Passa ai contenuti principali

Nordic Noël parte prima

Anche in questo Natale non può mancare qualcosa di nordico, qualcosa che faccia pensare alla tradizione, al rosso, al bianco, e allora ecco gli ultimi ornamenti che sto cucendo, di Lucie Heaton. Poi parliamo di qualcosa di molto attuale: cosa regalare a una ricamina?


Cosa c'è di meglio di babbi Natali tradizionali? Questi fanno parte di una serie di quattro, per ora i primi due. Me li ero segnati da fare da ormai così tanti anni... giacevano tristi e sconsolati nel contenitore degli schemi. Poi un guizzo, li ho tirati fuori, erano perfetti per un avanzo di lino ecru con cui non sapevo cosa fare.



E finalmente mi sono pure ricordata di firmarli con la mia sigla! Sapete che mi dimentico sempre di farla? E invece è importante, purchè sia piccolina, elegante e non invasiva, è un segno personale che è bello che rimanga.


Li ho rifiniti con nastro e campanellino, ma starebbero benissimo anche su un biglietto.
Schema Nordic Noël di Lucie Heaton tratto dalla rivista CrossStitch Collection n. 217 dicembre 2017
Tela Zweigart Newcastle 40 count color naturale raw
Filati DMC Mouliné

Alle prese con i regali di Natale? Cosa regalare a una ricamatrice o a una bambina che vorrebbe ricamare?

Questo post cade a fagiolo, vero? Piano piano ci stiamo avvicinando all'isteria degli ultimi giorni e dell'oddio non so più cosa regalare! Non preoccupatevi che qualcosa la troviamo.

Allora, partiamo dai bambini. Parliamo di quelli piccolini, che cominciano a disegnare e a seguire i contorni. Ricordo che all'asilo la nostra maestra ci dava dei fogli spessi con stampato un soggetto natalizio molto semplice (un globo, un pino, tutto stilizzato). Poi un ago molto grosso (con punta smussata) e della lana colorata. Ci insegnava a fare un semplice punto indietro lungo i contorni e il ricamo veniva bellissimo! Allora, se abbiamo una nipotina o la figlia della nostra amica, perchè non preparare un bel kit con lana colorata e qualche soggetto che si trova facilmente su internet? Ancora meglio se possiamo dedicarle un po' del nostro tempo per insegnarle, ce ne sarà grata!

Con una bambina un po' più grande, invece, possiamo osare un po' di più. Facciamo attenzione a cosa fa la sua mamma (ricama? uncinetta? lavora a maglia?) perchè sicuramente lei tenderà a preferire quella tecnica e a imitarla (pensate che mia nipote, notoriamente maschiaccia, ha voluto imparare a uncinettare come la sua mamma!). Per il ricamo ci sono in commercio dei kit favolosi di mezzopunto o di punto croce con tela aida molto grande, già stampati e con i filati. Piacciono sempre tantissimo! Anche per l'uncinetto, se è alle prime armi, scegliamone uno grosso e del filato adatto molto colorato. Oppure ferri da maglia della sua dimensione e lana per fare una sciarpa.
Se invece la bambina è già un po' esperta, andiamo su qualcosa di leggermente più difficile, in modo che non si annoi, ma non troppo! É pur sempre una bambina.

Che ne dite di regalare ad una ragazza delle cover per il telefono da personalizzare con le crocette? Vanno bene sia per una principiante che per un'esperta, sono economiche e divertenti. Oppure quei kit per fare i pon pon, i berretti, i myboshi, tutto coloratissimo e magari luccicoso!

Con una persona adulta siamo più tranquille, in base al grado di esperienza abbiamo a disposizione tantissimi materiali tra cui spaziare:
  • un nuovo set di uncinetti
  • borse portalavoro
  • ferri da maglia di varie misure
  • lana (direi sempre un minimo di 500 grammi per un maglione, ma fatevi consigliare in negozio in base alla dimensione e al progetto)
  • schemi appena usciti (attenzione che non li abbia già o che, casomai, si possano cambiare)
  • tele (informatevi se ricama su aida o su lino e più o meno le dimensioni che usa) di vari colori e misure, anche pezzi piccoli vanno bene
  • filati (anche qui informatevi sulla marca preferita, ma potete anche osare qualche sfumato o tinto a mano, lo userà sicuramente)
  • bottoni, perline, paillettes in belle scatoline
  • forbicine (ah su queste andate sul sicuro, anche le più strane saranno gradite, ognuna di noi le colleziona! Ancora meglio se ci aggiungete un trovaforbici fatto da voi, lo apprezzerà sicuramente)
  • puntaspilli o portaaghi
  • needleminders o threadkeepers 
  • quaderni e blocchi notes divertenti per appuntare i progetti
  • un abbonamento a una rivista 
  • manuali o libri di schemi
  • telai, lampade o lenti d'ingrandimento se sapete che li desidera.
Se volete andare più sul sicuro, ci sono sempre i voucher, le christmas card, informatevi sul negozio che lei frequenta abitualmente e chiedete se fanno questo servizio. Se non lo fanno, soprattutto nelle piccole mercerie di paese, non scoraggiatevi, ma chiedete se vi possono fare un buono, basta anche un biglietto scritto a mano, poi voi lo renderete carino, sarà apprezzatissimo!
Alcune case editrici di periodici fanno dei voucher di vari prezzi per abbonamenti a riviste che poi sceglierà chi li riceve, ma di ricamo, maglia o uncinetto proprio non ne ho trovati! Speriamo nel futuro :)

E noi? Noi che riamiamo, cuciamo, uncinettiamo, siamo sempre felici di ricevere qualcosa per il nostro hobby. Allora, vogliamo facilitare il lavoro ai nostri amici, mariti, figli? Non facciamoci scrupoli e chiediamo ciò che desideriamo, creiamo la nostra wishlist che spazia da un piccolo schema alla lampada superaccessoriata, e teniamola aggiornata, c'è sempre qualcuno felice di realizzare un desiderio.
Alcuni negozi online permettono di crearla nel loro sito e di metterla in chiaro, ma forse non sarebbe male farla e pubblicarla in una pagina del nostro blog, sapete? Perchè mi è capitato che qualcuna avesse uno schema (magari vintage e ormai introvabile) che desideravo io e viceversa, e con un semplice scambio ci siamo rese felici. O che qualche parente sbirciasse il blog alla ricerca dei miei gusti. Non so, potrebbe essere un'idea per l'anno prossimo? Ricordiamoci però di aggiornarla, sia a mano a mano che i desideri vengono esauditi, sia se col tempo ci rendiamo conto che... beh, forse quelle cose non le volevamo così tanto o non ci piacciono più :)

Ma se i soldi non ci sono?

Faccio questa piccola conclusione perchè parliamo sempre di comprare, ma i desideri non si realizzano solo con il denaro. Può capitare un periodo difficile, la perdita del lavoro, un parente malato, difficoltà finanziarie. Tra quelli che ho elencato sopra ci sono dei regali che possiamo fare da sole, un puntaspilli, ad esempio, o anche un ornamento da mettere sull'albero di Natale, noi ricamine sappiamo quanto amore e lavoro c'è dietro e lo apprezziamo sempre, che sia un capolavoro di maestria o cucito un po' così e così ma con tanta buona volontà. E se proprio non possiamo fare niente, una bella lettera, un biglietto con un pensiero scritto con il cuore, una telefonata piena di affetto, un abbraccio, sono la cosa più bella del mondo.

Allo stesso modo, se non abbiamo i soldi per comprarci tutti i materiali, non perdiamoci d'animo. Non possiamo permetterci la lampada da ricamo dei nostri sogni? Prendiamo una lampada che abbiamo in casa e mettiamo una lampadina a luce fredda, potente e a basso consumo, sicuramente è migliore della luce normale. Non possiamo permetterci tele di lino? Prendiamo quelle di cotone o miste, o proviamo tessuti a fili contabili che ci sono al mercato, potremmo avere delle belle sorprese! Non possiamo spendere così tanto per gli schemi? I disegnatori ne mettono a disposizione tantissimi free nel web, oppure proviamo a disegnarli noi, basta la carta quadrettata. E se ci sono tanti amici che ci vogliono bene, non facciamoci scrupoli, confidiamo loro i nostri desideri, saranno felici di regalarci amore e serenità.

Commenti

  1. grazie sempre dei tuoi preziosissimi consigli.... mi sono anche commossa... pensa te!
    un abbraccio forte <3<3<3<3<3<3
    :*

    RispondiElimina
  2. Hello Irene

    Beautiful stitching and perfectly finished off.
    Great advice too.
    I've become your latest subscriber/follower.
    Have a good week x

    RispondiElimina
  3. I tuoi babbi Natale sono strepitosi! Proprio delizioso poi il nastrino che hai usato, il campanellino argentato impreziosisce il tutto. Grazie dei consigli, chiederò alla mia dolce metà di leggere e rileggere il tuo post...chissà che sia ispirato per qualche regalino! ;)

    RispondiElimina
  4. Ecco vedi ho imparato di nuovo qualcosa passando da te. I due Babbi sono bellissimi e non, si dico non, conoscevo il designer..... o forse non ricordo di averlo mai sentito. Belli proprio belli. Andrò a cercarli. Grazie!!

    RispondiElimina
  5. Come non detto....certo che l'ho letto da te questo nome....cominio davvero a preoccuparmi aiaiaiaiaiai

    RispondiElimina
  6. bellissimi i due babbi!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie come sempre per i consigli Irene .
    Di amiche o conoscenti che amano le crocette la maglia l uncinetto e tutto ciò che riguarda il ceare non ne ho 😞😞sono sola soletta ,ma terrò a mente quello che ho letto soprattutto x la mia wishlist così da non lasciare marito e figlio senza idee .
    I tuoi cuscinetti adorabili 🎄🎄🎄

    RispondiElimina
  8. Ma che belli i due babbini natalini, cara Irene e sempre preziosi e bene accetti i tuoi suggerimenti.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  9. Your two newest ornaments are darling, Irene--love the ribbon and bell on them :)

    RispondiElimina
  10. grazie per i consigli. Molto molto utili di questi tempi dove si deve cercare di regalare cose utili senza intaccare troppo il portafoglio. grazie mille

    RispondiElimina
  11. un post bellissimo, ricco di suggerimenti utili. grazie di cuore, un abbraccio Lory

    RispondiElimina
  12. Ciao Irene che carini i tuoi addobbi. Io ormai chiedo solo cose per gli hobby è mi piacerebbe ricevere cose utili per quello che amo fare

    RispondiElimina
  13. A parte gli schemi ricamati e rifiniti a meraviglia, sono bellissime anche le tue idee per i regali. X la lista l'avevo fatta anche io in passato sul blog ma mio marito non lo vedeva mai quindi niente 😂

    RispondiElimina
  14. I love your ornaments Irene ♥♥♥

    RispondiElimina
  15. Ciao Irene, complimenti per dli splendidi babbi natale!!!!
    Mancavano proprio ai tuoi ricami delle feste.
    Grazie anche per tutte le splendide idee regalo-ricamo

    RispondiElimina
  16. Lucy Heaton's Santas are so darling. You stitched and finished them so beautifully.

    RispondiElimina
  17. che bellezza di post...peccato che se faccio la wishlist sul blog il marito non se ne accorgerà mai;-)
    bella anche la parte dedicata al no money, i regali fatti col cuore sono i migliori...io quest'anno a mia figlia ai compleanni le ho fatto fare un piccolo hand made...infondo sti ragazzini hanno di tutto e di più

    lolly

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Set da cucito fai da te: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi vi faccio un tutorial per insegnarvi a creare un meraviglioso set da cucito composto da puntaspilli e trovaforbici coordinato per la primavera/estate con gli schemi free di Crocette a gogò (trovate il trovaforbici qui e il puntaspilli qui). E siccome siamo ricamine fashion, lo facciamo in versione Tiffany!

Per prima cosa dobbiamo ricamare gli schemi. Io ho scelto di farli sull’aida 20 count (80), ma prendete una tela che avete, non ci sono problemi, il criterio di rifinitura è lo stesso. Unica cosa che vi chiedo, ricamate le farfalle ma non la cornice, quella la faremo dopo per applicare il ricamo sulla stoffa.
Vi metto la lista dei materiali e tinte che ho usato io, voi scegliete a vostro estro, okay? Schemi free di Crocette a gogò scaricabili qui e qui Tela aida Zweigart 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné: 958, 964, 3021, B5200 Perline Mill Hill: 40556, 40557, 42017 Ora dovreste trovarvi così:

Io ho scelto di fare una cornice più vicin…

Anthea SAL tappa 4 e broderie suisse!

Buongiorno ragazze! Siamo a maggio, un mese che abbiamo sospirato tanto per ripartire dopo quest’epidemia. Oggi torniamo al ricamo: vi mostro la tappa di aprile dell’Anthea SAL di Faby Reilly e un po’ della mia amata broderie suisse, un puntaspilli che ho inventato io, lo potete copiare per fare un ornamento, un portalavanda o quello che volete.

Partiamo dal SAL di Faby Reilly, che un po’ amo e un po’ odio: questo calendario ho paura che mi ricorderà sempre il 2020, che è ancora giovane ma già non lo sopporto con tutto quello che ha portato. Gli schemi mi piacciono moltissimo, niente da dire, ma ci ho legato il ricordo del periodo.
Il mese di aprile l’ho ricamato direttamente dal pdf a computer: a casa non ho la stampante, quindi mi sono dovuta arrangiare. So che molte di voi sono già abituate a lavorare così, per me era la prima volta. Devo dirvi che ci sono i pro e i contro: i pro sono che a video possiamo ingrandire lo schema, evidenziarne una parte, è molto più chiaro, inoltre si…

Come fare un piano editoriale per blog di ricamo

Buongiorno ragazze, come state? Oggi spazio leggermente e mi dedico a una passione correlata al ricamo che ha preso anche molte di voi: il blog. Non siamo professioniste, non facciamo marketing, eppure ci teniamo ad avere un blog aggiornato, seguito e curato: come possiamo organizzarci al meglio se non abbiamo tempo? Vi do qualche consiglio.

Questo post l’ho pensato durante l’isolamento per il COVID-19: con più tempo per meditare, mi sono resa conto che, causa aumento del lavoro e l’apertura di vari social, il mio blog proseguiva ma non tanto bene. Non solo languivano i contenuti, non riuscivo nemmeno a sincronizzare i social, con la conseguenza che il blog mostrava post ormai vecchi. Spesso, inoltre, mi veniva l’ansia da pubblicazione.
Vi suona famigliare?
La soluzione è semplice: occorre organizzazione
Vi spiego come ho fatto io e, anche se non vi porterà miliardi di followers, contribuirà a farvi tornare la voglia e il piacere di scrivere. 
Innanzi tutto vi servono poche cose: u…