Passa ai contenuti principali

Una Kokeshi a punto croce!

Questa è la storia di come un piccolo fallimento può essere rimediato con creatività. Sì, perché il quaderno rivestito che vedete nella foto, nella mia idea, non doveva essere così ma, complice l’imbranataggine con la macchina da cucire e, diciamolo, la mancanza di voglia di rifinire in modo complicato, alla fine è venuto carino lo stesso, vero?

Quaderno con kokeshi a punto croce

La Kokeshi è una tipica bambolina giapponese.
Vi confesso che il ricamo lo avevo terminato da parecchio tempo: iniziato appena Piki lo aveva pubblicato free sul suo blog (lo trovate qui e, dato che ci siete, date un’occhiata al sito e ai lavori di Chiara, ha una semplicità così elegante che la invidio tanto!), già si era rivelato un po’ impegnativo perché lo volevo fare piccolino, quindi l’ho ricamato 1 su 1 con un filo di mouliné su lino 11 fili.

È stato quando ho visto il risultato che mi è venuta voglia di farne la copertina di un quaderno, ne ho trovato uno perfetto proprio in tono! Ho scaricato una miliardata di tutorial per ricoprirlo di stoffa e mettere il ricamo sulla facciata. Okay. Fatto questo mi sono spaventata, non pensavo di essere in grado di farlo e quindi ho messo via tutto in attesa di tempi migliori. Non ditemelo, non si fa così!

Determinata a crearlo durante le vacanze estive, ho ripreso in mano i tutorial, me li sono studiati e ristudiati e niente, un po’ le complicazioni, un po’ il caldo, un po’ che non avevo il tessuto adatto, ho rinunciato. E ho scelto la via più facile: ho fatto una cornice al ricamo in modo che non sfilasse, l’ho ritagliato e filo e l’ho incollato sulla copertina. Bene ma non benissimo.

Lo so, avrei dovuto provarci, ma proprio non ce n’era, vi giuro! E, tutto sommato… sapete che mi piace anche così? Se vi ho dato un’idea ne sono felice, anche i miei piccoli fallimenti possono servire a qualcosa! L’importante è non abbandonare i ricami non finiti. E, soprattutto, non lasciarsi scoraggiare!

Petite Kokeshi, schema di Piki scaricabile free qui
Lino Cashel Zweigart 28 count, colore bianco

Commenti

  1. Mi piace moltissimo il risultato semplice ma di grande effetto, ti capisco io con il cucito non vado d'accordo ☹️,ho sempre paura di sbagliare o di non riuscire a portare a termine un lavoro o che alla fine il risultato non sia bello e preciso come quello visto on-line ...e così rinuncio .
    Il tuo lavoro mi piace è semplice pulito complimenti .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me pare che il quaderno sia venuto benissimo Irene! Il contrasto tra la tela e il cartone della copertina mette il ricamo in maggior evidenza. Delizioso

      Elimina
  2. The simlicity of the finish works so well with the simplicity of the stitch. Beautiful!!!

    RispondiElimina
  3. Davvero carinissima la kokeshi, mi riprometto di ricamarne una anche io

    RispondiElimina
  4. A me piace molto. A volte è meglio cambiare obiettivo!

    RispondiElimina
  5. How sweet , I must stitch this one.

    RispondiElimina
  6. Sehr süß, das kleine Mädchen.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  7. What a pretty design and you found the perfect colour of notebook for your finish!

    RispondiElimina
  8. Bellissima Irene la tua bambolina, ed anche la finitura, sapendo che sei partita da un fallimento, ci sta benissimo...

    RispondiElimina
  9. Ma che carina questa bambolina giapponese, cara Irene. E da un errore è venuto fuori un vero gioiellino!!!
    Baci e buon fine settimana
    Susanna

    RispondiElimina
  10. Che bel lavoro, mi piace molto com'è venuto il quaderno, la bambolina è carinissima!
    Un saluto e buon w.e.

    RispondiElimina
  11. Molto carina questa kokeshi e sta proprio bene sul quaderno rosa. Bravissima Irene

    RispondiElimina
  12. Che tenera questa kokeshi! Bello anche come l’hai rifinito, niente male. Brava come sempre 🥰

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come acquistare schemi di qualità

Prese dalla bellezza dei disegni, dalla vivacità dei colori e, a volte, dal basso costo, siamo invogliate ad acquistare schemi per il punto croce da tutte le parti: non ci sono, infatti, solo le mercerie o i mercati rionali, e non ci sono nemmeno solo i negozi ufficiali online. Ormai qualsiasi sito, anche privato, può vendere schemi in download. Ma saranno davvero di qualità? Semplici da ricamare? Legali?

Scrivo questo post prendendo spunto da quello di Lord Libidan che trovate in lingua originale qui, penso sia molto utile per tutte noi, sia per darci consigli su come muoverci, sia per essere sempre corrette senza temere di andare contro la nostra etica.
Non tutti gli schemi che troviamo online sono di qualità e fattibili, molti sono davvero pessimi: anche se costano poco, perchè buttare soldi e tempo per fare qualcosa che poi non ci soddisfa? Proviamo a seguire alcune regole, cinque in particolare: Prima di acquistare, cerchiamo un'immagine dello schema già ricamato. I software …

I filati da ricamo invecchiano?

Ciao ragazze, oggi parliamo di un argomento che riguarda tutte, la terza età dei nostri fili da ricamo. La nonna vi ha lasciato una borsa di filati? L’amica ha cambiato hobby e vi ha dato i suoi che non usa più? Avete trovato un vecchio progetto che non avete finito e desiderate recuperare i materiali? Tra le vostre scorte avete delle matassine di quarant’anni fa ancora intonse? Vi è sorto il dubbio se il filato sia buono o se conviene buttare tutto? Vediamo qualche consiglio.

Il filato, a seconda della composizione, non è inerte, chiaramente invecchia, soprattutto in determinate condizioni: ha preso luce e si è sbiadito?ha preso umidità e si è gonfiato o ha formato delle muffe (emana cattivo odore)? sono presenti degli insetti (farfalline, pesciolini d’argento, tarme, acari)?è macchiatoimpolverato?si spezza? I nostri ricami sono preziosi, non cerchiamo di utilizzare a tutti i costi il filato se vediamo che è rovinato, piuttosto sacrifichiamolo. Se è sbiadito, a meno che non vog…