Passa ai contenuti principali

Alla fine un nuovo inizio e continuiamo con i consigli


Care ragazze,
non ci crederete ma, dopo un millennio che avevo acquistato i materiali, ho deciso di iniziare il Christmas Snowfriends Banner di Stoney Creek! 👀 Proprio questo qui!


Ho detto iniziare eh? Sarà un lavoro lungo che mi accompagnerà per tanto tempo, ma se non lo preparo adesso (vi confesso che mi fa un po’ paura, ultimamente vado di lavori piccoli) come faccio a finirlo? Chissà che con il vostro supporto ci riesca. Lo so, lo so, Natale è passato, dovrei pensare ad altro, ma ho questo progetto che giace triste nel mio cestino, non posso più ignorarlo, ne va della mia dignità di crocettina! E quindi... tadaaaaa


Perciò statemi vicino!
Intanto, visto che non ho altro da mostrarvi, continuiamo con la carrellata di consigli tratti dal manuale base di ricamo. Su questi due capitoli riassumo un po’ e parlo solo di ciò che riguarda noi crocettine: gli schemi.

Cosa ci viene in mente innanzi tutto? Beh, il copyright. Il libro è americano, ogni Paese ha la sua legislazione, tuttavia una cosa vige ovunque: gli schemi in vendita vanno comprati, quelli free possono essere scaricati ma non modificati e venduti. Detto questo, tra i designers vige un po’ di confusione: qualcuno specifica che non bisogna fotocopiare in nessun modo lo schema senza il permesso del disegnatore stesso; qualche altro scrive che si può fotocopiare solo per uso personale; altri non scrivono nulla. Le esperte consigliano di usare sempre lo schema originale oppure, se vogliamo fare una fotocopia “di lavoro”, di chiedere cortesemente il permesso al disegnatore. Beh, allora, non so, mi sembra un po’ esagerato inondare di richieste i disegnatori per una fotocopia personale che ci agevola il lavoro, penso che la facciamo tutte, no? Che sia implicito, una volta che acquistiamo lo schema, che se è stampato troppo piccolo e abbiamo bisogno di ingrandirlo, oppure non vogliamo rovinare l’originale, che una copia sia lecita. Tanto poi, una volta finito il lavoro, verrà distrutta. Personalmente, tendo ad usare quasi sempre l’originale, soprattutto se lo schema è a colori: la fotocopiatrice li falsa e faccio fatica a distinguerli. Ma i libri… quelli belli da collezione, si rovinano a tenerli aperti, e poi spesso prendo appunti, quindi la fotocopia personale ci sta.

A tal proposito, un consiglio per chi pastrocchia gli schemi e segna i progressi: usate la matita, non penna o pennarello. Perché capita di sbagliare e, se dobbiamo disfare un pezzo, almeno possiamo cancellare i nostri segni con la gomma senza fare confusione.

Il libro passa poi ad elencare i metodi per trasferire lo schema sulla tela, riferendosi al ricamo tradizionale. Lo tralascio sottolineando solo un fatto, perché spesso le penne con l’inchiostro che svanisce con l’acqua o con il calore le usiamo anche noi per tratteggiare la stoffa: stiamo bene attente alle penne che usiamo, perché alcune, anche se al momento sembrano svanire, in realtà non vanno via completamente o permanentemente, quindi scegliamo materiali di qualità e ben testati (casomai facciamo delle prove). Ad esempio: in rete consigliano la biro Frixion (si trova anche nei supermercati nel reparto cancelleria), ma pochi specificano che sarebbe meglio usarla con l’inchiostro rosso o nero, non blu (non svanisce permanentemente). Secondo voi, io di che colore l’ho comprata? 😒 Ecco.

A questo punto, passiamo ad un argomento correlato: personalizzare lo schema o farne uno proprio.
Regola fondamentale: usiamo fili, tele e punti che ci piacciano veramente! Se odiamo un ricamo, un colore o altro, cambiamolo! Ed eccoci al nocciolo della questione: seguire pedissequamente ciò che consiglia il designer o fare di testa nostra? Possiamo sicuramente rendere più “nostro” un ricamo, ma se cambiamo, ad esempio, il colore di un filo, facciamo bene attenzione che abbia lo stesso valore dell’altro nel disegno, che non lo stravolga (ad esempio, se è un giallo che deve creare un punto luce, come un raggio di sole, se mettiamo un marrone non avremo lo stesso effetto). Raduniamo tutti i fili consigliati e guardiamo che effetto fa l’insieme. Poi sostituiamo la matassina che non ci piace con quella nuova: ci soddisfa oppure no? Ne dobbiamo cambiare altre per avere lo stesso risultato? Sapete che un solo colore può accrescere il valore del ricamo ma anche rovinarlo? Perciò pensiamoci bene e quando facciamo le nostre ipotesi, accostiamo un capo di filo alla tela, non tutta la matassina, con la luce il colore del filo singolo cambia.
Un grandissimo aiuto arriva dalle cartelle colori: anni fa io ho comprato la cartella DMC (dopo varie ponderazioni, non è che costi pochissimo, eh? E ho preso la DMC essendo il filato che uso di più, non per motivi di qualità ma puramente economici) ed è il miglior acquisto che abbia mai fatto. Mi aiuta, non solo nei cambi di colore, ma anche ad acquistare meno, usando colori simili invece di fili che non ho. Un aiuto fondamentale lo possiamo avere anche dalle amiche ricamatrici, spesso più esperte di noi, chiediamo consiglio, facciamo sondaggi! (Tra l’altro, è pure un piacere).

E se volessimo invece cambiare il colore della tela? Certo che possiamo farlo, ma teniamo presente che, probabilmente, dovremmo cambiare anche i colori dei fili!

Ricordiamoci inoltre che, se ricamiamo un cuscino, che dovrà quindi essere lavato più volte, non dobbiamo usare fili tinti a mano, perdono il colore! Teniamoli piuttosto per i quadri.

Ora torniamo un attimo al copyright: se facciamo qualche modifica allo schema, anche solo un cambio di colore, questo non ci porta a diventarne proprietari eh? Non diventa il “nostro” schema e quindi non possiamo venderlo o diffonderlo. E se abbiamo tempo, mandiamo la foto della nostra opera al disegnatore, la apprezzerà molto! (Non ho ancora conosciuto nessuno che mi abbia criticato per aver personalizzato un ricamo).

Allora, questi piccoli appunti, vi sono utili? Prossimamente arriveranno anche gli altri, e teniamo a mente che ricamare dev’essere una gioia, non una frustrazione, quindi niente fretta e tanto relax! Anche perchè, non so voi, ma questa fine anno per me è veramente frustrante, me ne sta succedendo una al giorno! E il bello è che avevo preso ferie per riposarmi! Ma ce la faremo! 😃

Causa connessione ballerina non riesco tanto a girare per i vostri blog, ma rimedierò sicuramente.

Commenti

  1. ciao e buon ricamo. Buona continuazione delle feste.

    RispondiElimina
  2. Irene cara, molto bello il progetto che hai iniziato e che ti accompagnerà per quest'anno fino al prossimo Natale! Certo che ti seguirò con interesse, come sempre.
    E grazie ancora per le notizie che ci offri.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  3. È impegnativo ma vale tutte le X-ette. Io ho aperto il mio blog lavorando il banner, e ci ho messo tutto l'estate per qui adesso sei più in tema di come ero io.
    Buone X-ette, di certo ti tengo d'occhio e tropo belo per farmelo sfuggire durante il lavoro.
    Un caro saluto,

    RispondiElimina
  4. Oh, what a great project you chose for next year's stitching. Stoney Creek has been one of my favourite designers, I always have one of their projects on the go.
    Good points you are mentioning about copyright etc.

    RispondiElimina
  5. Che bel progetto hai deciso di iniziate non vedo l ora di vedere i tuoi progressi .
    Buon anno

    RispondiElimina
  6. Ciao Irene,
    ti sei imbarcata in un lavoro bello tosto, ma sono sicura che riuscirai a portarlo a termine per il Natale 2017.

    RispondiElimina
  7. Beautiful start, I love your fabric choice!

    RispondiElimina
  8. Lovely start , Happy New Year .

    RispondiElimina
  9. Bello il banner! Il mio al momento è appeso fuori dalla porta!!

    RispondiElimina
  10. ma sì che ce la fai dai!

    RispondiElimina
  11. Hai scelto un super ricamo, anche io quest'anno ho scelto un ricamo stoney creek... un ricamo che mi terrà impegnata un bel po'. Buon inizio anno a te ed alla tua famiglia

    RispondiElimina
  12. accipicchia! bello impegnativo...ti farà compagnia nel 2017....auguri

    RispondiElimina
  13. Your new start looks so wonderful.
    All the best for upcoming new year!

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia di ricamo hai iniziato...il prossimo Natale saremo tutte qua a vederlo finito!!grazie per la lezione sempre interessante e utile!!auguri di cuore per il nuovo anno!!

    RispondiElimina
  15. wow! che ricamo impegnativo, ma ce la farai, vedrai!
    buon anno!

    RispondiElimina
  16. Brava io non riesco a prendere in nano lavori così impegnativi, sono certa che c'è la farai alla grande.....e grazie per i consiglio, buon anno! MGrazia

    RispondiElimina
  17. Irene!!!! intanto auguri di un crocettoso 2017!! e poi complimentissimi per il meraviglioso ricamo che hai iniziato... è stupendo!!! mi piacerebbe tanto farlo...e chissà che prima o poi non mi butti anch'io in quest'avventura...intanto ammiro i tuoi progressi ;)
    e poi ... ancora grazie! per i consigli che sono sempre preziosi ;)
    un abbraccio affettuoso
    <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

WIP marino e Guest Post per blog di ricamo!

Siete già in vacanza? Io no, ma ricamo granchi e pesci per pensarci 😄. Perciò vi farò vedere il mio WIP (gli schemi sono di Durene Jones) e poi parleremo di un'opportunità del web: il guest blogging! Infine un'iniziativa della Ele per smaltire le scorte!


Non sono simpaticissimi? Mi mancano un altro pesce e una tartaruga. Li ho iniziati senza sapere cosa farne, avevo degli avanzi di aida azzurra della dimensione perfetta. Poi ho pensato di fare una specie di fuoriporta con le conchiglie (che in realtà è già pronto), devo solo inventarmi come cucirli. Perciò restate connesse!

Schema di Durene Jones pubblicato su Cross Stitch Crazy n. 240 2018
Tela aida 64 (16 aount) Zweigart color azzurro
Fili e Filati DMC Mouliné Guest post: un'opportunità per tutti! Care ragazze, avendo un blog da più di qualche anno, ed amandolo tanto, ogni tanto mi fermo a leggere articoli su come migliorarlo. Lo so, non si vede, e il motivo principale è che ci vuole così tanto tempo per essere ordinata…

Solo WIP causa caldo :)

Ragazze sono un po' a rilento, sarà per il caldo? Ricamo poco quindi oggi vi farò vedere il mio WIP di broderie suisse angurioso. Poi una cosa importantissima, come riavere le notifiche via mail dei commenti del blog! Due parole sui tessuti da ricamo, infine tanto divertimento con i giochi online di punto croce.

Uh, non pensavo che sarebbe venuta così bene, l'ho iniziata un po' a caso perchè questo schema free di Mary Corbet l'ho trovato fresco ed originale rispetto alla broderie suisse tradizionale, figuratevi che non avevo nemmeno calcolato la stoffa, i bordi, i punti, niente! (Non si fa, eh? Le brave ricamine sono precise precise). All'inizio mi annoiavo pure, ma quando ho fatto una fetta d'anguria e ci ho aggiunto i semi a punto margherita me ne sono innamorata!


Sarà un lavoro lungo perciò lo vedrete anche nel prossimo post, ma è già bella, vero?
Schema di Mary Corbet free sul suo blog qui
Tela Adige Grigoletto color rosso acceso
Fili e Filati DMC Retors d&…

E niente, ancora WIP :)

Ce l'ho messa tutta ma neanche oggi ho qualcosa di finito da mostrarvi, quindi dovrete accontentarvi del work in progress della mia tovaglietta in broderie suisse. Poi parleremo di idee regalo per ricamine, di ansia e talento, infine ci saranno dei bellissimi free.


Ho fatto la parte speculare e il bordo, ma manca tutto il resto! Questo perchè, per complicarmi la vita, vorrei fare delle modifiche e, al posto delle foglioline verdi, farò delle olivette incrociate bianche. Mancano inoltre tutti i punti quadri, quindi mi servirà un'altra settimana.


Ma se si vogliono fare bene le cose occorre calma, quindi vai con gli altri punti! Schema di Mary Corbet free sul suo blog qui
Tela Adige Grigoletto color rosso acceso
Fili e Filati DMC Retors d'Alsace #8 Idee regalo per ricamine Non è Natale, non è neanche il nostro compleanno, ma noi ricamine amiamo coccolarci e farci piccoli regali, vero? Allora, anche se ne avevamo già parlato in passato, grazie allo spunto del post di Lord Libi…