Passa ai contenuti principali

Pesciolini ton sur ton per una cucina trendy

Uno schema vintage per rinnovare la cucina (e smaltire l'ennesimo ricamabile), uno spaventosissimo inizio, la top ten dei consigli per il punto croce per essere ricamine al top, una meraviglia per le fans di Games of Thrones, un nuovo blog da conoscere e, last but not least uno schema free di Renato Parolin perfetto per l'autunno e Halloween! Tutto questo in un post? Sììììì. Mettetevi comode che abbiamo un sacco di cose da vedere.


Partiamo con l'asciugamano, uno di quelli piccolini, per ospiti, che uso anche in cucina per asciugare le mani. Perchè l'ho comprato di questo colore? 👀 Boh. É bello ma difficile da abbinare, ci voleva qualcosa di particolare, no? Magari con un tocco vintage e dei colori a tono? Allora ho sfogliato i miei vecchi librettini Rico e ho trovato All about toweling (da cui anni fa avevo ricamato la parure con le farfalle) con questi pesciolini che, non solo sono davvero facili da ricamare, ma anche velocissimi e belli! Bastano solo quattro colori.


Schema tratto dal libretto Rico Design n. 109 All about toweling
Asciugamano ospite DMC color nocciola
Filati DMC Mouliné : 720, 712, 938, 310

Lo so cosa state pensando: "Ora hai finito di smaltire gli asciugamani, vero?" No 😀 ne ho ancora un paio di coppie. Incredibile, eh? Sono più fornita di un negozio.

Adesso passiamo a qualcosa di completamente diverso e... SPAVENTOSISSIMOOOO! Avete indovinato, parliamo di Halloween e del biscornu che ho iniziato. Dunque, chi me lo ha fatto fare di ricamarlo su tela nera? Il fatto che ne ho visto uno simile creato da una ricamina su facebook e mi è piaciuto tanto. Ho usato la stessa tela, lo stesso filato (un semplice DMC sfumato) ma non ho avuto lo stesso risultato, il suo era perfetto, il mio così e così. Lei era riuscita a fare tutti i teschi scuri e le zucche chiare, io sono andata avanti con il filo come capitava. Tutto sommato non è male, vedremo alla fine.


Vi ricordo che lo schema lo potete scaricare iscrivendovi al gruppo Lakeside Needlecraft e andando nella sezione "file".

Finita la carrellata dei miei lavori, ora vediamo qualche notizia.

La top ten dei consigli del punto croce

Ci piacciono tanto le hit parade, perchè non leggerne una sul punto croce? In lingua originale la trovate qui, io vi faccio un riassuntino. Sicuramente conoscerete già tutti questi consigli, siete delle ricamatrici provette, ma non si sa mai. Partiamo.

 
  1. Mani pulite. Cerchiamo di non sporcare il filo e la tela con le mani sporche, saremmo costrette a lavarlo. L'articolo consiglia di lavare tessuti o filati tinti a mano prima di ricamarli per evitare che passino il colore, ma io lo sconsiglio: se sappiamo che un ricamo andrà lavato, evitiamo filati e tessuti di questo tipo, perdono quasi sempre il colore! Usiamoli per quadri, ad esempio, non per tovaglie o cuscini.
  2. Iniziare con il metodo del cappio (loop method). Allora, ci sono tanti modi per iniziare, questo è uno (lo trovate spiegato in questo video) ed è quello che uso anch'io. L'importante sarebbe non fare nodi (o farne il meno possibile), ma se non ci riusciamo, pazienza, cerchiamo almeno di tenere il retro il più possibile pulito, col tempo e l'esperienza miglioreremo.
  3. Lunghezza del filo. La gugliata dovrebbe essere della stessa lunghezza che c'è tra le nostre dita e il gomito (doppia se si usa il metodo del cappio). Questo evita il formarsi di tanti nodi.
  4. Proteggi i bordi del tessuto. Per evitare che la nostra tela si sfili, possiamo rifinirla temporaneamente con uno zigzag, oppure con dello scotch di carta, o con la colla apposita per tessuti.
  5. Gira il tuo ago. Per quanto cerchiamo di lavorare dritte, siamo sempre portate a fare una piccola torsione con l'ago, il che porta ad un attorcigliamento del filo che crea delle crocette non perfette. Ogni tanto, lasciamo penzolare l'ago con il nostro filo nel vuoto, tornerà dritto da sè.
  6. Controlla lo schema. Guardate sempre due volte lo schema, contate due volte i punti, controllate due volte il tutto, è sempre una noia disfare e gli errori sono in agguato!
  7. Griglia il tessuto. Questo consiglio è per i lavori veramente grandi: grigliare preventivamente il tessuto o acquistarne uno già quadrettato, aiuta tantissimo. Qui e qui si può vedere come fare.
  8. Prova a creare il tuo schema. Ci sono software appositi, ma per una scritta o un disegno semplice basta una carta a quadretti. Qui si vede come si fa.
  9. Usa un telaio. Beh, usiamolo se ti ci troviamo bene, tantissime ricamine ricamano a mano libera. Io lo uso per i lavori grandi, altrimenti niente.
  10. Non preoccuparti delle regole. Non preoccuparti se il tuo metodo è poco ortodosso, se non sai fare un retro perfetto, se compri filati economici e non quelli in seta, se abbandoni qualcosa che non ti piace, non preoccuparti! Fai quello che ti piace, che ti diverte, sperimenta e sii orgogliosa!
  11. Consiglio aggiuntivo: rilassati! Non dimenticarti mai di divertirti e rilassarti. É dimostrato scientificamente che il ricamo giova alla tua salute fisica e mentale. Se hai una brutta giornata, sei stanca e motivata, metti via il tuo ricamo, il giorno dopo andrà meglio. Crea una comunità, partecipa ai gruppi online, pubblica le tue foto, come a te piace guardare quelle degli altri, agli altri piace vedere ciò che fai tu!
Arrivati alla fine. Piaciuto? E non sapete ancora cosa vi aspetta! Andate avanti a leggere e rifatevi gli occhi!

Fans di Games of Thrones?

Che lo siate dei libri (come me) o della serie televisiva poco importa, guardate queste signore cosa hanno creato, un favoloso arazzo con tutta la storia esposto all'Ulster Museum in Irlanda.


Anche se non volete leggere l'articolo, guardate le immagini e i video, li trovo favolosi. Non avreste voluto partecipare anche voi? Io tantissimo!

Galline che crocettano?


Volete conoscere un altro blog di ricamo? Oggi parliamo di Woody (anche lei come Irene ricamina dal retro perfetto) che conosco ormai da tanto tempo e che ha uno stile davvero particolare: nei suoi ricami si percepisce tutta la passione per la montagna, la sua casa e la sua famiglia. Andate a trovarla, fornisce sempre dei consigli utili anche per la tecnica, il suo blog è Le galline crocettano.

Poteva mancare uno schema free di Renato Parolin?

Ovviamente no. Se siete arrivate a leggere fino a qui avete fatto bene, perchè vi segnalo che sul suo blog Renato Parolin ha pubblicato uno schema free con tante bellissime zucche, potete scaricarlo qui (andate fino in fondo al post).

E a proposito di free, date sempre un'occhiata alla mia pagina Facebook, quando posso cerco di condividere gli schemi che le disegnatrici ci regalano.

Commenti

  1. I colori dei tuoi pesciolini mi piacciono. Molto utili i video per iniziare il ricamo con il metodo del cappio ...io faccio sempre passare il filo sotto la tela non so se sia un metodo giusto ma ma mi trovo bene cosi ma potrei provare anche von questo metodo , interessante il ricamo di games of trones dopo lo farò vedere a mio figlio è un appassionato della serie televisiva.
    Ciao Irene a presto

    RispondiElimina
  2. Grazie sei fantastica 😘

    RispondiElimina
  3. Grazie sei fantastica 😘

    RispondiElimina
  4. Tutto bello ed interessante...ma la striscia su GOT batte tutto ! grazie me averla condivisa e pubblicizzata

    RispondiElimina
  5. A me l'asciugamano piace tanto! Metterci dei pesciolini arancioni è stata una scelta super azzeccata. Il free di Parolin l'avevo visto anch'io, è inconfondibile il suo stile, poi le zucche fanno proprio autunno.
    Bellissimo anche il tuo biscornu, secondo me sta venendo bene, con gli sfumati non viene mai allo stesso modo. Io c'ho messo una vita a capire come ricamarli! Stai facendo un ottimo lavoro eh! Infine mi riconosco in tutta la tua top ten e x fortuna non sono l'unica che a volte si stanca del lavoro e lo lascia in disparte o addirittura ne inizia un altro!! Mi rincuori Irene! Buon lavoro

    RispondiElimina
  6. Wow....the GOT tapestry is amazing!
    Love the towels you are working on....super cute now with those little fish.

    RispondiElimina
  7. i tuoi pesciolini...sono davvero una carica di simpatia

    RispondiElimina
  8. wow irene che lungo post, molto ricco.
    complimenti per il ricamo coi pesciolini è delizioso e poi è bello anche il biscornu di halloween ... mi piace molto come ti è venuto

    RispondiElimina
  9. Finalmente sono riuscita a leggere e gustare il tuo post, allora da dove comincio?
    L'asciugamano è veramente carinissimo, scelta azzeccata.
    Game of thrones, che meraviglia!
    Le regole che hai elencato alcune le metto in pratica da anni altre invece sono una dritta, grazie per tutte queste informazione e complimenti per il coraggio di ricamare su una tela nera :-)

    RispondiElimina
  10. ciao, sono tornata a pieno ritmo dopo qualche giorno di mare! Devo tirare fuori anche io la quantità industriale di strofinacci e asciugamani!!! I tuoi pesciolino sono deliziosi e stanno bene in cucina, in fondo ogni tanto li mangiamo volentieri!!!
    Buona giornata
    Barbara

    RispondiElimina
  11. Such an interesting post, Irene. I love these little fish on the towel, and I love their colours.
    Nice Top Ten of stitching tips. The best are #10 and #11 :)

    RispondiElimina
  12. Grazie carissima Irene, per questo bel post.
    Un grande abbraccio
    Susanna

    RispondiElimina
  13. The towel looks lovely with the little fish. I love the Hallowe'en Biscornu, I saw the original and hope to use the same colours for mine.
    Thanks for the link for the Renato Parolin freebie, I have added it to my page of free links.

    RispondiElimina
  14. Wow sei sempre una fonte di idee e nuovi lavori è sempre un piacere seguirti!!!

    RispondiElimina
  15. PASSA A TROVARMI, C'E' UN REGALO PER TE: https://capriccidellaste.blogspot.it/2017/09/premio-liebster-award-2017.html

    RispondiElimina
  16. mi piacciono i tuoi consigli!
    Per la griglia, sto usando la penna frixion... in realtà è la prima volta che ci provo, perché dopo aver ricamato sempre cose piccole, per la prima volta mi sono cimentata in un quadro! Vedremo che ne esce!
    Luisa

    RispondiElimina
  17. Bel Post!! e molto interessante. Mariuccia

    RispondiElimina
  18. Grazie per le utilissime informazioni, io sono una principiante e dopo alcuni lavoretti ho deciso di cimentarmi, purtroppo, su di una tela blu molto scura... Ahimè, vedo pochissimo i buchi, non avreste qualche consiglio da darmi? Grazie!!!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tele scure sono un cruccio, l'unico consiglio che posso darti è lavorare con una buona lampada o di giorno con molta luce

      Elimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come si organizza un SAL

Parliamo ancora di SAL? Sì! Ho ricamato poco causa strascichi influenzali, perciò in questo post proseguiamo il discorso: vedremo come e perchè organizzare un SAL, di quale tipo, quali mezzi utilizzare, come portarlo avanti senza abbandoni, i vantaggi e gli svantaggi. Pronte?

Abbiamo già visto cosa sono i SAL, i vari tipi e come partecipare. Ma se volessimo organizzarne uno noi, cosa dobbiamo fare? Come si organizza un SAL Può capitare che tra i vari SAL che ci sono in giro non ce ne sia uno che ci piaccia particolarmente, oppure abbiamo un lavoro lungo che vogliamo assolutamente fare ma ci spaventa affrontarlo da sole, oppure abbiamo la casa piena di UFO e abbiamo bisogno di sprone per andare avanti. Perchè non organizzare noi un SAL tutto nostro?

Vediamo quali sono i passi da compiere.
1. scegliere il tipo di SAL Vogliamo ricamare in compagnia in casa nostra? Se abbiamo già un gruppo di amiche o pensiamo di averne vicine, possiamo creare un appuntamento settimanale o mensile, nell…

Un pavone a punto croce per asciugamani vanitosi

Buongiorno ragazze, eccoci al nostro appuntamento: finalmente ho ricamato qualcosa! Una coppia di asciugamani color vaniglia con un bel pavone Rico Design. Come vedete sono tornata ai ricamabili perchè ne ho da smaltire! Vedremo poi ancora pavoni ma in versione free e un paio di Mystery SAL per chi li ama.

Ma ci credete? Ho ancora ricamabili nell'armadio, pazzesco: ma quanto compravo? Per gli asciugamani poi, avevo una particolare predilezione, infatti acquistavo anche tanti libretti con schemi. Sappiate che non sono finiti! 😦

Questo schema in particolare me l'ero segnato da fare appena lo avevo visto, mi piaceva tantissimo! É pubblicato sul libretto Rico Design n. 142 Bouquet de couleurs e, come al solito, sono segnati solo i filati Rico Design e dobbiamo fare noi la conversione. Allora, siccome è un po' sballata, vi metto quella che ho scelto io se volete farla come me:
Rico    DMC 001     B5200 270     742 059     3776 052     3328 053     347 140     3839 150     792 …

A Little Love: Lizzie Kate per San Valentino

É la settimana di San Valentino. Non so mai se fare qualcosa o no, e se pubblicarlo, perchè a molti questa "festa" fa male, ricordando loro la solitudine. Tuttavia credo che viverla in un modo più largo, considerando l'amore per se stessi e per i propri cari, non solo per un compagno o una compagna, faccia stare meglio. Allora ho ricamato qualcosa e ve lo faccio vedere.


Lizzie Kate! Perchè è una disegnatrice che mi piace, semplice e veloce, colorata, allegra. Un piccolo ricamo, un piccolo amore per ricordarci di volerci bene.

Ho usato i filati DMC indicati, ho solo modificato gli uccellini e il cuore usando degli sfumati che voglio finire e ho aggiunto le perline e i bottoni. Ne ho fatto un cuscinetto applicando l'aida sopra la tela Adige, un cosa semplice, avevo poca voglia di cucire, ma è venuto carino. Schema di Lizzie Kate A little love Tela Zweigart aida 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné Qualcosa di free da ricamare per San Valentino? Ce …