Passa ai contenuti principali

Riprendiamo...

Ciao ragazze, avete passato un buon Natale? Avete cucinato per un esercito e la vostra pancia è piena? Rivisto tutti i parenti? Naturalmente in questi giorni c’è poco spazio per il ricamo, ma in fondo va bene prendersi una pausa ogni tanto, poi si ricomincia con più lena ed entusiasmo.
Oggi non ho niente da mostrarvi, sto blandamente continuando il mo banner Rico Design


tanto sarà appeso l'anno prossimo ormai, ma più che altro sto facendo pulizie tra i materiali: per non essere fagocitata dalla mia passione e sentirmi in colpa, sto vagliando gli schemi. Ho deciso di regalare alla mia amica quelli che ho già ricamato e so per certo che non farò mai più (soprattutto quelli importanti e impegnativi): è bello collezionare schemi, ma a un certo punto bisogna fare una scelta, no? Le darò anche quelli che in un raptus di follia ho acquistato ma che ora non mi piacciono più, tanto non li farò mai. Se avrò tempo poi passero alle riviste e ai libri. Dovrei decidermi a farlo anche con le tele, vedremo se ci riuscirò. 

Nel frattempo, vi ricordate il manuale di ricamo che ho condiviso? Ho iniziato a leggerlo e, come promesso, vi scrivo qualche consiglio interessante che ho imparato. Essendo un manuale di base, parte dall’ABC, tuttavia, anche se siamo più esperte, certe piccole fondamentali regole tendiamo a dimenticarle, quindi è bene ripassarle, no? 

La prima è la pulizia. Prima di iniziare a ricamare è bene controllare che tutti gli strumenti siano ben puliti: tavolo, forbici, telaio, filati e, soprattutto, le nostre mani. Dovremmo lavarle bene con acqua e sapone (alcune utilizzano un igienizzante) senza usare crema idratante oleosa. Meglio sarebbe non usarla affatto, tende e ungere, oppure acquistare quella apposita per ricamatrici (io non l’ho mai provata, non saprei consigliarvi). Sarebbe utile tenere nel nostro cestino da lavoro delle salviette umidificate, soprattutto durante l’estate in cui le mani tendono a sudare, avendo l’accortezza di lasciar asciugare bene la pelle dopo averle usate. 

La seconda regola è quella di radunare tutti i materiali necessari al progetto in un unico posto, magari il nostro cestino preferito. Tutto deve essere bene in ordine, soprattutto i filati. Le ricamatrici sono felici già a vedere l’occorrente, non solo il ricamo finito. 

Poi passiamo al comfort. Eh sì, non ce ne accorgiamo ma le ore passano, quindi dobbiamo scegliere una sedia confortevole e adatta, in modo che ci permetta di tenere le spalle aperte, dritte e rilassate, i piedi ben appoggiati al pavimento o su uno gabellino, a scelta nostra. La comodità è importantissima per evitare dolori. Ecco, io questa regola proprio non la rispetto: ricamo prevalentemente affossata nel divano e dopo qualche ora mi rendo conto di avere le spalle curve e le gambe doloranti. Devo assolutamente rimediare, altrimenti fra qualche anno mi ritrovo ad essere il gobbo di Notre-Dame!! 

Anche se siamo comodissime, dobbiamo prenderci delle pause. Almeno una all’ora, con un po’ di stretching per le spalle e due passi per sgranchire le gambe e far circolare il sangue. 

Un’altra regola importantissima è accertarsi che i nostri fili abbiano colori solidi. Prendiamo un pezzettino di filo, lo immergiamo in acqua tiepida, e poi lo appoggiamo su una salvietta bianca: avremo la prova del nove. Teniamo presente che i filati tinti a mano non hanno colori solidi, quindi usiamoli solo per i ricami che non andranno lavati, ok? 

Chi ricama in compagnia, con le amiche, ai seminari o ai corsi, si ricordi di marcare i propri oggetti con la sigla o con il nome, per evitare “disguidi” :) Ricordiamoci di farlo prima di iniziare il corso o di recarci dall’amica. 

Infine un suggerimento: prendiamo il nostro tempo e ricamiamo un pochino ogni giorno. In questo modo riusciremo a realizzare i nostri desideri e a finire i lavori senza frustrazioni. 

Quindi, riassumendo: pulizia, ordine, comfort, materiali di qualità e tanta gioia!! Alla prossima con qualche altro ghiotto consiglio :)

Commenti

  1. Irene che belle cose hai scritto! Sembra che ognuna di noi le dia per scontate invece sono importantissime per una buona esecuzione del proprio ricamo!
    E quel banner che stai facendo, come ti ho già detto, ha dei colori splendidi.
    No, per ora crocette riposte, troppo da fare in casa. Chissà ora che sono ripartiti...?
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  2. Mi piace Irene questo riassunto di regole per ricamatrici. Le trovo utili e soprattutto l'ordine mi da più sicurezza.

    RispondiElimina
  3. In teoria ovvie e scontate....ma e' un bene ricordarle

    RispondiElimina
  4. Ciao Cara Irene,
    bellissimo il ricamo che stai facendo e molto utile anche il post che hai scritto coi consigli per ricamare.
    Quello di riposare ogni ora è uno dei pochi che seguo perchè dopo un pò dato che stò seduta scomoda mi viene il mal di schiena ^_^

    RispondiElimina
  5. Utilissimi i consigli che ci hai dato, l'unica cosa che ancora non faccio è ricamare un po' ogni giorno, ma da quest'anno mi impegno. Io il repulisti l'ho fatto qualche tempo fa, ho diviso tra mia madre e le mie sorelle materiale che io non utilizzerei più... bello il runner finito farà un figurone.

    RispondiElimina
  6. Ottimi consigli ,grazie per aggiornarci sempre con i tuoi post trovò sempre cose utili qui da te .
    Il tuo ricamo sta procedendo molto bene buon lavoro

    RispondiElimina
  7. Ciao Irene!
    E' vero,ogni tanto bisogna fare un po' di decluttering anche con schemi e via dicendo...Bello il banner,i colori sono belli,delicati.
    Ti auguro un buon Anno Nuovo!
    Un abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  8. Vela il tuo bene!
    Felice Anno Nuovo!

    RispondiElimina
  9. Ma che bella questa lezione....mi piace l'idea di ricamare un po anche poco tutti i giorni e voglio riuscirci!!Mi piace molto il tuo ricamo su quel bellissimo banner arancione!!Un abbraccio e aspetto la prossima lezione!!Un bacione

    RispondiElimina
  10. Ottimi consigli .... ogni tanto da ricordare!! 😀😘

    RispondiElimina
  11. You are right, collecting charts is a nice thing to do but after a while you realize that it has become too much. Next year I plan to give away some designs that I won't stitch or that I have already stitched. And no more buying ....

    RispondiElimina
  12. It is so hard to resist the latest stash purchase or must have :)
    I am always trying to stitch from stash, it would be nice to stick to it...

    RispondiElimina
  13. Le regoline sono poche e vanno rispettate per avere un lavoro pulito e ricamare in tutta comodità con tutto ciò che ci serve accanto a noi.
    Buone feste
    Barbara

    RispondiElimina
  14. Great post and good reminders about stitching. I need to stitch from stash as well, and stop stashing. :)

    RispondiElimina
  15. Certe cose si danno per scontate e non lo sono affatto...hai fatto benissimo a rammentarci l'Abc!!!!!
    Che bello però... ci aspetta una annata carica di progetti e xxx!!!
    Un abbraccio cara!!!

    RispondiElimina
  16. Mi piace il tuo banner, e anche questo schema della Rico!! Grazie x i consigli sempre molto utili!!

    RispondiElimina
  17. Great ideas! Lovely stitching so far :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

I Sewing Set non bastano mai: arrivano le zucche!

Settembre è un mese importante, un inizio anno per chi va a scuola e per tutte noi che pensiamo alla prossima stagione, vero? Oggi vi mostrerò un set per il cucito creato per caso con i più piccoli avanzi. Poi penseremo alla scuola che inizia, vedremo un paio di Secret Stitch Along in partenza, infine una divertente sorpresa!

Non sono l'unica che considera il mese di settembre come un capodanno, vi vedo che preparate progetti, fate nuovi propositi e mentalmente siete già proiettate verso l'autunno e il Natale. Io lo faccio ad agosto, fate voi! 
Veniamo al ricamo. Ricordate che tempo fa ho preparato un Sewing Set con un free di The Little Stitcher? Quello è per inizio autunno, ma per novembre... beh, novembre significa zucche, no? Sempre sullo stesso post avevo condiviso qualche free, in particolare questo. Per le zucche bianche ho proprio un debole, dovevo assolutamente ricamarle! Avevo giusto giusto un avanzino di lino color arancio, in modo da creare la sorpresa dell'in…

L'attesa è finita: un runner con i pattini!

Ragazze, quanto vi ho fatto aspettare? Oggi finalmente vi farò vedere il mio runner per l'inverno con fiocchi di neve e pattinatori Rico Design! Poi parleremo di Halloween (di già?!) con qualche free per prepararci per tempo ma, dato che ci siamo, anche qualche free per l'autunno e una novità CCN.


Ve ne ho parlato fino allo sfinimento del mio runner di cui sono tanto orgogliosa (meno orgoglio per come fotografo!!) e oggi ve lo mostro finito! Questo schema lo amo così tanto che l'avevo già ricamato in passato su una banda di lino, ma non gli avevo fatto le foto e lo avevo regalato. Così ho deciso di farlo su un lino riviera quadrettato Graziano (ricamo italiano!) che avevo lì dalla preistoria! I quadretti color ecru danno profondità e smuovono il ricamo, dovrei usare questo tipo di lino più spesso!

Lo schema l'ho tratto dallo stupendo libretto Rico Design n. 108 Wintermärchen, è uno vecchiotto quindi ha le conversioni con i filati DMC e Anchor corrette. Si trova ancora…

Il caffè è sempre una buona idea

Care amiche, ve li avevo annunciati e oggi vi mostrerò i portachiavi per le chiavette dei distributori del caffè che ho ricamato con lo schema di Emma Congdon. Poi riprendiamo il discorso del ricamo ecologico ed ecosostenibile con Lord Libidan e ci sarà un nuovo SAL natalizio e dei free.

Visti questi schemi sulla rivista Cross Stitch Crazy, li ho subito messi tra i lavori da fare, perchè avevo delle idee: erano perfetti come portachiavi per le chiavette dei distributori automatici. In origine sono stati pensati per dei copritazza in feltro, ma noi non siamo abituati ad usare quei contenitori, poi li trovo un po' scomodi, li devi togliere ogni volta che vuoi lavare la tazza.  Proprio per questo gli schemi sono un po' grandi, e ho dovuto usare la tela aida (avanzi e ritagli) più piccola che c'è, la 20 count (o aida 80, ci stanno 8 crocette per cm).

Anch'io ho scelto il feltro per rifinirli, avevo dei colori giusti giusti, e li ho cuciti con un semplice punto festone. Un…