Passa ai contenuti principali

Cos'è la tela Lucan

Riprendiamo il discorso delle tele da ricamo adatte per il punto croce. Ho visto, infatti, che i post con le spiegazioni e le recensioni delle tele sono quelli più visti, quindi credo che servano. In particolare, oggi, vi parlo della tela Lucan, della sua composizione, trama e di come si ricama.

esempio di ricamo a punto croce su tela Lucan
Work in progress su tela Lucan Zweigart

Tela Lucan: cos'è

Come sapete sono molto curiosa, sperimento cose nuove e cerco di risparmiare. Provo quindi ad usare qualche sostituto delle tele di lino 100%, ribadendo sempre e comunque che, se vogliamo fare un ricamo prezioso, duraturo e perfetto, spendiamo un po' di più e scegliamo il puro lino. Ma se vogliamo fare ricami da usare tutti i giorni come runner, o tovagliette, oppure degli ornamenti, possiamo benissimo spendere qualcosa di meno e scegliere tele composte da fibre sempre naturali ma un po' meno pregiate.


La Lucan è una tela prodotta da Zweigart, la famosa ditta tedesca (io l'ho trovata solo di questa marca). É a fili contabili, perfettamente adatta, quindi, al punto croce, di 32 count, ovvero con quasi 13 fili (12,6 per la precisione) per centimentro: se la ricamiamo su due fili di trama per due fili di ordito, ci stanno 6,3 crocette per centimetro.

Corrisponde quindi a un lino Belfast o a una tela Murano.

Composizione

É una tela mista ma, rispetto alle altre, non contiene fibre sintetiche o artificiali, e questo per me è un vantaggio: è composta, infatti dal 52% di lino e dal 48% di cotone. Vedete quanto lino? La presenza del cotone fa sì che la trama sia meno irregolare del puro lino, ma una così alta percentuale di lino, le dona una naturalezza molto bella.

Come tutte le tele Zweigart, è piuttosto rigida, usano molto appretto ma, se volete ammorbidirla, basta lavarla.

L'azienda dichiara che è lavabile fino a 60°, io non ho ancora provato quindi non so dirvi se restringe. Vi confermo invece che è facilmente stirabile, grazie, appunto alla presenza del cotone.

Da quello che ne so viene prodotta in un unico colore, un greggio chiaro molto naturale (lo vedete in foto), che sta bene con tutti i tipi di ricamo.

Come ricamarla

A prima vista non sembra semplice da ricamare, sembra un po' fitta, invece, quando comincerete a fare le crocette, vi stupirete della facilità.

Generalmente le tele 32 count vanno ricamate a due capi di mouliné su due fili di trama, questa invece mi sento caldamente di consigliarvi di ricamarla a un capo, viene benissimo ed è elegantissima. Non ci sono trasparenze o buchi di colore semplicemente perchè trama e ordito sono leggermente irregolari e grossetti, quindi il filo di mouliné riesce e coprire bene il tutto.

Lo vedete nella prima foto del post, un lavoro che sto facendo: l'avreste mai detto che è ricamata ad un capo? E invece. Ora ve la mostro più da vicino:

Tela Lucan ricamata con un capo di mouliné su due fili per due fili di trama
Sconsiglio, invece, di ricamarla su un filo per un filo di trama, meglio scegliere la Murano per fare le miniature su una 32 count.

Se volete fare delle sfilature, per esempio un orlo a giorno, si sfila facilmente e regolarmente.

Conclusioni

Care ragazze, a me questa tela è piaciuta davvero molto. Ovviamente sarà difficile trovarla nelle mercerie di paese, io l'ho acquistata online e, lo dirò fino allo sfinimento, se volete qualcosa di veramente prezioso vi consiglio di andare sul puro lino, ma trovo che questa sia davvero un ottimo suo sostituto e costa la metà.

Chi ha problemi di vista e di solito ricama sull'aida, se anche su Belfast o Murano usa la lente dovrà usarla anche qui. Se siete abituate all'aida e non avete mai usato tele a fili contabili, di questa dimensione vi consiglio di provare prima la Murano, è più semplice e i fili di trama sono più visibili.

Come vi ho detto esiste un solo colore, che è vero che sta bene con tutto, tuttavia a me ne piacerebbe qualche altro!

In complesso, per me, è promossa!

Se l'avete già usata, fatemi sapere la vostra esperienza, mi fa piacere!

Vi ricordo, inoltre, che su questa pagina potete vedere tutti gli approfondimenti sulle altre tele.

Se ti piace il mio post condividilo, grazie!

Commenti

  1. Non conoscevo questa tela, cara Irene. Da quando ho iniziato a ricamare sul lino, dopo una prima infausta esperienza sul troppo morbido Cashel 11 fili, ho scoperto il Belfast 32ct in tutte le sue sfumature e davvero sono a mio agio con questo lino.
    Ma ora mi hai incuriosito e proverò presto la Lucan che ci hai ben presentato.
    Un grande abbraccio Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Susanna, poi mi dirai la tua esperienza :)

      Elimina
  2. Danke für die Erklärung des Lucan Zählstoff.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  3. Ciao Irene, ho provato quella tela ed anche altre tele, ma ritorno sempre al mio amato Belfast è l’unico lino su cui mi piace ricamare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non dispiace, certo che il lino è sempre un'altra cosa, elegante e bellissimo da toccare :)

      Elimina
  4. Grazie per la recensione. Avevo 'adocchiato' questa tela ma alla fine non l'ho mai acquistata. La proverò. Per alcuni progetti non troppo impegnativi, come quelli da rifinire come sacchetti o bustine, mi sono trovata bene con la mischia intima (credo tessitura chierese o un nome simile). Contiene più cotone che lino ed è davvero morbida, quindi funziona meglio per alcune cose. E dato che il colore non è uniforme ha quell'aspetto un po' vecchio che ha me non dispiace :)
    Buone crocette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah Ele, l'ho provata la mischia intima, non è affatto male! Grazie!

      Elimina
  5. Ciao Irene , grazie le informazioni non conoscevo questa tela ho sempre ricamato su Aida e poi ho scoperto il lino qualche anno fa ma quanta paura avevo nell' utilizzarlo .
    Terrò presente questo tipo di tela magari per qualche lavoro ,speriamo che ne mettano anche altri tipi di colore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) Spero che le tue crocette abbiano ripreso, se riesco a fare il post martedì prossimo ti faccio vedere una cosa che ho ricamato e che è venuta benissimo! Mi lodo da sola, ma l'ho cucita benino, forse perchè è per me haha! ♥

      Elimina
  6. I have never heard of this type of fabric, Irene, so thank you for your review of it :) Happy Spring to you and your family!

    RispondiElimina
  7. Grazie per questo interessantissimo post. Singolare che questa tela esista di un solo colore anche se, a dire il vero, è il mio colore preferito per i ricami. Buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è il colore che vendono di più. Grazie Clara ♥

      Elimina
  8. ciao Irene! non conoscevo questa tela, mi sembra davvero interessante!
    grazie!, dunque, preziosa come sempre!
    :*

    RispondiElimina
  9. Ire grazie per le tue preziose informazioni... sarà da provare assolutamente!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Grazie per le informazioni che ci dai! sempre utilissime :)

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima, sempre interessante quello che scrivi. Anch'io non ho mai sentito di questa tela. Mi sembra un po' come la floba... ispira molto e anche il colore è bello. Non capisco perché dici che non si potrebbe utilizzare per la miniatura?
    Un abbraccio e buona settimana
    p.s.: Tu che sei così brava con l'informatica, come si fa a vedere se mi rispondi senza dover andar a leggere i tuoi commenti? C'è una possibilità di evitarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè l'ordito è leggermente più sottile della trama e secondo me non viene perfetto, inoltre si fa fatica a vedere, è più semplice con il lino o con la murano.
      Basta che spunti la casellina Inviami notifiche quando scrivi il commento :)

      Elimina
    2. Grazie 🙏🏽 per l’info🤗😘

      Elimina
  12. Monto interessante......grazie mille per queste chiare spiegazioni

    RispondiElimina
  13. Molto interessanti questi post, Irene! Che bella questa tela, non sono sicura di averci mai ricamato sopra!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Irene, it looks like a very pretty stitching fabric. My favorite is Newcastle linen. RJ@stitchingfriendsforever

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come rifinire un ornamento a punto croce: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi ho preparato un tutorial molto originale: vi mostrerò come rendere tridimensionale uno schema a punto croce. Lo potrete fare con qualsiasi schema, io l’ho fatto con Amore vero di Crocette a gogo’ (lo potete acquistare qui), ma voi scegliete quello che più vi aggrada, va bene? Partiamo!

Per prima cosa ricamate il vostro schema: io l’ho fatto sull’aida, ma voi scegliete la vostra tela preferita, il principio è lo stesso.
Quando lo avete terminato, con un filato che riprende uno dei colori del disegno, o con un colore a contrasto, con un semplice punto scritto o punto indietro, fate un contorno tutto attorno e contate i punti. Non importa che sia un quadrato, va bene anche un rettangolo. Nel mio caso sono 64x68 punti. Scrivetelo su un notes.
Sulla stessa tela, fate un altro quadrato o rettangolo con lo stesso numero di punti, sempre a punto scritto o indietro, senza il disegno dentro, una mera cornice: sarà il retro dell’ornamento. Io lo userò come puntaspilli d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via!
Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo quelli più semplici e che, magari avete già a casa.

Ve l…

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe: recensione

Buongiorno ragazze! Oggi post letterario con uno dei Needlework Fiction Books, il secondo volume della saga della Villa delle stoffe, ricordate il primo? Non ne ero molto entusiasta, lo avevo trovato scontato e inverosimile, invece questo mi è piaciuto moltissimo e mi sono ricreduta! Ora ve ne parlo, così vi viene voglia di leggerlo.

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2019 Tit. orig.: Die Töchter der Tuchvilla Genere: romanzo rosa con sfondo storico, saga familiare Categoria: cucito, produzione industriale di stoffe Trama Nel primo volume avevamo lasciato Marie felice e innamorata del rampollo della famiglia che possiede la più grande azienda di produzione di stoffe della città di Augusta, alla vigilia dello scoppio della prima guerra mondiale. Sarà proprio questo evento catastrofico a cambiare la vita delle ragazze Melzer, ormai sposate e mamme, che dovranno rimboccarsi le maniche, prendere in mano la loro vita e quella dei bambini per tenere le redini del…