Passa ai contenuti principali

Tele da ricamo: lino e tele a fili contabili 25 e 28 count

Dopo aver conosciuto la composizione della tela aida e dei suoi derivati, ed aver imparato cosa sono i count e le dimensioni, oggi passiamo al lino e alle tele a trama regolare a fili contabili (parliamo sempre di stoffe adatte al punto croce). 
Riprendiamo per un attimo la formula che avevamo visto per determinare i quadratini dell'aida a partire dal numero di count, perchè anche per queste tele si usa quest'unità di misura, e noi dobbiamo trasformare i count in numero di fili in 1 cm per determinare le dimensioni del nostro schema.

Cosa sono i count

I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Per il lino e le tele a trama regolare, con count, si intende il numero di fili che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm).
É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità di misura, ma niente paura perchè possiamo facilmente fare la conversione, sia con un calcolo che con tabelle. Poi, con la pratica e col tempo, queste misure le impariamo a memoria e ci vengono naturali.
Vediamo la formula
Per sapere a quale tipo di stoffa corrisponde il numero di count, bisogna fare questo calcolo

(numero count x 10) : 25

e otteniamo il numero di fili che ci sono in 1 cm di stoffa.
Ad esempio, se ci propongono una tela da 25 count, facciamo il calcolo

(25 x 10) : 25 =10

in 1 cm della nostra tela ci sono 10 fili e quindi ci stanno 5 crocette se lavoriamo su due fili (se cioè ricamiamo prendendo due fili di trama e due di ordito per fare una crocetta), oppure 10 crocette se lavoriamo su un filo. 
Facciamo ora una tabella di corrispondenza per non dover calcolare ogni volta: a sinistra i count, al centro il numero di fili per cm, a destra la corrispondenza con la denominazione italiana dell'aida.

COUNT
FILI IN 1 CM
CORRISPONDENZA AIDA
25
10

28
11
55
32
12
64
35
14
72
40
16
80

Ed ora veniamo alle tele, la loro denominazione, composizione e utilizzo. Come vi avevo preannunciato, parlerò solo di quelle che conosco e di cui ho esperienza, quindi sarò parziale, sul mercato ci sarà sicuramente molto altro, vi do solo delle informazioni indicative.

Le tele 25 count o 10 fili

Abbiamo detto che 25 count corrispondono ad una tela con 10 fili per cm. Se la lavoriamo a due fili (e in questo caso utilizziamo due capi di cotone mouliné), prendendo due fili di trama per due di ordito, otteniamo 5 crocette per cm. Ma questa tela (per le più esperte e con buona vista) si presta benissimo ad essere lavorata a 1 filo, utilizzando un solo capo di mouliné prendendo un filo di trama per uno di ordito. Il ricamo viene piccino ma molto elegante, ci stanno 10 crocette per cm. A seconda dello schema, può risultare difficile il punto scritto, quindi fate attenzione e sempre delle prove, il disegno potrebbe non risultare bene.
Per avere la misura del nostro schema dividiamo quindi il numero di punti per 5 se lo ricamiamo a 2 fili, oppure per 10 se lo ricamiamo a 1 filo. Ad esempio, se il nostro schema misura 25 x 25 punti, se lo ricamiamo a 2 fili misurerà 5 x 5 cm (25 : 5), se lo ricamiamo a 1 filo misurerà 2,5 x 2,5 cm (25 : 10).

Vediamo ora le tele più diffuse di questa dimensione, e la loro denominazione a seconda della composizione.

LINO
Come già vi avevo detto, qualsiasi ricamatrice professionista vi consiglierà il lino. É una tela fantastica, con i fili un po' granulosi e irregolari, ma che rendono il ricamo unico.
Il lino 25 count è il Dublino: il costo rispetto alle altre tele è più elevato in quanto il lino è naturale e pregiato. Consigliabile se volete creare qualcosa di unico e duraturo, ma se volete risparmiare un po', oppure se vi serve una tela di questa dimensione per fare quadri o ornamenti, ci sono altri tipi più economici fra cui scegliere.

COTONE
La tela di puro cotone che si avvicina a questa dimensione è la Linda (10,7 fili per cm). Tuttavia non ve ne parlo perchè non l'ho mai usata, se qualcuno la conosce e la usa regolarmente me lo faccia sapere.

TELE MISTE
Feinfloba (70% viscosa, 30% lino) è una tela morbida, dall'effetto grezzo naturale e un pochino irregolare come il lino. Non fa lo stesso effetto ma è un'ottima sostituta, più facile da stirare.
Lugana (52% cotone, 48% viscosa) non contiene lino ed è perfettamente evenwave, ha cioè i fili regolari (stesso numero di fili per cm sia nella trama che nell'ordito), le crocette vengono dei quadrati perfetti. Unico problema: tende a sfilare, bisogna sempre orlare o cucire un zigzag sui bordi per non restare senza stoffa. Io la trovo perfetta per il ricamo a 1 filo.
Ecco attenzione: la Lugana l'ho messa qui, ma in realtà c'è di tante dimensioni, anche di 20 e 28 count.

Le tele 28 count o 11 fili

La tela 28 count contiene circa 11 fili per cm, ciò significa che ci stanno 5,5 crocette per cm se ricamiamo a due fili (corrisponde infatti a un'aida 55), o 11 crocette se ricamiamo a 1 filo. Per calcolare le misure dello schema vale lo stesso discorso di prima, numero dei punti dello schema diviso 5,5 se ricamiamo a due fili, oppure numero dei punti dello schema diviso 11 se ricamiamo a un filo.
Vediamo le tele più diffuse di questa dimensione.

LINO
A seconda delle marche cambia anche il nome della tela, vi metto quelle che conosco.
Cashel (Zweigart)
Emiane (DMC)
Riviera (Graziano)
Io uso quasi esclusivamente la Zweigart, ma solo perchè è quella che trovo nel negozio. Penso che sia ottima, ma la più rigida, apprettata, quindi se siete abituate a tele morbide, se volete, scegliete un'altra marca, ad esempio la DMC. Se potessi comprerei le tele dei Fratelli Graziano, mi piacerebbe poter contribuire a mantenere un'azienda italiana di così alta qualità, ma nelle mercerie di zona non le trovo più e online compro su un unico negozio per non avere troppe spese di spedizione, quindi devo accontentarmi. A casa ho ancora qualche taglio di Riviera che avevo preso in passato, mi piace tantissimo.
Come per la 25 count, il lino è la tela più bella e pregiata, ma anche più costosa, vediamo le varianti più economiche.

COTONE
Etamine ecco spesso confondiamo l'Emiane con l'Etamine. Ricordiamoci sempre che l'Emiane è di lino e l'Etamine di puro cotone. 

TELE MISTE
Brittney Lugana (52% cotone, 48% rayon) è una tela che uso spesso, ultimamente a 1 filo, perchè è così regolare che è facile ricamarla. Unica pecca, sfila ed è un po' grossa, quindi se fate orli e angoli risulta cicciotta.
Jazlyn (52% cotone, 48% viscosa) è simile alla Brittney ma molto più morbida. Stessa pecca della Brittney. Facilissima da stirare.
Mischia intima (ordito 100% cotone, trama 80% cotone 20% lino) è una tela che ho trovato solo della DMC. Molto bella da vedere, con un colore un po' grezzo, i ricami risaltano benissimo, però ha, secondo me, delle pecche: è molto rada, quindi se dovete fare tovaglie o tovaglioli preferite altro, inoltre, se la lavate, restringe e si storce, quindi è meglio lavarla prima di ricamarla.
Trento (45% cotone, 55% modal): a differenza delle altre tele, questa è meno regolare, ha i fili granulosi come il lino (a prima vista sembra proprio lino), a tratti con fili grossi, perciò non la vedo molto adatta al ricamo a un filo, ma è un'opinione personale.

Ecco, riassumendo: il lino lo preferisco sempre, ma ogni tanto do un'occhiata al portafoglio e, se devo fare quadretti o ornamenti, come vedete dal mio blog,  mi butto sulla Lugana per i lavori a un filo (ci sono dei colori bellissimi), sulla Brittney per tovagliette. Tuttavia non vi ho ancora spiegato le mie tele preferite, perchè ne parleremo le prossime volte: ci sarò un post sulle 32 count, uno sulle 35 e uno sulle 40. Alla prossima :)

Commenti

  1. Grazie cara Irene del prezioso contributo. Lo terrò da parte per consultarlo, al bisogno e...mi succede spesso di avere dubbi!
    Un abbraccio e buon fine settimana
    Susanna

    RispondiElimina
  2. Trés instructif,on a souvent des doutes,on ne sais pas ,car manque d'explications sur les sites internet!
    J'ai été ravis de lire ces explications.
    Merci a vous
    Doux week end Iréne

    RispondiElimina
  3. Irene sempre utili questi info-post ; buona domenica piena di crocette 😸

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene! Grazie mille per queste informazioni... spesso anch'io mi confondo, anche se utilizzo quasi sempre il lino 28 o 32 count della Zweigart, ovvero il Cashel e Belfast. Un saluto ed a presto.
    Fanila

    RispondiElimina
  5. uh, io non sono brava, riesco a fare punto croce solo su tela a quadretti! Buona domenica!!

    RispondiElimina
  6. Ire tutto perfetto...è utilissimo avere queste linee guida!!! Domanda...la mischia non era della tessitura chierese? Io prima la utilizzavo tantissimo, ora prediligo più il belfast 32ct, l'Edimburgo o New castle...anche se ho provato un taglio di lino Conti e Molinari 32 ct spettacolare....te lo consiglio!!!
    BacIone e buona domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì è della Tessitura artistica Chierese, l'ho trovata distribuita dalla DMC :)

      Elimina
  7. Great description, thank you!

    RispondiElimina
  8. grazie Irene!! non sai quanto prezioso è per me questo lavoro che stai facendo....<3
    mi si sta aprendo un mondo e finalmente ne capisco un po' di più!!!
    grazie di cuore!!
    :*
    Ps: complimenti per il ricamo e la realizzazione...io non ne sono capace :(

    RispondiElimina
  9. Great information! I was always curious on the differences of Dublin, Cashel (my favorite) and Lugana other than fabric counts.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Santa & Rudolph

Poteva mancare Lucie Heaton tra i miei ornamenti natalizi? Certo che no! É arrivata con Babbo Natale e la simpatica renna dal naso rosso. Poi vi segnalerò un sito che vi aiuta ad abbellire e rendere più funzionale il vostro blog anche se non siete social, infine parleremo di gratitudine.

Vi chiederete cosa ne farò di tutti questi ornamenti: li aggiungo ai piccoli regali per amici e colleghi. A me diverte farli, e poi smaltisco gli avanzi di tele e filati. Inoltre, cosa molto importante, non sono impegnativi, lasciano un bel ricordo e non obbligano il ricevente a ricambiare il regalo. In questi giorni nei negozi di oggettistica si trovano campanellini, pigne, piccoli globi, bacche, nastrini, tutto a poco prezzo. Vi consiglio di acquistare qualcosa, impreziosiscono un ricamo o un semplice fiocco rendendo il tutto più nataloso 🎄
Schema di Lucie HeatonSanta & Rudolph tratto dalla rivista The World of Cross Stitching, n. 235 2015 (se siete iscritte al sito potete scaricarlo anche qu…

Festive Fizzy and Little Robin

Oggi due cose veloci: un ornamento con protagonista Fizzy Moon e un piccolo pettirosso ciccione di Durene Jones che originariamente doveva essere natalizio e invece è diventato il mio portachiavi.

É troppo divertente creare gli ornamenti, quasi mi dispiace che stia arrivando Natale, poi devo riprendere lavori lunghi... Intanto ecco qui Festive Fizzy, l'orsetto che ha preparato tanti bei pacchettini da mettere sotto l'albero.

Gli schemi nati per le cartoline sono perfetti per i piccoli lavori.
Schema Festive Fizzy tratto dalla rivista Ultimate Cross Stitch Christmas 2017 Tela aida 55 Zweigart (14 count) colore bianco Filati DMC Mouliné Poteva mancare un pettirosso? Quanto amiamo questo uccellino? Io lo trovo adorabile con il suo petto tutto rosso. Ogni inverno torna nel mio giardino e mi fa pensare al Natale :) Quando ho visto questo free di Durene Jones (sulla sua pagina facebook o condiviso sulla mia), l'ho stampato in un secondo e l'ho ricamato subito.

Doveva essere…

Nordic Noël parte prima

Anche in questo Natale non può mancare qualcosa di nordico, qualcosa che faccia pensare alla tradizione, al rosso, al bianco, e allora ecco gli ultimi ornamenti che sto cucendo, di Lucie Heaton. Poi parliamo di qualcosa di molto attuale: cosa regalare a una ricamina?

Cosa c'è di meglio di babbi Natali tradizionali? Questi fanno parte di una serie di quattro, per ora i primi due. Me li ero segnati da fare da ormai così tanti anni... giacevano tristi e sconsolati nel contenitore degli schemi. Poi un guizzo, li ho tirati fuori, erano perfetti per un avanzo di lino ecru con cui non sapevo cosa fare.


E finalmente mi sono pure ricordata di firmarli con la mia sigla! Sapete che mi dimentico sempre di farla? E invece è importante, purchè sia piccolina, elegante e non invasiva, è un segno personale che è bello che rimanga.

Li ho rifiniti con nastro e campanellino, ma starebbero benissimo anche su un biglietto. Schema Nordic Noël di Lucie Heaton tratto dalla rivista CrossStitch Collection