Passa ai contenuti principali

Bianca Pitzorno, Il sogno della macchina da cucire: recensione

Buongiorno ragazze! Appuntamento mensile con la lettura di un volume che fa parte della mia bibliografia di letteratura sui temi di ricamo, cucito o maglia. Vi parlerò di un libro italiano su una sartina di fine Ottocento: Il sogno della macchina da cucire di Bianca Pitzorno.

Bianca Pitzorno, Il sogno della macchina da cucire

Bianca Pitzorno, Il sogno della macchina da cucire, Bompiani, Milano 2018
Genere: romanzo di formazione
Categoria: cucito

Trama

Si tratta di un romanzo di formazione e di crescita di una giovane sartina (in tutto il romanzo non ne viene mai rivelato il nome) che, rimasta troppo presto orfana, vive del proprio lavoro imparato dalla nonna e, con la sua macchina da cucire a manovella, entra nelle case e nelle vite delle persone più agiate per rammendare o creare corredi.

Attraverso il suo ago conosciamo le storie di famiglie e donne dell'epoca, strette tra tradizione e emancipazione, tra la voglia di essere moderne e autonome e le costrizioni di maldicenze e pettegolezzi. Storie belle o storie tragiche per troppo amore o voglia di essere libere.

Anche lei si innamorerà, della persona giusta ma che è sbagliata e oscillerà tra il sogno di cambiare e il dovere di restare con i piedi per terra.

Commento

É brava la Pitzorno, con leggerezza e una bellissima scrittura ci porta a vivere pienamente quei tempi, tra la miseria più nera, la tirchieria, la ricchezza, e lo fa sempre dal punto di vista delle donne, troppo spesso relegate ai ruoli di mogli e madri, ma in realtà persone piene di sogni, speranze, voglia di lavorare e diventare qualcuno.

É costruito in capitoli, il fil rouge resta sempre la nostra amata protagonista, ma ogni parte riguarda la storia di qualcuno che viene messo in luce. A tratti divertente, a tratti doloroso, riesce a catturarci e a trasportarci nei fatti con una naturalezza invidiabile.

Unica pecca, senza fare spoiler, il finale, tirato via velocemente: spero sia materia per un altro libro.

Needlework Fiction Books

Non può mancare nella bibliografia, si parla di cucito ad ogni pagina e con maestria e dovizia di particolari. Vi si trova la storia della biancheria, dei corredi per matrimoni, nascite e funerali. Si impara tantissimo, anche sulle macchine da cucire.

Note

Sapete? Questo libro lo consiglio a voi per una lettura invernale, da fare nel tepore delle vostre case e delle vostre famiglie. Ottimo anche da regalare a ragazze giovani che amano la lettura e i romanzi alla Charlotte Bronte o alla Jane Austen, per intenderci.

Lo potete trovare nella vostra biblioteca o libreria di fiducia, oppure online in versione cartacea o ebook.

Consigliato!

Coming soon...

La prossima volta vi farò vedere cosa contiene il mio cestino dei lavori. A presto!

Commenti

  1. hai ragione: è un romanzo dolce-amaro, ben scritto e fortemente evocativo. Perfetto per una giornata invernale, magari accompagnato da una bella tazza di qualcosa di caldo e una fetta di torta per coccolarsi.

    RispondiElimina
  2. Ultimamente non riesco più a trovare il tempo per una bella lettura e questo mi manca un sacco. Ho preso nota del libro e spero di poter tornare presto a leggere.
    Grazie mille per tutte le dritte che ci dai sempre ♥

    RispondiElimina
  3. letto anche se pensavo fosse qualcosa di più inerente al cucito.

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono molto i tuoi consigli su letture a tema cucito.
    😍😍

    RispondiElimina
  5. Oh cara Irene, mi ispira moltissimo il libro, dopo aver letto questa tua presentazione.
    Grazie, me lo procurerò!
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  6. Ciao Irene, questo libro, bellissimo è stato uno dei regali che ho ricevuto lo scorso anno, molto bello e condivido con te di averlo in casa e leggerlo in inverno nel tepore della propria dimora

    RispondiElimina
  7. Mi ispira questo libro. L'ho metto nella wish list per i prox acquisti.
    Un caro saluto e spero di tornare presto.

    RispondiElimina
  8. La tua accurata descrizione lo rende molto invitante. Alla prossima visita in libreria provo a cercarlo.

    RispondiElimina
  9. Sounds very interesting thank you.

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Punto croce: a quanti fili si ricama?

Ciao ragazze, oggi parliamo di filati e cerchiamo di rispondere a una domanda piuttosto frequente: quanti fili dobbiamo usare per le nostre amate crocette? Parliamo ovviamente del filato più comune, ovvero delle matassine di cotone mouliné che, solitamente, sono vendute in unità di 8 metri a 6 capi. Proviamo a fare chiarezza.

Molti disegnatori hanno ormai l’abitudine di aggiungere una legenda ai loro schemi con indicato le dimensioni del ricamo sui vari tipi di tela, la quantità di matassine per colore e, appunto, il numero dei capi da usare. Ma non sempre siamo così fortunate. Allora, come facciamo?
Posto che dipende dal tipo di tela che usiamo e dall’effetto di copertura che vogliamo ottenere, per il punto croce non è un aspetto secondario, la nostra scelta fa una grande differenza!
Generalmente: 1 capo dona poca copertura e può essere usato per i dettagli meno pieni come il cielo sullo sfondo;2 capi donano una migliore copertura, è la quantità usata più spesso nella maggior parte…

Canovaccio Natale Joan Elliott

Da qualche tempo Casa Cenina ha iniziato una produzione interna di ricamabili con la collaborazione della Tessitura artistica Chierese e, di volta in volta, vari disegnatori. Quando è uscita la linea natalizia firmata da Joan Elliott ho acquistato subito questo canovaccio scegliendo un verde oliva che esula dai soliti colori verde o rosso, ma è di un'eleganza squisita. É arrivato con lo schema della Elliott che riprende i disegni del tessuto, tante piccole sfumature che hanno creato un gioiello. Pronto da regalare!

Asciugapiatti Natale Joan Elliott verde chiaro con schema allegato
Filati - DMC Mouliné

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Da Heart in Hand, Hocus Pocus Halloween!

Buongiorno ragazze, come state? Siamo già ad ottobre e lo so che vi aspettavate la tappa del SAL, ma sono indietro! Quindi, cosa ricamiamo ad ottobre se non Halloween? Ed Halloween sia! Con Hocus Pocus Halloween di Heart in Hand, una rifinitura classica ma con una novità per me. Vediamo! Come vi ho preannunciato, sono in ritardo con il SAL di Faby Reilly, me l'aspettavo di non riuscire a stare al passo, il lavoro e la vita quotidiana mi fagocitano e la sera sono stanca, non riesco nemmeno a fare i 20 minuti di crocette che mi sono prefissa! Pazienza, la tappa di settembre ve la mostrerò un'altra volta. Poi vedete, ci sono questi schemini così carini e veloci che non posso non farli! Non so perchè ma è un periodo che adoro Heart in Hand, sarà per la sua semplicità e simpatia, non so. E di questo me ne sono innamorata, così l'ho preso e l'ho ricamato su un avanzino di tela senza sapere bene come lo avrei rifinito.Ho fatto una piccola modifica sulla scritta facendola in it…

Post un po' banale

Buongiorno ragazze, come vedete dalla foto oggi post purtroppo un po' banale, perchè vi parlo delle mascherine o, meglio, dei copribocca. Vi parlerò della differenza e del perchè ho deciso di farmeli e, soprattutto, di quando indossarli. Giuro che pensavo non ne avrei più scritto dell'epidemia, ma vabbè, sappiamo tutti che questi aggeggi li dovremo portare a lungo, quindi avanti! Nei primi periodi della pandemia, durante i mesi di marzo e aprile in Italia, ci siamo trovati così spiazzati, da non essere pronti nè psicologicamente nè con le forniture. Soprattutto, mancavano le masherine. Noi ricamine, che di aghi, fili e tessuti siamo sempre fornite, siamo andate alla ricerca di tutorial in rete e ce le siamo fatte.Ora, non sarebbe corretto chiamarle mascherine in quanto non sono presidi medici: il nome giusto è copribocca. Siccome dobbiamo averle sempre con noi e indossarle spesso, ci siamo rese conto che qualche volta non occorrono davvero quelle chirurgiche: le dobbiamo metter…