Passa ai contenuti principali

WIP marino e Guest Post per blog di ricamo!

Siete già in vacanza? Io no, ma ricamo granchi e pesci per pensarci 😄. Perciò vi farò vedere il mio WIP (gli schemi sono di Durene Jones) e poi parleremo di un'opportunità del web: il guest blogging! Infine un'iniziativa della Ele per smaltire le scorte!


Non sono simpaticissimi? Mi mancano un altro pesce e una tartaruga. Li ho iniziati senza sapere cosa farne, avevo degli avanzi di aida azzurra della dimensione perfetta. Poi ho pensato di fare una specie di fuoriporta con le conchiglie (che in realtà è già pronto), devo solo inventarmi come cucirli. Perciò restate connesse!

Schema di Durene Jones pubblicato su Cross Stitch Crazy n. 240 2018
Tela aida 64 (16 aount) Zweigart color azzurro
Fili e Filati DMC Mouliné

Guest post: un'opportunità per tutti!

Care ragazze, avendo un blog da più di qualche anno, ed amandolo tanto, ogni tanto mi fermo a leggere articoli su come migliorarlo. Lo so, non si vede, e il motivo principale è che ci vuole così tanto tempo per essere ordinata, pulita e professionale che… beh, non ce la faccio. Mi piacerebbe tanto, eh? Mi piacerebbe fare un salto di qualità, e purtroppo sono costretta a fare delle scelte: o ricamo o smanetto con il computer. Per ora ricamo.

Durante queste letture tecniche (quando capisco qualcosa), ho tuttavia compreso che non è tutto oro ciò che luccica: ci sono così tanti trucchi (puliti e non) per avere visibilità, followers, successo, che ormai dubito dell’autenticità di ciò che trovo in rete

Nel nostro settore (per fortuna uno dei più autentici), ci sono maestre ricamatrici bravissime, con pochi followers e blog esteticamente un po’ bruttini, ma che scrivono post con una qualità altissima. Dall’altra parte, ci sono blog o pagine facebook seguitissime e stratosferiche, con grafiche inimmaginabili, foto da premio, biografie da urlo, con nessun contenuto.

Come nella vita, quindi, rallento e valuto con calma. E trovo che sia meglio avere cinquanta followers che ti seguono davvero con sincerità e calore piuttosto che diecimila che ti ignorano. In questo mio guardarmi attorno, ho visto che ci sono tante ricamine che mi seguono in silenzio o sussurrando: per esempio, magari pubblico su facebook la foto di un WIP e capita che mi arrivi un piccolo commento: “anch’io l’ho ricamato” o “anch’io lo sto ricamando”. Io chiedo sempre alle commentatrici di pubblicare la foto del loro lavoro, a me fa un piacere immenso, ma spesso non lo fanno per timidezza anche se vorrebbero. Altro esempio: come tutte voi che avete il blog ho dovuto eliminare la possibilità di pubblicare commenti anonimi a causa dello spam. Per commentare bisogna essere iscritti a Blogger. Così ho perso una grande fetta di commenti di lettori e mi dispiace.

Allora, cosa ho pensato? Che c’è tutto un mondo nell’ombra che non ha un profilo social, o che non vuole aprire un blog, che non scrive nei forum, ma che per una volta vorrebbe dire due parole, presentarsi e magari far vedere un suo lavoro.

Nel mondo dei blog professionali c’è un’attività che permette di mostrarsi e farsi conoscere, si chiama Guest post o fare Guest blogging. Il Guest post è un articolo ospite, significa quindi scrivere e pubblicare un articolo sul blog di qualcun altro con il link che rimanda al nostro. Necessariamente chi lo vuole fare deve collaborare con un blog rinomato e molto più autorevole del proprio altrimenti, per le assurde regole del ranking e del marketing che non vi sto a spiegare, potrebbe essere controproducente in fase di ricerca.

Ma, visto che non vendiamo, non siamo professioniste e blablabla, chi se ne importa, no? Mi spiego meglio: siamo blogger professioniste, vogliamo vendere i nostro prodotti, avere successo? Allora, se vogliamo fare un guest post ci dobbiamo impegnare, scrivere un articolo inedito, perfetto, in un ottimo italiano, che sia interessante e pieno di contenuti, originale, con foto strepitose e poi lo possiamo proporre a blog di grido del nostro settore sperando che venga pubblicato. A proposito, quali sono i blog di grido del nostro settore? Boh. Forse dei portali di creatività, non so.

Ma se siamo piccole appassionate di aghi fili e stoffe, chi ci impedisce di ospitarci a vicenda? O di usare questa attività per presentare una ricamina poco social ma desiderosa di farsi vedere? Siete una di quelle? Oppure avete un blog che volete mostrare sul mio? Disegnate schemi e volete offrire un piccolo free originale? Vi do questa possibilità con grandissimo piacere! Ovviamente, ho scritto delle linee guida e qualche regola, le trovate su questa pagina che potete leggere con calma.

Pensateci durante l'estate.

Stitch from Stash!

Ricordate che qualche anno fa io e Angela avevamo lanciato l'iniziativa SAL Svuota scorte? Ogni mese ricamavamo qualcosa che avevamo nel nostro cestino dei lavori da tanto tempo. Devo dire che mi è servito molto, ho smaltito tutti gli UFO e tante cose che giacevano inerti da secoli.

Per questo vi segnalo la nuova iniziativa della Ele, lo Stitch from Stash. Tutte le regole sul suo blog e, come vedete, il ricamo è molto tranquillo e libero, quindi perfettamente fattibile. Io aderisco perchè, nonostante la grande pulizia fatta, ho ancora cose da utilizzare. Un esempio? Il prossimo progetto, un runner invernale, prevede schema e tela che avevo comprato 6 anni fa! (Ve lo avevo già mostrato, comunque rieccolo qui)


Visto che l'estate ci vede un po' pigre, perchè non prendere in mano qualche lavoretto abbandonato? Ricamare in compagnia e con un obiettivo ci aiuta a portarlo a termine. Pensateci!

Coming soon...

Come preannunciato finirò i miei pesciolini di Durene Jones e cercherò di assemblarli, poi inizierò il runner invernale. Sempre che non mi fermi causa caldo!!

Per oggi è tutto, buon ricamo!
xx Irene

Commenti

  1. Ciao Irene 😊 , i ricami marini sono bellissimi , il pesce mi piace tantissimo .
    Grazie per il link al blog di Ele lo trovo molto interessante .
    Buone xxx

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ha scelto dei colori che ricordassero l'Africa ,mi è piaciuto coinvolgere anche se e grande mi piace fare piccoli cose con lu

      Elimina
  2. Ciao Irene, ogni martedì non vedo l'ora di leggere il tuo post così bello e ricco di informazioni.
    I pesciolini sono veramente carini. Grazie per il blog di Ele vado a leggere immediatamente il post

    RispondiElimina
  3. The motifs of Durene Jones are always cute, I like the fish very much.
    a good idea - Stitch from Stash, I always try, first of all consume what you have, and only a lack of buying.
    Greetings, Martina

    RispondiElimina
  4. Piccoli ricami ma bellissimi. Non vedo l'ora di vedere il tuo fuori porta.

    RispondiElimina
  5. Those sea designs are so cute! Can't wait to see how you finish them.

    RispondiElimina
  6. These Durene Jones designs are so lovely. Now I'm curious to see how you will finish them.
    Very interesting what you say about guest posts.
    I have been stitching from stash for some years now and I love it. It's so enjoyable to browse through my charts and magazines to find something that I want to stitch immediately.

    RispondiElimina
  7. Your new finishes are so cute, Irene--and perfect for summer on that blue fabric. I try to stitch from stash as I am older (63) and know I'll never have the time to stitch too many new things :) I hope you have a fun weekend ahead!

    RispondiElimina
  8. Love the sea themed stitching, the crab is so cute!

    RispondiElimina
  9. Ciao Irene, i tuoi bei ricami mi erano proprio mancati in questi due mesi di latitanza dal blog.
    Complimenti, mi piace sia il pesce che il granchio.

    RispondiElimina
  10. Ma che bella la tua ghirlanda Irene, originalissima!!
    Grazie per il link al mio blog: ho ricambiato ;-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. inutile dire che mi piacciono un sacco i tuoi ricami marini....

    RispondiElimina
  12. Very great post. I simply stumbled upon your blog and wanted to say that I have really enjoyed browsing your weblog posts.

    ดูหนังออนไลน์

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come si organizza un SAL

Parliamo ancora di SAL? Sì! Ho ricamato poco causa strascichi influenzali, perciò in questo post proseguiamo il discorso: vedremo come e perchè organizzare un SAL, di quale tipo, quali mezzi utilizzare, come portarlo avanti senza abbandoni, i vantaggi e gli svantaggi. Pronte?

Abbiamo già visto cosa sono i SAL, i vari tipi e come partecipare. Ma se volessimo organizzarne uno noi, cosa dobbiamo fare? Come si organizza un SAL Può capitare che tra i vari SAL che ci sono in giro non ce ne sia uno che ci piaccia particolarmente, oppure abbiamo un lavoro lungo che vogliamo assolutamente fare ma ci spaventa affrontarlo da sole, oppure abbiamo la casa piena di UFO e abbiamo bisogno di sprone per andare avanti. Perchè non organizzare noi un SAL tutto nostro?

Vediamo quali sono i passi da compiere.
1. scegliere il tipo di SAL Vogliamo ricamare in compagnia in casa nostra? Se abbiamo già un gruppo di amiche o pensiamo di averne vicine, possiamo creare un appuntamento settimanale o mensile, nell…

Un pavone a punto croce per asciugamani vanitosi

Buongiorno ragazze, eccoci al nostro appuntamento: finalmente ho ricamato qualcosa! Una coppia di asciugamani color vaniglia con un bel pavone Rico Design. Come vedete sono tornata ai ricamabili perchè ne ho da smaltire! Vedremo poi ancora pavoni ma in versione free e un paio di Mystery SAL per chi li ama.

Ma ci credete? Ho ancora ricamabili nell'armadio, pazzesco: ma quanto compravo? Per gli asciugamani poi, avevo una particolare predilezione, infatti acquistavo anche tanti libretti con schemi. Sappiate che non sono finiti! 😦

Questo schema in particolare me l'ero segnato da fare appena lo avevo visto, mi piaceva tantissimo! É pubblicato sul libretto Rico Design n. 142 Bouquet de couleurs e, come al solito, sono segnati solo i filati Rico Design e dobbiamo fare noi la conversione. Allora, siccome è un po' sballata, vi metto quella che ho scelto io se volete farla come me:
Rico    DMC 001     B5200 270     742 059     3776 052     3328 053     347 140     3839 150     792 …

A Little Love: Lizzie Kate per San Valentino

É la settimana di San Valentino. Non so mai se fare qualcosa o no, e se pubblicarlo, perchè a molti questa "festa" fa male, ricordando loro la solitudine. Tuttavia credo che viverla in un modo più largo, considerando l'amore per se stessi e per i propri cari, non solo per un compagno o una compagna, faccia stare meglio. Allora ho ricamato qualcosa e ve lo faccio vedere.


Lizzie Kate! Perchè è una disegnatrice che mi piace, semplice e veloce, colorata, allegra. Un piccolo ricamo, un piccolo amore per ricordarci di volerci bene.

Ho usato i filati DMC indicati, ho solo modificato gli uccellini e il cuore usando degli sfumati che voglio finire e ho aggiunto le perline e i bottoni. Ne ho fatto un cuscinetto applicando l'aida sopra la tela Adige, un cosa semplice, avevo poca voglia di cucire, ma è venuto carino. Schema di Lizzie Kate A little love Tela Zweigart aida 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné Qualcosa di free da ricamare per San Valentino? Ce …