Passa ai contenuti principali

Profilo punto croce: una recensione per il nuovo numero natalizio!

Buongiorno ragazze! Sospendo per un post la pubblicazione dei miei ricami (causa influenza sono rimasta ferma) per fare una recensione (molto personale) dell'ormai purtroppo quasi unica rivista italiana dedicata al punto croce. La faccio ora così, se vi piace, la trovate ancora in edicola. Vi farò vedere l'indice e alcune pagine con progetti rappresentativi, in modo che vi facciate un'idea visto che la trovate in vendita in un pacchetto chiuso.

Profilo punto croce

Nonostante la rivista venga definita bimestrale, nella realtà è semestrale, esce due volte l'anno: a fine ottobre quella natalizia, a fine febbraio quella pasquale. Trovo che siano date un po' infelici: difficile completare i progetti in tempo, occorre metterle via per l'anno dopo. E si sa che, spesso, prese da tutte le novità, le dimentichiamo sugli scaffali. Penso che comunque siano scelte editoriali quindi indiscutibili.

Da qualche tempo, da quando quasi tutte le riviste di punto croce meritevoli sono quasi scomparse, la prendo regolarmente: trovo che i progetti siano belli, originali e molto riconoscibili (poi vi dirò pro e contro). A mio gusto il numero natalizio di quest'anno è meno bello di quello scorso, lo trovo un po' retrò, in ogni caso ci sono sicuramente alcune cose che vorrei fare.

Viene venduta in un pacchetto con 20 matassine di cotone mouliné di marca Profilo, colori usati nei progetti che trovate all'interno: come qualità non sono male, tengono il lavaggio e sono leggermente meno brillanti dei DMC, filato cui resto fedelissima. Nell'ultima pagina della rivista c'è la tabella di conversione con DMC e Anchor (chiaramente la corrispondenza non è perfetta, quindi valutate le quantità per non trovarvi all'improvviso senza). 

Come dicevo, quello che esce a fine ottobre è un numero natalizio che contiene anche qualche progetto autunnale e qualcuno invernale. Ecco il sommario.


Se non l'avete mai acquistata e non ne avete esperienza, Profilo pubblica dei progetti semplici per quanto riguarda la realizzazione (quasi niente punto scritto o altre tecniche) ma, di solito, di grandi dimensioni quindi impegnativi in termini di tempo. Se, quindi, siete amanti dei particolari e del punto scritto, non fa per voi. 

Una delle cose più belle sono i runner e i cuscini con i cervi: hanno un'espressione dolcissima. Ve ne metto qualche esempio.


Se avete una casa in montagna o un salotto in stile country sarebbero perfetti. Ecco, sono molto belle e accurate le loro rifiniture e le foto, bisognerebbe prendere spunto.

Poi inizia la sezione dei Babbo Natale, di tutti i tipi ma molto classici, forse un po' troppo a mio gusto, ma perfetti per cuscini, sacchi regali, quadri.

 
Molti i progetti per i bambini, questi, devo dire, belli e originali: per la cucina, per la cameretta, per il salotto, tanti orsacchiotti e pupazzetti.

 
Non mancano gli uccelli invernali, come il pettirosso e il cardinale.

 
Ancora per i bambini con tanti aimaletti da appendere sull'albero o per creare un trenino. Alcuni di questi vorrei proprio farli!


 
E ora qualcosa che assolutamente non farò perchè lavoro troppo impegnativo: un presepe tutto a crocette!

 
Termina la carrellata una serie di tovagliette con i classici fiocchi di neve con stupende sfumature azzurre.

 
Ecco, vi ho mostrato solo alcuni esempi, la rivista contiene molto di più, potete vedere un carosello sulla pagina Facebook della casa editrice.
Gli schemi sono su paginoni ripiegati come quelli di una volta. Io, per praticità, quando voglio farli, fotocopio la parte che mi interessa per non rovinarli.

Costa 4,90 euro, un prezzo onesto, secondo me, visto anche le matassine in allegato. Speriamo che duri, ormai, non essendoci più edicole, sono costretta ad andare all'angolo giornali del supermercato per trovarla, ed è una tristezza che la sezione dei lavori femminili sia sempre più piccola.
 
Il numero che vi ho mostrato è quello appena uscito, il 120 dei mesi di novembre/dicembre 2023. Il prossimo, quello pasquale, uscirà a fine febbraio.

Commenti

  1. Bellissimo l'uccellino nella ghirlanda, e anche gli animali nel bosco!! Vi sono molte bei ricami, ma davvero impegnativi con molti cambi di colore. È vero, impossibile farli entro Natale. Grazie per la recensione e le immagini dei lavori.

    RispondiElimina
  2. Mariapia14.11.23

    Io l’avevo preso lo scorso febbraio e sono riuscita a trovare anche quello di Natale. È davvero bello, ci sono tanti spunti. In effetti sono lunghi da eseguire, ma si può fare un anno per il successivo. Auguri per il raffreddore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me facciamo bene a prenderlo e a metterlo via, ricameremo sicuramente qualcosa! Grazie per gli auguri, non mi passa :(

      Elimina
  3. Love It , I will see if I can find it . We now only have two in the UK that that come out each month , some times really nice charts and other times not.
    Thank you for showing it and , wishing you get better soon,Hugs June.

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene hai proprio ragione ormai le riviste di punto croce sono rarissime , non pubblicano più" I love punto croce" che mi piaceva molto per non parlare di " Le idee di Susanna " che non compro più perché ci sono schemi vecchi che ho già un vero peccato. Comunque grazie per la tua anteprima di "Profilo" molto interessanti gli schemi ci farò un pensierino.Ciao e buon ricamo.

    RispondiElimina
  5. Ciao cara Irene, innanzitutto spero tu sia guarita dall'influenza. Ho comprato spesso questa rivista e sono piena di cartelline con i filati dati in omaggio. Effettivamente gli schemi sono piuttosto ripetitivi e ti ringrazio di averci fatto questa bella recensione: per questa volta non lo prenderò.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che il numero pasquale sia un po' più bello! Grazie Susanna

      Elimina
  6. Ciao Irene, ho trovato deliziosi gli addobbi per l'albero di natale, le tovagliette con i fiochi di neve e i runner con i cervi.
    Spero che tu guarisca presto.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fra, oggi mi sento già meglio, ho fatto una settimana da ameba :)))

      Elimina
  7. That looks like a fun issue, Irene, with a lot of varied and cute designs. I miss the old days when there were many, many cross stitch magazines being published. Hope you have a lovely weekend! ♥

    RispondiElimina
  8. Spero che ti sia ripresa. Anche io ho la rivista. Me l' ha regalata mia figlia. Pensavo di ricamare qualcosina. Un saluto affettuoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora la tosse ma passerà. Bene, magari ricameremo la stessa cosa!

      Elimina
  9. Profilo, ne ho comprati talmente tanti in passato che ho la collezione completo dei filati che ho regalato a mia madre, non la compro da anni e in realtà non è più il mio genere

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Profilo punto croce n. 1: piccola recensione

Buongiorno ragazze! Anche oggi vi faccio una piccola recensione di una rivista che trovate ancora in edicola così, se vi piace, potete recuperarla agevolmente. Come vi avevo anticipato è una rivista storica ma, avendo cambiato editore, la numerazione parte dall'1.    Dunque, le cose da dire sono molte. Faccio sempre il preambolo che queste mie considerazioni sono strettamente personali (a mio gusto e a mio pensiero). E sono molto curiosa di sapere i vostri pareri.   Non compravo la rivista Profilo perchè gli schemi erano sempre molto grandi e non usavo quel tipo di matassine, quindi non ho numeri vecchi se non 5 o 6 di cui vi avevo parlato. Dico questo perché alcune di voi hanno detto che su questo numero sono stati riproposti schemi già pubblicati (quindi se ne avete una nutrita collezione, pensateci un attimo, poi vi spiego come vedere il contenuto). É lo stesso criterio che sta usando Le idee di Susanna (la rivista della mia infanzia). Ora, può andare bene per chi non compra

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via! Photo by Lisa Woakes on Unsplash Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo q

Pupazzi di neve quasi finiti!

Buongiorno ragazze! Vi rendete conto che siamo già quasi a metà giugno? Con questo tempo ballerino non si capisce più in che stagione siamo! Oggi vi mostro dove sono arrivata con i pupazzi di neve Stoney Creek (quasi alla fine, evviva!), poi vi chiedo un parere sull'utilizzo e archiviazione delle riviste digitali. Infine, magari, proviamo a parlare d'estate :)) Come vedete ho finito l'ultimo pupazzo a sinistra, quello più impegnativo con i cambi di colore. Ho fatto una piccola modifica: l'originale prevedeva una nappina da cucire sulla sommità del berretto, io ho scelto di non farla perchè il ricamo diventerà un cuscino da divano e, per esperienza, le nappine si staccano a forza di sedercisi sopra o buttare il cuscino qui e là. Ho fatto un pompon con un punto stella. Ora mi manca il bordo a quadretti che vedete sotto, la parte più noiosa, credetemi, non vedo l'ora di terminare! Anche perchè non vedo l'ora di iniziare qualcosa di nuovo! Sarà per il tempo, ho prep