Passa ai contenuti principali

A winter wonderland with Fizzy Moon!


Buon anno ricamine! Iniziamo il 2018 con l’ultimo ricamo del 2017 dedicato a un inverno magico. Vedremo così alcuni errori da non fare (che, ovviamente, ho fatto 😎), e un esperimento con fili metallizzati a basso costo ✌. Non possono mancare poi i buoni propositi😀


Allora, care ragazze, come è iniziato l’anno? Siete ancora bellissime e piene di lustrini tra i capelli? Tanto lo so che avete pensato anche ai ricami futuri, non ci possiamo fare niente! Anch’io ho un po’ di idee.
Oggi vi faccio vedere questo che ho terminato proprio alla fine del 2017. Vi ho già anticipato che ci sono degli errori e ve li racconto, così se lo volete fare non li commetterete anche voi. Come avete visto si tratta di Fizzy Moon, questo orsacchiotto simpatico che mi piace molto. Quando ho visto il progetto sulla rivista ho capito che lo volevo assolutamente fare, nonostante tutto quel punto scritto che odio (motivo per il quale ricamo poco anche Margaret Sherry). Il problema è questo: sulle riviste i ricami sembrano piccoli, no? Ma nell’elenco dei materiali necessari indicano sempre l’aida 55. Ora, se fate un po’ di conti con l’aida 55 i disegni risultano grandissimi (5,5 crocette per centimetro). Allora cerco di diminuire. Sapete che ho la passione dell’aida 80 (8 crocette per centimetro) e del ricamo a un filo di mouliné, così mi sono buttata su quella senza minimamente pensare che il punto scritto così dettagliato sarebbe venuto una schifezza (primo errore).
Ma non basta. Invece di seguire lo schema partendo da un punto e andando avanti a mano a mano, ho proceduto per colore (con l’aida mi sembrava abbastanza facile, i colori sono pochi). Cosa è successo? Che ho calcolato male gli spazi, ne ho lasciato uno in più e me ne sono accorta quando ormai ne avevo ricamato più di un quarto (secondo errore) 😤. Disfare? Non se ne parlava nemmeno! (Terzo errore). Ho allargato l’orsetto di destra di una crocetta, quindi è più ciccione dell’originale. Ora, avendo usato l’aida piccolina non si vede molto, ma non si fa eh? Si disfa e si fanno le cose precise, sono stata una cattiva ricamatrice.

Vi ho detto che su questo ricamo ho fatto un esperimento. Allora, qualche giorno fa sono andata da Tiger, quel negozietto di origine nordica che vende oggettini carini a basso costo. Tra le varie cose ho trovato una confezione di fili metallizzati sottilissimi ma brillantissimi a 1 euro. Li ho presi, ho pensato che, visto il costo (ma non stupitevi, è quasi tutto rocchetto, pochissimo filo), se non andavano bene li avrei usati per decorare i pacchetti natalizi. Ecco, ovviamente le ricamatrici di professione, le puriste eccetera, non mi leggano, lo so che non si fa, il filo bisogna comprarlo buono e di marca, ma io mi diverto a provare. Visto che in questo caso il ricamo non va lavato e finisce incorniciato, perché no? E… sorpresa sorpresa… è un filo ottimo!! Vi spiego bene: è sottilissimo, sembra un filo per cucire a macchina, non è affatto rigido, non sfila e non si spezza. Non va usato da solo, bisogna sempre accompagnarlo ad almeno un capo di mouliné (per farvi capire quanto sia sottile, io l’ho usato assieme a un capo di mouliné su un’aida 80!! Sembra sia lo stesso moulinè ma con in più un bellissimo luccichio). Brilla tantissimo. Allora il mio consiglio è: se siete delle puriste del ricamo non usatelo; se volete fare degli esperimenti provateci, ma mi verrebbe da dirvi di provare con vari fili che trovate in giro, non si sa mai! Ovviamente il mouliné prendetelo buono e usate questi fili solo su ricami che non vanno lavati, o sulle card, oppure ornamenti, piccole cose.


In questo ricamo ho usato il rosso sui berretti e sulle sciarpe. Ora dalle foto non si vede, ma luccicano tantissimo. Accostatelo sempre ad un filato molto simile.

Piccola cornicetta ed ecco il quadretto che resterà esposto durante tutto l’inverno. Ah, dimenticavo, vi dicevo del punto scritto: più è dettagliato e più grande deve essere l’aida o la tela che usate, così riuscite a fare bene tutti i particolari. A causa della dimensione così piccola io ho dovuto farlo un po’ a estro, senza seguire lo schema, e le ombreggiature non sono venute. Spero di ricordarmelo la prossima volta!! Bastava usare un’aida 64,se proprio non la 55, e sarebbe risultato perfetto.

Schema tratto dalla rivista Cross Stitch Favourites Christmas 2017
Tela Aida 80 (20 ct) Zweigart color grigio perla
Metallizzati Tiger (esperimento ben riuscito!)

Tempo di propositi?

Lo so, state già sorridendo. Perché se non siete proprio giovanissime, sapete bene che i propositi di inizio anno raramente si mantengono, e spesso è meglio non farli. Tuttavia, trovo che sia bello prendersi un po’ di tempo per se stesse, riflettere e formulare qualche pensiero per il futuro, a me dona tanta positività! Poi certo, basta ricominciare ad andare al lavoro, riassumere le vecchie abitudini ed il solito tran tran che tutto va a rotoli 👀. Ma pazienza.

Ho approfittato di questi giorni per riordinare un po’ gli schemi e ne ho preparato qualcuno da fare: ancora uno invernale e poi mi dedico alla primavera. L’anno scorso i lavori seguivano le stagioni, mi diverte molto essere nel clima giusto (coniglietti a Pasqua, mostriciattoli ad Halloween), però spesso mi ritrovo in ritardo. Con il Natale soprattutto. Natale, tema che occupa ben due dei miei cinque contenitori di schemi. Forse, quindi, non sarebbe male riprendere la mia rubrica di qualche anno fa #èSempreNatale e buttare in mezzo ai progetti qua e là qualcosa di natalizio. Senza scadenze, senza costrizioni.

Il mio proposito più grande, tuttavia, che mi sento di consigliare anche a voi, è proseguire quello dell’anno scorso che mi ha portato un regalo immenso: serenità. Qual è? Quello di non privarmi della vita per un assurdo dovere di ricamare. Non cade il mondo se non finisco un ornamento, se invece di crocettare leggo un libro per un’ora, o faccio una passeggiata, o vado a vedere una mostra. Sapete che, soprattutto quando partecipavo a tanti SAL, rinunciavo a tutte queste cose per finire? Ma per cosa? Il mio non è un lavoro e non devo rendere conto a nessuno. Facevo tutto di fretta e, talvolta, male.
Abbiamo già così poco spazio per noi, strette tra lavoro, doveri e mille impegni. Quando c’è un momento, facciamo ciò che abbiamo voglia di fare, e diamo più spesso la priorità ai nostri affetti, mariti, figli, genitori, nipoti, amici: il tempo con loro è sempre ottimamente speso. 10 o 15 minuti per le crocette, in fondo, ci sono sempre.
Buon anno!! 

Ah dimenticavo...

Poteva mancare il primo free dell'anno? In realtà sarebbe stato pubblicato nel 2017, ma forse qualcuno non l'ha visto, e siccome è bellissimo vi metto il link ad un strepitoso free di Renato Parolin, eccolo qua :)

Commenti

  1. Questi orsetti sono strepitosi ,e gli errori che ci hai indicato io nn lo vedo ,ma come spesso ti dico i consigli soprattutto i tuoi sono molto utili .Io spesso mi trovo in difficoltà con la scelta della tela , dato che per me la tela con vari count è una cosa nuova in passato usavo quello che trovavo nei negozi di stoffe.
    Sapevo che esistevano vari tipi di tela ma ho iniziato da poco a utilizzarle .
    Buona giornata e ancora buon 2018
    😊😊😊

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene,
    buon 2018 e complimenti per lo splendido ricamo.

    Tranquilla non si nota per niente che un orsetto è più largo di una crocetta ^_^ e non sei una cattiva ricamatrice anzi sei stata bravissima ad "arrangiare" la situazione; quindi complimenti!!!!

    RispondiElimina
  3. Oh, I love the little bears, they are so cute. A fabulous finish.
    I also love stitching seasonal things during the season but often I'm late as well. But I don't mind as long as I enjoy it.

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene e buon anno, gli orsetti sono veramente carini. Io sono come te compro per fare esperimenti; buoni propositi ne ho alcuni, tipo continuare a ricamare le cose che già ho iniziato ecc. Niente corse e nemmeno sal non riuscirei a rispettare le scadenze

    RispondiElimina
  5. Grazie per il bel free di Parolin, sempre gradito, e complimenti per i simpatici orsetti. Errori io non ne vedo e se ci sono come dice il proverbio, sbagliando si impara!
    Buon 2018

    RispondiElimina
  6. Happy New year! The Fizzy Moon design is so cute! What a great finish.

    RispondiElimina
  7. Buon anno anche ate, gli orsacchiti sono stupendi e adoro il filo lucido, lo sto cercando per abbinarloa una filato di lana nera, mah vedremmo!

    RispondiElimina
  8. Carissima Irene, innanzitutto buon Anno Nuovo!
    Sarà piacevolissimo continuare anche nel 2018 a leggere i preziosi consigli che ci proponi ed ammirare tanti bei ricami!.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  9. Ciao e tanti auguri per un bel 2018 ricco di tutto quello che ti dia serenità!!!
    Fizzy moon è tenerissimo ed anche io non ho visto errori... il filato di tiger che non sfilaccia è una bellissima idea (non ci avrei ma pensato!!), da provare ;)
    grazie dei consigli e del free!!
    un abbraccio
    :*

    RispondiElimina
  10. sarà anche più cicciottello del previsto ma il tuo fizzy moon è simpaticissimo
    Auguri!

    RispondiElimina
  11. Ciao!ogni volta e' una gioia vedere le tue cose belle....complimenti!
    Auguri di buon anno e tanta creatività!
    un bacione, Elisa

    RispondiElimina
  12. Brava Irene condivido il pensiero conclusivo e sei stata bravissima nel quadretto anche nel punto scritto. A me sembra perfetto.

    RispondiElimina
  13. Your little bears are adorable, Irene--and the metallic thread on their hats and scarves looks wonderful. I'm happy you linked to the new freebie--I love it! Happy New Year to you :)

    RispondiElimina
  14. Intanto buon anno di crocette e tanta serenità, il tuo ricamo mi piace tanto è in tutta verità se nn lo dicevi nn se ne accorgeva nessuno. Per il punto scritto anche sulla tela 13 fili nn è un gran ché...ma d'altronde mi piacciono le crocette piccone....e soprattutto sono d'accordo anche sul ricamare senza stress....

    RispondiElimina
  15. I tuoi post sono sempre molto interessanti! Condivido il tuo pensiero sul fatto che non si deve rinunciare al resto per finire un ricamo... capita anche a me. Ottimo 2018, Mariuccia

    RispondiElimina
  16. Ciao Irene! Tanti auguri per un meraviglioso 2018! Condivido che non si debbano trascurare attività sociali per il ricamo ma anche io avrei la tendenza di rimanere sul divano a ricamare ma più per pigrizia che per frenesia di finire :) Alla prossima e ovviamente...complimenti per il ricamo, sempre meraviglioso!

    RispondiElimina
  17. I tuoi orsetti sono carinissimi e tutti gli errori che dici tu....beh io non me ne sarei nemmeno accorta! Sei stata bravissima a rimediare invece. Condivido con te i buoni propositi per un anno di ricamo easy, senza corse e senza sensi di colpa. Grazie mille per il free di Parolin, molto molto bello. Buon anno anche a te Irene!

    RispondiElimina
  18. Belos ursinhos e bom ano novo, Irene!

    RispondiElimina
  19. Happy New Year! Beautiful finish and personalization. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Set da cucito fai da te: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi vi faccio un tutorial per insegnarvi a creare un meraviglioso set da cucito composto da puntaspilli e trovaforbici coordinato per la primavera/estate con gli schemi free di Crocette a gogò (trovate il trovaforbici qui e il puntaspilli qui). E siccome siamo ricamine fashion, lo facciamo in versione Tiffany!

Per prima cosa dobbiamo ricamare gli schemi. Io ho scelto di farli sull’aida 20 count (80), ma prendete una tela che avete, non ci sono problemi, il criterio di rifinitura è lo stesso. Unica cosa che vi chiedo, ricamate le farfalle ma non la cornice, quella la faremo dopo per applicare il ricamo sulla stoffa.
Vi metto la lista dei materiali e tinte che ho usato io, voi scegliete a vostro estro, okay? Schemi free di Crocette a gogò scaricabili qui e qui Tela aida Zweigart 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné: 958, 964, 3021, B5200 Perline Mill Hill: 40556, 40557, 42017 Ora dovreste trovarvi così:

Io ho scelto di fare una cornice più vicin…

Anthea SAL tappa 4 e broderie suisse!

Buongiorno ragazze! Siamo a maggio, un mese che abbiamo sospirato tanto per ripartire dopo quest’epidemia. Oggi torniamo al ricamo: vi mostro la tappa di aprile dell’Anthea SAL di Faby Reilly e un po’ della mia amata broderie suisse, un puntaspilli che ho inventato io, lo potete copiare per fare un ornamento, un portalavanda o quello che volete.

Partiamo dal SAL di Faby Reilly, che un po’ amo e un po’ odio: questo calendario ho paura che mi ricorderà sempre il 2020, che è ancora giovane ma già non lo sopporto con tutto quello che ha portato. Gli schemi mi piacciono moltissimo, niente da dire, ma ci ho legato il ricordo del periodo.
Il mese di aprile l’ho ricamato direttamente dal pdf a computer: a casa non ho la stampante, quindi mi sono dovuta arrangiare. So che molte di voi sono già abituate a lavorare così, per me era la prima volta. Devo dirvi che ci sono i pro e i contro: i pro sono che a video possiamo ingrandire lo schema, evidenziarne una parte, è molto più chiaro, inoltre si…

Come fare un piano editoriale per blog di ricamo

Buongiorno ragazze, come state? Oggi spazio leggermente e mi dedico a una passione correlata al ricamo che ha preso anche molte di voi: il blog. Non siamo professioniste, non facciamo marketing, eppure ci teniamo ad avere un blog aggiornato, seguito e curato: come possiamo organizzarci al meglio se non abbiamo tempo? Vi do qualche consiglio.

Questo post l’ho pensato durante l’isolamento per il COVID-19: con più tempo per meditare, mi sono resa conto che, causa aumento del lavoro e l’apertura di vari social, il mio blog proseguiva ma non tanto bene. Non solo languivano i contenuti, non riuscivo nemmeno a sincronizzare i social, con la conseguenza che il blog mostrava post ormai vecchi. Spesso, inoltre, mi veniva l’ansia da pubblicazione.
Vi suona famigliare?
La soluzione è semplice: occorre organizzazione
Vi spiego come ho fatto io e, anche se non vi porterà miliardi di followers, contribuirà a farvi tornare la voglia e il piacere di scrivere. 
Innanzi tutto vi servono poche cose: u…