Passa ai contenuti principali

Un bzzz biscornu

Aspettando la primavera (dopo la neve), un biscornu pieno di fiori e di api. Riprenderemo poi il discorso degli appunti e del tempo che dedichiamo al ricamo e parleremo (più o meno) dei British Craft Awards.

Amo molto i biscornu ma ne faccio pochi perchè non li uso come puntaspilli (ho paura di rovinarli) e finiscono come soprammobili. Li posso regalare solo a ricamine perchè gli altri non capiscono cosa siano e li guardano male 😄. Complici alcune amiche di facebook ho deciso di fare questo che giaceva tra gli schemi in attesa. In originale è tutto molto più delicato, ma io ho fatto l'errore di scegliere una tela così chiara che non si vedevano le ali della api (e non avevo voglia di disfare 😒). Quindi ho fatto il punto scritto che ha appesantito il tutto ma pazienza, ora almeno si capisce cosa sono.


Tra l'altro al nero del corpicino delle api ho aggiunto un filo metallizzato in tono e brillano come fossero vive.

Schema Biscornu Bzzz tratto da Mains et merveilles n. 120 2017
Tela Zweigart Aida 20 count color Light mocha
Fili e Filati DMC Mouliné blanc, 310, 471,472, 726, 760, 3328, 3713
Per chi volesse imparare a cucire un biscornu, ci sono tanti tutorial in rete, e io vi consiglio l'ultimo che ha fatto Faby Reilly sul suo blog qui. Avete visto? Può diventare anche un bellissimo portafedi aggiungendo una perla con il nastrino.

Appunti di lavoro: ci sono moduli prestampati?

Riprendo il discorso che avevo fatto la volta scorsa sull'importanza di prendere appunti mentre si lavora perchè ogni volta che metto la foto dei miei progetti e vedete lo schema che uso, mi chiedete dove prenderlo. Allora, siccome sono pigra e non lo faccio da me, ne ho provati tanti che ci sono gratuitamente in rete e alla fine il migliore che ho trovato (proprio perchè creato da una ricamina) è quello di Rhona che potete scaricare dal suo blog qui. Credo sia il più completo e adatto ai miei scopi, ma se volete potete crearlo voi facendo semplicemente un documento di word e poi un pdf. Avendo qualcosa di standardizzato, tutto è più ordinato e facilmente reperibile, quindi consiglio di scrivere sempre allo stesso modo.
Se volete farlo voi, l'importante è mettere almeno queste informazioni:
  • nome del progetto
  • nome del designer (se c'è)
  • fonte (se lo schema è tratto da una rivista, da internet, o anche dove lo avete comprato)
  • data di inizio lavoro
  • data di fine lavoro
  • tipo di tela (marca, count e colore, se volete potete allegarne un pezzettino)
  • tipo di filo (marca) e numeri o nome dei filati usati (tutti, compreso le variazioni e le sostituzioni)
  • dimensioni dello schema e dimensioni del ricamo (punti e centimetri o pollici)
  • tipo di rifinitura (ornamento, quadro, ecc.) e dimensioni di rifinitura
  • altri materiali occorrenti (ad es. stoffine, perline, passamanerie, se si vuole tenere nota del tipo)
  • note di lavoro (modifiche al volo, difficoltà, punti usati, tecniche, ecc.).
Queste secondo me sono le indicazioni indispensabili per lavorare bene e per ritrovare tutto quando passa il tempo, ma voi potete aggiungere tante altre cose, ad esempio quante ore ci avete messo a farlo, oppure il prezzo dello schema, delle stoffe e dei filati, oppure a chi avete regalato il manufatto o a chi lo avete venduto, insomma, tutto quello che volete. 
Se archiviate tutti i fogli in un quaderno, vi viene un bellissimo registro, che potete organizzare in ordine cronologico, oppure per designer, per tipo di rifinitura. Altrimenti, una volta terminato, potete riportare tutto al computer ed eliminare il cartaceo.
Fate delle prove e, se riuscite a fare uno schema fatto bene e vi sembra che possa essere utile agli altri, potete anche renderlo disponibile sui vostri blog come ha fatto Rhona.

Il tempo del ricamo

Anche questo discorso lo abbiamo fatto tante volte, a noi stesse e agli altri: vorremmo ricamare tantissimo ma ci manca il tempo e ci sembra di non fare niente. Abbiamo provato ad applicare la regola dei 15 minuti al giorno (che per me sono diventati 30 minuti nei giorni feriali, un po' di più nei festivi) e tutto è migliorato, vero? Siamo riuscite a finire molte cose che credevamo di non fare.
Nel suo blog, Mary Corbet (ve la cito spesso ma i suoi post li trovo sempre utilissimi) ha parlato della quantità ma anche della qualità del tempo: ha notato che quello che riusciva a ricamare nel fine settimana non era mai quanto avrebbe pensato di fare. Allora ha provato a misurarsi e cronometrarsi ed ha scoperto che si ricama più lentamente di quello che si crede. Tuttavia quando ci si da un tempo
  1. si è concentrati e si ricama con molta più attenzione
  2. facendo più attenzione il ricamo è più preciso
  3. sebbene non si riesca a fare tutto quello che ci si prefigge, in realtà si fa molto lo stesso
  4. si riesce a superare gli ostacoli (ad esempio a ricamare cose che non piacciono, o ripetitive e noiose, oppure a rimediare agli errori).
In conclusione, quindi, prefiggersi un tot di tempo al giorno solo ed esclusivamente per il ricamo, aiuta moltissimo la concentrazione, l'attenzione, la qualità e la quantità del risultato.
Da qualche parte ho visto anche alcuni SAL che prevedono un weekend al mese dedicato solo al ricamo. Non sarebbe male farlo ogni tanto, magari in qualche bella località di villeggiatura, no?

A questo proposito, sapete, su facebook vengono monitorate le vostre attività con degli algoritmi, quindi, se andate spesso su pagine dedicate al ricamo è ovvio che vi arrivi la pubblicità di quel settore. Ebbene, mi è comparsa l'inserzione di un'agenzia di viaggi americana che organizza tour a tema, nel mio caso il ricamo e proponeva dieci giorni in Irlanda visitando le maggiori città e facendo workshop con vari designer. Ecco, a parte il costo che ovviamente è altino e il fatto che non ho tempo e che il mio compagno non ci verrebbe neanche morto 😁, giuro che quando andrò in pensione (se mai ci andrò o avrò un'età decente [le amiche italiane mi capiranno benissimo]) uno lo faccio! Lo trovo splendido, veramente un'idea favolosa! E so già che partirò con una valigia e tornerò con tre!

British Craft Awards: i premi Oscar della creatività

Come sempre sono costretta a citare bellissime iniziative ma estere. Pazienza ragazze italiane, ci arriveremo anche noi. Comunque, in Gran Bretagna ogni anno organizzano una mega votazione online per designare i vincitori di una serie di categorie riguardanti i lavori manuali: ricamo, maglia, uncinetto eccetera. Per ogni categoria poi ci sono sottocategorie: disegnatori, blog, negozi, eccetera. É il British Craft Awards che, per il 2018, si è appena concluso. Vi ho messo il link alla home page ma, ad oggi, non hanno ancora pubblicato la lista completa dei vincitori. Per il punto croce come disegnatrice ha vinto Durene Jones, e come blog Vonna (non avevo dubbi, è fantastica!), ma non so molto di più, magari tenete d'occhio la pagina, chissà che non l'aggiornino. E che qualcuno non si ispiri e lo faccia anche in Italia (per favore...).

Coming soon...

Ve l'avevo anticipato che sono in sbattimento perchè mi sono resa conto che fra meno di un mese è Pasqua e io non ho ancora fatto niente? Sto provando a ricamare delle iniziali con coniglietti e pecorelle, vorrei farne dei portalavanda se vengono bene e magari aggiungerci degli ovetti di cioccolato. Mah, vedremo, sono un po' dubbiosa sul risultato e ancora di più sulla rifinitura. State ricamando anche voi per Pasqua?


Per oggi è tutto, buon ricamo!
xx Irene

Commenti

  1. Bravissima Irene, i tuoi lavori sono sempre molto belli e precisi e questo biscornue è un amore. Io sto ricamando qualcosina per Pasqua, ma come hai detto il tempo è tiranno e non si riesce ad arrivare dappertutto. A presto e buon ricamo

    RispondiElimina
  2. Adoroooooo il tuo biscornu mi piace tantissimo tutte quelle apine deliziose e fiori colorati 😊😊😊,io non ho fatto niente per Pasqua sono presa con il ricamo su lino nero , mente la tela asciugava ho fatto in piccolo ricamo per un bebè in arrivo .

    RispondiElimina
  3. bello il biscornu... e quanto lavoro!

    RispondiElimina
  4. Carissima Irene, il tuo biscornu è incantevole ma grazie soprattutto del tutorial che ci hai indicato perchè finalmente ho capito davvero come si fa! E che splendidi fiori e fantasie ha nel suo blog la Faby: proprio da tenere a mente.
    Preziose come sempre le tue indicazioni su tutto ciò che riguarda il mondo del ricamo.
    Per Pasqua nulla all'orizzonte. Ma questa è la volta che finisco quel bel musino di coniglietto. Spero...
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  5. Bello il tuo biscournu e hai risolto molto bene con il punto scritto.... piccolo consiglio, non hai mai provato ad usare il DMC 939 blu scuro, anziché il DMC 310 nero? Risulta più fine...
    Per Pasqua qualcosina sto facendo, ma come al solito anch'io sto correndo.... non parliamo poi delle pubblicazioni sul blog. Se riesco entro quella data bene e se no sarà dopo, non voglio più stressarmi.... (ma poi ci riesco?)
    Un abbraccio e buona settimana carissima Irene

    RispondiElimina
  6. Oh Irene i tuoi bellissimi e ricchissimi post che dopo una giornata lavorativa piena come la mia sono un toccasana, bravissima per il tuo biscornu a me in realtà le apine così delineate piacciono molto, da quando ho avuto il tempo indeterminato e lavoro full time non riesco più a dedicare i canonici 15 minuti al ricamo, arrivo stanchissima ma l'idea di prendere appunti così dettagliati mi piace e proverò, speriamo che anche in Italia creino dei concorsi così interessanti...

    RispondiElimina
  7. What a darling biscornu, Irene! For some reason, I have really been attracted to bee designs lately :)

    I just keep track of my finishes and all the materials that I've used for them in a simple notebook. I am so glad I do as I am often asked by a fellow stitcher for the names of fabrics or threads that I have used after they see a photo on my blog.

    I look forward to your Easter stitching--I just finished a larger bunny, but need to get him fully finished before I share him on my blog :)

    Enjoy your day!

    RispondiElimina
  8. bello il biscornou e sempre utilissime le notizie che riporti!!
    grazie!!
    :*

    RispondiElimina
  9. il biscornou è bellissimo, sai che non ne ho mai fatto uno?
    Comunque io riesco a scindere le ali delle api, si vede il bianco, penso che andava bene anche senza il bordo nero.
    Io preferirei comunque tenere gli schemi scritti e non al pc, ho sempre il terrore che parti il computer all'improvviso, infatti le casette del blog le tengo salvate su una penna usb.
    Il viaggio a tema "ricamo"? Sarebbe un sogno!

    RispondiElimina
  10. Complimenti questo biscornou è davvero bello! Anche io avrei paura a rovinarlo, sono una persona molto pignola. E' davvero bella la decorazione con le apine.
    buona serata.

    Giulia
    https://bigiublog19.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Ciao Ire! Questo biscornu è veramente bello!! Ci sta dai il punto scritto attorno alle apine, è molto molto carino!! Come sempre, bravissima!!!

    RispondiElimina
  12. Your biscornu is perfect! Such a sweet design and wonderful stitching and finishing! I'm delighted that you use my stitching log and thanks for sharing the link.

    RispondiElimina
  13. ma sai che io non ho mai fatto un biscornuo?? ora mi hai messo la curiosità, devo proprio provarci!
    grazie dei consigli,ne prendo spunto!

    RispondiElimina
  14. Ciao Irene, complimenti per il bellissimo biscornu.
    Il teme della api coi fiori è decisamente primaverile.

    Grazie al tuo suggerimento di ricamare 15 minuti al giorno, riesco a fare qualcosina in più.
    Come scrivi anche nel post, e sicuramente la regola è valida non solo per il ricamo ma per qualsiasi lavoro, più si programma del tempo per dedicarsi ad una attività e più questo tempo è lungo .... più inesorabilmente si và piano ^_^
    Invece se si ha meno tempo, si fà tutto più velocemente ottimizzando i tempi.

    RispondiElimina
  15. Ciao Irene, come al solito il tuo blog è illuminante!! Il biscornu è bellissimo e per me non è affatto appesantito dal punto scritto anzi!! Per pasqua mi riprometto sempre di ricamare qualche cosa ma non lo faccio mai, però almeno il coniglio in feltro l'ho fatto!!

    RispondiElimina
  16. Bellissimo il biscornu! Che brava! Io li adoro, e in passato ne ho fatti parecchi...adesso ho tralasciato ago e filo per altri hobby, ma mi piacerebbe riprendere! A presto!

    RispondiElimina
  17. Adoro i biscornu ed il tuo è stupendo, bravissima!

    RispondiElimina
  18. Your biscornu looks gorgeous, Irene.
    I use index cards where I write down all the information of a new project. And I keep these index cards in the project bag of the respective project. Besides this I have my stitching journal where I write down each day what I have worked on.

    RispondiElimina
  19. Che bello questo biscornu, Irene. Molto bello. Brava

    RispondiElimina
  20. wow fantastic work i like it, thanks for sharing..

    https://clicknorder.pk online shopping in pakistan

    RispondiElimina
  21. Pretty projects and great idea,Thank you for the tutorial and for sharing !

    หนังตลก

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Mini Shamrock: tutorial per un portachiavi

Ciao ragazze, oggi, grazie a un free di Faby Reilly, arriva il tutorial per il portachiavi! Parleremo poi di risparmio sui materiali per punto croce, vedremo un paio di altri tutorial per fare un coordinato per ricamatrice a pecorelle e alcuni free per la festa della mamma.

Non sono irlandese e nemmeno una fan della birra ma, quando Faby Reilly ha pubblicato questo free in occasione della Festa di San Patrizio l'ho subito salvato. All'inizio non sapevo bene cosa farne, poi, complici le vostre richieste di tutorial, ho realizzato un portachiavi.
Allora, iniziamo? Potete farlo con qualsiasi tipo di schema, basta che non sia troppo grande. Ricamate il vostro disegno (io l'ho fatto su entrambi i lati, ma voi potete fare due disegni diversi, oppure mettere le iniziali) e realizzate un punto scritto tutto attorno: quadrato, rettangolare, delle dimensioni che volete, basta che le due parti siano perfettamente uguali.


Ora ritagliate l'eccesso di tela lasciandone una parte di …

Letters for Santa

Dopo la festa del primo maggio e qualche giorno di relax a casa, riprendiamo i ricami. Oggi vi mostrerò qualcosa di natalizio con schema free di The Little Stitcher, poi vedremo un manuale di ricamo tradizionale e un paio di tutorial, infine qualcosa di divertente con i VIP che ricamano.

Con questo caldo ci mancava un ornamento natalizio, no? E allora è capitato a fagiolo questo schema free che The Little Stitcher ha pubblicato tempo fa sul suo blog (sotto trovate il link per scaricarlo). In realtà si trattava di uno schema più grande, ma io volevo fare qualcosa di piccolino per sfruttare avanzi di filo e tela. La foto non gli rende giustizia, è venuto davvero elegante e carino.

Anche se... vi confesso che l'ho cucito un po' storto, ma grazie a passamaneria e nastri si è nascosto il tutto. Letters for Santa Dear Santa schema free di The Little Stitcher che potete trovare alla fine di questo post Tela Zweigart Floba superfine 35 count color Platinum
Fili e Filati DMC Mouliné
Imbo…

Un runner pieno di conigli

Ciao ragazze! So che non è Pasqua ma oggi vedremo il runner di conigli Rico Design, la mia recensione del nuovo libro di Francesca Peterlini sulla broderie suisse, il video tutorial di Vonna per la rifinitura di un ornamento, il nuovo SAL di Sara Guermani e poi parleremo di schemi free sponsorizzati!




Era chiaro che avessi preparato questo progetto prima di Pasqua, vero? Tuttavia non l'avevo nemmeno iniziato, tra tutte le cose che dovevo fare, per questo non c'era posto. Ora, di metterlo via per un altro anno proprio non se ne parlava (non l'avrei fatto mai più), così ho preso il coraggio a due mani e l'ho iniziato!


So che vi piacerà tantissimo, perchè io stessa ne sono entusiasta (non pensavo sarebbe venuto così bene), però vi devo dire alcune cose. Innanzi tutto questo libretto Rico Design l'ho comprato l'anno scorso per sbaglio: ne volevo prendere un altro e ho scambiato numero. Quando l'ho ricevuto, ho deciso di tenerlo ma con poca fiducia: non pensavo …