Passa ai contenuti principali

WIP Stoney Creek e poi parliamo di filati

Ciao ragazze!
Oggi vi mostro il WIP del mio Christmas Snowfriends Banner. Sono andata avanti con le lettere causa mancanza filo, ma ora che è arrivato farò anche il pupazzo di neve ⛄.


Schema Stoney Creek Christmas Snowfriends Banner 
Banda di lino Vaupel & Heilenbeck 24 cm colore naturale con bordo rosso 
Filato Rainbow Gallery Treasure Petite pb01 Bright Golg
Filato Rainbow Gallery Treasure Petite pb23 Snow
Bottoni carota
Sono contenta di averlo iniziato, dopo anni che giaceva triste nel cassetto. É impegnativo per la mole di cambio di colori, ma visto che dovrà essere appeso non faccio un retro perfetto, cerco solo di tenerlo pulito.
Ho preparato poi i materiali per fare un piccolo ornamento Little House Needleworks


è l'ultimo kit che mi è rimasto da smaltire. Avrei voluto farlo per San Valentino 💖 ma prima vorrei finire gli asciugamani che sto ricamando, quindi aspetterà. Voi state preparando qualcosa per San Valentino? Se non avete idee, sulla mia pagina Facebook ho condiviso qualche schema.

Filati da ricamo

Continuiamo ora a leggere il nostro manuale di ricamo e parliamo di filati.
Ci sono così tanti tipi di filo (cotone, seta, lino, rayon, lana, sintetico) che nemmeno il manuale li elenca, dispensa solo alcuni consigli:
  • Quasi sempre il filo è ritorto e, se non ricamiamo tenendo l’ago perfettamente dritto, ad un certo punto il filo si attorciglia. Quindi, ogni tanto, lasciamo pendere l’ago dal ricamo in modo che, girando naturalmente su se stesso, rimetta il filo dritto. Questo è importante per non fare nodi, ma anche per avere le crocette tutte uguali con la stessa tensione. 
  • Se vediamo che, mentre lavoriamo, il filo tende a sfilacciarsi un po’ troppo, significa che stiamo usando un ago con la cruna troppo sottile, perciò scegliamone uno più grosso. Teniamo presente però che i metallizzati e i fili sintetici tendono a sfilacciare moltissimo naturalmente, quindi non preoccupiamoci, sappiamo che ne dovremo scartare abbastanza e che non c’è nulla da fare. 
  • Quanto deve essere lunga una gugliata? Dipende: dalla forza del filo (più il filo è forte e più può essere lunga. Per lana e metallizzati deve essere necessariamente corta); dalla lucentezza del filo (più si passa il filo attraverso la stoffa e più perde lucentezza, quindi per seta e rayon gugliata corta); dalla dimensione dell’area che deve essere ricamata (indipendentemente dal tipo di filo, le gugliate lunghe a forza di passare attraverso la stoffa si rovinano e sul ricamo si vede); dalla complessità del ricamo. Secondo la mia esperienza, seta, metallizzati e lana gugliata sempre corta. Il moulinè di cotone è più forte, ma non uso gugliate troppo lunghe per non rischiare nodi e per non stancare troppo le mani, quindi via di mezzo. 
Il manuale non lo dice, ma da qualche parte avevo letto che anche il filo ha una direzione e bisognerebbe usarlo sempre dalla stessa. Vi confesso che io non ci presto attenzione, perché taglio gugliate, avvolgo sulle farfalline, senza guardare se è dritto o rovescio. Ma le brave ricamine lo fanno, quindi non prendete esempio da me. 
Regola base, comunque, è quella di sostituire sempre il filo quando appare rovinato, non andiamo a risparmio, ne va della qualità del nostro lavoro. 
Ci sono due modi di ricamare: 
  1. Con due movimenti: prima si punta l’ago e lo si fa uscire sul dritto della stoffa, poi lo si ripunta e, con l’altra mano, o la stessa, lo si fa uscire sul retro. 
  2. Con un unico movimento: si punta l’ago facendolo uscire e rientrare nella stoffa in una volta sola. 
Non c’è un modo migliore dell’altro, l’importante, però, è sceglierne uno solo, altrimenti si vede la differenza nella tensione del filo: con il primo metodo, infatti, il filo resta dritto; con il secondo, è ad angolo. 
Per quanto riguarda il punto croce, inoltre, ci sono due metodi
  1. Danese: si fanno tutte le diagonali in andata, poi le crocette si chiudono al ritorno. 
  2. Inglese: le crocette vengono chiuse subito a mano a mano che si fanno. 
Anche qui, non c’è un metodo migliore dell’altro, ma l’importante è usare sempre lo stesso altrimenti si vede. 
Una cosa importantissima che non teniamo mai in considerazione, sono le nostre emozioni, lo stato d’animo che abbiamo nel momento in cui ricamiamo: se siamo nervose o arrabbiate, tendiamo a tirare troppo il filo, quindi, facciamo un bel respiro e rilassiamoci prima di prendere in mano il nostro lavoro, oppure lasciamolo da parte per un altro momento e facciamo una passeggiata.

Vi ricordate che la volta scorsa abbiamo parlato di aghi? Anche Mary Corbet ne ha fatto un post, lo trovate qui. Particolarmente interessante è il link a questo pdf dove potete trovare tutte le spiegazioni e le misure degli aghi.

SAL in corso

Ho preso l'abitudine di segnalarvi dei SAL che vedo in rete, oggi vi parlo di quello di Lesley Teare: il Teddy SAL. É già iniziato ma si possono recuperare le tappe, si tratta di una serie di simpatici orsetti che potete ricamare insieme o separati:
qui trovate la prima tappa
qui la seconda
qui il bordo.
Per tutte le altre tappe continuate a seguire il suo blog.
Buon ricamo!

Commenti

  1. Lo Stoney creek è veramente molto bello, mi fai venire voglia di ricamare i miei due schemi che ho da quando ho iniziato a conoscere il web... Carino l'ornamento di LHN io spero di riuscire a fare una cosina. Grazie per i consigli sempre molto utili

    RispondiElimina
  2. Bellissimo il banner,è anche nella mia wish list da tempo.
    Grazie anche da parte mia per i consigli, utilissimi

    RispondiElimina
  3. Si tratta di un bellissimo banner e ricami di Natale! I suoi cuciture meraviglioso troppo!
    Saluti

    RispondiElimina
  4. Beautiful progress on the banner.
    Lovely LHN design, you should have fun stitching this small. I did :)

    RispondiElimina
  5. Fantastico il tuo banner, Irene viene una meraviglia! E sempre preziosissime le tue informazioni sul materiale da ricamo, in questo caso i filati.
    Grazie mille
    Susanna

    RispondiElimina
  6. Sempre utili e interessanti le tue rubriche. Il banner è bellissimo, mi piace molto anche la stoffa che hai scelto!

    RispondiElimina
  7. Your banner is coming on so beautiful I love it .
    I have started 2 SALS already and it is so tempting to start another one.

    RispondiElimina
  8. Il ricamo è meraviglioso , consigli sempre utilissimi , io solitamente taglio la gugliata di circa 30 cm lo avevo letto quando muovevo i primi passi tra le xxx ; sono curiosissima di vedete gli asciugamani che stai ricamando
    😊

    RispondiElimina
  9. Dein Banner wird so schön. Der Schneemann ist goldig.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  10. Grazie per gli ottimi consigli !
    Daniela

    RispondiElimina
  11. Troppo bello il tuo banner! Io lo espongo tutti gli anni x Natale e ne vado molto fiera!! Mi piace anche il ricamo della Little house, è proprio carino!

    RispondiElimina
  12. Che bello il banner!!! Sta venendo strepitoso.... Un amore il piccolo ornament e sempre super utili le tue dritte!!!😘

    RispondiElimina
  13. Sarà bellissimo il tuo banner! Mi piace molto la sfumatura delle lettere. Grazie per le dritte. Smack

    RispondiElimina
  14. Oh, your banner is looking amazing, Irene!! That is a huge project--I can't wait to see it finished :)

    Love your little LHN piece, too--pretty colors!

    RispondiElimina
  15. Mi piace come sta venendo il tuo banner

    RispondiElimina
  16. bellissimo... il banner è bellissimo! ed è inutile dirti che lo stai ricamando benissimo (come sempre, del resto!), poi la banda su cui lo ricami è fantastica... e rende che è una meraviglia!! bravissima Irene! grazie sempre delle dritte e..
    un abbraccio!!
    :*

    RispondiElimina
  17. Lovely work on the banner, it is looking good.

    RispondiElimina
  18. bellissimo quel ricamo..avevo provato anche io a iniziarlo ma mi sono bloccata
    grazie mille per i bellissimi consigli!
    a presto
    Paola

    RispondiElimina
  19. Great progress on the Stoney Creek project. I love it.
    This little LHN design is quickly stitched and will be a lot of fun.

    RispondiElimina
  20. Great info and beautiful work on the banner! Also, thank you for the SAL info too.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Santa & Rudolph

Poteva mancare Lucie Heaton tra i miei ornamenti natalizi? Certo che no! É arrivata con Babbo Natale e la simpatica renna dal naso rosso. Poi vi segnalerò un sito che vi aiuta ad abbellire e rendere più funzionale il vostro blog anche se non siete social, infine parleremo di gratitudine.

Vi chiederete cosa ne farò di tutti questi ornamenti: li aggiungo ai piccoli regali per amici e colleghi. A me diverte farli, e poi smaltisco gli avanzi di tele e filati. Inoltre, cosa molto importante, non sono impegnativi, lasciano un bel ricordo e non obbligano il ricevente a ricambiare il regalo. In questi giorni nei negozi di oggettistica si trovano campanellini, pigne, piccoli globi, bacche, nastrini, tutto a poco prezzo. Vi consiglio di acquistare qualcosa, impreziosiscono un ricamo o un semplice fiocco rendendo il tutto più nataloso 🎄
Schema di Lucie HeatonSanta & Rudolph tratto dalla rivista The World of Cross Stitching, n. 235 2015 (se siete iscritte al sito potete scaricarlo anche qu…

Festive Fizzy and Little Robin

Oggi due cose veloci: un ornamento con protagonista Fizzy Moon e un piccolo pettirosso ciccione di Durene Jones che originariamente doveva essere natalizio e invece è diventato il mio portachiavi.

É troppo divertente creare gli ornamenti, quasi mi dispiace che stia arrivando Natale, poi devo riprendere lavori lunghi... Intanto ecco qui Festive Fizzy, l'orsetto che ha preparato tanti bei pacchettini da mettere sotto l'albero.

Gli schemi nati per le cartoline sono perfetti per i piccoli lavori.
Schema Festive Fizzy tratto dalla rivista Ultimate Cross Stitch Christmas 2017 Tela aida 55 Zweigart (14 count) colore bianco Filati DMC Mouliné Poteva mancare un pettirosso? Quanto amiamo questo uccellino? Io lo trovo adorabile con il suo petto tutto rosso. Ogni inverno torna nel mio giardino e mi fa pensare al Natale :) Quando ho visto questo free di Durene Jones (sulla sua pagina facebook o condiviso sulla mia), l'ho stampato in un secondo e l'ho ricamato subito.

Doveva essere…

Nordic Noël parte prima

Anche in questo Natale non può mancare qualcosa di nordico, qualcosa che faccia pensare alla tradizione, al rosso, al bianco, e allora ecco gli ultimi ornamenti che sto cucendo, di Lucie Heaton. Poi parliamo di qualcosa di molto attuale: cosa regalare a una ricamina?

Cosa c'è di meglio di babbi Natali tradizionali? Questi fanno parte di una serie di quattro, per ora i primi due. Me li ero segnati da fare da ormai così tanti anni... giacevano tristi e sconsolati nel contenitore degli schemi. Poi un guizzo, li ho tirati fuori, erano perfetti per un avanzo di lino ecru con cui non sapevo cosa fare.


E finalmente mi sono pure ricordata di firmarli con la mia sigla! Sapete che mi dimentico sempre di farla? E invece è importante, purchè sia piccolina, elegante e non invasiva, è un segno personale che è bello che rimanga.

Li ho rifiniti con nastro e campanellino, ma starebbero benissimo anche su un biglietto. Schema Nordic Noël di Lucie Heaton tratto dalla rivista CrossStitch Collection