Passa ai contenuti principali

Tele da ricamo: l'aida

Come promesso, ogni tanto metterò da parte le foto dei miei ricami e vi parlerò delle tele.
I nostri primi approcci sono quasi sempre con la tela aida, perciò inizierò parlandovi proprio di lei. Oggi, insieme, scopriremo le varie denominazioni, la composizione e quale scegliere in base al ricamo che vogliamo fare. Pronte?

Tela aida: cos'è

La tela aida è il supporto per eccellenza del punto croce, quella che tutti ci consigliano se siamo alle prime armi. Ha una trama regolare a gruppi di 4 fili che formano dei quadretti, con i buchi dove dovrà passare l'ago. La possiamo trovare a metro, pretagliata, oppure già cucita (a fasce o in altre forme), su presine, strofinacci, bavaglini, asciugamani (i cosiddetti ricamabili). A seconda delle marche, può essere rigida (e quindi ben apprettata), oppure morbida.
Vediamo quale può essere la sua composizione.

Tela aida: la composizione

In questa lista trovate sia l'aida per eccellenza, che altri supporti che le assomigliano.
  • cotone (100% cotone): è quella classica che troviamo ovunque, ed è anche la meno costosa. C'è in tantissimi colori e dimensioni.
  • easy count aida (98% cotone, 2% poliestere): questa aida è ottima per le principianti che si approcciano per la prima volta con uno schema impegnativo, oppure per chi fa degli schemi davvero importanti (come gli HAED, per intenderci), con innumerevoli crocette che riempiono completamente il tessuto. Infatti, ogni 10 quadretti, scorre un filo colorato (di solito rosso, grigio, giallo o blu), per delimitare un quadrato di 10x10 quadretti. Ottima anche per chi ha problemi di vista.
  
  • herta (100% cotone): detta anche aida xxl, è un'aida di cotone con quadretti grandi di 6 count, cioè ha 24 quadretti in 10 cm. Ciò significa che in 10 cm ci stanno 24 crocette, ovvero, arrotondando, 2,5 crocette in 1 cm (il ricamo viene quindi molto grande).


  • iridescente (93% cotone, 7% poliestere): un po' più cara dell'aida classica, grazie ad un filo di poliestere iridescente ha un effetto brillante. C'è in molti colori.
  • lana (100% lana, oppure 80% lana e 20% sintetico): quest'aida serve per fare le copertine per la culla o per il divano. Essendo in lana è morbida e calda, di solito si trova nei colori del bianco e dell'avorio. Spesso è a quadratoni con degli intrecci. É piuttosto cara, ma le coperte sono stupende. (Nella foto di esempio, ho messo proprio una con intreccio e quadrati).

  • lino (100% lino): è la più pregiata e la più costosa, ottima per i ricami più preziosi. Di solito è nel color greggio che tanto si presta ai ricami monocolori o a schemi montanari.
  • lurex (93% cotone, 7% poliestere): aida in cotone con la presenza di fili dorati o argentati che la rendono brillante. Ottima per lavori natalizi.

  • plastica: detta anche plastic canvas, come da denominazione, è proprio pura plastica, rigida, e serve per fare ornamenti, calamite, o piccole costruzioni (se scrivete su Google immagini, "plastic canvas" vi verranno fuori tanti esempi d'uso).
  • perforated paper: è identica alla plastic canvas ma è fatta di carta rigida. Stesso uso della plastica.
  • rustica (51% cotone, 34% rayon, 15% lino): aida dall'aspetto grezzo, anche questa perfetta per ricami monocolori o con schemi montanari. Meno costosa dell'aida di lino, è una sua ottima sostituta se si vogliono fare dei lavori meno preziosi.
  • aida stampata: aida in cotone con disegni stampati sul fondo (fiori, pois, righe, ecc.).

  • canovaccio: tela a trama rada molto apprettata, si usa per arazzi, gobelin, ricami a mezzo punto.
 
  •  cencio della nonna: tessuto a trama molto rada, si usa come supporto per ricamare su una stoffa non a fili contati. Alla fine si sfila e resta il ricamo finito sul tessuto sottostante.

Adesso ne sappiamo qualcosa di più, vero? Quando andiamo nei negozi, però, non compriamo a scatola chiusa: le grandi marche sono sempre una garanzia, ma ci sono in giro delle tele veramente scarte, sottilissime, sintetiche, con quadretti non ben definiti, o addirittura con rettangoli al posto dei quadretti. Ecco, magari spendiamo un paio di euro in più ma prendiamo tele di qualità, perchè il nostro ricamo ne risente eccome!! Soprattutto i ricamabili, fate attenzione che abbiano l'aida cucita bene, dritta, che ci sia spazio per far passare la mano, che sia abbastanza ampia per lo schema che abbiamo in mente.

La prossima volta parleremo ancora della tela aida e prenderemo in considerazione le misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, come scegliere la tela in base al nostro progetto, quanti fili usare. Alla prossima!

Commenti

  1. Irene, grazie per le informazioni. Nel mio negozio non è così ricca scelta. Siamo tessuti per ricamo altrimenti. Colore sono poveri.
    Mando un saluto!

    RispondiElimina
  2. Grazie Irene post molto interessante , come ti ho già detto non si finisce mai di imparare , internet i vari blog sono una fonte preziosa di informazioni per i principianti per chi non ha nessuno con cui confrontarsi e spesso i negozianti non sono informati o non hanno voglia di informare il cliente m
    Buon weekend☺☺

    RispondiElimina
  3. quante cose si imparano....io per esempio nn sapevo dell'esistenza dell'herta ottima per quando nn vedrò più un tubo ma anche per una bella coperta....

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene, non vedevo l'ora di leggere il tuo primo post sui tessuti da ricamo ed ecco che me lo trovo come sorpresa del sabato.
    Grazie mille per questo post ricco e interessante, la tela AIDA la mia passione!!!
    Sai che non sapevo ci fosse quella in plastica?

    RispondiElimina
  5. Bel tutorial molto utile! Grazie per la tua cortese visita!

    RispondiElimina
  6. grazie Irene!!! veramente grazie di cuore!!! finalmente una spiegazione chiara e di semplice comprensione ...con le foto, poi! <3<3<3<3<3<3
    delucidazione: sia la lurex che la iridescente hanno la stessa composizione, la differenza sta nel maggior numero di fili dorati o argentati, giusto?
    grazie ancora!!<3<3<3<3
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la lurex è solo argentata o dorata, l'iridescente ha un filo di nylon che ha i colori dell'arcobaleno, quindi un luccichio colorato :)

      Elimina
  7. Interessante vedere tutta la serie di aida raccolta in un post.
    Attendo il lino. Ah se mi serve!
    Buon inizio di settimana
    Susanna

    RispondiElimina
  8. Great post I hadn't heard of some of those!

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

I Sewing Set non bastano mai: arrivano le zucche!

Settembre è un mese importante, un inizio anno per chi va a scuola e per tutte noi che pensiamo alla prossima stagione, vero? Oggi vi mostrerò un set per il cucito creato per caso con i più piccoli avanzi. Poi penseremo alla scuola che inizia, vedremo un paio di Secret Stitch Along in partenza, infine una divertente sorpresa!

Non sono l'unica che considera il mese di settembre come un capodanno, vi vedo che preparate progetti, fate nuovi propositi e mentalmente siete già proiettate verso l'autunno e il Natale. Io lo faccio ad agosto, fate voi! 
Veniamo al ricamo. Ricordate che tempo fa ho preparato un Sewing Set con un free di The Little Stitcher? Quello è per inizio autunno, ma per novembre... beh, novembre significa zucche, no? Sempre sullo stesso post avevo condiviso qualche free, in particolare questo. Per le zucche bianche ho proprio un debole, dovevo assolutamente ricamarle! Avevo giusto giusto un avanzino di lino color arancio, in modo da creare la sorpresa dell'in…

L'attesa è finita: un runner con i pattini!

Ragazze, quanto vi ho fatto aspettare? Oggi finalmente vi farò vedere il mio runner per l'inverno con fiocchi di neve e pattinatori Rico Design! Poi parleremo di Halloween (di già?!) con qualche free per prepararci per tempo ma, dato che ci siamo, anche qualche free per l'autunno e una novità CCN.


Ve ne ho parlato fino allo sfinimento del mio runner di cui sono tanto orgogliosa (meno orgoglio per come fotografo!!) e oggi ve lo mostro finito! Questo schema lo amo così tanto che l'avevo già ricamato in passato su una banda di lino, ma non gli avevo fatto le foto e lo avevo regalato. Così ho deciso di farlo su un lino riviera quadrettato Graziano (ricamo italiano!) che avevo lì dalla preistoria! I quadretti color ecru danno profondità e smuovono il ricamo, dovrei usare questo tipo di lino più spesso!

Lo schema l'ho tratto dallo stupendo libretto Rico Design n. 108 Wintermärchen, è uno vecchiotto quindi ha le conversioni con i filati DMC e Anchor corrette. Si trova ancora…

Il caffè è sempre una buona idea

Care amiche, ve li avevo annunciati e oggi vi mostrerò i portachiavi per le chiavette dei distributori del caffè che ho ricamato con lo schema di Emma Congdon. Poi riprendiamo il discorso del ricamo ecologico ed ecosostenibile con Lord Libidan e ci sarà un nuovo SAL natalizio e dei free.

Visti questi schemi sulla rivista Cross Stitch Crazy, li ho subito messi tra i lavori da fare, perchè avevo delle idee: erano perfetti come portachiavi per le chiavette dei distributori automatici. In origine sono stati pensati per dei copritazza in feltro, ma noi non siamo abituati ad usare quei contenitori, poi li trovo un po' scomodi, li devi togliere ogni volta che vuoi lavare la tazza.  Proprio per questo gli schemi sono un po' grandi, e ho dovuto usare la tela aida (avanzi e ritagli) più piccola che c'è, la 20 count (o aida 80, ci stanno 8 crocette per cm).

Anch'io ho scelto il feltro per rifinirli, avevo dei colori giusti giusti, e li ho cuciti con un semplice punto festone. Un…