Passa ai contenuti principali

Sta arrivando la befana!

Cosa avrò fatto mai per attendere la Befana? Ovvio, la calzetta! 


Visto che ho un po’ di tempo, ci ho messo dell’impegno. Ho iniziato ricamando il free di Sara Guermani (che trovate qui), poi ci ho pensato sopra… cosa farci? Ispirata dai meravigliosi lavori di Marie Suarez ho preso il pannolenci e via! 


Tagliata la calzetta, ricamato a mano libera, et voilà, finita e appesa.


Ora aspetto che passi la simpatica vecchietta e me la riempia di dolcetti 😁
Schema free di Sara Guermani
Tela Zweigart Floba extrafine natural 32 ct 
Fiestafelt di vari colori 
A dire il vero per questa festa c’è un po’ di amore/odio: da una parte mi ricorda quando ero bambina e, con mia sorella, visto che in casa non avevamo il camino, appendevamo le calze (mica quelle corte eh? Lunghissimeeee) sopra la stufa a legna. Mio papà un pochino barava: metà le riempiva con i dolci (anche un po’ di carbone di zucchero, perché qualche marachella la combinavamo ), metà con arance, mandarini e noci per fare volume, ma andava bene lo stesso. Dall’altra c’era anche un po’ di tristezza, perché

L’Epifania 
tutte le feste si porta via 

e quindi bisognava tornare a scuola. Però pazienza, una bellissima consolazione arrivava dal fatto che presto sarebbe arrivato Carnevale.
Qui in Veneto la notte del 5 gennaio c’è la tradizione dei falò (si chiamano Panevin):


si bruciano gli scarti della potatura delle vigne e dei gelsi accatastati in un cumulo sulla cui sommità viene issata la “vecchia” una specie di strega fatta di stracci. A seconda di dove vanno le scintille e il fumo, si vedrà se sarà un anno prospero o no. Nel frattempo si beve vino speziato caldo e si mangiano dolci tipici, tra cui la Pinza, una torta fatta di pane raffermo, uvetta, fichi secchi e semi di finocchio.


Non mi resta che augurare una buona Befana a tutte!

Commenti

  1. molto simpatica la tua calza, complimenti!!! In questo momento assaggerei volentieri un pezzo di pinza, deve essere buonissima!!!! Un abbraccio e buona Epifania Lory

    RispondiElimina
  2. Anch'io non avevo il camino e la befana metteva le calze sotto l' albero , non amo particolarmente questa festività proprio perche segnava la fine delle vacanze .
    Mi piace molto la tua calza speriamo che la vecchina la riempia di🍬🍭🍫🍬🍭🍫🍬🍭🍫🍬🍭🍫

    RispondiElimina
  3. Che bei ricordi Irene! E già, siamo arrivati all'Epifania e con essa si chiudono le feste. Quest'anno volate in un soffio.
    Buona Befana anche a te, la tua calzetta è simpatica, chissà se troverai dolci, carbone o...carbone di zucchero? ;)
    Un baciotto Susanna

    RispondiElimina
  4. What a cute sock you've created, Irene! Wishing you a very happy and healthy New Year!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia la tua calza!!!! Non resta che riempirla di dolci!!!!
    Un caro saluto ed a presto.
    Fanila

    RispondiElimina
  6. Splendida la tua calzina!!!! E che belle tradizioni, grazie per avercelo raccontato!!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
  7. Great sock! Santa always filled ours with socks (for us to wear) and candy and little presents.

    RispondiElimina
  8. Sei fortissima Irene! È stupenda questa calzina. Interessante anche le usanze dalle vostre parti. Un po' come a Zurigo il "Sächsilütä" dove si fa un falò con un omino e dipende quanto ci mette a scoppiare per dirci come sarà l'inverno... 💓🤗

    RispondiElimina
  9. Bella la calza e l'assemblaggio!
    In Friuli si hanno usanze simili, ricordo che da bimba, quando ci andavo anche d'inverno, il "fogaron" mi lasciava a bocca aperta, le fiamme erano altissime e i "vecchi" ci spiegavano come sarebbe stato l'anno appena iniziato, che bei ricordi!
    Buon 2017.
    Mila

    RispondiElimina
  10. Caro Irene,

    La calza è davvero meraviglioso! Amo il vostro traguardo troppo!

    Auguro un meraviglioso anno di anticipo! Buon 2017!♥♥

    RispondiElimina
  11. Excellent finish on the stocking and thanks for the info on your tradition, have fun!

    RispondiElimina
  12. Oh, what a great idea to attach the little Befana to a felt stocking. Looks gorgeous.
    It was nice to read about your traditions.

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Letters for Santa

Dopo la festa del primo maggio e qualche giorno di relax a casa, riprendiamo i ricami. Oggi vi mostrerò qualcosa di natalizio con schema free di The Little Stitcher, poi vedremo un manuale di ricamo tradizionale e un paio di tutorial, infine qualcosa di divertente con i VIP che ricamano.

Con questo caldo ci mancava un ornamento natalizio, no? E allora è capitato a fagiolo questo schema free che The Little Stitcher ha pubblicato tempo fa sul suo blog (sotto trovate il link per scaricarlo). In realtà si trattava di uno schema più grande, ma io volevo fare qualcosa di piccolino per sfruttare avanzi di filo e tela. La foto non gli rende giustizia, è venuto davvero elegante e carino.

Anche se... vi confesso che l'ho cucito un po' storto, ma grazie a passamaneria e nastri si è nascosto il tutto. Letters for Santa Dear Santa schema free di The Little Stitcher che potete trovare alla fine di questo post Tela Zweigart Floba superfine 35 count color Platinum
Fili e Filati DMC Mouliné
Imbo…

Un runner pieno di conigli

Ciao ragazze! So che non è Pasqua ma oggi vedremo il runner di conigli Rico Design, la mia recensione del nuovo libro di Francesca Peterlini sulla broderie suisse, il video tutorial di Vonna per la rifinitura di un ornamento, il nuovo SAL di Sara Guermani e poi parleremo di schemi free sponsorizzati!




Era chiaro che avessi preparato questo progetto prima di Pasqua, vero? Tuttavia non l'avevo nemmeno iniziato, tra tutte le cose che dovevo fare, per questo non c'era posto. Ora, di metterlo via per un altro anno proprio non se ne parlava (non l'avrei fatto mai più), così ho preso il coraggio a due mani e l'ho iniziato!


So che vi piacerà tantissimo, perchè io stessa ne sono entusiasta (non pensavo sarebbe venuto così bene), però vi devo dire alcune cose. Innanzi tutto questo libretto Rico Design l'ho comprato l'anno scorso per sbaglio: ne volevo prendere un altro e ho scambiato numero. Quando l'ho ricevuto, ho deciso di tenerlo ma con poca fiducia: non pensavo …

Be happy!

Oggi inizia la serie delle api, con due ricami bellissimi con schemi di Durene Jones. Vedremo poi la recensione del volume di Aurelle sui biscornu, alcuni record del mondo di punto croce, un elenco di tutorial sui vari punti nodini e qualche informazione in più sul Xmas Xstitch Bauble Project.

Vi avevo anticipato la mia passione per le api dopo che mio cognato a iniziato ad allevarle. Per dargli una mano compro il miele e ne faccio tanti regaletti, quindi vorrei corredarli di un piccolo ricamo a tema: pensavo di fare dei copribarattoli, degli ornamenti, dei portachiavi. Ho raccolto tutti gli schemi di api che avevo in giro e ho iniziato con Durene Jones e sto provando a fare i copribarattoli.


Gli schemi sono davvero carini, con queste api così simpatiche, spero che piacciano. Faccio un po' di fatica a cucire bene il pizzo, voi avete qualche suggerimento? Forse devo solo fare un po' di pratica, ma sugli angoli non sono soddisfatta. Ho guardato qualche tutorial per  farli tondi…