Passa ai contenuti principali

Appassionate di punto croce: recensione

Eccoci ad una nuova recensione, l'ultimo numero di novembre/dicembre 2015 della rivista Appassionate di punto croce.


Lo acquisto ogni anno perchè gli schemi sono ben fatti, belli e simpatici e facilmente applicabili per qualsiasi lavoro. Tuttavia, nel tempo, tende a ripetersi e ad avere sempre meno progetti. Non dico che sia deludente, però speravo in meglio.
Vediamo ciò che mi è piaciuto di più: la serie delle renne su asciugapiatti, portapane, portatorta, presine e altro (la renna è uno dei miei soggetti preferiti)


C'è poi la sezione degli asciughini, questi della Tessitura artistica Chierese.


Calendari dell'avvento e bigliettini originali


Tag e alberelli non solo ricamati, ma anche cucito creativo.


Ecco, ovviamente c'è molto altro. Una mia personale considerazione: capisco i tempi di crisi e gli alti costi per la pubblicazione, tuttavia si sa che il numero natalizio va a ruba e vende più di qualsiasi altro. Io sarei disposta anche a pagare 1 euro di più pur di avere questa rivista ricca e bella come una volta.
Come sempre consigliata per gli schemi natalizi, ma in passato ha fatto di meglio.
Costa 4,50 € e si trova ora in edicola o qui.

Post chiuso in redazione il 23 novembre 2015.
Rivisto e corretto il 29 ottobre 2018.

Commenti

  1. looks lik a nice magazine.

    RispondiElimina
  2. Ooooh! Si tratta di un registro di magia!

    RispondiElimina
  3. Grazie Irene quando vadoin edicola darò una sbirciatina ...

    RispondiElimina
  4. Io prima compravo di tutto poi come dici tu certi progetti si ripetono.... Darò un'occhiata in edicola grazie.

    RispondiElimina
  5. Stesso discorso per la rivista Susanna: fino ad una decina di anni fa la compravo ogni mese, poi ha aggiunto cucina, maglia, casa dedicando solo un quarto di giornale al punto croce.
    Barbara

    RispondiElimina
  6. Personalmente non conosco questa rivista, provero a cercarla anche nella mia città, concordo pienamente con il commento precedente acquistando e conservando questa rivista. Secondo mevla carta stampata dovrebbe investire un po di più nella ricerca di nuovi disegnatori.
    Un saluto a te cara Irene

    RispondiElimina
  7. E' vero Irene che alla lunga i soggetti natalizi si ripetono. Non so quante riviste a tema "Natale" ho accumulato negli anni. Però...è sempre piacevole sfogliarle e grazie per la dettagliata recensione
    Susanna

    RispondiElimina
  8. nn l'ho mai presa ma queste tue foto mi hanno incuriosito....

    RispondiElimina
  9. Ciao Irene,grazie della visita al mio blog e per aver deciso di iscriverti.Ricambio con piacere,ho visto qualche tuo lavoro,ma tornerò con calma a curiosare bene :)
    Un forte abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  10. Ciao Irene,grazie della visita al mio blog e per aver deciso di iscriverti.Ricambio con piacere,ho visto qualche tuo lavoro,ma tornerò con calma a curiosare bene :)
    Un forte abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  11. cara Irene,ti dò proprio ragione!
    ho la fortuna di poter sfogliare le riviste in edicola,e devo proprio dire,che "appassionate" ha fatto di meglio anni precedenti =(
    un abbraccio
    Denny

    RispondiElimina
  12. It looks pretty but I'm sorry it's declined through the years. I hope you got a few good projects out of it at least!

    RispondiElimina
  13. Acquistata sabato scorso! Anche a me piacciono solo le renne (adorabili...)!

    RispondiElimina
  14. Le riviste natalizie sono sempre una tentazione. DI solito acquisto Le Idee di Susanna e Profilo, ma anche Appassionate è una rivista molto bella...

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

La grande histoire de Noël n. 2: parte prima

Ragazze, cominciamo ufficialmente il Natale! Il freddo è arrivato, i maglioni escono dall'armadio, le renne non ne vogliono sapere di mettere il muso fuori, ma noi dobbiamo essere pronte! Come? Io con Les Brodeuses Parisiennes e La grande histoire de Noël n. 2. Voi? Poi parliamo di aghi, di influencer e di tessuti.

Ornamenti a tutto spiano! Perchè sono sempre graditi, sono belli e fatti con tanto amore. E non sono impegnativi. Les Brodeuses Parisiennes hanno disegnato varie versioni della Grande histoire de Noël: c'è la prima, c'è la terza vintage e, appunto, quella che ho io, la seconda, la più bella, secondo me, tutta sui toni del rosso. Offre un miliardo di spunti, e sono tutti così eleganti e semplici da fare, con pochissimi cambi di colore! Ovvio che lo schema era nel cassetto da qualche anno, vero? Già, mi conoscete. Con tutto quello che è costato! Quando l'ho tirato fuori e ho preparato i materiali pensavo di fare solo una o due cose, ma poi mi ha preso la mano, …

La grande histoire de Noël n. 2: parte seconda

Amiche americane avete mangiato il tacchino? E noi? Abbiamo finito di spendere con il Black Friday? Possiamo tornare ai ricami di Natale? Io continuo con quelli de Les Brodeuses Parisiennes e La grande histoire de Noël n. 2. Poi proseguiamo il discorso sulle matassine mouliné DMC e i loro numeri.

E niente, mi sono innamorata di questo stile, un po' nordico un po' parigino, così delicato ed elegante. Come vedete li rifinisco un po' con lo stesso stile, mi piacciono così, i prossimi li farò diversi, vedrete.
La grande histoire del Noël n. 2, schema di Les Brodeuses Parisiennes Tela Zweigart Floba superfine 35 count (uso gli avanzi quindi sono di colore diverso) Fili e Filati DMC Mouliné Ancora sui puntini delle matassine di mouliné DMC Ricordate che tempo fa abbiamo parlato dei numeri delle matassine che sono cambiati o non ci sono più? Avevo accennato anche al puntino che compare sull'etichetta di quelle matassine la cui formula di tinta è stata cambiata.
Riprendo il disc…

Halloween Fob

So che Halloween è passato e noi ricamine dovremmo già essere nell'umore natalizio, ma giuro che è l'ultima zucca che faccio per quest'anno, va bene? É di The Sweetheart Tree. Poi vedremo perchè a volte la DMC fa sparire o sostituisce alcune matassine di moulinè.

Chiedo come al solito venia per le orride foto ma mi riduco a farle nel weekend (durante la settimana arrivo a casa tardi dal lavoro) e piove sempre! Pazzesco. Comunque, questo schema giace nel cassetto da... uhm... da .... ehm... da diciamo troppo tempo 😶. Così un giorno ho detto: adesso lo faccio! Sì sì lo faccio, e non importa se vedo un milione di free bellissimi, adesso faccio questo 👍.
Da quando l'ho detto sarà passato un anno ed è rimasto nel cestino dei lavori con tutti i filati pronti 👎.
Ma ora l'ho fatto 👌.

Riconoscerete lo stile e la forma tipica di The Sweetheart Tree. Non ne ho fatto un trovaforbici come loro, perchè ho scelto di ricamarlo su aida per cucirlo meglio ed è venuto un po'…