Passa ai contenuti principali

Un po' di shopping (che non fa mai male)

Buongiorno ragazze! Da quanto non facevo shopping ricamoso? Lo dico con orgoglio: tantissimo! Mi congratulo con me stessa perchè le scorte (che sono ancora consistenti), non sono aumentate fino a buttarmi fuori casa, e quindi niente frustrazioni e tutto in ordine. Tuttavia oggi vi mostro qualcosa e, in più, in tema di ordine, vi parlo di un manuale che sto leggendo.


Tanti anni fa, ricamando molto, avevo aderito ad un programma di un negozio online, che offriva una buona scontistica in cambio di almeno un acquisto al mese di qualsiasi importo. All'inizio per me valeva la pena poi, invece, mi sono resa conto che compravo molto più di quello che realizzavo e quindi ho smesso.

Con un po' di inventiva ed adattamento, ho vissuto di rendita con quello che avevo per parecchio tempo: stoffe e tele di tutti i tipi e tutto il colorario di matassine. Avevo proprio esagerato!

Obbligandomi, poi, ad acquistare in negozi fisici e non online, ne ha giovato il portafoglio e l'umore.

Ora, quindi, scelgo bene le riviste, preferisco libri e schemi in pdf rispetto a schemi singoli stampati, compro solo quando necessario.

Tuttavia ho fatto un'eccezione causa le bravissime ricamine di Instagram: nonostante avessi una lista ben definita di progetti, la foto di un paio di cuscini sul sito Instagram di Tra lino e fili mi ha "obbligato" a fare clic su compra! Succede che ci innamoriamo al volo di qualcosa, il classico colpo di fulmine, quindi ora vi parlo del mio progetto (che sarà molto simile) e degli altri acquisti che ho fatto.

Il mio carrello della spesa

Partiamo dagli schemi che andranno a creare i cuscini: sono Beach e Summer di Madame Chantilly, freschi di stampa. Trovo gli schemi di Madame Chantilly sempre molto allegri e semplici da ricamare, ne ho fatto parecchi in passato (li vedete qui), e sono felice che abbia cambiato modo di stamparli rendendoli più grandi e chiari, i miei occhi ringraziano. Ognuno contiene lo schema grande e uno in tema piccolino, mi piacerebbe farli tutti ma intanto parto dai grandi. I colori di matassine sono quasi gli stessi, e sono pochi, quindi non c'è molta spesa.

La tela bianca azzurra a quadrotti che vedete, è quella che userò per la fodera: spero che, essendo geometrica, mi aiuterà ad andare dritta con la macchina da cucire. La tela è una Bolsena Grigoletto color nuvola, ha i quadri più grandi dell'Adige che usiamo per la broderie suisse, ma la composizione è la stessa. Essendo puro cotone, l'ho bagnata e... sorpresa!! Si è ristretta tantissimo! Quasi 6 cm, per fortuna dovrei riuscire a starci comunque con le cuciture, ma ho rischiato di doverla riacquistare o dover fare delle giunte. State sempre attente a rimanere abbondanti quando comprate cotone.

Poi, oltre un paio di matassine che mi mancavano, ho preso una Murano 32 count che amo tanto, quella color Colonial blue. Devo però fare un appunto: ne ho ancora un pezzo di quella acquistata tanti anni fa e devo dire che la qualità è un pochino peggiorata, sia nel colore che nella composizione della stoffa. Mi ero già accorta con la floba, sempre Zweigart, che ora ha una consistenza diversa, capisco il costo maggiore delle materie prime e la ricerca di risparmio, ma sono proprio diverse. La Murano è una tela morbida in cotone e modal (forse la causa della differenza è l'uso di modal riciclato?) che corrisponde ad un lino Belfast. L'ho presa perchè avrei in mente un progetto invernale ma vediamo, ve ne parlerò più avanti.

E infine la stoffina con le api, è una Fabricart, prima volta che acquisto da quest'azienda e ve la consiglio: il prezzo è buono, la qualità della stampa non è eccelsa ma è un buon cotone, morbido e restringe poco, quindi è promossa. Con questa vorrei fare una tovaglietta da mettere sopra il frigo per l'estate, semplicemente così con un orlino.

Il mio progetto

Ecco, ho preparato i materiali e già iniziato, mi piacciono molto i colori delle matassine. Come tela da ricamo ho scelto una Belfast color Silver Raw con all'interno un filo d'argento perchè, se la vedete dal vivo, sembra il luccichio del mare. Ho quella stoffa dal millenovecento...... e si vede, le pieghe non sono andate via con la stiratura ma, in ogni caso, prima di rifinirlo laverò i ricami quindi spero vengano bene.

Ed ecco la vostra Irene con la tela montata sul telaio che ha iniziato! Non vedevo l'ora.

Spero che il mio entusiasmo duri fino a farmene finire almeno uno in quest'estate, il mio divano li aspetta con ansia!

A proposito di mettere ordine

Un piccolo consiglio se, come me, siete delle patite organizzatrici e riordinatrici: sicuramente avrete letto tutti i libri di Marie Kondo che insegna ad avere una casa pulita e perfetta e a fare decluttering. Tuttavia, forse sarete del mio parere, molti capitoli sono davvero troppo basati sulla cultura orientale.

Sto leggendo un bel manuale italiano, molto curato nella grafica e nei contenuti che forse a noi donnine di casa non dirà niente di nuovo, ma invoglia davvero molto a mettere ordine dentro e fuori di noi, con consigli puntuali e pratici. Si tratta di La casa leggera di Erika Grazia Lombardo.

C'è anche qualche nozione per la craft room, ma davvero poco, dovremmo farlo noi!! Se trovate il libro in biblioteca dateci una letta, vi verrà voglia di pulire e fare luce nelle vostre case!

Commenti

  1. Ma che bei progetti, forza che riuscirai a finirli 😊.
    La stoffa con le api è nell' mia lista desideri...per ora non ho acquisito da fare ci sono molte altre stoffe carine di questa ditta soprattutto quelle autunnali.
    Continua così Irene e vedrai che i tuoi progetti saranno presto finiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono davvero carine, ne ho messe anchìio nella mia wishlist ma ho deciso di comprare solo quando ho un'idea precisa :) Grazie grazie!!

      Elimina
  2. Quanti progetti cara Irene! Peccato che la foto non riesce a cogliere il luccichio del filino d'argento, chissà che bello sarà il risultato finale! E anche a me piacciono gli schemi allegri di Madame Chantilly, è delizioso quello che hai scelto. Bellissime anche le stoffe.
    Lasciamo perdere la tendenza a comprare roba da ricamo, io ero come te, poi ho smesso, ma ho ancora da parte molti schemi da fare.
    Carino il libro che hai consigliato, se lo trovo gli do un'occhiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Rossella, adoro le tele luccicose!!

      Elimina
  3. I tuoi acquisti sono deliziosi! sono sicura che almeno uno dei due cuscini riuscirai a finirlo ! Grazie per il link per le stoffe, stasera me lo guarderò con molta attenzione. Io mi sono imposta un acquisto ogni tre mesi ...regali della mamma esclusi, altrimenti non avre più posto da nessuna parte!
    Grazie per il consiglio sul libro, se lo trovo gli darò una lettura più che volentieri, consigli sull'ordine sono sempre bene accetti !!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Great buys , love them , so enjoy your lovely stitching , have fun , hugs June.

    RispondiElimina
  5. Ohhh ma che bel progetto Irene e quante belle cose hai comprato, il libro è molto interessante, anche a me piace ordine e pulizia quindi penso proprio che lo leggerò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, non ti insegna tanto di più, però ti da delle dritte su come dare o togliere valore alle cose

      Elimina
  6. Stoffette troppo carine e schemi decisamente belli. Ho letto anch'io il libro di Marie Kondo e mi hai messo curiosità con questa segnalazione de "La casa leggera"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Clara, noi donnine di casa probabilmente sappiamo già tutte queste cose, però a volte ci aiuta ad essere più organizzate o a scegliere cosa tenere e cosa dare via :)

      Elimina
  7. Bellissimo questi due progetti per fare dei cuscini. Che dire hai fatto un ottimo shopping.
    Io è da parecchio che non compro nulla per il ricamo, ma anche per gli altri hobbies, perché come te ho la casa ormai piena e poi al momento sono un po' in stallo.
    Ammiro molto il tuo attuale entusiasmo, vedrai che in un baleno i due cuscini saranno belli e fatti.

    RispondiElimina
  8. Speriamo, uno l'ho quasi finito!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Un asciughino pieno di colombe

Buongiorno ragazze! Finalmente oggi vi mostro qualcosa di finito: un asciughino ricamato a punto croce con uno schema elegante e classico che trovo molto carino. É colpa e merito di Sweetmiaomiao se mi è preso il trip degli asciughini, quindi spero tanto che anche lei si rimetta presto e trovi di nuovo la voglia di ricamarne tantissimi! Questo asciughino l'ho preso alla bancarella del mercato, ultimo colore disponibile, una specie di verde pistacchio che ravviva la cucina e mette allegria. C'è sempre il solito problema di trovare uno schema adatto, che ci stia come dimensioni e come tema. Dopo tanto scartabellare, dal mio archivio ho tirato fuori uno dei primi libri che avevo comprato, Mariage, motifs romantiques à broder au point de croix , di Marie-Anne Réthoret-Mèlin e Perrette Samouiloff , è un libro con schemi leggeri e chic per cuscini portafedi o quadri per matrimonio, e queste colombe le ho sempre amate tanto. Chiaramente ho dovuto adattare i colori, non si vedeva il

Cucito, wip sul terrazzo e l'uso alternativo di un porta laptop

Buongiorno ragazze! Oggi un post riepilogativo di qualche lavoretto di cucito, di ricamo, e poi vi racconto e vi mostro cosa faccio con un economicissimo porta laptop (potrei soprannominarmi la ricamina low cost ). Se mi seguite su instagram avrete visto la maggior parte delle foto, ma le riporto qui con più calma e per chi ha il piacere di leggere il blog.  Cucito utile ma poco creativo Per prima cosa un po' di semplice cucito con la stoffina che avevate visto tra i miei acquisti dei giorni scorsi (incredibile, non è rimasta nell'armadio qualche annetto, l'ho fatta subito!). Un semplice orlino e ho fatto un copri frigo estivo con le api. Per sicurezza ho lasciato qualche millimetro in più perchè è vero che ho bagnato la stoffa, ma non si sa mai che lavandola si accorci. Grazie al disegno geometrico sono andata dritta con le cuciture, super soddisfatta!! Gli angolini li ho rifiniti a mano, non ho bene idea di come possa farli a macchina, ma sono venuti bene lo stesso. Ecco