Passa ai contenuti principali

Ancora WIP, tele e un pizzico di furbizia :)

Nel mese di dicembre ho finito tutti i WIP e i SAL che avevo in corso, quindi gennaio è dedicato ai nuovi inizi.
Non poteva mancare una coppia di asciugamani e, il fatto che aspetti il caldo e l’estate si vede dal tema del mio ricamo 😎


Per ora solo un’anteprima, ne riparleremo più avanti.
E poi un po’ di avanzamento del mio Christmas Snowfriends Banner


Schema Stoney Creek Christmas Snowfriends Banner 
Banda di lino Vaupel & Heilenbeck 24 cm colore naturale con bordo rosso 
Filato Rainbow Gallery Treasure Petite pb01 Bright Golg
Filato Rainbow Gallery Treasure Petite pb23 Snow
Bottoni carota

Approfitto di un post di Mary Corbet, per parlare di qualcosa che ho notato anch’io. Mary consiglia alcune piccole lampade (quelle a led, portatili, con la pinza, generalmente usate per leggere libri al buio) che possono essere usate per ricamare in viaggio, nelle sale d’aspetto, o quando si frequentano i gruppi di ricamo. Di una stessa marca e modello, ne ha due: una acquistata in un magazzino generico come lampada per leggere i libri, un’altra acquistata in un negozio specializzato e indicata come lampada per il ricamo. Scontato dirvi che se la prima costa 10, la seconda, ripeto, identica, costa 20. Ecco, questa è una cosa che io avevo appurato per una pinza per occhielli che volevo acquistare qualche tempo fa: dal ferramenta costava 6 euro con 100 occhielli inclusi; in merceria, la stessa, costava 15 euro senza occhielli. E così è per tantisissime cose. Allora vorrei suggerirvi, prima di comprare qualcosa di generico come, appunto, lampade, telai, scatole portaoggetti, spago, pinze o altro, di farvi un giro online su grandi negozi (tipo Amazon, per intenderci) per farvi un’idea dei prezzi e poi, quando i vostri mariti vanno dal ferramenta o nei negozi di bricolage, accompagnateli, non avete idea di quante cose siano le stesse nostre costando la metà. Ricamine con stile sì, tonte proprio no, facciamoci furbe 👀.

Ora torniamo al manuale di ricamo e passiamo ad un altro capitolo: le tele da ricamo. Siccome noi ne avevamo già parlato tempo fa, passo oltre segnalando solo alcuni importanti consigli
  • Spendere o risparmiare? Quando scegliamo la tela per un bel lavoro importante, che deve essere perfetto e duraturo, piacevole da ricamare e con grande effetto, cerchiamo di non economizzare, spendiamo il giusto, e magari un po’ di più rispetto a lavori di minor pregio, aumenterà di gran lunga il valore del nostro manufatto. 
  • Su quale lato ricamare? Questo è un problema che mi affligge costantemente! Riesco a distinguere il lato corretto solo se la tela ha la cimosa, il bordo con il filo colorato, altrimenti faccio davvero una gran fatica. Le esperte, giustamente, dicono che se non lo distinguiamo noi, chi altri mai lo potrebbe distinguere? Perciò, scegliamo quello che per noi sembra corretto, e pazienza se è sbagliato, non lo saprà nessuno. 
  • Tele tinte a mano o no? Beh, sono bellissime, donano un effetto di profondità, muovono il fondo dei ricami, quindi usiamole se pensiamo che siano adatte per il nostro soggetto. Teniamo presente però che, spesso, non hanno colori solidi, quindi facciamo sempre un test se poi il nostro lavoro dovrà essere lavato. E poi, altra cosa importante: prima di acquistare, valutiamo bene se i colori e il disegno vanno davvero bene per il nostro schema, il modo che non lo prevarichino. 
  • Imperfezioni e difetti? Ecco, stiamo davvero attente quando acquistiamo, guardiamo la tela bene aperta, perché ci possono essere difetti, talvolta il lino ha delle imperfezioni, se sono grosse non ci possiamo ricamare. Se compriamo online e ci arriva una tela fallata rimandiamola indietro, è nostro diritto. Se la tela è scontata proprio per questo motivo, forse possiamo usarla per fare piccoli ornamenti, ma facciamo un rapido calcolo se la cosa ci conviene. 
  • Alto/basso o destra/sinistra? Se proviamo a tirare la nostra tela dai vari lati (ad esempio cerchiamo di allargarla tirando con una mano verso l’alto e l’altra verso il basso, oppure con una mano verso destra e l’altra verso sinistra), notiamo che da una parte resta ferma, dall’altra si allarga un pochino. Dipende da che parte è stata tessuta, ovvero se siamo dalla parte della trama o dell’ordito. Allora se, ad esempio, vogliamo ricamare un banner che verrà appeso al muro, con uno schema importante e quindi tanto filo, visto che avrà un certo peso, facciamo in modo di ricamarlo dalla parte corretta, quella più ferma, in modo che, quando sarà appeso, la tela non si allunghi creando delle brutte pieghe. 
  • Appretto? Alcune marche (ad esempio la Zweigart) tendono a trattare chimicamente le tele in modo che siano rigide per ricamare meglio. Se vi trovate male e siete abituate ad una tela morbida, potete semplicemente lavarle. Se invece, col tempo, volete che il vostro ricamo sia sempre bello rigido, allora dovete ricordarvi di usare l’amido o di apprettare ogni volta che lo lavate e stirate. 
  • Diamine, ho tagliato un filo?! Se, mentre ricamate, vi scivolano le forbicine e, per sbaglio, tagliate un filo della vostra tela, non spaventatevi: se quella parte andrà ricamata, infilate un filo nella trama al posto di quello tagliato, e ricamateci sopra normalmente, non si vedrà affatto. Se invece si tratta di una parte che non verrà ricamata, sfilate un filo della stessa tela verso il bordo e, con santa pazienza, sostituite quello tagliato infilandolo al suo posto seguendo trama e ordito. 
  • Accortezze prima di iniziare. A volte acquistiamo tagli di stoffa che non sono belli dritti, quindi cerchiamo il dritto filo, sfiliamolo, ritagliamo bene il pezzo e poi orliamo la tela (a macchina con un semplice zigzag, oppure a mano oppure con scotch acid-free): ci permetterà di non disfare tutta la tela mentre ricamiamo o di trovarci con fili fastidiosi tra le mani. 
  • Quanta stoffa comprare? Beh, ci sono varie regole, tutto dipende se il nostro ricamo andrà incorniciato e quindi servirà un buon margine, oppure se verrà fatto un piccolo ornamento, perciò io mi sento di darvi solo un consiglio: non andate a risparmio. Perché magari cammin facendo cambiate idea su come rifinirlo e vi pentite di non aver lasciato abbastanza margine. Quindi, calcolate l’ingombro del ricamo, quello che vorreste farne e state abbondanti. Se poi vi avanzerà tanta stoffa, si può sempre riutilizzare per biscornu, trovaforbici o altro. Tenete presente anche che se ricamate su telaio, vi servirà abbastanza margine per montarci la tela. Mi raccomando, definite sempre il centro con una piccola imbastitura e poi procedete con il ricamo in base a quello, altrimenti vi potreste ritrovare con un sacco di stoffa inutilizzata da una parte e niente dall’altra. 

Poi vi segnalo che, se tra i vostri obiettivi dell'anno c'è anche quello di aprire un negozio online, Etsy offre quattro lezioni introduttive gratuite, basta iscriversi qui: la prima lezione arriverà via mail il 30 gennaio, le altre nelle settimane seguenti di febbraio.

Commenti

  1. Bella la tua creazione, simpaticissimo il pupazzo di neve con il nasino all'insù!!!
    Ottimi e preziosi i tuoi consigli, grazie mille
    Nadia

    RispondiElimina
  2. Love the work on the banner, what a gem!

    RispondiElimina
  3. Caldo ed estate ne sento il bisogno anche io🌅.
    Il Christmas sta venendo benissimo , ha dei colori che mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  4. Uterák má peknú výšivku, snehuliak je super, veľmi milý...
    Pekný večer,
    A.

    RispondiElimina
  5. Che bello che sta venendo il pupazzo!! Mi piace molto.... grazie per le dritte. smack

    RispondiElimina
  6. Love the banner , and thank you for all those tips .

    RispondiElimina
  7. Sono sempre utili i tuoi consigli, grazie!

    RispondiElimina
  8. Anche io ho un gran bisogno di sole e caldo... belli i tuoi vip

    RispondiElimina
  9. Irene il tuo omino di neve è sempre più bello. Ma anche il ricamo marino sull'asciugamano.
    E tutte le informazioni che ci dai sono davvero preziose.
    Grazie. Buonanotte Susanna

    RispondiElimina
  10. Wonderful progress on your Christmas Snowmen Banner.

    RispondiElimina
  11. Preciosos los bordado seguro que las toallas te lucirán mucho !! tomo nota de tus consejos.
    Besos

    RispondiElimina
  12. Il tuo banner procede bene, e mi piace il ricamo marino dei tuoi asciugamani! Come sempre grazie per gli utili consigli!!

    RispondiElimina
  13. Ciao Irene,
    bello questo post in "contrapposizione".
    Gli asciugamani con il tema tipicamente estivo e il ricamo tipicamente natalizio.
    Mi piace tantissimo!!!!
    E poi entrambi i ricami sono splendidi.
    Non vedo l'ora di vedere i prossimi progressi.

    RispondiElimina
  14. Beautiful progress on both and good ideas!

    RispondiElimina
  15. Bei progetti....bellissimi lavori

    RispondiElimina
  16. Your stitching is very lovely!:)

    RispondiElimina
  17. Beautiful stitching progress :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

A winter wonderland with Fizzy Moon!

Buon anno ricamine! Iniziamo il 2018 con l’ultimo ricamo del 2017 dedicato a un inverno magico. Vedremo così alcuni errori da non fare (che, ovviamente, ho fatto 😎), e un esperimento con fili metallizzati a basso costo ✌. Non possono mancare poi i buoni propositi😀

Allora, care ragazze, come è iniziato l’anno? Siete ancora bellissime e piene di lustrini tra i capelli? Tanto lo so che avete pensato anche ai ricami futuri, non ci possiamo fare niente! Anch’io ho un po’ di idee. Oggi vi faccio vedere questo che ho terminato proprio alla fine del 2017. Vi ho già anticipato che ci sono degli errori e ve li racconto, così se lo volete fare non li commetterete anche voi. Come avete visto si tratta di Fizzy Moon, questo orsacchiotto simpatico che mi piace molto. Quando ho visto il progetto sulla rivista ho capito che lo volevo assolutamente fare, nonostante tutto quel punto scritto che odio (motivo per il quale ricamo poco anche Margaret Sherry). Il problema è questo: sulle riviste i ricam…

Nordic Noël parte seconda

Ragazze siamo agli sgoccioli, manca meno di una settimana! Come siete messe con i vostri ricami? Oggi vi mostro gli ultimi due ornamenti con i babbi di Lucie Heaton e poi con il Natale ho finito!

Allora, siamo al delirio pre-natalizio? Io ho così tanta confusione che non so nemmeno se ho preparato tutti i regali o no! La cosa certa è che con gli ornamenti ho finito! L'anno prossimo spero di non trovarmi all'ultimo come questo, dovrei essere più costante e produrre qualcosa tutto l'anno (potrebbe essere un buon proposito?). Intanto ecco gli ultimi due babbini di Lucie Heaton, vi ricordate i precedenti?



Ora non resta che aspettare e consegnare tutto con tanta allegria!


Schema Nordic Noël di Lucie Heaton tratto dalla rivista CrossStitch Collection n. 217 dicembre 2017 Tela Zweigart Newcastle 40 count color naturale raw Filati DMC Mouliné E dopo il Natale? Ancora non ci pensiamo ma appena una settimana dopo Natale arriva il nuovo anno. Dunque, non vorrei fare consuntivi, conf…

Hot winter!

Il freddo tarda ad arrivare ma intanto ho finito i maglioncini di Madame Chantilly! Ecco gli ultimi due:

E qui tutti insieme:




Ho visto che molte di voi li stanno ricamando, fatemi vedere le vostre versioni. Per chi mi aveva chiesto come li riempio, ho scelto l'imbottitura della Prym, ma va bene qualsiasi marca, anche cotone o avanzi.
Schema di Madame Chantilly Hot Winter
Tela Zweigart Newcastle 40 ct. color naturale
Filati DMC Mouliné 321, B5200, 800, 898
Stoffa Lecien Corporation Scandinavian Christmas di Lynette Anderson
Bottoni Jesse James & Co. Trimming the Tree