Passa ai contenuti principali

SAL Noël 2012: tappa 6

Eccoci ad un'altra tappa del SAL di Carole:



Ora ho accantonato temporaneamente i SAL perchè si sta avvicinando il Natale e sono indietro con i regali, vi metto un'anteprima di quello che sto ricamando:


Commenti

  1. Your Christmas SAL is looking beautiful!

    RispondiElimina
  2. Sal sempre più bello!
    Ed anche il Babbo Natale è delizioso!
    Anche io sono dietro ai regali handmade...sembro una piccola aiutante di babbo natale! ^___^

    un abbraccio
    Daniela
    http://lattecannella.blogspot.it

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Sono tornata! In tutti i sensi!

Ben ritrovate ragazze, come state? Siete ancora in vacanza o, come me, al lavoro? Come vi avevo annunciato mi sono presa qualche settimana di pausa, ne avevo bisogno, dopo vi spiego i motivi. Forse vi aspettate che vi mostri tanti lavori ma non è così, solo un work in progress ma ogni tanto si deve pur respirare e prendersela comoda. Allora partiamo, o meglio, torniamo!

Le mie ferie sono sempre brevi, sia per esigenze lavorative che famigliari, e sono ormai 3 o 4 anni che non viaggio a lungo, come ben saprà chi, come me, ha qualcuno di fragile o malato accanto che ha bisogno di presenza e di cure. Tuttavia non lo dico per lamentarmi, ma con molta serenità: bisogna prendere le cose con filosofia e amore, all’inizio pesa un po’, poi viene naturale e si riesce persino ad essere felici!
Quest’anno per me è stato uguale ma diverso: mi spiego. Restando a casa, usualmente i giorni precedenti le vacanze li passavo a programmare le cose da fare: pulizie, sistemazioni, acquisti, riordini. Vi r…

Eco ricamo: come convertire il ricamo in senso ecologico

Non è mai troppo tardi e non si fa mai abbastanza per salvare ed amare il pianeta in cui viviamo, vero? L’argomento va molto di moda, ma non è un male, sapete? Anzi. Parlarne, rifletterci, aiuta a modificare i propri comportamenti rendendoli più compatibili con la natura e la nostra amata terra che, per molti anni, abbiamo trascurato e la cui salute abbiamo sottovalutato.

So che siete già bravissime a riciclare la plastica, a risparmiare acqua ed energia, a raccogliere i rifiuti nei parchi e nelle spiagge, a non sprecare cibo. Possiamo fare altro? Magari nelle nostre piccole passioni? Io credo di sì, e di seguito vedremo qualche consiglio prezioso. Tuttavia, mi sento di fare un appunto: che questa non diventi un’ossessione o un problema per noi, eh? Prendiamo sempre tutto con serenità e abbiniamolo alle nostre capacità fisiche, mentali ed economiche. E anche alla nostra filosofia ed etica della vita, d’accordo? Anche le piccole modifiche possono fare la grande differenza.
Allora, cos…

Una Kokeshi a punto croce!

Questa è la storia di come un piccolo fallimento può essere rimediato con creatività. Sì, perché il quaderno rivestito che vedete nella foto, nella mia idea, non doveva essere così ma, complice l’imbranataggine con la macchina da cucire e, diciamolo, la mancanza di voglia di rifinire in modo complicato, alla fine è venuto carino lo stesso, vero?

La Kokeshi è una tipica bambolina giapponese.
Vi confesso che il ricamo lo avevo terminato da parecchio tempo: iniziato appena Piki lo aveva pubblicato free sul suo blog (lo trovate qui e, dato che ci siete, date un’occhiata al sito e ai lavori di Chiara, ha una semplicità così elegante che la invidio tanto!), già si era rivelato un po’ impegnativo perché lo volevo fare piccolino, quindi l’ho ricamato 1 su 1 con un filo di mouliné su lino 11 fili.
È stato quando ho visto il risultato che mi è venuta voglia di farne la copertina di un quaderno, ne ho trovato uno perfetto proprio in tono! Ho scaricato una miliardata di tutorial per ricoprirlo …