Passa ai contenuti principali

Lettere di primavera... finite!

Ragazze ce l'ho fatta! Mi avete seguita passo passo, supportata tra le mie delusioni e ansie ed ora ci siamo, i regali sono pronti! Poi vedremo un free per ricamine, consigli per ricamare su tela scura e un video per imparare il metodo del cappio.

Uh che fatica fare queste lettere a velocità sprint! Pensavo fossero più semplici e veloci e invece è vero ciò che dice Mary Corbet, noi ci sopravvalutiamo tantissimo! Il ricamo è lento e preciso, non va fatto in fretta, non si deve esagerare con i tempi ristretti, ne va della nostra salute mentale 😄. 
Non è detto che i lavori piccoli richiedano meno lavoro di quelli grandi, anzi, cucirli è un delirio, e rovesciarli!! Angoletti, lati stretti, un casotto. 
Ovvio che dalla fretta non ho fatto il tutorial che mi avete chiesto, ma sono semplici quadri di tela ricamata accoppiati a quadri di stoffina (ho scelto la tela adige color kiwi perchè, potendo seguire le linee dei quadretti, per me era più semplice andare dritta con la macchina da cucire 🐯). All'inizio non avevo intenzione di mettere nastro e fiocchetto ma... vi confesso che nudi erano proprio brutti, gli angoli non sono perfetti e quindi via di nastro a nascondere i difetti.
Insomma va, potevo farli meglio, sarà per la prossima volta. Se imparassi dai miei errori, i regali di Natale dovrei iniziarli ora 😜, ma ho altri progettini in mente.

Schema Letter Library Spring di Durene Jones pubblicato in Cross Stitcher, n. 328 2018
Tela Zweigart Floba Superfine colore bianco
Tela adige color kiwi

Basta free di Pasqua, oggi un free per noi!

Archiviamo pulcini e coniglietti e pensiamo a noi: cos'è che ci piace tanto tanto tanto? Il set di cucito, naturalmente: puntaspilli, portaaghi, trovaforbici. Oggi vi segnalo questo schema che trovo davvero carino, sia per il disegno che per il contenuto, aprite qui. É stato disegnato da Sharon Manspeaker che fino a qualche anno fa teneva un blog davvero carino che poi ha chiuso (non vi metto il link perchè ogni volta che vi accedo mi si blocca il computer con l'antivirus, ci deve essere qualche problema sul sito e non vorrei infettarvi tutte). Penso che un giorno o l'altro lo farò.

Ma dai sì, un free per Pasqua ve lo do, se andate qui trovate un bell'ovetto.

Tela scura? Alcuni consigli

Ho trovato questo post giusto giusto per sweetmiaomiao che sta ricamando su tela nera, gioie e dolori di noi ricamine: come fare per agevolare il lavoro? Vediamo.
  • Non è che scopriamo l'acqua calda, ma il primo consiglio è quello di avere un'ottima illuminazione generale: niente di meglio di una finestra con luce naturale e, se ricami di sera, l'aggiunta di una luce a led oppure di una lampada a clip tipo quella per leggere i libri. 
  • Molto utile illuminare anche il tessuto sul retro con un ipad appoggiato sulle ginocchia, una lightbox o anche il cellulare, si vedranno meglio i buchi della tela.
  • Se non si vuole mettere la luce sul retro, si può provare con un foglio di carta bianco.
  • Nel caso del lino più sottile, è utile la lente d'ingrandimento.
  • Impiegare gli spilli per contare e segnare i punti (io lo faccio anche sulle tele chiare).
  • Fare sessioni di ricamo brevi per riposare gli occhi, o prendersi spesso delle pause (questo anche se si ricama il rosso e il fucsia).
  • Fare rotazioni di progetti, ovvero lavorare su altro per non affaticarsi troppo.
Ma se ricamare sul nero diventa stressante e difficile, non facciamoci scoraggiare, usiamo tele leggermente più chiare, sul grigio, sul marrone, sul blu, il ricamo risalterà bene lo stesso, mica possiamo impazzire, no?

Come iniziare il lavoro denza fare nodi: il metodo del cappio

I tutorial in video sono fantastici, anche se non si conosce la lingua si comprende tutto benissimo. Per questo vi segnalo il video di Mr X Stitch che insegna a iniziare il lavoro con il metodo del cappio (o loop technique). Io uso proprio questo quando ricamo a due fili e mi trovo bene, sul retro non si vede nulla. Spero possa esservi utile.

Coming soon...

Ora che ho finito i lavori pasquali devo riorganizzarmi e decidere cosa fare: sicuramente il mio puntaspilli e trovaforbici pasquale, poi vorrei anche progettare le palline di Natale per l'installazione di cui vi avevo parlato qui, vediamo se mi ispirano. Nel frattempo ho iniziato un bel ricamo di Laureline Broderie, e lo sto sperimentando sulla Lugana 25 count, una tela che non ho mai usato prima, facendolo 1 su 1. Non viene male eh? Ma vi saprò dire.


Per oggi è tutto, buon ricamo e buona Pasqua!
xx Irene

Commenti

  1. ciao Irene , grazie per questo post come ti ho detto ho provato subito il metodo che tu mi hai suggerito e mi sono trovata bene , ho messo l'ipad acceso sotto la tela ed è davvero molto più semplice contare e riuscire a fare le xxx su lino nero sopratutto di sera o quando è un po che ricamo ed inizio a fare fatica ; se riesco preferisco ricamare nel primo pomeriggio quando la luce è migliore così mi è molto piu facile .
    Forse potrei provare anche gli altri metodi , non quello con le spille ho provato in questi giorni ma non mi trovo molto bene.
    Pensavo di intervallare questo ricamo con un altro magari con quello delle palline di natale , ma due lavori nello stesso tempo ... non so .
    Le tue letterine sono davvero graziose , il tutorial al prossimo cuscinetto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il risultato mi piace , non vedo l'ora di vederlo finito , una curiosità nel lavoro delle palline di Natale quello x l'installazione quando margine pensavi di lasciare?
      Io pensavo 5/6 cm ma non so se poi bastano non mi pare ci sia scritto nel regolamento.

      Elimina
  2. Irene secondo me sono venute benissimo invece! Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  3. Ciao Irene, sei stata super veloce e molto brava sono carissimi i cuscinetti...
    non ho intenzione di ricamare su tele scure ma se dovesse mai venirmi voglia mi ricorderò dei tuoi preziosi consigli.
    Sai che quello schema è nella mia wishlist? L'ho trovato in mains e merveilles
    buona pasqua

    RispondiElimina
  4. Oh, these are adorable, Irene! I love the ribbon colors, too :)

    I hope you enjoy the 25 ct. lugana--stitching one over one is always so delicate and beautiful!

    Happy Easter to you!

    RispondiElimina
  5. Irene sei un portento!! So quanto ci vuole a fare queste piccole meraviglie.... comunque uno più bello dell’altro👏🏽👏🏽👏🏽👏🏽

    RispondiElimina
  6. Irene le tue lettere sono davvero bellissime! Grazie anche per i consigli circa il ricamo su tela scura. Non mi rimane che augurarti una serena Pasqua!
    Ciao Susanna

    RispondiElimina
  7. Bravissima Irene! completati a tempo di record e davvero delle piccole meraviglie. Sicuramente saranno stati apprezzatissimi. Bello anche il progetto in corso. Buon lungo weekend di Pasqua!

    RispondiElimina
  8. bellissimi i cuscinetti! e che lavoro!! grazie per i consigli...preziosi come sempre!! <3
    e il nuovo ricamo ?.... a me sembra già bellissimo!!<3<3<3<3 non vedo l'ora di vederlo finito!! ;) allora il tutorial .... sarà per la prossima volta!! ;P
    Non mi resta che augurare, a te e ai tuoi cari, Buona e Serena Pasqua
    :*

    RispondiElimina
  9. Bellissime Irene le tue letterine pasquali e non dire che ci sono difetti , sono perfette. Il lavoro manuale deve avere qualche piccola imperfezione. Grazie per tutte le belle dritte che ci dai ogni volta e che sono sempre utilissime. Ti leggo sempre con piacere. Tu auguro una Serena Pasaua e buon lavoro per i progetti futuri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena Pasqua anche a te Adriana, grazie!

      Elimina
  10. sono proprio belle e tanto lavorate!!!!! ma sei un portento con mille progetti in essere e tanto da fare, complimenti!!!! Ti auguro una buona Pasqua e ti abbraccio lory

    RispondiElimina
  11. Ciao Irene, ma che meraviglia le tue letterine!! I tuoi consigli sono sempre graditi e complimenti per l'energia che ci metti!!

    RispondiElimina
  12. You did it, Irene, you finished the letters you wanted to stitch. And the ribbons are just perfect for the pillows. Great colours.
    You are right, when I stitch on a small piece I often think that it will be finished very quickly. But it never happens as fast as I thought.

    RispondiElimina
  13. Complimenti Irene, sono bellissime.
    Buona PASQUA.

    RispondiElimina
  14. che brava....sono bellissimi....buona Pasquetta

    RispondiElimina
  15. Ire sono proprio belle e via di fiocchi!!! così pure perfette!!!😉
    bello anche il nuovo ricamo 1 su 1!!! ho fatto anche io questa esperienza ma sul 32 ct...non male!!!
    un bacione!

    RispondiElimina
  16. Great finishes! Happy Easter!

    RispondiElimina
  17. Sei bravissima, sono stupende queste lettere!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Carinissime queste lettere, brava! Buona serata.
    Francy

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Set da cucito fai da te: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi vi faccio un tutorial per insegnarvi a creare un meraviglioso set da cucito composto da puntaspilli e trovaforbici coordinato per la primavera/estate con gli schemi free di Crocette a gogò (trovate il trovaforbici qui e il puntaspilli qui). E siccome siamo ricamine fashion, lo facciamo in versione Tiffany!

Per prima cosa dobbiamo ricamare gli schemi. Io ho scelto di farli sull’aida 20 count (80), ma prendete una tela che avete, non ci sono problemi, il criterio di rifinitura è lo stesso. Unica cosa che vi chiedo, ricamate le farfalle ma non la cornice, quella la faremo dopo per applicare il ricamo sulla stoffa.
Vi metto la lista dei materiali e tinte che ho usato io, voi scegliete a vostro estro, okay? Schemi free di Crocette a gogò scaricabili qui e qui Tela aida Zweigart 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné: 958, 964, 3021, B5200 Perline Mill Hill: 40556, 40557, 42017 Ora dovreste trovarvi così:

Io ho scelto di fare una cornice più vicin…

Come fare un piano editoriale per blog di ricamo

Buongiorno ragazze, come state? Oggi spazio leggermente e mi dedico a una passione correlata al ricamo che ha preso anche molte di voi: il blog. Non siamo professioniste, non facciamo marketing, eppure ci teniamo ad avere un blog aggiornato, seguito e curato: come possiamo organizzarci al meglio se non abbiamo tempo? Vi do qualche consiglio.

Questo post l’ho pensato durante l’isolamento per il COVID-19: con più tempo per meditare, mi sono resa conto che, causa aumento del lavoro e l’apertura di vari social, il mio blog proseguiva ma non tanto bene. Non solo languivano i contenuti, non riuscivo nemmeno a sincronizzare i social, con la conseguenza che il blog mostrava post ormai vecchi. Spesso, inoltre, mi veniva l’ansia da pubblicazione.
Vi suona famigliare?
La soluzione è semplice: occorre organizzazione
Vi spiego come ho fatto io e, anche se non vi porterà miliardi di followers, contribuirà a farvi tornare la voglia e il piacere di scrivere. 
Innanzi tutto vi servono poche cose: u…

Paul Gallico, La signora Harris: recensione

Buongiorno ragazze, come state? Oggi il consueto appuntamento con uno dei Needlework Fiction Books, un libro davvero carino che parla di cucito per la haute couture, in particolare per la Maison Dior! Sono molto felice di parlarvene, perché non è così conosciuto, invece è una piccola perla meritevole di lettura.

Paul Gallico, La signora Harris, Sperling & Kupfer, Milano 2013 Tit. orig.: Flowers for Mrs Harris Genere: romanzo femminile Categoria: cucito, haute couture Trama La signora Ada Harris è una governante inglese di mezza età che, dopo la morte del marito, pulisce case e appartamenti nella Londra degli anni Sessanta: da quella dell’attricetta che per quanto ci provi non riesce a sfondare, a quella di un militare in pensione, a quella della contessa. La sua vita umile, regolare e ripetitiva viene sconvolta quando, nell’armadio di una lady presso la quale lavora, scorge degli abiti da sera di Christian Dior. La signora sarà piccola, dimessa e anzianotta, ma resta così folgora…