Passa ai contenuti principali

Un gatto tutto rosa e qualche riflessione di fine anno

Ciao ragazze! Sopravvissute al pranzo di Natale? Agli abbracci dei parenti? Alla valanga di regali? Lo sapete che non è ancora finita, vero? Abbiamo qualche giorno di tregua prima di Capodanno e poi vai di cibo, canzoni e lustrini! Ma qualche minuto tutto per noi e per il ricamo lo abbiamo, vero?

 
Io me lo sono ricavato per rilassarmi dopo il delirio natalizio. Sono felice perché i regali ricamosi che ho fatto, anche se piccolini, sono stati molto apprezzati e mi da tanta soddisfazione. Non ho ancora preparato grossi progetti futuri, sono molto indecisa, sarà perché ho voglia di calma e relax. Non che mi manchino schemi e materiali, eh? Tra l’altro, a questo proposito, ho avuto un colpo di fortuna! Ho partecipato ad un piccolo giveaway su FB e ho vinto! Non mi succede mai, guardate, quasi sempre partecipo ma così, tanto per fare, non mi arriva mai niente, invece stavolta tadaaaaa, ho vinto un meraviglioso lino tinto a mano da Lamarrana ed è già arrivato!! Con mia grande gioia è finito sotto l’albero tra i regali più preziosi, guardate che bello, è un colore che sicuramente userò, sta bene con tutto!


Se vi piacciono i lini tinti a mano vi consiglio di farvi un giro sulla pagina FB di Silvia, fa delle tinte meravigliose, è grazie a questo piccolo concorso che l’ho conosciuta. Tra l’altro anche il pacchettino era splendido.

Veniamo ora al gattone che avete visto nella foto. Partiamo dalla motivazione: la mia collega mi ha chiesto un portachiavi per la chiavetta del caffè dell’ufficio: spesso ce la dimentichiamo sulla macchinetta e, se è anonima, non sappiamo di chi è. Visto che tempo fa me l’ero fatta per me, me ne ha chiesta una. Siccome è una persona davvero bella e simpatica volevo un disegno altrettanto spiritoso e l’ho trovato tra i free dedicati al colore rosa di Durene Jones (trovate il file nel suo gruppo FB): un bel gattone.


Ovviamente dietro ci sono le iniziali, così la sua chiavetta non sarà più anonima. Carino, vero? Basta così poco, avanzi di tela, di filo e un po’ di fantasia.


Schema tratto da Pink motifs di Durene Jones schema free dal suo gruppo Facebook
Tela Zweigart 80 (20 count) color lilla

Qualche riflessione

Come vi ho già detto ci stiamo avvicinando alla fine dell’anno: tempo di bilanci? Qualche volta fa bene farli, qualche volta no: un po’ d’indulgenza con noi stesse ci vuole, di comprensione e di amore e, se i bilanci non sono proprio positivi, non sempre è un bene recriminarci e mortificarci.

Ovviamente noi restiamo sul leggero e sulla nostra vita da creative allora, proprio per la scusa della fine anno, qualche riflessione è d’obbligo. Se siamo ricamatrici di professione siamo costrette a fare i conti con la nostra produzione, con quanto abbiamo speso e guadagnato, con i clienti, con il marketing, con i mercatini, con le tasse e così via. Soprattutto se la nostra attività langue oppure, al contrario, se abbiamo troppo lavoro ed è diventata una frustrazione o, ancora, se per vendere siamo costrette a “svendere” la nostra produzione deprezzandola come fosse industriale. In rete ci sono tantissimi professionisti che danno consigli e aiuti per ricaricarsi, reinventarsi, organizzarsi.

Se il nostro è solo un hobby, invece (come il mio caso), possiamo rilassarci un po’ di più, ma proviamo lo stesso a pensare a cosa abbiamo fatto nel corso di quest’anno, scorriamo le foto del nostro blog, come è andata?
Io mi sono resa conto che, rispetto al passato, ho ricamato di più per piacere che per dovere: non essendomi iscritta a gruppi, a ricami in compagnia o a SAL misteriosi, ho fatto solo ciò che mi piaceva fare. Questo, da una parte mi ha portato a ricamare con più passione e calma, dall’altra però… beh, mi sono resa conto di un po’ di solitudine. Nel senso che trovo bellissimo stare in compagnia, seppur virtuale eh? Purtroppo ricamine vicine non ne ho, e neanche molto tempo a dire il vero, tuttavia ricamare contemporaneamente lo stesso soggetto, in mille declinazioni e lingue diverse (adoro i gruppi multietnici con persone da ogni parte del mondo), non so bene come spiegarvelo, ma mi fa sentire parte di una grande comunità, è come se avessi il mio piccolo posto in un mondo in cui siamo tutti uguali e in pace. Sono troppo filosofica? Eppure è così. Quindi non so, la mia conclusione è che la libertà di soggetti e tempi è bellissima ma, se trovo un progetto, una comunità di cui mi sento parte, questa volta non dico di no. Magari senza esagerare eh?

Un’altra riflessione parte dal mio proposito passato di non esaurirmi se non riesco a fare tutti regali fatti a mano: non è un obbligo! E infatti, sapete cosa è successo? Con la calma che ne è derivata (non avevo l’ansia di avere tutto pronto prima di Pasqua o Natale), ho fatto più lavori di quanti ne facevo quando mi obbligavo e molto più belli! Ho accontentato tutti senza sforzo ma, se non ci fossi riuscita, ci sono tantissime altre cose! Con questo tipo di tranquillità poi, sono riuscita a rifinire e a cucire meglio tutti i miei lavori, con più tecnica e senza fretta.

Altro pensiero: gli acquisti. È tutto l’anno che vi frantumo i maroni sugli acquisti, vero? Perché erano diventati un mio cruccio: nella vita sono brava, risparmio, faccio economia, ma sul ricamo… niente, non riuscivo a resistere. Se vedevo una nuova tela di un colore particolare zac! Finiva subito nel carrello. Nuovi schemi zac! Nel carrello prima che si esaurissero. Sconti? Saldi? Offerte speciali? Zac! Carrello pieno perché si risparmia! E invece no. Nooooo. Perché il risultato di tutto questo è stato una casa piena di roba che non farò mai (passata l’euforia, quegli schemi che mi sembravano tanto belli diventavano zavorra. Poi… magari… non è che mi piacessero poi così tanto): le tele, se non ben conservate, ingialliscono e prendono brutte pieghe; i filati cambiano colore; gli schemi passano di moda; le riviste e i libri vengono a noia, si riempiono di polvere e invecchiano. Eppure, sarebbe bastato così poco: acquistare solo il necessario nel momento in cui lo si necessita. Anche questo era un proposito dell’anno scorso e l’ho mantenuto. Il risultato? Per tutto un anno l’unica cosa che ho comperato sono stati i filati che mi mancavano e poco più e sono sopravvissuta! Non solo: ho smaltito la gran parte di ciò che avevo accumulato e la mia casa ringrazia!! Altro bellissimo risultato: se si compra meno, si compra meglio! Più qualità. E si vede! 

Parliamo poi dell’ordine? Su questo sono una bomba! Schemi classificati per argomento, tele imbustate per numero di fili, stoffine americane suddivise per tema o colore, puntaspilli, portafili, progetti ben conservati nelle loro buste pulite, quaderni di progetti, planning per blog, contenitori per gli oggetti… è tutto così ben messo, che il mio famoso cestino da lavoro (cestone a dire il vero) lo tengo ben in vista in salotto. E non è solo un piacere per gli occhi, lavoro molto più spedita e meglio, senza dover diventare matta a cercare un filo o un ago!

Ecco, vedete? Con queste poche riflessioni già ho capito tante cose che voglio portare avanti anche nell’anno nuovo: essere ordinata, privilegiare la qualità alla quantità, non chiudermi nella solitudine, continuare ad amare così tanto quello che faccio. Credo che siano dei propositi bellissimi, non trovate? E voi? Quali sono i vostri?

Commenti

  1. È sempre interessante leggere i tuoi post... aiutano a riflettere..! non ho pensato ancora ai buoni propositi... ma i tuoi sono davvero ... azzeccati!
    Ti auguro un..... ricamoso 2018!
    un abbraccio affettuoso
    :*

    RispondiElimina
  2. Delizioso il tuo gatto rosa, un'idea davvero allegra e simpatica per un regalino
    Auguri!

    RispondiElimina
  3. Carinissimo il gattino rosa, le tue idee sono sempre fantastiche.

    RispondiElimina
  4. Congratulations on winning the fabric giveaway. This fabric looks so nice and can be used for so many designs.
    Such a cute pink kitten that you stitched for your colleague.

    RispondiElimina
  5. Ciao Irene ogni volta che leggo i tuoi post mi ci vedo come in uno specchio. Come te ho smesso ormai da quando é arrivata mia figlia, la 'collezione' di schemi che si doveva avere ma che poi giacciono ancora lì non ricamati, idem per tele e stoffe. Il discorso Dell'affanno nei regali anche per me questo è stato l'anno dei regali anche di altre creative. Acquistare qualcosa di fatto a mano diverso mi ha fatto davvero felice, per me, x la ricevente e per la creatrice. Per il discorso del gruppo, come già detto in passato i social hanno velocizzato tutto interrompendo il bello anche dei blog e forum. Ho partecipato x tanti anni a swap e scambi di ricamo che ho adorato perché mi hanno fatto commuovere conoscere tante care amiche. Purtroppo anche questo è solo un ricordo.
    Se vuoi organizzare tu uno scambio io ci sto!
    Un abbraccio Silvia

    RispondiElimina
  6. Love the key chain you made....it's so pretty!

    RispondiElimina
  7. Che bello il tuo micione Irene! E che piacere leggere le tue riflessioni! Io sono ancora travolta da parenti e amici, quindi ai bilanci ci penserò più avanti. Intanto ti faccio i miei auguri di buon anno! Ti auguro un 2018 produttivo e ricamoso!

    RispondiElimina
  8. Sempre interessanti i tuoi pensieri! Simpatico micione per un ottimo 2018. Mariuccia

    RispondiElimina
  9. Il gattino Rosa è adorabile , dovresti fare qualche tutorial su come realizzi questi cuscinetti / portachiavi 😊.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. dimenticavo congratulazioni per la vincita , quella tela è molto bella

      Elimina
    2. Buon anno , che il 2018 sia pieno di xxx e felicità

      Elimina
  10. Che carino il micio rosa... io invece non riesco più ad iscrivermi ai sal perché puntualmente non li finisco, però è bello stare in compagnia e ricamare con le amiche.

    RispondiElimina
  11. Carissima, le tue riflessioni penso siano simili di chi ti segue.... Ti ringrazio per tutto: le info, le idee, gli schemi, ecc sempre molto utili. Per quanto mi concerne non penso così in là, cerco di vivere alla giornata. L’unica cosa che devo ancora imparare è il non voler finire un ricamo in un lampo. Sopratutto quando dico: beh lo faccio in un attimo e poi mi stresso perché le crocette sono molte.
    Il tuo gatto mi piace molto e in anticipo ti confesso che ho già ricamato pure il tuo pettirosso☺️ Vedrai il post. Ti auguro un 2018 ricco di salute e tante crocette e chissà che non ricamiamo qualcosa insieme🎊💫🍾🌟💓😘

    RispondiElimina
  12. Cara Ire ti auguro un meraviglioso 2018 !!! Grazie delle tue riflessioni ... io è da tempo che non partecipo/organizzo sal... mi piace fare quello che voglio con i miei tempi senza stress....riesco a produrre tanto e ho il tempo per Anna, casa e tutto il resto...
    Il prossimo anno...vedrò giorno dopo giorno... mi piacerebbe fare qualche tutorial!!!!
    Un abbraccio 😘

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Set da cucito fai da te: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi vi faccio un tutorial per insegnarvi a creare un meraviglioso set da cucito composto da puntaspilli e trovaforbici coordinato per la primavera/estate con gli schemi free di Crocette a gogò (trovate il trovaforbici qui e il puntaspilli qui). E siccome siamo ricamine fashion, lo facciamo in versione Tiffany!

Per prima cosa dobbiamo ricamare gli schemi. Io ho scelto di farli sull’aida 20 count (80), ma prendete una tela che avete, non ci sono problemi, il criterio di rifinitura è lo stesso. Unica cosa che vi chiedo, ricamate le farfalle ma non la cornice, quella la faremo dopo per applicare il ricamo sulla stoffa.
Vi metto la lista dei materiali e tinte che ho usato io, voi scegliete a vostro estro, okay? Schemi free di Crocette a gogò scaricabili qui e qui Tela aida Zweigart 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné: 958, 964, 3021, B5200 Perline Mill Hill: 40556, 40557, 42017 Ora dovreste trovarvi così:

Io ho scelto di fare una cornice più vicin…

Come fare un piano editoriale per blog di ricamo

Buongiorno ragazze, come state? Oggi spazio leggermente e mi dedico a una passione correlata al ricamo che ha preso anche molte di voi: il blog. Non siamo professioniste, non facciamo marketing, eppure ci teniamo ad avere un blog aggiornato, seguito e curato: come possiamo organizzarci al meglio se non abbiamo tempo? Vi do qualche consiglio.

Questo post l’ho pensato durante l’isolamento per il COVID-19: con più tempo per meditare, mi sono resa conto che, causa aumento del lavoro e l’apertura di vari social, il mio blog proseguiva ma non tanto bene. Non solo languivano i contenuti, non riuscivo nemmeno a sincronizzare i social, con la conseguenza che il blog mostrava post ormai vecchi. Spesso, inoltre, mi veniva l’ansia da pubblicazione.
Vi suona famigliare?
La soluzione è semplice: occorre organizzazione
Vi spiego come ho fatto io e, anche se non vi porterà miliardi di followers, contribuirà a farvi tornare la voglia e il piacere di scrivere. 
Innanzi tutto vi servono poche cose: u…

Paul Gallico, La signora Harris: recensione

Buongiorno ragazze, come state? Oggi il consueto appuntamento con uno dei Needlework Fiction Books, un libro davvero carino che parla di cucito per la haute couture, in particolare per la Maison Dior! Sono molto felice di parlarvene, perché non è così conosciuto, invece è una piccola perla meritevole di lettura.

Paul Gallico, La signora Harris, Sperling & Kupfer, Milano 2013 Tit. orig.: Flowers for Mrs Harris Genere: romanzo femminile Categoria: cucito, haute couture Trama La signora Ada Harris è una governante inglese di mezza età che, dopo la morte del marito, pulisce case e appartamenti nella Londra degli anni Sessanta: da quella dell’attricetta che per quanto ci provi non riesce a sfondare, a quella di un militare in pensione, a quella della contessa. La sua vita umile, regolare e ripetitiva viene sconvolta quando, nell’armadio di una lady presso la quale lavora, scorge degli abiti da sera di Christian Dior. La signora sarà piccola, dimessa e anzianotta, ma resta così folgora…