Passa ai contenuti principali

Paul Heyse, La ricamatrice di Treviso: recensione

Buongiorno ragazze, oggi vi racconterò una storia. Siete abituate al primo post del mese con una recensione, tuttavia non vi parlerò di un libro vero e proprio, ma di una novella ritrovata per caso in una rivista dei primi del Novecento, mentre facevo altre ricerche. Una colta traduzione dal tedesco difficile da trovare, dove la protagonista è una bella ricamatrice, quindi mettetevi comode e ascoltate: sarà la storia d'amore tra due ragazzi che, a causa delle circostanze sociali, non potrà essere vissuta e finirà tragicamente (lo so, vi ho fatto lo spoiler...).

Paul Heyse, La ricamatrice di Treviso

Paul Heyse, La ricamatrice di Treviso, pubblicata in: "Nuova Antologia, rivista di lettere scienze ed arti", a. 38, fasc. 765, 1 novembre 1903, p. 98-113 (traduzione di Vittorio Trettenero)

Tit. orig.: Die Stickerin von Treviso, in: Das Mädchen von Treppi. Italienische Liebesgeschichten, 1868

Genere: novella

Categoria: ricamo

Trama

Durante un lungo temporale, un gruppo annoiato di eterogenei ospiti in villa, non potendo uscire per divertirsi, si riunisce attorno al signor Eminus, amante di letteratura medievale, che decide di raccontare una storia del XIV secolo ritrovata in una biblioteca di Treviso frequentata da lui per altre ricerche. Non si tratta di una novella con la moralità dei tempi moderni, avverte il narratore, ma i suoi ascoltatori lo pregano di leggere lo stesso, e lui inizia la Storia di Giovanna la Bionda.

In quel tempo, era in corso una terribile guerra tra Vicenza (supportata da Venezia) e Treviso che, battuta e umiliata, soccombe. Attilio Buonfigli, erede di uno dei cittadini più noti della città, cresciuto a casa Visconti a Milano, decide di organizzare una controffensiva e, radunato le truppe, entra in Vicenza riconquistando l'onore in una fiera battaglia in cui viene gravemente ferito al collo.

Giace per giorni tra la vita e la morte ospite di una nobile famiglia vicentina curato amorevolmente da messer Tullio Scarpa e dalla figlia di lui, Emilia, osteggiato invece dal fratello Lorenzaccio, suo acerrimo nemico. Avviene così che non solo Attilio guarisce, ma che le due famiglie decidono di suggellare l'unione tra loro con un matrimonio per porre fine alla guerra. 

Nel giro di pochi giorni Attilio parte per Treviso ed entra in città trionfante, tra feste, danze e canti che onorano l'eroe vincitore. Tra i doni che gli vengono conferiti c'è un drappo di broccato ricamato finemente dalle mani di Giovanna la Bionda, una donna più vecchia di lui (ha 32 anni) che, da quando ne aveva 18, si era chiusa in casa a ricamare in un lutto stretto essendo morto improvvisamente il suo promesso sposo e non avendo voluto nessun altro dopo di lui.

Giovanna è bellissima, non passa inosservata, e quel giorno fa uno strappo alla regola, esce e prende posto in tribuna per vedere il bel cavaliere: in un istante se ne innamora. Anche Attilio la nota, come non potrebbe, e quando viene a sapere che è la ricamatrice del suo drappo, decide che il giorno dopo l'andrà a trovare per ringraziarla.

Il destino, tuttavia, li fa incontrare per strada la notte stessa, mentre lei passeggia e lui, stanco, lascia la festa. Titubante lei lo invita a casa a bere un bicchier d'acqua ma, nonostante le dichiarazioni d'amore di lui, si nega dicendo che lui non deve lasciarsi sviare, deve assolutamente sposare la sua Emilia, altrimenti le due città tornano in guerra. La decisione è presa, tuttavia Giovanna non riesce a mantenere il riserbo, si lascia andare e nelle notti si concede fino a quando non arriverà la sposa ufficiale.

Emilia fa il suo ingresso in città con la famiglia e tutti la onorano. Tuttavia, al torneo, il fratello Lorenzaccio, per vendetta, ferisce gravemente Attilio e lo lascia a terra morente. Sarà Giovanna a correre da lui, palesandosi come amante, ma dovrà chiudergli gli occhi per sempre.

La ricamatrice tornerà a vestire il lutto e gli sopravviverà solo altri 3 anni, il tempo di finire di ricamare un gonfalone da mettere nella cappella della Madonna degli Angeli dove riposa il suo amore che lei seguirà nella tomba.

Commento

Ragazze, ve l'ho raccontata tutta perchè dubito riusciate a trovarla, le amiche tedesche sono fortunate perchè l'interna novella è gratuitamente in linea (sotto metterò il link). Un amore tragico, un po' alla Romeo e Giulietta, non trovate? Dove quando le convenzioni sociali e i doveri superano i sentimenti le cose finiscono male.

Needlework Fiction Books

Giovanna è una ricamatrice abilissima, intesse nella tela perfino i suoi capelli dorati, prepara paramenti religiosi finissimi e quest'attività la aiuta a passare le giornate di lutto al telaio davanti alla finestra. La bellezza dei ricami è rispecchiata nella sua, è virtuosa e rispettata, ma all'amore vero non sa rinunciare e quando il suo amato morirà, si lascerà andare come donna ma non come ricamatrice perchè sarà il suo ultimo scopo quello di fare qualcosa per lui.

Note

Come già anticipato non ho trovato altro posto se non quella rivista dei primi del Novecento dove la novella è stata pubblicata. In lingua originale, invece, la potete trovare inegralmente online qui.

Commenti

  1. Irene è una novella meravigliosa! Scarico il link per farla leggere in lingua a mia figlia, che parla e comprende bene il tedesco.
    Grazie Susanna

    RispondiElimina
  2. Anonimo6.2.24

    Bellissima storia.... grazie.
    Grazia

    RispondiElimina
  3. Ciao Irene la storia è un po' triste ma bella. Un caro saluto e buon ricamo.

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Irene per aver condiviso con noi questa bella storia 😄

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Come rifinire il retro di un ricamo su telaio: tutorial

Ciao ragazze, eccoci a un nuovo tutorial! Oggi vi mostrerò come ho rifinito il retro del mio ricamo con la lumaca montato su telaio e vi darò qualche consiglio per cucirlo facilmente senza tanti pensieri (è a prova di imbranate, ci sono riuscita io!). Ta daaaaa, questo è il risultato che otterremo: il retro del telaio bello coperto, ben cucito e perfino firmato! Vediamo passo passo come fare. Innanzi tutto, prima di montare il nostro ricamo, prendiamo del feltro o del pannolenci (io ho usato quest'ultimo perchè più morbido e facile da cucire) e, utilizzando il cerchio interno del telaio (quello più piccolo per intenderci) tracciamo con la matita la misura. Se volete potete usare anche un compasso, l'importante è che facciate la misura perfetta. Ora, montiamo il nostro ricamino sul telaio, tenendo ben tesa la tela e centrandolo con cura. Giriamolo (non guardate il mio retro!! Lo so che è un casotto, ma quando va coperto non faccio attenzione, ricamo e b

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via! Photo by Lisa Woakes on Unsplash Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo q

É arrivato un riccio!

Buongiorno ragazze! Siamo alla vigilia di San Valentino, vedo che pubblicate cuori e frasi d'amore, io vado controcorrente ma semplicemente perchè ho già la casa addobbata con i ricami degli anni scorsi, quindi sono andata avanti con la mia ghirlanda e vi mostrerò i progressi. Tuttavia, alla fine, vi lascerò il link per un bellissimo free offerto da Hands On Design che penso una volta o l'altra farò. Come avete visto dal titolo, ho terminato il riccio, manca solo il punto scritto per delimitare le foglie. Vi confesso che, di tutti gli animali, questo è stato il più noioso per i numerosi aculei di 3 colori diversi, però è tanto carino! Adesso manca il coniglio!  Forest animals wreath di MiyaStitch in vendita su Etsy Lino Belfast Zweigart 32 count (13 fili) color bianco opalescente Fili e Filati DMC Mouliné Ho comprato uno stand da terra per il telaio! Nonostante non sia il mio compleanno, mi sono fatta un regalo. Da quando ho comprato il televisore ho cambiato le mie abitudini e