Passa ai contenuti principali

WIP e letture prima delle vacanze

Buongiorno ragazze! Come state? Al mare o in montagna? Tranquille nella vostra casetta? Ancora in ufficio come me? Questa è la mia ultima settimana lavorativa e poi a casa. Allora, non ho fatto molto quindi, più del work in progress, volevo dirvi un paio di cose su libri e letture, okay?

Come vedete dalla foto ho iniziato il secondo gatto di Durene Jones, quello con l'anguria. Causa pressione bassa (ultra ultra ultra bassa che neanche un caffè triplo riesce a tirare su), sono rimasta sul divano a leggere più che a ricamare, ma sono fiduciosa che con le vacanze produrrò di più (spero). Perchè in realtà, dopo questo periodo di smarrimento di vita, vorrei riprendere con i progetti, anche se poi rimangono solo in testa e non riesco a farli, vorrei tornare ad avere una normalità serena, a prendere tempo per me facendo le cose che mi fanno stare bene. Sono così stanca dei telegiornali che non li guardo più e non perchè sia una persona irresponsabile che non vuole vedere il mondo, semplicemente perchè non mi cambia nulla ascoltare notizie sempre negative, anzi. Pensate che, invece dei tg, guardo le repliche di Un passo dal cielo :))) Così almeno posso vivere le mie amate motagne senza andarci.

Passiamo ai libri. Sto leggendo le Signore in nero di Madeleine St John (titolo originale per le amiche straniere The Women in Black), ve ne parlerò appena lo avrò finito, ma vi anticipo già che è carino e si parla di alta moda e grandi magazzini. Vorrei inoltre dirvi un paio di cose in tema lettura.

La prima è che sto aggiornando la bibliografia sui Needlework Fiction Books, sia aggiungendo libri nuovi (il tema va molto di moda e io ne sono felice), sia inserendo titoli in italiano perchè, a quanto pare, si sta traducendo e questo mi da molta speranza, vuol dire che si legge! 

La seconda è che leggere è bellissimo, soprattutto se si mettono insieme due passioni come le nostre, ma che non è sempre necessario acquistare i libri se non abbiamo i mezzi (vista la crisi mondiale, non è periodo di scialacquare): ci sono le biblioteche che sono sempre più fornite e aperte con orari prolungati anche per chi lavora. La tendenza degli ultimi anni è di fare consorzi e sistema quindi, anche se la nostra è una piccola biblioteca di paese, con il prestito interbibliotecario gratuito si riesce ad avere quasi tutto.

Se poi siete abituate a leggere in digitale, su ereader, su tablet o al pc con le app, per noi italiane c'è MLOL, la Media Library Online cui ci si iscrive tramite la nostra biblioteca abituale (per me è il Sistema provinciale di Treviso). Da lì si possono prendere in prestito gratuitamente per 14 giorni i files digitali dei libri che desideriamo e c'è di più, c'è anche un'edicola digitale tramite la quale possiamo sfogliare le riviste. Ciò che si vede dipende dal sistema della vostra zona ma, per esempio, col mio sistema trevigiano vedo anche le riviste di punto croce straniere (di italiano non c'è nulla), come The World of Cross Stitching o CrossStitcher. Vedere un'anteprima delle riviste è utilissimo per decidere se acquistarle. Per saperne di più qui c'è la pagina di spiegazione e qui la guida, ma chiedete pure al vostro bibliotecario di fiducia. Questo sistema era già in uso prima della pandemia e ha avuto un grandissimo sviluppo proprio durante questo periodo ed è un peccato non sfruttarlo, è semplice e gratuito.

Allora, non sono sicura, nelle prossime settimane, di riuscire a pubblicare costantemente, vorrei prendermi una pausa per sistemare casa, mettere via le cose di mamma e rilassarmi, quindi non spaventatevi se non scrivo o se arrivo a sorpresa, okay?

Intanto vi auguro delle vacanze (se le fate) serene e spensierate. Ciao, a presto :)

Commenti

  1. Ciao Irene, capisco cosa intendi per normale serenità... io ho perso mio marito 3 mesi fa c.a. per covid... e da 40 gg ho mia madre ricoverata prima ospedale e poi in una struttura per riabilitazione.. tra una settimana torna a casa e avrà bisogno di assistenza h24.. capisco quello che hai passato e che ora cerchi di vivere, facendo quello che ti fa stare bene... ti faccio tanti auguri
    Un abbraccio. Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela, un abbraccio forte forte forte, che basterebbe questo senza tante parole. Dobbiamo trovare il coraggio, ce ne vuole tanto quando ci sono tutte queste sofferenze, per trovare la forza e la voglia di vivere. Questro periodo con la tua mamma sarà difficile ma sai che sarà anche l'occasione per stare insieme, e so che sembra retorico dirlo, ritagliati sempre un momentino tutto per te, anche solo per fare un bagno profumato, per prenderti un caffè, un momento tutto tuo. Se riesci non abbandonare le tue passioni, è ciò che hanno detto a me e, anche se mi sono sforzata tantissimo perchè l'unica cosa che hai voglia di fare è startene a letto da sola, in realtà servono: le persone che sono mancate vorrebbero che noi continuassimo la vita serena, e penso che glielo dobbiamo. Tanta forza e tanto coraggio, tanto tanto tanto. Un abbraccio e tanti cari auguri per la guarigione della mamma :)

      Elimina
    2. Grazie di cuore cara Irene, in questo momento sto terminando di leggere il libro da te consigliato "Le ragazze della villa delle stoffe" baci

      Elimina
  2. Adoro quel gattino con il cocomero 🍉🍉🍉😂😂 sicuramente riuscirai a fare qualche progresso e se invece metterai pochi punti non importa avrai sicuramente fatto qualcosa che ti avrà reso felice serena o ti avrà fatto rilassare.
    Interessante questo libro lo metto nella mia lista!!!"io sto leggendo "la biblioteca di Parigi" molto bello.
    Un abbraccio 😊

    RispondiElimina
  3. The cat with the watermelon is going to be so cute, Irene! I'm sorry about your very low blood pressure. I hope the upcoming holidays will be relaxing for you and you can do all of the things you love. Take good care now ♥

    RispondiElimina
  4. Irene, capisco benissimo il problema pressione bassa: taglia le gambe e annichilisce ogni impulso a fare qualcosa. Un pezzettino anche piccolo quando ti va, e il simpatico gattino che si gode la sua fetta di anguria piano piano uscirà fuori. Ciò che conta è che stai bene e, dopo la durezza dei mesi passati che hai trascorso, conta che fai ciò che ti rilassa e che ti da maggior soddisfazione. La lettura è sempre una grande compagnia. Grazie per i link. Che sia un bel periodo di ferie rigenerante, di pace e cura di te anche se stai a casa. 😉

    RispondiElimina
  5. Buone vacanze a te, e che siano inizio di un periodo più bello

    RispondiElimina
  6. Ciao Irena, ti auguro di ritrovare la tua normalità, intanto un abbraccio e spero che le crocette ti allieteranno le giornate

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

FlossTube: il ricamo è social

Buongiorno ragazze. Oggi ritorno alla mia rubrica delle Cross Stitch FAQ e vi parlo di FlossTube , i canali social video di ricamo , quilt, maglia e cucito. Questa settimana infatti, dopo il ritorno al lavoro, non sono riuscita a mettere neanche una crocetta, quindi non ho nulla di nuovo da farvi vedere. Certo, guardare i video di queste bravissime ricamine mi fanno vergognare tantissimissimo, ma almeno mi rifaccio gli occhi e prendo spunto per nuove idee! immagine tratta dal canale di Tiny Modernist Cosa sono i FlossTube FlossTube è un neologismo coniato sulla parole Floss (filo) e Tube da Youtube: sono infatti video caricati settimanalmente, mensilmente o con altra cadenza, sul canale Youtube, da ricamine appassionate o professioniste che mostrano i loro acquisti, fanno recensioni di materiali, esibiscono lavori finiti o in corso, parlano, insomma, di ricamo, quilt, maglia, uncinetto, o della tecnica che prediligono. Spesso ci sono anche tutorial per le rifiniture o consigli. Son

Eccomi!

Buongiorno ragazze mie, come state? Siete tornate bellissime e abbronzate dalle vacanze? Non ci siete ancora state? Non ci andrete? Pazienza, l'importante è stare sempre bene ovunque si sia :) Sono mancata un pochino, non sono andata via se non qualche giorno con i miei nipoti, ma non ho scritto perchè avevo bisogno di ricaricare le pile. Più che altro, di ritrovare un po' me stessa: nonostante si stia in piedi e si vada avanti, i lutti provocano uno smarrimento e ci vuole del tempo. Vi racconto un po' di cose. Innanzi tutto, come vedete dalla foto qui sopra, incredibilmente ho ricamato! Non riuscivo più, non ne avevo voglia. Come mi avevate consigliato non mi ero forzata, avevo messo da parte. Poi, un giorno, ho ripreso in mano il cestino e ho continuato i miei gatti, ne manca uno, arriverà anche quello, poi assemblerò e saranno pronti per l'estate prossima. Nel frattempo beh, ho sistemato cose burocratiche (quelle non mancano mai) e mi sono dedicata alla casa: con

Piccoli avanzamenti

Buongiorno ragazze! Come passa il tempo, siamo già a metà settembre anche se non sembra: le temperature sono sempre alte! Allora, ieri sono iniziate le scuole, non voglio parlare di Covid in questo post anche se lo sfiorerò, ma di fatti e propositi e normalità. Come vedete dalla foto ho preparato il materiale per andare avanti con il SAL di Faby Reilly (già sapete che sono indietro di un anno), la tappa di novembre perchè è dopodomani santissimo cielo!! So già che non farò in tempo ad esporlo, ma lo vogliamo finire questo benedetto calendario parcheggiato nel cestino dei lavori? E allora, almeno ho preparato i materiali :) Il mio gatto prosegue lentamente ma questa volta ho un'ottima scusa: ho fatto la seconda dose di vaccino che mi ha portato, come effetto collaterale, febbre e stanchezza, quindi non avevo voglia di fare niente. Non mi lamento eh? Tutto passato. A tal proposito un altro effetto collaterale è stato: tanta fame :))) Se in più ci mettiamo che mi ha preso il trip de