Passa ai contenuti principali

Halloween ornaments

Le cose creative fatte con gli avanzi mi danno sempre un sacco di soddisfazioni: da una parte perchè mi sembra di non sprecare niente (con quello che costa...), dall'altra perchè sono sempre cose veloci ma di grande effetto.


Con le striscioline di tela Zweigart Newcastle grigio perla 40 ct. che avevo usato per il cuscino, nastrini, paillettes e perline, ho confezionato questi piccoli ornamenti per Halloween.



E visto il tema, come potevo non usare lo schema Halloween town di Madame Chantilly per streghette e gatto, e quello tratto dal libretto n. 50 Halloween di Rico Design per la zucca?


Sul retro, una stoffa Stof fabric che avevo trovato in saldo su Casa Cenina (purtroppo non la tengono più) che sembra la carta dei Baci Perugina al contrario.


Non è tutto molto dark? Very very very scary.


Ho usato questa come imbottitura e le perline solo le Magnifica autumn flame 10002 e le black opaque 02014 Mill Hill, il filato è DMC.

Commenti

  1. Hai fatto benissimo, non si butta niente, dalle striscioline nascono cose troppo carine!

    RispondiElimina
  2. Belliiii !!!!
    le streghette poi sono favolose .
    Hai fatto bene a riciclare , cosi hai dato anche qualche idea ad altra creative del web.

    RispondiElimina
  3. Carinissimi..anzi "spaventosi"..ih! ih! Adoro gli addobbi di Hallowen e i tuoi sono proprio carini, brava!
    Buona giornata, Martha

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono!! Brava Ire!
    Daniela

    RispondiElimina
  5. Fantastiche le mie streghette!!! Ti ho appena segnalata sulla mia pagina di Facebook! ;-) Sei bravissima!!! https://www.facebook.com/pages/Madame-Chantilly-Cross-Stitch-Charts/261947097181965?ref=hl

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Ricamo terapeutico: cucire aiuta le persone ad esprimersi e a guarire

Il ricamo è terapeutico? Per noi appassionate la risposta è scontata: naturalmente ! Concentrarsi su un lavoro, farsi completamente assorbire dall’ago e dal filo, allevia cattivi pensieri, tumulti interiori, ferite del corpo e dell’anima. Parliamone.


Questo post trae origine da un articolo di Clare Hunter, autrice di Threads of Life. A History of the World Through the Eye of a Needle [qui su Amazon, qui su BookDepository]: penso che il libro lo comprerò, nonostante le recensioni non molto positive, pare che pecchi un pochino di superficialità, magari aspetto che sia scontato.
Clare racconta come a casa sua, nella Glasgow del dopoguerra, la macchina da cucire, le scatole di bottoni, il cestino da lavoro, fossero il simbolo del tepore e della sicurezza della famiglia. Il suo primo colpo di fulmine è stato entrare in una merceria per scegliere tele di lino, aghi, fili e forbicine: quel piccolo tesoro era il primo lusso tutto suo, una cosa bella che le apparteneva. In questo le somigli…

Api a punto croce per il mio nuovo set da cucito

I set da cucito, lo sapete, li adoro. Mi piace essere sempre diversa e in stagione, anche con qualcosa di frivolo come il mio puntaspilli. Allora ne ricamo e cucio tanti, sono perfetti per me ma anche come regalo per le amiche!

Ho scelto api e coccinelle, animaletti utili e simpatici, per provare a cucire in modo più creativo un puntaspilli e un trovaforbici coordinato. 
Niente di più semplice: ho cucito un triangolo di stoffa accanto al mio ricamo, e ve lo consiglio se avete nel cassetto dei piccoli ricamini di forma strana che non sapete come usare.
Il retro è tutto di stoffa a fiori.

Ho preso schema e modello da un vecchio numero della rivista Le idee di Susanna. Anni fa la compravo spesso, ora un po' meno ma è sempre carina, ci sono tanti spunti originali e sfiziosi, mai banali e semplici da fare.

Vi faccio vedere più vicino com'è il modello pubblicato. Ci sono andata vicino, vero?

Ecco, care amiche, non mi stancherò mai di dirvi che non occorre spendere tanto per essere…

Parrot biscornu: coloratissimi pappagalli per un'estate fantastica!

Ragazze, non so cosa mi sia successo ma quest'anno sento tantissimo l'estate! Di solito in questo periodo ricamo il Natale, non vedo l'ora che passi il caldo, invece mi sono data a ricami coloratissimi, tropicali, hawaiani! Oggi vi faccio vedere un biscornu di Tiny Modernist che adoro!

Vero che viene voglia di farlo? Ha dei toni meravigliosi, in più lo schema è semplicissimo, i cambi di colore non sono molti, io ve lo consiglio.

Qui il retro.


L'ho ricamato su un'aida 80 (20 count) per farlo piccolino, con un capo di moulinè, ma penso venga benissimo anche con un'aida più grande, così è anche più facile cucire il biscornu (sotto vi metto il video proprio di Tiny Modernist che vi insegna a farlo).
Parrot biscornu Tiny Modernist
Tela aida Zweigart 80 (20 count)color bianco antico
Fili e Filati DMC Mouliné
Perline
Imbottitura Prym Ecco il video che insegna a rifinire un biscornu.