Passa ai contenuti principali

Un portalavanda a punto croce chic & trendy

Alle prese con le pulizie di primavera? Con il decluttering stagionale? Sistemazione del guardaroba? Io sì, e ho deciso che il mio armadio, oltre a rimanere ordinato, deve essere bello e profumato. Come? Ma con il ricamo naturalmente!

portalavanda ricamato a punto croce

Devo confessarvi una cosa: quando mi piace tanto uno schema e lo ricamo, e poi non so cosa farci, ripiego sui portalavanda. Questa fantastica modella vintage disegnata da Durene Jones è proprio perfetta per l'armadio: fa parte di una serie di schemini pubblicati sulla rivista The World of Cross Stitching, tutti in stile chic francese.  Ho scelto lei ma sono tutti belli, un giorno o l'altro ne farò qualcuno.

Portalavanda ricamato a punto croce

L'ho ricamato su una Floba 32 count e, se tornassi indietro, userei un capo di moulinè, l'ho fatto con due ma è venuto troppo cicciotto. La rifinitura è semplice, a cuscinetto, con il fiocco (se volete fare un fiocco perfetto ho pubblicato il tutorial qui).

Ecco, se avete dei ricamini abbandonati nel cassetto, piccolini, armatevi di ago, filo e stoffine e rifiniteli così, usateli per l'armadio, sono davvero carini.
Schema Chic & Trendy di Durene Jones, tratto da The World of Cross Stitching n. 277 2019
Perline

A proposito di portalavanda, volete uno schema free perfetto?

Devo assolutamente segnalarvi un free di Renato Parolin perchè mi piace molto e sarebbe perfetto per dei cuscinetti portalavanda, lo trovate qui scorrendo il post fino in fondo.

Aggiungo altri due free di Lucie Heaton perchè li trovo bellissimi, due fatine, una che fa shopping e una che ricama, le trovate sulla sua newsletter qui e qui. Penso che prima o poi le farò anch'io.

Per oggi è tutto, buon ricamo!
xx Irene

Commenti

  1. Krásna výšivka, milý vankúš!!!

    Beautiful!
    A.

    RispondiElimina
  2. Molto fashion! Un ricamo perfetto per l'armadio e la soluzione del porta-lavanda è sempre azzeccata, bello!

    RispondiElimina
  3. Ciao Ire!! Mi sono persa gli ultimi lavori, bellissimi come sempre!! Questo porta lavanda poi è davvero delizioso!! Bravaa!!! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Irene, eh, ma sei scusata, hai un sacco di cose da preparare! ♥

      Elimina
  4. Il cambio armadio lo sto rimandando ,un po' perché ho ancora freddo un po' perché è un lavoraccio ma prima o poi dovrò farlo!😞
    L'idea dei porta lavanda mi piace moltissimo questo è davvero elegante.
    Aspetto di vedere la lumaca di Durene adoro quel ricamo😊😊😍😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho solo imbastita, per ora va bene così, poi ci metterò il disco di feltro come mi hai suggerito :)

      Elimina
  5. Il mio buon proposito di sempre... riempire l’armadio e i cassetti di cuscinetti porta lavanda. Mi piace tantissimo il tuo brava come sempre

    RispondiElimina
  6. Molto chic questa bella modella! Davvero raffinata!
    Anch'io "ripiego" sempre sulla confezione di cuscinetti per sistemare piccoli ricami, non fosse altro per il puro piacere di realizzarli. Grazie per le gradite e puntuali informazioni che condividi: ho appena scaricato lo schema della fatina che ricama!
    Ciao! Buon pomeriggio!
    Rita

    RispondiElimina
  7. Che modella chic per il tuo prifumatore! Bellusdimo lo achema free di Parolin, grazie mille.

    RispondiElimina
  8. Thank you for another wonderful post , love your elegant lady .
    Enjoy your day hugs .

    RispondiElimina
  9. Grazie carissima Irene, per le belle cose che ci segnali e ci suggerisci.
    In effetti: ma quanti ricamini ho rimasti lì, soli soletti? Ottima idea per impiegarli.
    Un po' più di pensiero mi mette la pulizia ed il cambio stagionale per tutta la famiglia.
    Ma ce la farò.
    Neanche a dirti che ho immediatamente scaricato le dolci, ingenue fatine della Heaton.
    Un baciotto, a presto
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che sono bellissime? Grazie Susanna

      Elimina
  10. Bellissimo e molto raffinato il tuo cuscinetto. Ora ne farai uno per ogni capo? heheheh non mi stupirei, troppo brava a fare questi oggettini.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ma di ricami ne avrei un sacco per farli!

      Elimina
  11. Molto molto elegante questo porta lavanda.
    Mi piace..sembra di sentirne il profumo.
    Brava.
    Un saluto

    RispondiElimina
  12. Wow, è stupendo!
    Mi piace il ricamo e l'idea del cuscinetto profumato, bravissima!

    RispondiElimina
  13. Bellissimo il tuo blog,forse sono una delle poche che non lo conosceva ^_^ adesso ti seguirò..un bacione
    Giusy

    RispondiElimina
  14. E' da tanto che non passo dal tuo blog ma ho trovato ancora bellissime idee e ottimi lavori!

    RispondiElimina
  15. Ciao! Non so se sono mai passata da questo blog. Mi rende sempre felicissima vedere che ci sono blog aggiornati così spesso. Complimenti!
    E complimenti anche per i deliziosi lavori che realizzi. Hanno il dono della semplicità e bellezza.
    Ti seguo tramite mail, perchè non ho trovato il gadget dei followers come da me.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Il gadget è nella barra di destra, forse è un po' nascosto, grazie mille!

      Elimina
  16. Evviva evviva brava Irene non vedo l'ora di vederla la lumaca è davvero simpatica .
    Sono contenta che il mio consiglio ti è tornato utile e sono curiosa di vedere come lo rifinirai anche sul retro .
    A domani 😊😊😊😊😊

    RispondiElimina
  17. Another fabulous finish!

    RispondiElimina
  18. lo trovo bellissimo soprattutto utile

    RispondiElimina
  19. Amazing post with lots of informative and useful and amazing content. Well written and done!! Thanks for sharing keep posting.
    clipping path

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come rifinire un ornamento a punto croce: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi ho preparato un tutorial molto originale: vi mostrerò come rendere tridimensionale uno schema a punto croce. Lo potrete fare con qualsiasi schema, io l’ho fatto con Amore vero di Crocette a gogo’ (lo potete acquistare qui), ma voi scegliete quello che più vi aggrada, va bene? Partiamo!

Per prima cosa ricamate il vostro schema: io l’ho fatto sull’aida, ma voi scegliete la vostra tela preferita, il principio è lo stesso.
Quando lo avete terminato, con un filato che riprende uno dei colori del disegno, o con un colore a contrasto, con un semplice punto scritto o punto indietro, fate un contorno tutto attorno e contate i punti. Non importa che sia un quadrato, va bene anche un rettangolo. Nel mio caso sono 64x68 punti. Scrivetelo su un notes.
Sulla stessa tela, fate un altro quadrato o rettangolo con lo stesso numero di punti, sempre a punto scritto o indietro, senza il disegno dentro, una mera cornice: sarà il retro dell’ornamento. Io lo userò come puntaspilli d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via!
Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo quelli più semplici e che, magari avete già a casa.

Ve l…

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe: recensione

Buongiorno ragazze! Oggi post letterario con uno dei Needlework Fiction Books, il secondo volume della saga della Villa delle stoffe, ricordate il primo? Non ne ero molto entusiasta, lo avevo trovato scontato e inverosimile, invece questo mi è piaciuto moltissimo e mi sono ricreduta! Ora ve ne parlo, così vi viene voglia di leggerlo.

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2019 Tit. orig.: Die Töchter der Tuchvilla Genere: romanzo rosa con sfondo storico, saga familiare Categoria: cucito, produzione industriale di stoffe Trama Nel primo volume avevamo lasciato Marie felice e innamorata del rampollo della famiglia che possiede la più grande azienda di produzione di stoffe della città di Augusta, alla vigilia dello scoppio della prima guerra mondiale. Sarà proprio questo evento catastrofico a cambiare la vita delle ragazze Melzer, ormai sposate e mamme, che dovranno rimboccarsi le maniche, prendere in mano la loro vita e quella dei bambini per tenere le redini del…