Passa ai contenuti principali

Christmas Village : tappa 3

Complice qualche giorno di vacanza, ho finito il terzo foglio del Christmas village di Sara Guermani


Purtroppo non sono riuscita a stare al passo del SAL (che, a dire il vero, si è un po' disperso), perciò vado avanti al mio ritmo. Certo, Natale è passato, ma lo terminerò per quello 2016. Visto che il proposito di gennaio del SAL Svuota scorte è andare avanti con gli UFO, ci proverò (sto andando avanti anche con Parolin).

Schema Christmas village di Sara Guermani
Tela Zweigart Newcastle 40 ct color naturale raw
Perline Mill Hill

Commenti

  1. Sta venendo molto bene ! Non ho fatto buoni propositi crocettosix il 2016 poi non vanno mai a buon fine :-( ,cercherò piano piano con i miei ritmi e vari impegni di conciliare xxx e cucina !

    RispondiElimina
  2. Irene hai iniziato alla grande, giorno 7 rientro e ricomincia la mia routine ed anche il sal svuota scorte...

    RispondiElimina
  3. Ma che bello Irene! E i disegni di Sara sono sempre così gioiosi e ricchi di bei dettagli.
    Un saluto Susanna

    RispondiElimina
  4. Si tratta di un progetto di Natale bello e grande!

    RispondiElimina
  5. Wonderful progress.
    I like this village.
    Greetings, Manuela

    RispondiElimina
  6. This is so beautiful! blessings, marlene

    RispondiElimina
  7. Gorgeous work

    RispondiElimina
  8. Ciao Irene!
    Questo è veramente un progetto importante,un lavorone che sta venendo su molto bene,davvero bello il villaggio....buona continuazione!
    Un abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  9. Il lavoro e' impegnativo ma vale la pena portarlo a termine ....troppo bello e poi abbiano tanti gg per portarlo a termine.

    RispondiElimina
  10. Complimenti è davvero bello prima o poi anche io voglio ricamare uno schema di Sara. A Formigine avevo acquistato abc della ricamatrice.

    RispondiElimina
  11. Molto bello, lo finirai sicuramente :)

    RispondiElimina
  12. It is coming along great and I'm sure that you will finish it for the end of this year.

    RispondiElimina
  13. Hola Irene!! Qué bello paisaje, es un bordado precioso, una estampa delicada y muy hermosa para decorar la Navidad! He dado un paseo por tu blog y me ha encantado, realizas tus trabajos con un gusto exquisito, tienes una casita adorable! Me quedo de seguidora!
    Te dejo mis mejores deseos de felicidad para el 2016!
    Un beso!
    Entre anhelos y caprichos

    RispondiElimina
  14. Ciao Irene. Buon 2016 e buon proseguimento coi tuoi UFO.
    Questo ricamo del villaggio di Natale è superbo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Ricamo terapeutico: cucire aiuta le persone ad esprimersi e a guarire

Il ricamo è terapeutico? Per noi appassionate la risposta è scontata: naturalmente ! Concentrarsi su un lavoro, farsi completamente assorbire dall’ago e dal filo, allevia cattivi pensieri, tumulti interiori, ferite del corpo e dell’anima. Parliamone.


Questo post trae origine da un articolo di Clare Hunter, autrice di Threads of Life. A History of the World Through the Eye of a Needle [qui su Amazon, qui su BookDepository]: penso che il libro lo comprerò, nonostante le recensioni non molto positive, pare che pecchi un pochino di superficialità, magari aspetto che sia scontato.
Clare racconta come a casa sua, nella Glasgow del dopoguerra, la macchina da cucire, le scatole di bottoni, il cestino da lavoro, fossero il simbolo del tepore e della sicurezza della famiglia. Il suo primo colpo di fulmine è stato entrare in una merceria per scegliere tele di lino, aghi, fili e forbicine: quel piccolo tesoro era il primo lusso tutto suo, una cosa bella che le apparteneva. In questo le somigli…

Api a punto croce per il mio nuovo set da cucito

I set da cucito, lo sapete, li adoro. Mi piace essere sempre diversa e in stagione, anche con qualcosa di frivolo come il mio puntaspilli. Allora ne ricamo e cucio tanti, sono perfetti per me ma anche come regalo per le amiche!

Ho scelto api e coccinelle, animaletti utili e simpatici, per provare a cucire in modo più creativo un puntaspilli e un trovaforbici coordinato. 
Niente di più semplice: ho cucito un triangolo di stoffa accanto al mio ricamo, e ve lo consiglio se avete nel cassetto dei piccoli ricamini di forma strana che non sapete come usare.
Il retro è tutto di stoffa a fiori.

Ho preso schema e modello da un vecchio numero della rivista Le idee di Susanna. Anni fa la compravo spesso, ora un po' meno ma è sempre carina, ci sono tanti spunti originali e sfiziosi, mai banali e semplici da fare.

Vi faccio vedere più vicino com'è il modello pubblicato. Ci sono andata vicino, vero?

Ecco, care amiche, non mi stancherò mai di dirvi che non occorre spendere tanto per essere…

Parrot biscornu: coloratissimi pappagalli per un'estate fantastica!

Ragazze, non so cosa mi sia successo ma quest'anno sento tantissimo l'estate! Di solito in questo periodo ricamo il Natale, non vedo l'ora che passi il caldo, invece mi sono data a ricami coloratissimi, tropicali, hawaiani! Oggi vi faccio vedere un biscornu di Tiny Modernist che adoro!

Vero che viene voglia di farlo? Ha dei toni meravigliosi, in più lo schema è semplicissimo, i cambi di colore non sono molti, io ve lo consiglio.

Qui il retro.


L'ho ricamato su un'aida 80 (20 count) per farlo piccolino, con un capo di moulinè, ma penso venga benissimo anche con un'aida più grande, così è anche più facile cucire il biscornu (sotto vi metto il video proprio di Tiny Modernist che vi insegna a farlo).
Parrot biscornu Tiny Modernist
Tela aida Zweigart 80 (20 count)color bianco antico
Fili e Filati DMC Mouliné
Perline
Imbottitura Prym Ecco il video che insegna a rifinire un biscornu.