Passa ai contenuti principali

Post

Post un po' banale

Buongiorno ragazze, come vedete dalla foto oggi post purtroppo un po' banale, perchè vi parlo delle mascherine o, meglio, dei copribocca. Vi parlerò della differenza e del perchè ho deciso di farmeli e, soprattutto, di quando indossarli. Giuro che pensavo non ne avrei più scritto dell'epidemia, ma vabbè, sappiamo tutti che questi aggeggi li dovremo portare a lungo, quindi avanti! Nei primi periodi della pandemia, durante i mesi di marzo e aprile in Italia, ci siamo trovati così spiazzati, da non essere pronti nè psicologicamente nè con le forniture. Soprattutto, mancavano le masherine. Noi ricamine, che di aghi, fili e tessuti siamo sempre fornite, siamo andate alla ricerca di tutorial in rete e ce le siamo fatte.Ora, non sarebbe corretto chiamarle mascherine in quanto non sono presidi medici: il nome giusto è copribocca. Siccome dobbiamo averle sempre con noi e indossarle spesso, ci siamo rese conto che qualche volta non occorrono davvero quelle chirurgiche: le dobbiamo metter…
Post recenti

Ricamare social: vale la pena? Parte seconda

Il mese scorso abbiamo analizzato alcuni social per vedere se, per noi ricamine appassionate, vale la pena esserci. Avevamo parlato di blog, Bloglovin e Facebook. Oggi proseguiremo con altri social: Instagram, Pinterest e Youtube. Vi ricordo che sono sempre opinioni personali su un uso dei social da ricamina dilettante, non professionista né commerciale. Allora, proseguiamo?
Instagram Sì, ci sono anch’io, da poco, sono qui. Non avevo aperto la pagina perché avevo paura di non riuscire a starci dietro, diventa un lavoro! Invece mi sono organizzata, ho fatto delle scelte e ho deciso di pubblicare le foto dei miei lavori contemporaneamente al blog
Si può scegliere di avere un account personale e uno per il ricamo, oppure di usarne uno unico misto, pubblicando foto personali e i propri lavori. Io ho scelto di fare solo quello del ricamo per ora, non lo conosco ancora bene e devo prenderci la mano.
Grazie all’uso degli hashtag si possono vedere tantissimi lavori da tutto il mondo e conosc…

Come rifinire un biscornu con il retro in stoffa: tutorial

Buongiorno ragazze, oggi tutorial! Il mese scorso abbiamo visto come cucire in modo perfetto un biscornu. Aveva entrambe le facce ricamate, ma oggi vi mostro come fare qualcosa di diverso: un biscornu con il retro in stoffa. E vi spiego i motivi della mia scelta. Partiamo? L'idea non è mia, l'ho trovata sulla rivista dalla quale ho tratto lo schema con i ricci di Durene Jones, CrossStitcher n. 361 del 2020. Tuttavia l'articolo non spiegava perfettamente come farlo e, se devo dirvi la verità, quelli delle foto erano cuciti maluccio, forse perchè fatti in fretta.Quindi ho deciso di provare e di spiegarvi come evitare errori.Innanzi tutto, perchè usare stoffe diverse? E perchè non ricamare entrambe le facce? I motivi possono essere diversi: per dare movimento al biscornu e renderlo originale con un contrasto di colori;lo schema della parte superiore è così pieno e ricco che non ci starebbe bene sotto, sarebbe troppo;non abbiamo abbastanza tela ma vogliamo farlo assolutamente s…

Monica Ferris, A Stitch in Time: recensione

Ricamine del martedì, oggi post letterario! Vi recensisco un altro bellissimo giallo della Serie dei Needlecraft Mystery di Monica Ferris che è entrato a far parte della mia bibliografia dei romanzi sul ricamo. Grazie a questo volume non solo conosceremo di più la comunità di Excelsior, ma impareremo come le ricamatrici possono inserire nei loro lavori dei simboli per tramandarli o rivelare qualcosa.

Monica Ferris, A Stitch in Time, Berkley Prime Crime, New York 2000 (Needlecraft Mystery; 3)
Genere: giallo soft, Cozy Mystery
Categoria: ricamo Trama Care ragazze, voi che mi seguite avete già conosciuto Betsy, la proprietaria della merceria Crewel World e protagonista di questa serie di gialli.
Come la Signora in giallo, nonostante viva in una cittadina tranquilla, si trova sempre invischiata in qualcosa di strano: siamo nel periodo natalizio, c'è gran fermento tra le ricamatrici che devono preparare i regali. Nel Minnesota gli inverni sono molto rigidi, la neve cade copiosa, e Betsy …

Nuova tappa del SAL Anthea e riflessioni settembrine

Buongiorno ragazze, bentrovate. Siete tornate dalle vacanze? Non ci siete state? Un'estate un po' anomala ci ha fatto riprogrammare tutto, o niente, se abbiamo deciso di prenderla con filosofia e rilassarci in previsione di un autunno alquanto incerto (ci dovremo chiudere in casa ancora? Le scuole arpiranno o no? Mascherina e igienizzante sempre?). Oggi vi mostro l'immancabile tappa del SAL Anthea di Faby Reilly e facciamo due chiacchiere. Partecipare ad un SAL così lungo (dura un anno) è impegnativo, sia per trovare il tempo di restare al passo, sia perchè, se siete come me, quando si inizia un lavoro viene subito voglia di farne un altro e bisogna avere una forza di volontà di ferro per non mollare. Era da molto tempo che non facevo SAL proprio per questa ragione, preferivo essere libera di scegliere di ricamare ciò di cui avevo voglia. Come sapete per questo ho fatto un'eccezione, perchè volevo imparare nuovi punti di ricamo tradizionale e sapere come abbinarli al pu…

Ricamare social: vale la pena? Parte prima

Care amiche, so che il titolo vi avrà incuriosito. Di cosa parleremo? Dell’uso che possiamo fare dei social per il ricamo. Lo faremo, naturalmente, dal punto di vista delle dilettanti, delle appassionate, non certo delle professioniste che sono obbligate ad usare i canali digitali per farsi conoscere. Vedremo in cosa i social ci possono aiutare e come usarli al meglio. Partiamo?
Questo è un post strettamente personale, basato sulla mia esperienza, quindi non riguarderà tutto il panorama mondiale dei social, ma quelli più importanti e che frequento. Per altri aspetto le vostre opinioni e consigli.
Allora ragazze, non è stata l’epidemia Covid-19 a renderci digitali, lo eravamo anche prima e sapete perché? Semplicemente per il motivo che, rispetto al passato, ci sono meno circoli di ricamo vicini a noi, o amiche appassionate, o luoghi di ritrovo. Siamo donne moderne ma di condivisione ne abbiamo sempre bisogno, anche per un’attività apparentemente silente e solitaria come la nostra.
Ci …

Come si cuce un biscornu: tutorial

Buongiorno ragazze, oggi tutorial! Impareremo a cucire bene un biscornu. Ehm… ma cos’è un biscornu? Si tratta di un ornamento geometrico, solitamente ricamato, che può servire come fermacarte, puntaspilli o soprammobile. Ancora non avete capito? Sono questi qui.

Ci sono tanti tipi di biscornu: quello più semplice, che vedremo ora, è a due lati, ma le più esperte sanno che si possono fare con numerose facce.
Per il nostro scegliamo un ricamo geometrico, o a disegni, a piacere, l’importante è che sia quadrato. Poi lo contorniamo con punto scritto o punto indietro, in modo che sia un quadrato perfetto. Possiamo farlo su aida o su tela a fili contabili: con quest’ultima viene più elegante, con l’aida è più semplice cucirlo e, se siete principianti, preferite questa per i primi che realizzate.

Facciamo anche la faccia inferiore delle stesse dimensioni, con lo stesso disegno o meno, con la tela del medesimo colore o di un colore diverso, l’importante è che sia della stessa grandezza di quell…

Jennifer Robson, Le ricamatrici della regina: recensione

Buongiorno mie care ricamine e lettrici, oggi un post letterario strepitoso! Mi sentirete entusiasta e felice, sì perchè ho trovato un libro che parla di ricamo, bellissimo, ma davvero, a cinque stelle! Molte di voi lo avranno letto, lo racconto un po' per le altre che devono assolutamente metterlo nella loro lista dei desideri: Le ricamatrici della regina di Jennifer Robson.

Jennifer Robson, Le ricamatrici della regina, HarperCollins, Milano 2019 Tit. orig.: The Gown
Genere: romanzo storico con un tocco di finzione Categoria: ricamo di alta moda Trama In una Toronto contemporanea, Heather eredita dalla nonna appena mancata, una scatola contenente preziosissimi ricami. Strano perchè non l'aveva mai vista ricamare: di origine inglese, arrivata in Canada vedova dopo la guerra, possedeva una merceria ma lavorava a maglia. Inizia a indagare e scopre che i ricami sono identici a quelli del vestito da sposa della principessa Elisabetta d'Inghilterra. Complice la vita che non le va …