Passa ai contenuti principali

Mani di fata, speciale asciugamani a punto croce n. 5: piccola recensione

Buongiorno ragazze! Oggi metto da parte i miei ricami per farvi una piccola recensione di una rivista che trovate ancora in edicola per tutto il mese di maggio, così, se vi piace, fate in tempo ad acquistarla senza dover ordinare online o richiedere gli arretrati (vi lascerò comunque tutti i link).

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce

Fino all'anno scorso, Mani di fata allegava lo speciale asciugamani a punto croce nel mese di marzo. Quest'anno, forse per il cambio di editore, lo ha fatto nel mese di maggio. Trovate quindi in edicola le due riviste (Mani di fata + Speciale asciugamani) per tutto il mese di maggio a 6,50 euro in totale. Direi che se vi interessa conviene, i numeri separati costano di più se li comprate online.

Vorrei tralasciare la recensione di Mani di fata per concentrarmi solo sulle speciale asciugamani, però vorrei dirvi cosa ci trovate e una piccola opinione personale: come da tradizione Mani di fata è una rivista di tutte le arti cosiddette femminili, quindi c'è punto croce, filet, uncinetto, maglia, intaglio, ricamo tradizionale. Ci sono progetti molto belli ma la maggior parte degli schemi (quelli più belli e interessanti), sono da comprare a parte sul sito, quindi, tenete conto che dentro non c'è tutto quello che vedete in copertina.

Ecco, su questo vorrei lasciare un'opinione personale, detta con molta umiltà: penso sia la rivista più storica che ancora resiste a tutte le crisi (esiste dal 1925), però ho idea che sia rimasta indietro e faccia fatica ad adeguarsi ai tempi. Ricordo che, quando ero piccola, la migliore amica di mia mamma, che abitava in un paese di montagna sperduto in Svizzera, era abbonata, e per lei era l'unica risorsa cui attingere per acquistare i materiali per corrispondenza (non esisteva l'online, c'era la rivista/catalogo con il modulo per ordinare tutto l'occorrente dei progetti per posta) e quindi era veramente ottima e, forse, all'avanguardia. Questa signora mi passava tele già pronte con i decalcabili e i filati come fossero dei kit, era veramente una gioia ricevere i pacchi. Parlo di più di 40 anni fa.

La rivista è ancora così: una specie di catalogo con alcuni schemi in regalo, ed è certo tuttora comodo sapere di poter acquistare direttamente (la qualità è ottima), però ormai, non so voi, ma io dalle riviste cerco schemi e idee, poi i materiali li prendo dove li trovo più convenienti, oppure uso quelli che ho in casa. Non so se mi sono spiegata, penso che i cataloghi debbano costare molto meno, pur capendo i costi di editing, foto, realizzazioni, materiali eccetera. Ripeto che è un'opinione personalissima, anche perchè vedete che poi la rivista la compro, suppongo che abbiano fatto le loro strategie di marketing. Oltre a questo mi sembra che gli schemi per il punto croce siano un po' troppo fermi e tradizionali.

Comunque, se vi piace, sappiate che potete acquistarla anche in digitale sia sul loro sito che su quello dell'editore, che ci sono gli arretrati, e che ci si può abbonare con un ottimo sconto, vi metto il sito dell'editore qui. Piccolo consiglio: se volete abbonarvi, iscrivetevi alla newsletter dell'editore o seguitelo sui social, spesso, in alcune occasioni (tipo black friday o festività), concede uno sconto che va dal 5 al 15%, quindi non abbiate fretta e attendete gli sconti, pagherete meno!

Ma veniamo a quello di cui volevo parlarvi, lo speciale Asciugamani a punto croce n. 5.

Io lo compro ogni anno perchè ricamare asciugamani o asciughini mi rilassa molto tra un progetto impegnativo e l'altro, ora vi pubblico qualche foto dimostrativa di ciò che contiene, ovviamente solo una piccola parte, così vedete se può fare al caso vostro. Vi dico già che è sempre lo stile tradizionale di quelli passati, cerco di mostrarvi quello che è piaciuto di più a me e trovo più innovativo.

Questa la copertina:

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce

Già molto bella, a me ha attirato subito. E questo il retro, dovre trovate un'altra carrellata di foto.

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce

Veniamo a quello che voglio mostrarvi. Adoro questi in tema marino, vorrei farli prima o poi, mi piacciono i colori.

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce
 
Ci sono molti progetti geometrici che vanno bene se abbiamo asciugamani di dimensione diversa da quelli loro, possiamo sempre interrompere il disegno o prolungarlo.

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce
 
Ecco, poi ci sono gli schemi per gli asciugamani con oblò ricamabile, io non li ho mai fatti ma li trovo davvero eleganti, cifre come da tradizione.

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce
 
Qualche tema botanico (adoro il contrasto di colore).

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce
 
Infine ancora mare, con questi schemi che troverei adatti per i teli da spiaggia.

Mani di fata speciale asciugamani a punto croce
 
A differenza della rivista ufficiale, questo speciale contiene tutti gli schemi (ce ne sono di più di quelli che vi ho mostrato) e anche le indicazioni per ordinare per posta gli asciugamani ricamabili o tutto il kit completo.

Se volete ordinare solo lo speciale, oppure, se siete approdati su questo post dopo il mese di maggio, lo potete ordinare dal sito dell'editore qui (c'è scritto n. 1 perchè è il primo che pubblica questo editore, ma in realtà è il n. 5), oppure sul sito di Mani di fata (non è ancora stato caricato quindi vi metto il link generale qui), oppure ancora, lo troverete su Casa Cenina (anche qui non è ancora arrivato quindi vi metto il link generale Casa Cenina).

Se volete vedere le pubblicazioni passate dedicate agli asciugamani, le trovate qui.

Allora, spero di avervi reso il più possibile cosa potete trovare, penso che le recensioni siano sempre molto utili, e spero di non aver offeso nessuno con le mie opinioni, lavorando anch'io in campo culturale so quanto sia sempre tutto difficile. 

Se vi piace ricamare gli asciugamani ve la consiglio perchè troverete sicuramente qualcosa che vi piace. Unica pecca (a parere mio), è che gli schemi sono spezzati su più pagine quindi siamo costrette a fare le fotocopie da incollare insieme per non sbagliare e, soprattutto, non hanno i simboli ma solo i colori e io faccio una gran fatica a distinguerli, spesso devo andare a sentimento non capendo quale sfumatura sia dalla legenda. I filati cui si fa riferimento sono gli Anchor e non c'è la conversione con i DMC, dobbiamo farcela da sole con le nostre tabelle.

Queste ultime due cose sarebbero da migliorare: se qualcuno che lavora nella rivista mi legge ci potrebbe fare un pensierino? Simboli e conversioni, grazie mille.

Torna in edicola Profilo punto croce

Ricordate che a febbraio Profilo punto croce non era più uscito? Pensavamo avessero chiuso la rivista, invece, anche questa, ha cambiato editore, sempre Sprea (che, a questo punto, ha in mano tutte le riviste del settore e merita un applauso da tutte le ricamine italiane), e pare che uscirà nelle edicole dal 15 maggio tornando ad essere bimestrale (quindi 6 numeri l'anno). Vi faccio vedere l'anteprima sul sito qui, come vedete c'è anche in versione digitale, quindi penso che sia cambiata un po' e che non abbia più i fogli grandi ripiegati con gli schemi. Spero di trovarla per darci un'occhiata, poi vi saprò dire, oppure mi racconterete voi se la comprate.

La prossima volta torniamo al ricamo!

Commenti

  1. Sicuramente andrò a caccia nelle edicole vicino a casa, ci sono almeno un paio di schemi che mi interessano anche se sono d'accordo con te che quando gli schemi hanno solo i colori possono diventare "complessi" da realizzare. Che bello che Profilo ritorni in edicola. Grazie per tutte le indicazioni e gli utilissimi link. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene le tue recensioni sono sempre molto dettagliate e utili , grazie. Sono d'accordo con te sul fatto che anche io nelle riviste di ricamo vorrei trovare tutti gli schemi e poi scelgo io i materiali dove comprarli infatti ho comprato solo una volta Mani di fata per questo motivo. Mi fa piacere che Profilo torni in edicola,gli darò un'occhiata e ora ti saluto e buon ricamo.

    RispondiElimina
  3. Io trovo il tuo commento molto condivisibile con quello che penso anche io, le riviste, tanti anni fa le acquistavo tutte ma adesso per ragioni di spazio mi limito agli schemi e ai libri che mi interessano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io subisco ancora il fascino dell'edicola...

      Elimina
  4. Great mag , thank you , hugs June.

    RispondiElimina
  5. Grazie, grazie e sempre grazie per tutto quello che scrivi...sono d'accordo!!! Anche mia mamma acquistava Mani di Fata più per il ricamo tradizionale e la maglia e gli inserti per il punto croce ce li dividavamo io e mia sorella..penso di fare una capatina in edicola!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Come rifinire il retro di un ricamo su telaio: tutorial

Ciao ragazze, eccoci a un nuovo tutorial! Oggi vi mostrerò come ho rifinito il retro del mio ricamo con la lumaca montato su telaio e vi darò qualche consiglio per cucirlo facilmente senza tanti pensieri (è a prova di imbranate, ci sono riuscita io!). Ta daaaaa, questo è il risultato che otterremo: il retro del telaio bello coperto, ben cucito e perfino firmato! Vediamo passo passo come fare. Innanzi tutto, prima di montare il nostro ricamo, prendiamo del feltro o del pannolenci (io ho usato quest'ultimo perchè più morbido e facile da cucire) e, utilizzando il cerchio interno del telaio (quello più piccolo per intenderci) tracciamo con la matita la misura. Se volete potete usare anche un compasso, l'importante è che facciate la misura perfetta. Ora, montiamo il nostro ricamino sul telaio, tenendo ben tesa la tela e centrandolo con cura. Giriamolo (non guardate il mio retro!! Lo so che è un casotto, ma quando va coperto non faccio attenzione, ricamo e b

Pochi progressi e Sewtoo

Buongiorno ragazze! Non so come sia il tempo da voi ma qui da me è proprio pazzerello anche se è aprile! Sole estivo, poi grandine, poi freddo, poi pioggia, veramente non si sa più come vestirsi! Il giardino l'ho lasciato un po' a se stesso e ho avuto delle sorprese, sono rispuntate piante dell'anno scorso e sono fiorite, ma i ricami non vanno avanti da soli e infatti ora, purtroppo, vedrete pochi avanzamenti. Però vi parlerò anche di un sito online dove si può comprare materiale per cucito di seconda mano (solo francese, purtroppo). Partiamo dal ricamo, i pupazzi di neve Stoney Creek : ho iniziato il terzo tutto a destra e da quella parte è l'ultimo. Visto i prossimi ponti festivi del 25 aprile e del primo maggio conto di andare avanti maggiormente e magari di pensare ai prossimi progetti, ho quasi un'idea di fare una cosa simile ai pupazzi ma in tema marino per l'estate, se riesco a trovare qualcosa che mi piaccia. Stoney Creek, Grass Does Not Grow Tela Lugana