Passa ai contenuti principali

Tele da ricamo: l'aida

Parliamo di tele da ricamo. I nostri primi approcci sono quasi sempre con la tela aida, perciò inizierò proprio con lei. Oggi, insieme, scopriremo le varie denominazioni, la composizione e quale scegliere in base al ricamo che vogliamo fare. Pronte?

Tela aida: cos'è

La tela aida è il supporto per eccellenza del punto croce, quella che tutti ci consigliano se siamo alle prime armi. Ha una trama regolare a gruppi di 4 fili che formano dei quadretti, con i buchi dove dovrà passare l'ago. La possiamo trovare a metro, pretagliata, oppure già cucita (a fasce o in altre forme), su presine, strofinacci, bavaglini, asciugamani (i cosiddetti ricamabili). A seconda delle marche, può essere rigida (e quindi ben apprettata), oppure morbida.
Vediamo quale può essere la sua composizione.

Tela aida: la composizione

In questa lista trovate sia l'aida per eccellenza, che altri supporti che le assomigliano.
  • cotone (100% cotone): è quella classica che troviamo ovunque, ed è anche la meno costosa. C'è in tantissimi colori e dimensioni.
  • easy count aida (98% cotone, 2% poliestere): questa aida è ottima per le principianti che si approcciano per la prima volta con uno schema impegnativo, oppure per chi fa degli schemi davvero importanti (come gli HAED, per intenderci), con innumerevoli crocette che riempiono completamente il tessuto. Infatti, ogni 10 quadretti, scorre un filo colorato (di solito rosso, grigio, giallo o blu), per delimitare un quadrato di 10x10 quadretti. Ottima anche per chi ha problemi di vista.
  
  • herta (100% cotone): detta anche aida xxl, è un'aida di cotone con quadretti grandi di 6 count, cioè ha 24 quadretti in 10 cm. Ciò significa che in 10 cm ci stanno 24 crocette, ovvero, arrotondando, 2,5 crocette in 1 cm (il ricamo viene quindi molto grande).


  • iridescente (93% cotone, 7% poliestere): un po' più cara dell'aida classica, grazie ad un filo di poliestere iridescente ha un effetto brillante. C'è in molti colori.
  • lana (100% lana, oppure 80% lana e 20% sintetico): quest'aida serve per fare le copertine per la culla o per il divano. Essendo in lana è morbida e calda, di solito si trova nei colori del bianco e dell'avorio. Spesso è a quadratoni con degli intrecci. É piuttosto cara, ma le coperte sono stupende. (Nella foto di esempio, ho messo proprio una con intreccio e quadrati).


  • lino (100% lino): è la più pregiata e la più costosa, ottima per i ricami più preziosi. Di solito è nel color greggio che tanto si presta ai ricami monocolori o a schemi montanari.
  • lurex (93% cotone, 7% poliestere): aida in cotone con la presenza di fili dorati o argentati che la rendono brillante. Ottima per lavori natalizi.

  • plastica: detta anche plastic canvas, come da denominazione, è proprio pura plastica, rigida, e serve per fare ornamenti, calamite, o piccole costruzioni (se scrivete su Google immagini, "plastic canvas" vi verranno fuori tanti esempi d'uso).
  • perforated paper: è identica alla plastic canvas ma è fatta di carta rigida. Stesso uso della plastica.
  • rustica (51% cotone, 34% rayon, 15% lino): aida dall'aspetto grezzo, anche questa perfetta per ricami monocolori o con schemi montanari. Meno costosa dell'aida di lino, è una sua ottima sostituta se si vogliono fare dei lavori meno preziosi.
  • aida stampata: aida in cotone con disegni stampati sul fondo (fiori, pois, righe, ecc.).

  • canovaccio: tela a trama rada molto apprettata, si usa per arazzi, gobelin, ricami a mezzo punto.
 
  • cencio della nonna: tessuto a trama molto rada, si usa come supporto per ricamare su una stoffa non a fili contati. Alla fine si sfila e resta il ricamo finito sul tessuto sottostante.

Adesso ne sappiamo qualcosa di più, vero? Quando andiamo nei negozi, però, non compriamo a scatola chiusa: le grandi marche sono sempre una garanzia, ma ci sono in giro delle tele veramente scarte, sottilissime, sintetiche, con quadretti non ben definiti, o addirittura con rettangoli al posto dei quadretti. Ecco, magari spendiamo un paio di euro in più ma prendiamo tele di qualità, perchè il nostro ricamo ne risente eccome!! Soprattutto i ricamabili, fate attenzione che abbiano l'aida cucita bene, dritta, che ci sia spazio per far passare la mano, che sia abbastanza ampia per lo schema che abbiamo in mente.

La prossima volta parleremo ancora della tela aida e prenderemo in considerazione le misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, come scegliere la tela in base al nostro progetto, quanti fili usare.

Ho creato poi una pagina dove raccoglierò tutte le informazioni, la trovate qui.

Se ti piace il mio post, condividilo grazie!

Commenti

  1. Irene, grazie per le informazioni. Nel mio negozio non è così ricca scelta. Siamo tessuti per ricamo altrimenti. Colore sono poveri.
    Mando un saluto!

    RispondiElimina
  2. Grazie Irene post molto interessante , come ti ho già detto non si finisce mai di imparare , internet i vari blog sono una fonte preziosa di informazioni per i principianti per chi non ha nessuno con cui confrontarsi e spesso i negozianti non sono informati o non hanno voglia di informare il cliente m
    Buon weekend☺☺

    RispondiElimina
  3. quante cose si imparano....io per esempio nn sapevo dell'esistenza dell'herta ottima per quando nn vedrò più un tubo ma anche per una bella coperta....

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene, non vedevo l'ora di leggere il tuo primo post sui tessuti da ricamo ed ecco che me lo trovo come sorpresa del sabato.
    Grazie mille per questo post ricco e interessante, la tela AIDA la mia passione!!!
    Sai che non sapevo ci fosse quella in plastica?

    RispondiElimina
  5. Bel tutorial molto utile! Grazie per la tua cortese visita!

    RispondiElimina
  6. grazie Irene!!! veramente grazie di cuore!!! finalmente una spiegazione chiara e di semplice comprensione ...con le foto, poi! <3<3<3<3<3<3
    delucidazione: sia la lurex che la iridescente hanno la stessa composizione, la differenza sta nel maggior numero di fili dorati o argentati, giusto?
    grazie ancora!!<3<3<3<3
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la lurex è solo argentata o dorata, l'iridescente ha un filo di nylon che ha i colori dell'arcobaleno, quindi un luccichio colorato :)

      Elimina
  7. Interessante vedere tutta la serie di aida raccolta in un post.
    Attendo il lino. Ah se mi serve!
    Buon inizio di settimana
    Susanna

    RispondiElimina
  8. Great post I hadn't heard of some of those!

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Sono tornata! In tutti i sensi!

Ben ritrovate ragazze, come state? Siete ancora in vacanza o, come me, al lavoro? Come vi avevo annunciato mi sono presa qualche settimana di pausa, ne avevo bisogno, dopo vi spiego i motivi. Forse vi aspettate che vi mostri tanti lavori ma non è così, solo un work in progress ma ogni tanto si deve pur respirare e prendersela comoda. Allora partiamo, o meglio, torniamo!

Le mie ferie sono sempre brevi, sia per esigenze lavorative che famigliari, e sono ormai 3 o 4 anni che non viaggio a lungo, come ben saprà chi, come me, ha qualcuno di fragile o malato accanto che ha bisogno di presenza e di cure. Tuttavia non lo dico per lamentarmi, ma con molta serenità: bisogna prendere le cose con filosofia e amore, all’inizio pesa un po’, poi viene naturale e si riesce persino ad essere felici!
Quest’anno per me è stato uguale ma diverso: mi spiego. Restando a casa, usualmente i giorni precedenti le vacanze li passavo a programmare le cose da fare: pulizie, sistemazioni, acquisti, riordini. Vi r…

Eco ricamo: come convertire il ricamo in senso ecologico

Non è mai troppo tardi e non si fa mai abbastanza per salvare ed amare il pianeta in cui viviamo, vero? L’argomento va molto di moda, ma non è un male, sapete? Anzi. Parlarne, rifletterci, aiuta a modificare i propri comportamenti rendendoli più compatibili con la natura e la nostra amata terra che, per molti anni, abbiamo trascurato e la cui salute abbiamo sottovalutato.

So che siete già bravissime a riciclare la plastica, a risparmiare acqua ed energia, a raccogliere i rifiuti nei parchi e nelle spiagge, a non sprecare cibo. Possiamo fare altro? Magari nelle nostre piccole passioni? Io credo di sì, e di seguito vedremo qualche consiglio prezioso. Tuttavia, mi sento di fare un appunto: che questa non diventi un’ossessione o un problema per noi, eh? Prendiamo sempre tutto con serenità e abbiniamolo alle nostre capacità fisiche, mentali ed economiche. E anche alla nostra filosofia ed etica della vita, d’accordo? Anche le piccole modifiche possono fare la grande differenza.
Allora, cos…

Una Kokeshi a punto croce!

Questa è la storia di come un piccolo fallimento può essere rimediato con creatività. Sì, perché il quaderno rivestito che vedete nella foto, nella mia idea, non doveva essere così ma, complice l’imbranataggine con la macchina da cucire e, diciamolo, la mancanza di voglia di rifinire in modo complicato, alla fine è venuto carino lo stesso, vero?

La Kokeshi è una tipica bambolina giapponese.
Vi confesso che il ricamo lo avevo terminato da parecchio tempo: iniziato appena Piki lo aveva pubblicato free sul suo blog (lo trovate qui e, dato che ci siete, date un’occhiata al sito e ai lavori di Chiara, ha una semplicità così elegante che la invidio tanto!), già si era rivelato un po’ impegnativo perché lo volevo fare piccolino, quindi l’ho ricamato 1 su 1 con un filo di mouliné su lino 11 fili.
È stato quando ho visto il risultato che mi è venuta voglia di farne la copertina di un quaderno, ne ho trovato uno perfetto proprio in tono! Ho scaricato una miliardata di tutorial per ricoprirlo …