Passa ai contenuti principali

Riprendiamo...

Ciao ragazze, avete passato un buon Natale? Avete cucinato per un esercito e la vostra pancia è piena? Rivisto tutti i parenti? Naturalmente in questi giorni c’è poco spazio per il ricamo, ma in fondo va bene prendersi una pausa ogni tanto, poi si ricomincia con più lena ed entusiasmo.
Oggi non ho niente da mostrarvi, sto blandamente continuando il mo banner Rico Design


tanto sarà appeso l'anno prossimo ormai, ma più che altro sto facendo pulizie tra i materiali: per non essere fagocitata dalla mia passione e sentirmi in colpa, sto vagliando gli schemi. Ho deciso di regalare alla mia amica quelli che ho già ricamato e so per certo che non farò mai più (soprattutto quelli importanti e impegnativi): è bello collezionare schemi, ma a un certo punto bisogna fare una scelta, no? Le darò anche quelli che in un raptus di follia ho acquistato ma che ora non mi piacciono più, tanto non li farò mai. Se avrò tempo poi passero alle riviste e ai libri. Dovrei decidermi a farlo anche con le tele, vedremo se ci riuscirò. 

Nel frattempo, vi ricordate il manuale di ricamo che ho condiviso? Ho iniziato a leggerlo e, come promesso, vi scrivo qualche consiglio interessante che ho imparato. Essendo un manuale di base, parte dall’ABC, tuttavia, anche se siamo più esperte, certe piccole fondamentali regole tendiamo a dimenticarle, quindi è bene ripassarle, no? 

La prima è la pulizia. Prima di iniziare a ricamare è bene controllare che tutti gli strumenti siano ben puliti: tavolo, forbici, telaio, filati e, soprattutto, le nostre mani. Dovremmo lavarle bene con acqua e sapone (alcune utilizzano un igienizzante) senza usare crema idratante oleosa. Meglio sarebbe non usarla affatto, tende e ungere, oppure acquistare quella apposita per ricamatrici (io non l’ho mai provata, non saprei consigliarvi). Sarebbe utile tenere nel nostro cestino da lavoro delle salviette umidificate, soprattutto durante l’estate in cui le mani tendono a sudare, avendo l’accortezza di lasciar asciugare bene la pelle dopo averle usate. 

La seconda regola è quella di radunare tutti i materiali necessari al progetto in un unico posto, magari il nostro cestino preferito. Tutto deve essere bene in ordine, soprattutto i filati. Le ricamatrici sono felici già a vedere l’occorrente, non solo il ricamo finito. 

Poi passiamo al comfort. Eh sì, non ce ne accorgiamo ma le ore passano, quindi dobbiamo scegliere una sedia confortevole e adatta, in modo che ci permetta di tenere le spalle aperte, dritte e rilassate, i piedi ben appoggiati al pavimento o su uno gabellino, a scelta nostra. La comodità è importantissima per evitare dolori. Ecco, io questa regola proprio non la rispetto: ricamo prevalentemente affossata nel divano e dopo qualche ora mi rendo conto di avere le spalle curve e le gambe doloranti. Devo assolutamente rimediare, altrimenti fra qualche anno mi ritrovo ad essere il gobbo di Notre-Dame!! 

Anche se siamo comodissime, dobbiamo prenderci delle pause. Almeno una all’ora, con un po’ di stretching per le spalle e due passi per sgranchire le gambe e far circolare il sangue. 

Un’altra regola importantissima è accertarsi che i nostri fili abbiano colori solidi. Prendiamo un pezzettino di filo, lo immergiamo in acqua tiepida, e poi lo appoggiamo su una salvietta bianca: avremo la prova del nove. Teniamo presente che i filati tinti a mano non hanno colori solidi, quindi usiamoli solo per i ricami che non andranno lavati, ok? 

Chi ricama in compagnia, con le amiche, ai seminari o ai corsi, si ricordi di marcare i propri oggetti con la sigla o con il nome, per evitare “disguidi” :) Ricordiamoci di farlo prima di iniziare il corso o di recarci dall’amica. 

Infine un suggerimento: prendiamo il nostro tempo e ricamiamo un pochino ogni giorno. In questo modo riusciremo a realizzare i nostri desideri e a finire i lavori senza frustrazioni. 

Quindi, riassumendo: pulizia, ordine, comfort, materiali di qualità e tanta gioia!! Alla prossima con qualche altro ghiotto consiglio :)

Commenti

  1. Irene che belle cose hai scritto! Sembra che ognuna di noi le dia per scontate invece sono importantissime per una buona esecuzione del proprio ricamo!
    E quel banner che stai facendo, come ti ho già detto, ha dei colori splendidi.
    No, per ora crocette riposte, troppo da fare in casa. Chissà ora che sono ripartiti...?
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  2. Mi piace Irene questo riassunto di regole per ricamatrici. Le trovo utili e soprattutto l'ordine mi da più sicurezza.

    RispondiElimina
  3. In teoria ovvie e scontate....ma e' un bene ricordarle

    RispondiElimina
  4. Ciao Cara Irene,
    bellissimo il ricamo che stai facendo e molto utile anche il post che hai scritto coi consigli per ricamare.
    Quello di riposare ogni ora è uno dei pochi che seguo perchè dopo un pò dato che stò seduta scomoda mi viene il mal di schiena ^_^

    RispondiElimina
  5. Utilissimi i consigli che ci hai dato, l'unica cosa che ancora non faccio è ricamare un po' ogni giorno, ma da quest'anno mi impegno. Io il repulisti l'ho fatto qualche tempo fa, ho diviso tra mia madre e le mie sorelle materiale che io non utilizzerei più... bello il runner finito farà un figurone.

    RispondiElimina
  6. Ottimi consigli ,grazie per aggiornarci sempre con i tuoi post trovò sempre cose utili qui da te .
    Il tuo ricamo sta procedendo molto bene buon lavoro

    RispondiElimina
  7. Ciao Irene!
    E' vero,ogni tanto bisogna fare un po' di decluttering anche con schemi e via dicendo...Bello il banner,i colori sono belli,delicati.
    Ti auguro un buon Anno Nuovo!
    Un abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  8. Vela il tuo bene!
    Felice Anno Nuovo!

    RispondiElimina
  9. Ma che bella questa lezione....mi piace l'idea di ricamare un po anche poco tutti i giorni e voglio riuscirci!!Mi piace molto il tuo ricamo su quel bellissimo banner arancione!!Un abbraccio e aspetto la prossima lezione!!Un bacione

    RispondiElimina
  10. Ottimi consigli .... ogni tanto da ricordare!! 😀😘

    RispondiElimina
  11. You are right, collecting charts is a nice thing to do but after a while you realize that it has become too much. Next year I plan to give away some designs that I won't stitch or that I have already stitched. And no more buying ....

    RispondiElimina
  12. It is so hard to resist the latest stash purchase or must have :)
    I am always trying to stitch from stash, it would be nice to stick to it...

    RispondiElimina
  13. Le regoline sono poche e vanno rispettate per avere un lavoro pulito e ricamare in tutta comodità con tutto ciò che ci serve accanto a noi.
    Buone feste
    Barbara

    RispondiElimina
  14. Great post and good reminders about stitching. I need to stitch from stash as well, and stop stashing. :)

    RispondiElimina
  15. Certe cose si danno per scontate e non lo sono affatto...hai fatto benissimo a rammentarci l'Abc!!!!!
    Che bello però... ci aspetta una annata carica di progetti e xxx!!!
    Un abbraccio cara!!!

    RispondiElimina
  16. Mi piace il tuo banner, e anche questo schema della Rico!! Grazie x i consigli sempre molto utili!!

    RispondiElimina
  17. Great ideas! Lovely stitching so far :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come si organizza un SAL

Parliamo ancora di SAL? Sì! Ho ricamato poco causa strascichi influenzali, perciò in questo post proseguiamo il discorso: vedremo come e perchè organizzare un SAL, di quale tipo, quali mezzi utilizzare, come portarlo avanti senza abbandoni, i vantaggi e gli svantaggi. Pronte?

Abbiamo già visto cosa sono i SAL, i vari tipi e come partecipare. Ma se volessimo organizzarne uno noi, cosa dobbiamo fare? Come si organizza un SAL Può capitare che tra i vari SAL che ci sono in giro non ce ne sia uno che ci piaccia particolarmente, oppure abbiamo un lavoro lungo che vogliamo assolutamente fare ma ci spaventa affrontarlo da sole, oppure abbiamo la casa piena di UFO e abbiamo bisogno di sprone per andare avanti. Perchè non organizzare noi un SAL tutto nostro?

Vediamo quali sono i passi da compiere.
1. scegliere il tipo di SAL Vogliamo ricamare in compagnia in casa nostra? Se abbiamo già un gruppo di amiche o pensiamo di averne vicine, possiamo creare un appuntamento settimanale o mensile, nell…

Un pavone a punto croce per asciugamani vanitosi

Buongiorno ragazze, eccoci al nostro appuntamento: finalmente ho ricamato qualcosa! Una coppia di asciugamani color vaniglia con un bel pavone Rico Design. Come vedete sono tornata ai ricamabili perchè ne ho da smaltire! Vedremo poi ancora pavoni ma in versione free e un paio di Mystery SAL per chi li ama.

Ma ci credete? Ho ancora ricamabili nell'armadio, pazzesco: ma quanto compravo? Per gli asciugamani poi, avevo una particolare predilezione, infatti acquistavo anche tanti libretti con schemi. Sappiate che non sono finiti! 😦

Questo schema in particolare me l'ero segnato da fare appena lo avevo visto, mi piaceva tantissimo! É pubblicato sul libretto Rico Design n. 142 Bouquet de couleurs e, come al solito, sono segnati solo i filati Rico Design e dobbiamo fare noi la conversione. Allora, siccome è un po' sballata, vi metto quella che ho scelto io se volete farla come me:
Rico    DMC 001     B5200 270     742 059     3776 052     3328 053     347 140     3839 150     792 …

A Little Love: Lizzie Kate per San Valentino

É la settimana di San Valentino. Non so mai se fare qualcosa o no, e se pubblicarlo, perchè a molti questa "festa" fa male, ricordando loro la solitudine. Tuttavia credo che viverla in un modo più largo, considerando l'amore per se stessi e per i propri cari, non solo per un compagno o una compagna, faccia stare meglio. Allora ho ricamato qualcosa e ve lo faccio vedere.


Lizzie Kate! Perchè è una disegnatrice che mi piace, semplice e veloce, colorata, allegra. Un piccolo ricamo, un piccolo amore per ricordarci di volerci bene.

Ho usato i filati DMC indicati, ho solo modificato gli uccellini e il cuore usando degli sfumati che voglio finire e ho aggiunto le perline e i bottoni. Ne ho fatto un cuscinetto applicando l'aida sopra la tela Adige, un cosa semplice, avevo poca voglia di cucire, ma è venuto carino. Schema di Lizzie Kate A little love Tela Zweigart aida 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné Qualcosa di free da ricamare per San Valentino? Ce …