmente in estate e, per fortuna, è tornato il sole (dopo mesi e mesi di pioggia)! So che fa caldissimo, che siamo passati dai 20 ai 30 gradi in un giorno, che la pressione ci è scesa alle caviglie e non abbiamo ancora fatto il cambio armadi, però non voglio lamentarmi, mai come quest'anno ho desiderato decorare la casa con colori chiari e temi marini. Come promesso ho iniziato il primo progetto, semplice e carino, magari vi ispira! Tovaglia e presine con i pesci li ho acquistati stampati però, per la cucina, mi manca un asciughino, di quelli da esposizione diciamo (non quelli da battaglia che riempiamo di unto, cioccolato e farina!), quindi, su un ricamabile color sabbia acquistato al mercato rionale (mi piace prendere quelli in tinta unita perchè sono leggermente più piccoli e, non avendo disegni, non legano la scelta dello schema), ho deciso di ricamare lo schema di Heart in Hand Needleart Seaside Tiny Town : trovo che i colori

Estate un po' strana ma i ricami proseguono

Buongiorno ragazze! Luglio è iniziato da poco più di una settimana ma non si è portato via le piogge monsoniche e gli sbalzi di temperatura: ormai non possiamo più uscire solo con l'abito estivo, dobbiamo tenere a portata di mano un giacchino e un ombrello! Forse come in Inghilterra? Grazie al clima non troppo rovente, però, sto andando avanti con i ricami, oggi vi mostro l'asciughino marino che prosegue. Lo trovo così carino che è quasi un peccato che sia un asciughino, mi sa che ne metterò accanto uno da battaglia in modo da non sporcarlo irrimediabilmente. Il ricamo è veloce, non c'è punto scritto e i colori sono pochi, tenetelo presente se volete fare qualcosa di rapido. Schema di Heart in Hand Needleart Seaside Tiny Town Fili e Filati DMC Mouliné Vi metto la foto della mia postazione di lavoro (il divano) così si vede anche uno dei cuscini che avevo fatto negli anni scorsi, Summer e Beach di Madame Chantilly, mi piacciono tantissimo, anche perchè è stata la mia prima

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via! Photo by Lisa Woakes on Unsplash Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo q