Passa ai contenuti principali

Elena Vestri, Mai dire mai più: recensione

Buongiorno ragazze, oggi parliamo di un libro ambientato interamente in una merceria, un po' surreale ma carino, incentrato sul... non è mai troppo tardi per trovare l'amore (o quel che sia e sarà).

Elena Vestri, Mai dire mai più

Elena Vestri, Mai dire mai più, Giunti, Firenze 2019 (Collana Terzo tempo)
 
Genere: romanzo rosa
 
Categoria: ricamo e cucito

Trama

Arianna ha passato i sessant'anni e da molti gestisce una merceria a Borgo Marino, paese piccolo dove la gente vive di pettegolezzi da cui non si lascia abbattere. Sì, perchè non bastava che vent'anni fa fosse stata lasciata dal padre di sua figlia a 2 mesi dal parto, anche il secondo compagno le dice addio per una donna più giovane.
 
Ma c'è altro che attira l'attenzione: la sua amica e coetanea Federica che ha un flirt con un trentenne aspirante attore figlio del primario del paese. C'è qualcosa di male? Sì, perchè la "vecchia" in questo caso è una donna che ora vuole pure diventare madre! Alla sua età! Ne nasce un putiferio che coinvolge tutti, compresa Arianna che così incontra e si scontra col primario dongiovanni che quasi quasi (o senza il quasi) circuisce anche lei!

Come si sistemerano le cose?

Commento

Vi confesso che, dopo aver letto la trama, ero restia a leggerlo, mi sembrava banale e scontato, invece mi sono ricreduta: non solo è scritto benissimo, con quel non so che di frizzante che toglie il respiro, ma tocca temi e un'età di cui difficilmente si parla in questo modo, quando si è divisi tra il vivere di ricordi o trovare ancora qualcosa per cui valga la pena rischiare.

Needlework Fiction Books

Nella merceria Arianna vende di tutto, dalla lana al filo da ricamo, alla biancheria intima, per questo viene a sapere qualsiasi cosa, ci passa tutto il paese. É brava a consigliare le clienti e il suo lavoro (un ripiego dovuto alla gravidanza e alla solitudine) alla fine le piace molto e lo fa con passione.

Note

Libro agile che si legge in un giorno, lo potete trovate nella vostra biblioteca, su mlol, nella libreria di fiducia, oppure online.

Commenti

  1. Anonimo7.2.23

    Ciao Irene, sembra molto carino e divertente, mi hai incuriosita
    Angela
    https://angela-1201-angela.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì dai, lo leggi velocissimo ed è divertente!

      Elimina
  2. Grazie per la recensione, messo nella mia lista ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Dalla tua descrizione sembra uno di quei romanzi rosa leggeri (nel senso più positivo del termine) di cui ogni tanto si ha bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, è un libro da compagnia e ombrellone!

      Elimina
  4. Penso che mi farebbe bene leggerlo... grazie Irene, come sempre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì dai, ti diverti un po', non aspettarti la Divina Commedia, eh? :))))

      Elimina
  5. Anonimo11.2.23

    Grazie per il suggerimento, sembra una lettura leggera da domenica piovosa, con tazzona di tè e biscotti :)

    RispondiElimina
  6. sembra simpatico, grazie per il suggerimento. Buona domenica!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Come rifinire il retro di un ricamo su telaio: tutorial

Ciao ragazze, eccoci a un nuovo tutorial! Oggi vi mostrerò come ho rifinito il retro del mio ricamo con la lumaca montato su telaio e vi darò qualche consiglio per cucirlo facilmente senza tanti pensieri (è a prova di imbranate, ci sono riuscita io!). Ta daaaaa, questo è il risultato che otterremo: il retro del telaio bello coperto, ben cucito e perfino firmato! Vediamo passo passo come fare. Innanzi tutto, prima di montare il nostro ricamo, prendiamo del feltro o del pannolenci (io ho usato quest'ultimo perchè più morbido e facile da cucire) e, utilizzando il cerchio interno del telaio (quello più piccolo per intenderci) tracciamo con la matita la misura. Se volete potete usare anche un compasso, l'importante è che facciate la misura perfetta. Ora, montiamo il nostro ricamino sul telaio, tenendo ben tesa la tela e centrandolo con cura. Giriamolo (non guardate il mio retro!! Lo so che è un casotto, ma quando va coperto non faccio attenzione, ricamo e b

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via! Photo by Lisa Woakes on Unsplash Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo q

É arrivato un riccio!

Buongiorno ragazze! Siamo alla vigilia di San Valentino, vedo che pubblicate cuori e frasi d'amore, io vado controcorrente ma semplicemente perchè ho già la casa addobbata con i ricami degli anni scorsi, quindi sono andata avanti con la mia ghirlanda e vi mostrerò i progressi. Tuttavia, alla fine, vi lascerò il link per un bellissimo free offerto da Hands On Design che penso una volta o l'altra farò. Come avete visto dal titolo, ho terminato il riccio, manca solo il punto scritto per delimitare le foglie. Vi confesso che, di tutti gli animali, questo è stato il più noioso per i numerosi aculei di 3 colori diversi, però è tanto carino! Adesso manca il coniglio!  Forest animals wreath di MiyaStitch in vendita su Etsy Lino Belfast Zweigart 32 count (13 fili) color bianco opalescente Fili e Filati DMC Mouliné Ho comprato uno stand da terra per il telaio! Nonostante non sia il mio compleanno, mi sono fatta un regalo. Da quando ho comprato il televisore ho cambiato le mie abitudini e