Passa ai contenuti principali

Per una tenera Pasqua: animaletti a punto croce

Non sembra ma qualche lavoretto da regalare a Pasqua l'ho fatto anch'io. E siccome adoro gli animali, i fiori e la tela vichy (quella country a quadrettoni, per intenderci), ho trovato gli schemi perfetti per fare dei piccoli portalavanda per cassetti, a punto croce.

portalavanda a punto croce

Pubblicati sulla rivista The World of Cross Stitching come schemi per cartoline d'auguri, ho iniziato a ricamarli senza sapere bene cosa ne avrei fatto: andavano bene per San Valentino, o per un compleanno, tuttavia mi sono dilungata e li ho finiti ora, quindi saranno per Pasqua! 🐰

elefante a punto croce

coniglio a punto croce

gatto a punto croce

Il gatto è quello che mi è venuto peggio, non so perchè, forse il punto scritto piccolino, forse gli occhietti, non è perfetto.

Ho trovato inoltre qualche difficoltà a riempire bene i sacchetti affinchè rimanessero belli dritti, la lavanda fa dei bozzi antiestetici, allora ci ho aggiunto piccoli fiocchi di imbottitura sintetica per renderli più soffici e morbidi.


Non mi resta che regalarli!
Pretty posies, schema di Makiko pubblicato su The World of Cross Stitching, n. 265 2018
Tela aida Zweigart 18 count (72) color bianco opalescente
Tela Adige Grigoletto color kiwi

Schemi free davvero carini da tenere d'occhio

Ve l'ho segnalata spesso Wild Olive, e vorrei ricordarvi che sta continuando regolarmente a pubblicare le confetture del mese che io amo tantissimo! Qui trovate la confettura di lampone e, se volete, lo schema per lo scaffale. Precedentemente, qui, aveva pubblicato la marmellata di arance e la confettura di ciliegie. Io sto salvando gli schemi perchè li trovo perfetti per copribarattoli.

A questo proposito, una piccola nota di lingua italiana, perchè spesso confondiamo i termini:
con marmellata si intende solo la preparazione alimentare fatta con acqua, zucchero e agrumi: limoni, arance, mandarini, cedri, pompelmi o bergamotti. Per disciplinare, deve contenere almeno 20 g di frutta su 100 g di prodotto. Pare che la parola derivi da marmelo, la mela cotogna: greci e  antichi romani la cuocevano con il miele o con il vino e ottenevano una crema che si conservava a lungo.

Tutte le altre preparazioni fatte con altri frutti, che spesso noi chiamiamo lo stesso marmellate, in realtà si definiscono confetture. Una vera confettura dovrebbe contenere almeno 35 g di frutta su 100 g di prodotto (da 45 g in su viene definita confettura extra).

C'è poi la gelatina che, invece, è preparata con zucchero e succo di frutta senza la polpa.

Se la confettura contiene altri alimenti, (radici come lo zenzero, verdure o altri aromi), viene definita composta.
Ricordiamocelo 😙.

Vi segnalo quindi altri schemi free per le vostre conserve, ad esempio queste etichette meravigliose, oppure questo banner. E che ne dite di fette di pane spalmate?

Con questa nota di colore e sapore per oggi è tutto!
Vi auguro una serena e gioiosa Pasqua!
xx Irene

Commenti

  1. Finalmente martedì!
    Un appuntamento fisso e molto piacevole leggere i tuoi post .
    Il mio preferito è il coniglietto, questi schemi sono così
    carino che secondo me vanno bene per più occasioni ( anche per comunioni o battesimi) trovo davvero molto carina questa idea dei cuscinetti profumati.
    Ho visto su Facebook un sacco di tue nuove idee sei un vulcano!!!
    Aspetto di vederle nei prossimi post 😊😊😊.
    Buone crocette e serena pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah le idee sono tante, poi rimane tutto lì da rifinire!!! Grazie e buona Pasqua anche a te ♥

      Elimina
  2. Your lavender bags are adorable. ^^

    RispondiElimina
  3. Carissima Irene grazie di cuore per tutte queste belle notizie ed indicazioni che ci doni.
    Ho salvato le etichette per le confetture e marmellate.
    I tuoi cuscinetti profumati sono un amore e che dire della "dritta" di mixare la lavanda (invero assai "sbruzzolosa") con dei fiocchetti di imbottitura? Semplice ma geniale!
    Un grande abbraccio e se non dovessimo risentirci prima, auguri di Buona Pasqua.
    Ciao Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti auguri anche a te Susanna e grazie!

      Elimina
  4. Bellissimi Irene, mi piacciono molto tutti e tre. L'elefantino è il mio preferito, comunque non vedo difetti nel gattino.
    Ti auguro una buona serena Santa Pasqua. A presto

    RispondiElimina
  5. Your little lavender bags are so sweet! Wonderful finishes just in time for Easter.

    RispondiElimina
  6. Oh the little pillows are cute, especially the rabbit I like very much.
    Happy Easter, Martina

    RispondiElimina
  7. Li adoro tutti e tre! e sono talmente dolci che sono perfetti per qualsiasi occasione, bravissima.
    Mi raccomando Irene...io non ho FB quindi perfavore continua a postare anche qui, così posso continuare a seguirti ...è sempre un piacere leggerti ;) Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta! Amo più il blog che FB, quindi non preoccuparti :)

      Elimina
  8. Sono tenerissimi, sicuramente saranno molto apprezzati! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  9. Süß die kleinen Stickereien. Ganz niedliche Kissen. Besonders gefällt mir derElefant.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  10. Ciao Ire!!! Bellissimi questi cuscinetti!! Mi hai dato una bellissima idea!!! Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ire, uh, niente di che, sono facilissimi da fare :)

      Elimina
  11. Ciao Irene! Che belli i tuoi lavori *_*
    Ovviament è il mio preferito è il coniglietto, visto che ne ho adottato uno ♥

    RispondiElimina
  12. Your little lavender pillows are so sweet, Irene--I especially like the cat :) Wishing you a blessed Easter! ♥

    RispondiElimina
  13. Ciao Irene ma quanto sono carini e coccolosi questi animaletti, bravissima

    RispondiElimina
  14. Hello Irene! I love your little lavender bags...so sweet and I know they smell so good. Please come by and see us...we have been gone for about six weeks with illness but we are back in stitching form again I hope. Hope you have a very happy and blessed Easter. RJ@stitchingfriendsforever

    RispondiElimina
  15. Bellissimi gli animaletti e i cuscinetti sono confezionati alla perfezione!!
    Auguri di buona Pasqua,
    Daniela.

    RispondiElimina
  16. Ciao Irene, ma che BELLISSIMI i tuoi tre cuscinetti!!! Un amoooooore davvero e anche il gatto.... non saprei quale scegliere. La cosa più bella leggere i tuoi post è che mi fanno venire una voglia di ricamare!!! Grazie per tutte le infos sempre utili. Un abbraccio Woody

    RispondiElimina
  17. Oh, these bags are precious!!! I made lavender bags for my dresser drawers but didn't stitch them. I'm going to have to do this for little gifts. I love your finishing on them too! Mary@stitchingfriendsforever

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come rifinire un ornamento a punto croce: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi ho preparato un tutorial molto originale: vi mostrerò come rendere tridimensionale uno schema a punto croce. Lo potrete fare con qualsiasi schema, io l’ho fatto con Amore vero di Crocette a gogo’ (lo potete acquistare qui), ma voi scegliete quello che più vi aggrada, va bene? Partiamo!

Per prima cosa ricamate il vostro schema: io l’ho fatto sull’aida, ma voi scegliete la vostra tela preferita, il principio è lo stesso.
Quando lo avete terminato, con un filato che riprende uno dei colori del disegno, o con un colore a contrasto, con un semplice punto scritto o punto indietro, fate un contorno tutto attorno e contate i punti. Non importa che sia un quadrato, va bene anche un rettangolo. Nel mio caso sono 64x68 punti. Scrivetelo su un notes.
Sulla stessa tela, fate un altro quadrato o rettangolo con lo stesso numero di punti, sempre a punto scritto o indietro, senza il disegno dentro, una mera cornice: sarà il retro dell’ornamento. Io lo userò come puntaspilli d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via!
Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo quelli più semplici e che, magari avete già a casa.

Ve l…

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe: recensione

Buongiorno ragazze! Oggi post letterario con uno dei Needlework Fiction Books, il secondo volume della saga della Villa delle stoffe, ricordate il primo? Non ne ero molto entusiasta, lo avevo trovato scontato e inverosimile, invece questo mi è piaciuto moltissimo e mi sono ricreduta! Ora ve ne parlo, così vi viene voglia di leggerlo.

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2019 Tit. orig.: Die Töchter der Tuchvilla Genere: romanzo rosa con sfondo storico, saga familiare Categoria: cucito, produzione industriale di stoffe Trama Nel primo volume avevamo lasciato Marie felice e innamorata del rampollo della famiglia che possiede la più grande azienda di produzione di stoffe della città di Augusta, alla vigilia dello scoppio della prima guerra mondiale. Sarà proprio questo evento catastrofico a cambiare la vita delle ragazze Melzer, ormai sposate e mamme, che dovranno rimboccarsi le maniche, prendere in mano la loro vita e quella dei bambini per tenere le redini del…