Passa ai contenuti principali

SAL Svuota scorte: mese della novità

Oggi impostiamo una nuova missione mensile per il nostro SAL svuota scorte: abbiamo finito un ufo, smaltito un kit e un ricamabile. E ora?


Io e Angela abbiamo pensato che, tra tutte le tecniche artistiche che ci sono, ci riduciamo sempre a fare le stesse cose. Quindi, perchè non creare qualcosa di nuovo? Ad esempio: facciamo quasi esclusivamente punto croce, ma se provassimo un punto diverso? Oppure, lavoriamo sempre all'uncinetto, ma se provassimo la maglia? O se mischiassimo le tecniche? Da qui la missione: questo sarà il mese della novità.



Avevo pensato di fare qualcosa con la tricotin, macchinetta che ho acquistato più di un anno fa e mai usato (sigh). Tuttavia, siccome siamo a dicembre ed è per me un mese impegnativo, e che ho un milione di cose iniziate, vorrei prendere due piccioni con una fava, la tricotin la sposto ad un'altra missione e ora cerco di rifinire le cose che ho iniziato con una tecnica diversa. In particolare, gli ornamenti che faccio a punto croce li finisco sempre allo stesso modo e cioè a cuscinetto quadrato o rettangolare. Vorrei provare a fare qualcosa di nuovo, su pinterest e nei vostri blog vedo delle cose meravigliose...
Ho terminato di ricamare il Christmas contest di Sara Guermani, e proprio su questo farò l'esperimento di una specie di cartonaggio per farlo tondo. Ci riuscirò? Il contest verrà pubblicato il 15 dicembre quindi anticiperò il risultato, ma ciò non toglie che la stessa cosa la potrei fare anche su altro (beh, il 31 dicembre saremo occupate con la preparazione del cenone e di noi stesse quindi non avremo testa per i ricami).
Allora, voi in cosa vi cimenterete? Uncinetto? Maglia? Crocette? Ricamo tradizionale? Pittura? Tutto è permesso!

Commenti

  1. Ciao, hai ragione, con il punto croce si finisce sempre più spesso per fare dei cuscinetti. A me piace cambiare e ultimamente abbino il ricamo alla tecnica del patchwork e creo cuscini, pannelli, tovagliette, cestini, centrini.
    Bisogna avere fantasia e con internet oramai non serve neanche più quella...si possono scopiazzare tante idee!!!
    Buone nuove lavorazioni
    Barbara

    RispondiElimina
  2. sono curiosa di vedere i nuovi lavori...a presto! Minù

    RispondiElimina
  3. Fantastico non vedo l'ora di ammirare il tuo nuovo lavoro assemblato e confezionato.
    So già che sarà una meraviglia

    RispondiElimina
  4. anch'io tornerò a trovarti perché sono curiosa di vedere che meraviglie assemblerai ....
    a presto
    Luly

    RispondiElimina
  5. Un pò di novità fanno sempre bene!! Aspettiamo gli avanzamenti, buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Un altra bellissima idea. Sono curiosa e ovviamente tengo d'occhio il tuo blog.
    Un caro saluto,
    Maria

    RispondiElimina
  7. A great idea to use a new technique this month.

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Little Koala di The Little Stitcher per l'Australia

Ciao ragazze! Come restare insensibili di fronte a ciò che è successo e che succede ancora in Australia? Il nostro contributo sarà piccolo ma può fare grandi cose. Quindi, grazie a tante disegnatrici generose e sensibili, anch'io ho ricamato un koala, quello offerto da The Little Stitcher che trovate qui. Se volete, potete dare il vostro aiuto in molti modi, anche solo ricamando e condividendo la notizia!

Eccolo! Allora, è un disegnino ricamabile in poco tempo, io l'ho un po' personalizzato: non ho fatto la bocca e ho aggiunto del punto scritto e dei punti nodini. E la firma! Ragazze, ricordate di firmare i vostri ricami, sembra una bazzecola ma non lo è, la nostra impronta è importante.

L'ho rifinito come portalavanda, avevo questo tessuto (da tempo immemorabile, ma vabbè...) di Mas d'Ousvan (adoro...♥) che ispirava proprio la lavanda e stava bene con i colori, quindi fatto! Little Koala, schema free di The Little Stitcher scaricabile qui Tela aida Zweigart 20 co…

Be my Valentine: da Lizzie Kate un free per San Valentino

Sarà una festa amata e odiata, sciocca, commerciale, o perfetta per ricordare: qualcunque cosa sia quest'anno San Valentino l'ho ricamato! Complice un free di Lizzie Kate e una mezza idea di provare tecniche nuove, mi sono buttata e questo è il risultato.

Qualcosa di simile ma anche completamente diverso da quello che faccio. Intanto la personalizzazione del free di Lizzie Kate: ho cambiato colori (attenzione, ci sono errori sulla legenda) e anche tecnica, ho aggiunto perline e il punto ragno per i fiori.

Poi è da un po' che guardo con ammirazione le ricamine che fanno gli ornamenti con il polistirolo e ho provato anch'io seguendo qualche tutorial e, ve lo confesso, andando un po' a caso. Allora, dalla foto sembra perfetto ma non lo è, ho fatto una gran fatica a inserire il tessuto, a tirarlo perfettamente, a tenerlo dritto, insomma, è stato un parto! Per fortuna, aggiungendo nastri e passamanerie, si nasconde il tutto, ma devo assolutamente migliorare, così non v…

Anne Jacobs, La Villa delle stoffe: recensione

Ciao ragazze, oggi parliamo di libri! Ho letto il primo volume della serie della Villa delle stoffe di Anne Jacobs e, visto che parla di tessuti e cucito, l'ho inserito nella bibliografia dei Needlework fiction Books.

Anne Jacobs, La Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2018. 
Tit. orig.: Die Tuchvilla Genere: romanzo prevalentemente rosa, con sfondo storico e un lieve tocco di giallo Categoria: cucito Trama Augsburg, 1913. La piccola Marie, dopo aver passato l’infanzia in un orfanotrofio e aver lavorato per qualche tempo in fabbrica, appena maggiorenne viene assunta come sguattera alla cosiddetta Villa delle Stoffe, residenza della ricchissima famiglia Melzer, proprietaria di una delle più grandi aziende di tessuti della Germania. Non avrà vita facile, i domestici non la vedono di buon occhio: è bella, intelligente, ha un portamento regale. Così invidiata e maltrattata, che medita di scappare. Ma c’è un segreto: non è arrivata lì per caso, è stato il capostipite della famiglia a vole…

La società dei Makers: recensione

Ciao ragazze, siamo nel 2020 già da quasi un mese e, vi sarete accorte, non ho fatto propositi! Non solo nel ricamo, eh? Ho deciso di prendere le cose con più rilassatezza, calma e serenità. Oggi vi parlo di qualcosa che ci sta molto a cuore: il valore della nostra passione. E lo farò tramite le parole di un libro davvero interessante di David Gauntlett, La società dei makers. La creatività dal fai da te al Web 2.0.

Prima però parto da una newsletter di Inspirations (il meraviglioso magazine di ricamo), ricevuta a novembre, che portava il titolo di Resurgence, ovvero Rinascita (la trovate qui se volete leggerla). Quando fanno la riunione per decidere cosa pubblicare nel nuovo numero della rivista, le redattrici si pongono sempre la domanda di come essere accattivanti e quale iniziative organizzare per coinvolgere le nuove generazioni e non far morire il ricamo. Beh, sorpresa, il ricamo non sta morendo affatto, anzi! Basta guardare i social, instagram, facebook, è tutto un fiorire di …

Anthea SAL di Faby Reilly: tappa 1!

Da quanto tempo non mi iscrivevo a un SAL! Mi piace moltissimo ricamare in compagnia, ma faccio fatica a stare al passo con le altre partecipanti, poi mi viene voglia di fare altro e quindi rischio di abbandonare e non portare a termine nulla. Ma a questo non ho resistito, l'Anthea SAL di Faby Reilly. Ora vi spiego perchè.

Come vedete dalla foto si tratta di un calendario botanico, 12 tappe, una al mese, con i fiori di stagione. Non mi sono iscritta perchè mi piaceva particolarmente il tema, ma perchè Faby Reilly inserisce e spiega molto bene punti tradizionali accanto al punto croce e io voglio imparare a fare qualcosa di nuovo.
Dalla foto non si vede benissimo, ma la cornice è fatta con mouliné e Diamant a punto riso. Purtroppo non ho scelto una tela particolarmente adatta, Faby Reilly consigliava lino Belfast. Io ero tentata di scegliere una Murano e invece, per non acquistare altro visto che l'avevo in casa, ho scelto una Floba extrafine. Il count è lo stesso, 32, ma i fi…