Passa ai contenuti principali

Rouge à la mode

Vi avevo detto che stavo ricamando qualcosa di francese, vero? Dedicato espressamente alla mia amica che fa la manicure, quale miglior regalo di Natale che questo?



Un bel rosso vivo e tante tinte diverse per gli smalti. Inutile che dica il piacere di ricamare questi soggetti, so quanto piacciono a tutte.



Sulla Floba superfine ho ricamato con un filo di mouliné su due fili di trama del tessuto.
Schema Rouge à la mode delle Brodeuses parisiennes tratto dalla rivista Créations point de croix
Tela Zweigart Floba superfine color bianco
Filati DMC Mouliné consigliati

Commenti

  1. A wonderful Christmas gift for your friend. She will be thrilled.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo e colori super indicati per questo periodo!
    MIla

    RispondiElimina
  3. E bellissimo. Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Irene è semplicemente fantastico. Sai la gioia della tua amica?
    Un saluto Susanna

    RispondiElimina
  5. Troppo bello!! E' anche nei miei progetti, volevo farne una scatolina per gli smalti, ma la tua idea è perfetta per la tua amica!

    RispondiElimina
  6. I'll bet this piece was really fun to stitch, Irene--your friend will be so happy to receive such a cute gift :)

    RispondiElimina
  7. Eine sehr schöne Stickerei und ein sehr schönes Geschenk für ihre Freundin.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  8. Beautiful love these French charts.

    RispondiElimina
  9. Un rosso splendente per questo bel quadretto mi piace!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo mi piace moltissimo
    E poi io adoro gli smalti i colori e le unghie curate
    La tua amica sarà felicissima.

    RispondiElimina
  11. Sicuramente un bellissimo lavoro, e sicuramente un regalo molto apprezzato

    RispondiElimina
  12. Liebe Irene,
    welch wundervolles Geschenk für deine Freundin. Das Thema ist grandios, ich liebe Nagellack und habe glaube ich in jeder Farbe mehrere..lächel..
    Französische Muster sind sowieso eine große Schwäche von mir. Großartig!!!
    Sende dir liebste Grüße und eine Umarmung
    Sandra

    RispondiElimina
  13. Che bel regalo! Sicuramente azzeccato:)) smack

    RispondiElimina
  14. un regalo davvero azzeccato per la tua amica, complimenti !!!
    e poi diciamocelo , gli schemi della Enginger non deludono mai ...
    un abbraccio Luly

    RispondiElimina
  15. Very nice finish

    RispondiElimina
  16. I bet your friend loves it. :) blessings, marlene

    RispondiElimina
  17. What a pretty design, your friend will love it.

    RispondiElimina
  18. e che non si dica che non è un regalo azzeccato....molto bello

    RispondiElimina
  19. Regalo azzeccatissimo... ma quante cose mi ero persa???

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Come rifinire un ornamento a punto croce: tutorial

Buongiorno ragazze! Oggi ho preparato un tutorial molto originale: vi mostrerò come rendere tridimensionale uno schema a punto croce. Lo potrete fare con qualsiasi schema, io l’ho fatto con Amore vero di Crocette a gogo’ (lo potete acquistare qui), ma voi scegliete quello che più vi aggrada, va bene? Partiamo!

Per prima cosa ricamate il vostro schema: io l’ho fatto sull’aida, ma voi scegliete la vostra tela preferita, il principio è lo stesso.
Quando lo avete terminato, con un filato che riprende uno dei colori del disegno, o con un colore a contrasto, con un semplice punto scritto o punto indietro, fate un contorno tutto attorno e contate i punti. Non importa che sia un quadrato, va bene anche un rettangolo. Nel mio caso sono 64x68 punti. Scrivetelo su un notes.
Sulla stessa tela, fate un altro quadrato o rettangolo con lo stesso numero di punti, sempre a punto scritto o indietro, senza il disegno dentro, una mera cornice: sarà il retro dell’ornamento. Io lo userò come puntaspilli d…

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come cucire le perline a punto croce

Buongiorno ragazze. Oggi vi insegnerò a cucire in modo perfetto le perline sui vostri ricami a punto croce. Vi farò vedere i vari tipi di ago, quale è meglio usare e un paio di metodi di cucitura, con i miei pareri e consigli. Pronte? Via!
Lo avrete capito e ve lo confesso: adoro le perline e cerco di inserirle quasi sempre nei ricami, anche dove non sono previste. Danno brillantezza e tridimensionalità, perciò ho acquisito una certa esperienza nel cucirle e, dagli inizi, sono migliorata tantissimo e ho capito quali sono i metodi migliori per tenerle belle dritte, ferme, e che non si scuciono con il tempo e con i lavaggi. Gli aghi per perline Innanzi tutto la cosa fondamentale: l’ago per cucirle. Chiaramente dipende dalle dimensioni delle perle: se sono grosse va bene qualsiasi tipo di ago ma se, come me, usate quelle della MillHill piccolissime, le crune degli aghi normali non passano. Sul mercato ne trovate vari tipi, vediamo quelli più semplici e che, magari avete già a casa.

Ve l…

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe: recensione

Buongiorno ragazze! Oggi post letterario con uno dei Needlework Fiction Books, il secondo volume della saga della Villa delle stoffe, ricordate il primo? Non ne ero molto entusiasta, lo avevo trovato scontato e inverosimile, invece questo mi è piaciuto moltissimo e mi sono ricreduta! Ora ve ne parlo, così vi viene voglia di leggerlo.

Anne Jacobs, Le ragazze della Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2019 Tit. orig.: Die Töchter der Tuchvilla Genere: romanzo rosa con sfondo storico, saga familiare Categoria: cucito, produzione industriale di stoffe Trama Nel primo volume avevamo lasciato Marie felice e innamorata del rampollo della famiglia che possiede la più grande azienda di produzione di stoffe della città di Augusta, alla vigilia dello scoppio della prima guerra mondiale. Sarà proprio questo evento catastrofico a cambiare la vita delle ragazze Melzer, ormai sposate e mamme, che dovranno rimboccarsi le maniche, prendere in mano la loro vita e quella dei bambini per tenere le redini del…