Passa ai contenuti principali

SAL svuota scorte: mese dell'UFO

Mentre ricamavamo le nostre torte, Angela mi ha chiesto quali altri lavori stavo facendo. Con vergogna, ho dovuto ammettere che stavo portando avanti solo due lavori ma che ne avevo molti altri iniziati e abbandonati. La stessa cosa era per lei, come per tante altre no? Le è venuta così l'idea di fare qualcosa insieme non solo per gli abbandoni, ma anche per tutti quei materiali che nel tempo abbiamo accumulato e accantonato, o per i buoni propositi di imparare qualcosa di nuovo mai messi in pratica. É nato quindi questo progetto a tappe mensili: darsi un obiettivo il primo giorno del mese e cercare di portarlo a termine entro la fine. Non succede niente se non lo rispettiamo, vogliamo essere molto libere, diciamo che è solo un incentivo per mettere ordine e per fare qualcosa insieme, diverstirci e divertire. Lo abbiamo chiamato:


Allora, anche voi avete gli armadi pieni? Esagerato con i saldi? Il vostro cestino trabocca di progetti? Non riuscite più a finire i lavori? Le stoffe e i filati vi fagocitano? Unitevi a noi, al nostro SAL svuota scorte! Stiliamo una lista di tutto ciò che vogliamo terminare o smaltire e ogni mese ci impegniamo a fare qualcosa cercando, il più possibile, di usare i materiali che abbiamo già senza acquistare. Rendiamo la nostra craft room più pulita, organizzata e ordinata. Non occorrono iscrizioni e potete affiancarci quando volete, e lasciarci quando volete, i progetti e i propositi saranno sempre diversi per non annoiarci e obbligarci a fare qualcosa che non ci piace, la creatività deve essere un piacere, non un dovere!

E ora veniamo a noi, questo sarà il



Per il mese di settembre terminiamo un UFO piccolino oppure, se è grande, lo portiamo avanti di un po'. Cos'è un UFO? Letteralmente è l'acronimo di unfinished object, praticamente sono tutti quei lavori che un giorno abbiamo iniziato e poi abbandonato, vuoi per mancanza di tempo, vuoi perchè si è smorzato l'entusiasmo, vuoi perchè proprio non ci piacevano più. Allora, prendiamo tutti i nostri UFO (io li ho tutti conservati in buste di plastica per non rovinarli), mettiamoli sul tavolo e guardiamoli uno per uno. Siamo davvero sicuri che quel particolare lavoro un giorno lo finiremo? Ci piace ancora? Se la risposta è no,  valutiamolo bene: se in un ricamo abbiamo messo solo pochi punti, o un lavoro a maglia pochi giri di ferro, disfiamoli, riutilizziamo il tessuto per altro, regaliamo lo schema a qualche amica che lo desidera, riponiamo i fili, tanto non lo faremo mai. Se siamo a metà, vediamo se possiamo farne qualcosa così: un quadretto, una presina, e facciamolo.
Se invece ci torna l'entusiasmo, o almeno un lumicino di voglia, riprendiamolo in mano, rimettiamolo nel cestino dei lavori che proseguono e andiamo avanti, anche solo un pochino, tornerà a piacerci e saremo orgogliose di noi stesse.

Ecco la mia borsa di UFO


e quelli che vorrei finire


Ecco, scegliamone uno, uno di quelli che giacciono così, tristi e abbandonati (un ricamo, un lavoro a maglia, a uncinetto, qualsiasi cosa), facciamogli una foto e pubblichiamola sul nostro blog. Descriviamo di cosa si tratta, a che punto è e dove vogliamo arrivare alla fine del mese, quando pubblicheremo il nostro progresso o la gioia per averlo finito. Ci state? Potremmo così fare un UFO party!

Tra tutti, ho scelto questo, la tovaglietta con le renne in broderie suisse che giace mesta in fondo al cestino.


Perchè l'ho abbandonata? Boh, in corso d'opera non mi piaceva più, poi non riuscivo a metterla sul telaio e farla a mano libera mi stanca. Però a guardarla bene non è così male, merita di essere finita. Ecco, il mio proposito è proprio questo: terminarla per il 30 settembre.



I materiali li ho tutti quindi non devo spendere niente e posso iniziare subito.

Il mese prossimo cambieremo genere e iniziativa, ma gli UFO li riprenderemo ancora fra un po', perciò se non avete tempo ora, seguiteci che l'UFO party lo rifaremo.

Per questo mese partecipano:
Titty con il suo UFO

Commenti

  1. Ciao Irene tu e Angela avete avuto una bellissima idea , non ho ufo , solo proggetti da iniziare ...ma questo periodo è ricco di cambiamenti e non so se sarei costante , ma terrò a mente questa vostra idea magari per i mesi futuri .
    Buon lavoro

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene, finalmente è il primo settembre, non vedevo l'ora di iniziare... carina la tovaglietta, va terminata per forza, sono sicura che alla fine del mese avrai già finito.

    RispondiElimina
  3. Buona fortuna per tutti tuoi lavori Irene. ☘ Irene il mio vecchio blog "Io amo ricamare" l'ho dovuto cancellare, però ne ho creato uno nuovo "☘ Ricamare con stile..." se ti va di venire a trovarmi ti aspetto ☘ http://ricamareconstile.blogspot.it/ Grazie.

    RispondiElimina
  4. Sarebbe stato davvero un peccato lasciare incompiuta una tovaglietta così carina. Forza e coraggio e complimenti per l'iniziativa tua e di Angela, che provvedo subito a segnalare nella nuova rubrica del mio blog dedicata ai sal in partenza. E non si sa mai che nei prossimi mesi mi aggreghi anch'io!

    RispondiElimina
  5. Ciao, arrivo dal blog di Angela. Ottima iniziativa quella degli ufo per settembre!

    RispondiElimina
  6. Che bella l'iniziativa smaltimento. Mi inscrivo anche io è metto subito la foto di quello che voglio portare avanti..
    Un caro saluto,
    Maria

    RispondiElimina
  7. Bellissima questa tovaglietta complimenti per l' iniziativa . Sono sicurissima che verrà benissimo.

    RispondiElimina
  8. oh....per fortuna hai deciso di riprenderla in mano....troppo bella...

    RispondiElimina
  9. Great UFOs to stitch for September.

    RispondiElimina
  10. This placemat will be great for the Cjristmas time when you finish it by the end of September. A great idea!

    RispondiElimina
  11. bravissime !!!
    vi seguirò nei vs progressi xttosi ....
    auguro a tutte buonissime xxx !
    un abbraccio Luly

    RispondiElimina
  12. Mi piacerebbe partecipare, ho tanti ufo che quasi non me li ricordo tutti, ma ho iniziato altri lavori che voglio finire, spero non vadano a finire nel cesto con gli altri ufo!

    RispondiElimina
  13. Mi piacerebbe partecipare, ho tanti ufo che quasi non me li ricordo tutti, ma ho iniziato altri lavori che voglio finire, spero non vadano a finire nel cesto con gli altri ufo!

    RispondiElimina
  14. Bellissima idea ma non credo di essere così brava, ho anche io una cesta piena di UFO ma si tratta di lavori enormi, tutt'ora amati tanto quanto quelli a cui sto lavorando.
    Vi seguo da lontano comunque e faccio il tifo per voi!!
    La tua tovaglietta sarà carinissima e utilissima il prossimo Natale!
    Naty

    RispondiElimina
  15. Ciao,ricordi che volevo partecipare?cosa devo fare?

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Set da cucito fai da te: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi vi faccio un tutorial per insegnarvi a creare un meraviglioso set da cucito composto da puntaspilli e trovaforbici coordinato per la primavera/estate con gli schemi free di Crocette a gogò (trovate il trovaforbici qui e il puntaspilli qui). E siccome siamo ricamine fashion, lo facciamo in versione Tiffany!

Per prima cosa dobbiamo ricamare gli schemi. Io ho scelto di farli sull’aida 20 count (80), ma prendete una tela che avete, non ci sono problemi, il criterio di rifinitura è lo stesso. Unica cosa che vi chiedo, ricamate le farfalle ma non la cornice, quella la faremo dopo per applicare il ricamo sulla stoffa.
Vi metto la lista dei materiali e tinte che ho usato io, voi scegliete a vostro estro, okay? Schemi free di Crocette a gogò scaricabili qui e qui Tela aida Zweigart 20 count (80) color light mocha Fili e Filati DMC Mouliné: 958, 964, 3021, B5200 Perline Mill Hill: 40556, 40557, 42017 Ora dovreste trovarvi così:

Io ho scelto di fare una cornice più vicin…

Come fare un piano editoriale per blog di ricamo

Buongiorno ragazze, come state? Oggi spazio leggermente e mi dedico a una passione correlata al ricamo che ha preso anche molte di voi: il blog. Non siamo professioniste, non facciamo marketing, eppure ci teniamo ad avere un blog aggiornato, seguito e curato: come possiamo organizzarci al meglio se non abbiamo tempo? Vi do qualche consiglio.

Questo post l’ho pensato durante l’isolamento per il COVID-19: con più tempo per meditare, mi sono resa conto che, causa aumento del lavoro e l’apertura di vari social, il mio blog proseguiva ma non tanto bene. Non solo languivano i contenuti, non riuscivo nemmeno a sincronizzare i social, con la conseguenza che il blog mostrava post ormai vecchi. Spesso, inoltre, mi veniva l’ansia da pubblicazione.
Vi suona famigliare?
La soluzione è semplice: occorre organizzazione
Vi spiego come ho fatto io e, anche se non vi porterà miliardi di followers, contribuirà a farvi tornare la voglia e il piacere di scrivere. 
Innanzi tutto vi servono poche cose: u…

Paul Gallico, La signora Harris: recensione

Buongiorno ragazze, come state? Oggi il consueto appuntamento con uno dei Needlework Fiction Books, un libro davvero carino che parla di cucito per la haute couture, in particolare per la Maison Dior! Sono molto felice di parlarvene, perché non è così conosciuto, invece è una piccola perla meritevole di lettura.

Paul Gallico, La signora Harris, Sperling & Kupfer, Milano 2013 Tit. orig.: Flowers for Mrs Harris Genere: romanzo femminile Categoria: cucito, haute couture Trama La signora Ada Harris è una governante inglese di mezza età che, dopo la morte del marito, pulisce case e appartamenti nella Londra degli anni Sessanta: da quella dell’attricetta che per quanto ci provi non riesce a sfondare, a quella di un militare in pensione, a quella della contessa. La sua vita umile, regolare e ripetitiva viene sconvolta quando, nell’armadio di una lady presso la quale lavora, scorge degli abiti da sera di Christian Dior. La signora sarà piccola, dimessa e anzianotta, ma resta così folgora…