Passa ai contenuti principali

Marlene Averbeck, L'atelier dei sogni: recensione

Buongiorno ragazze! Oggi parliamo del libro che già vi avevo preannunciato, una saga ambientata in un grande magazzino di moda a Berlino e sui sogni di tutto il personale che ci gravita attorno: L'atelier dei sogni di Marlene Averbeck.

Marlene Averbeck, L'atelier dei sogni

Marlene Averbeck, L'atelier dei sogni, Sperling & Kupfer, Milano 2022 (Saga dei Lichtenstein ; 1)

Tit. orig.: Modehaus der Träume

Genere: saga famigliare con sfondo storico

Categoria: moda, sartoria

Trama

Nel primo decennio del Nocevento, Berlino è una delle più importanti capitali della moda al mondo. La famiglia Lichtenstein vi possiede un grande magazzino rinomato per il gusto e la cura con cui vengono cuciti abiti di gran pregio. Lo stanno portando avanti due fratelli che non possono essere più diversi: Jacob, il maggiore, un visionario che vorrebbe introdurre la moda parigina e portare nuove idee; Ludwig, il più piccolo ma conservatore, che vuole abiti pratici per la donna forte tedesca che non pensa alla bellezza. 
 
Ci sono poi Hedi, una commessa che desidera emanciparsi dalla famiglia e, grazie al suo talento, riesce a fare carriera, e Thea, la sarta innamorata di Ludwig, che invece si sente sempre un passo indietro rispetto a tutte le altre. 
 
Nel giorno più bello, però, dopo una sfilata di successo con i nuovi modelli creati da Hannes lo stilista, il magazzino va a fuoco, rischiando di far andare in fumo i sogni di tutti. E poi c'è un'imminente guerra. Ce la faranno a rialzarsi?

Commento

Vi confesso che, quando l'ho preso, io amante delle saghe, ero un po' scettica: la trama, voi lettrici appassionate, l'avete sentita già tante volte sul blog, vero? Molte scrittrici tedesche si cimentano con questo argomento. Invece devo dirvi che sì, parte come le altre, lo sfondo storico è quello, ma ho trovato questo romanzo molto intimo, con una storia descritta attraverso i punti di vista dei vari personaggi. 
 
Ognuno, a modo suo e secondo la sua esperienza, desidera qualcosa: l'amore, il lavoro, una vita migliore, il successo. Forse c'è un po' di noi in ciascuno di loro ed è questo il segreto del libro, riusciamo ad identificarci con chi ha paura di uscire dagli schemi, con chi è un passo avanti e lotta per cambiare le cose, con chi teme di perdere il lavoro e la propria autonomia, con chi non riesce dichiarare i propri sentimenti. 
 
Non so se vi pare troppo femminile, ma forse, rispetto alle altre saghe di cui abbiamo parlato, questa racconta meno il contorno ma cattura di più.

Needlework Fiction Books

Moda, moda e ancora moda, se ne parla tantissimo! Le donne cercano abiti sempre più belli ispirati allo stile parigino: il nuovo stilista, insieme a Jacob, cerca di accontentarle e di prevenire i loro desideri, a costo di andare contro la famiglia.
 
Poi c'è Hedi, assunta come semplice commessa ma che, grazie al suo gusto di creare abbinamenti perfetti e alla sua bellezza, diventa perfino indossatrice.
Ed Ella, attrice che cerca di sfondare nel mondo del teatro e che crea una collaborazione per indossare gli abiti del Lichtenstein.
 
Le sarte, le clienti volubili, le macchine da cucire che ronzano, l'atmosfera è bellissima e anche quando tutto crolla c'è una gran voglia di vivere e non perdersi d'animo.

Note

In conclusione, mi è piaciuto molto e mi sento di consigliarvelo anche se non è uno di quei libri impegnati e profondamente storici ma forse... più da tazza di the con zollette di zucchero, biscottini e bricco del latte. 
 
Tuttavia ho un dubbio: in lingua originale sono usciti 3 volumi, in italiano hanno tradotto solo il primo ormai due anni fa. Siccome, di solito, quando un romanzo ha successo la casa editrice fa tradurre tutto velocemente, non vorrei che magari questo rimanesse l'unico... Speriamo che continuino, non possono lasciarci in suspence così :)
 
Lo potete trovare nella vostra biblioteca o libreria di fiducia, su mlol, oppure online.

Commenti

  1. Grazie Irene!! Promette bene!! Dopo che avrò letto l'ultimo della saga " la villa delle stoffe" prenderò questo, sperando che continuino a pubblicarlo in italiano. Buona giornata...oggi c'è finalmente il sole qui a Vicenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo!! Dopo la Pasqua con pioggia e grandine ci voleva un po' di sole, ma giusto quando andiamo a lavorare!! :)

      Elimina
  2. Ciao Irene grazie per questa bella recensione, non pensavo ci fossero tanti libri che parlano di stoffe,ricamo,cucito ecc. Ti saluto e buon ricamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, sono sorpresa anche io! Grazie Anna

      Elimina
  3. Dalla tua recensione sembra una storia avvincente! Forse non un capolavoro della letteratura, ma sembra uno di quei racconti in cui immergersi quando si vuole staccare la mente dalle cose quotidiane.

    RispondiElimina
  4. Cara Irene, grazie anche di questa bella recensione. Credo che ogni tanto una lettura non eccessivamente impegnativa ma comunque gradevole, faccia proprio bene!
    Un grande abbraccio Susanna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza. Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo? Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’ effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza! Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo; 2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata p

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida . Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti , nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count , si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati

Ghirlanda degli animali della foresta: finita!

Buongiorno ragazze, non immaginate la mia felicità per l'aver terminato un ricamo così lungo. Oggi ve lo mostro nella sua interezza; la rifinitura invece la devo posticipare, ma intanto vorrei scrivervi alcuni consigli e indicazioni sulle difficoltà incontrate. Ho controllato dalle ricevute degli acquisti: questo schema l'ho comprato a marzo 2023, quindi l'ho avuto tra le mani un anno! Lo avevo preso al volo su Etsy dopo averlo visto presentato in un video di ricamine francesi, sembrava così facile e veloce per loro! É innegabile che il disegno sia bellissimo, è proprio un acquerello fedele, e lo immaginavo già finito e rifinito su un cuscino del mio divano. Se ricordo bene avevo subito scelto la tela tra le scorte (benedette scorte che non finiscono mai) e preparato i fili, forse avevo anche messo le prime crocette, poi mi sono arenata e devo aver lasciato il ricamo fermo per mesi. Perchè? I motivi principali sono due: il primo è che in quel periodo iniziavo più progetti

Come rifinire il retro di un ricamo su telaio: tutorial

Ciao ragazze, eccoci a un nuovo tutorial! Oggi vi mostrerò come ho rifinito il retro del mio ricamo con la lumaca montato su telaio e vi darò qualche consiglio per cucirlo facilmente senza tanti pensieri (è a prova di imbranate, ci sono riuscita io!). Ta daaaaa, questo è il risultato che otterremo: il retro del telaio bello coperto, ben cucito e perfino firmato! Vediamo passo passo come fare. Innanzi tutto, prima di montare il nostro ricamo, prendiamo del feltro o del pannolenci (io ho usato quest'ultimo perchè più morbido e facile da cucire) e, utilizzando il cerchio interno del telaio (quello più piccolo per intenderci) tracciamo con la matita la misura. Se volete potete usare anche un compasso, l'importante è che facciate la misura perfetta. Ora, montiamo il nostro ricamino sul telaio, tenendo ben tesa la tela e centrandolo con cura. Giriamolo (non guardate il mio retro!! Lo so che è un casotto, ma quando va coperto non faccio attenzione, ricamo e b

Bee Nice

Buongiorno ragazze! Dopo ricami lunghi e impegnativi la cosa migliore da fare è scegliere di farne uno piccolino e davvero carino per accogliere la primavera e rallegrare l'ambiente (e, naturalmente, usare gli avanzi del cestino delle scorte). Ho preparato un cuscinetto ornamentale con Bee Nice di Primrose Cottage Stitches , sapete quanto ami le api!  Mi piace tantissimo questo schema, ultimamente adoro le scritte motivazionali, e questa in italiano significa, più o meno, sii gentile o ronza via ! Pensavo di metterlo in ufficio ma è venuto così bene (a parte le mie cuciture, ora vi racconto) che l'ho tenuto a casa. Volevo abbinarlo ad una stoffina avanzata che ha proprio le api, ma poi ho trovato lo scampolo Tilda di... 300 anni fa :))) con i colori perfetti, il tiffany e il senape, quindi ho deciso per questa. Le note dolenti sono che ho voluto cucirlo di fretta e quindi sono andata storta con la passamaneria, ci ho messo un fiocco davanti per ingannare. Niente, bisogna propri