Passa ai contenuti principali

Le mie crocette per la Francia

Ci ho pensato molto prima di fare questo post, è facile cadere nella retorica e nell'ipocrisia. Il fatto è che, davanti a ciò che succede, ci sentiamo strani a continuare come niente fosse, ci sembra di non portare rispetto, di essere indifferenti. Però poi vedo e sento le persone colpite che ci esortano a continuare la nostra vita normale. 
Questi individui (non so come chiamarli) mirano a terrorizzare e non si accorgono, invece, che ci stanno unendo in una fratellanza europea che prima non si era vista: stanno, forse, ottenendo l'effetto contrario.
In fondo, cosa possiamo fare noi? Oltre la solidarietà, l'integrazione, la comprensione, che altro?
In questi giorni stavo cucendo il rik rak sulle tovagliette americane che avevo ricamato tempo fa, con lo schema delle Brodeuses parisiennes e, sarà stupido, ma ho deciso di pubblicarlo e di usarlo.


É il mio piccolo segno per tutti quelli che stanno soffrendo, per quelli che hanno perso i propri cari, per quelli che hanno paura. É il mio modo per far sentire che sono loro vicina, vicina a tutti. E anche se continuerò a parlare di ricamo, di Natale, e scherzerò, dirò sciocchezze e sarò frivola, il mio pensiero non mancherà.
Un abbraccio a tutte le amiche francesi.

Schema Tarte aux pommes Les Brodeuses parisiennes (lo trovate anche sulla rivista Creation point de croix n. 23 del 2012)
Tela Zweigart Murano a pois marroni 32 ct.
Filati DMC Mouliné

Commenti

  1. Bravo Irene!!! Ho amo questo progettazione))

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene, speriamo si crei una vera alleanza europea... Mi piace come hai deciso di usare questo ricamo. Grazie del commento e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Brava Irene, ognuno nel proprio piccolo, deve fare ciò che può contribuire a creare un mondo di pace...

    RispondiElimina
  4. Ciao, brava per la scelta e il post dedicato alla Francia.
    Barbara

    RispondiElimina
  5. Molto bello il tuo ricamo,non bisogna aver paura di sembrare leggeri,la tristezza si porta nel cuore....

    RispondiElimina
  6. Gentile Irene, dobbiamo essere comprensione e di amore. Sembra che il mondo aveva dimenticato. Quella parola orribile - il terrorismo - sta diventando ogni giorno. Questo è sbagliato!
    Eventi Parigi può accadere ovunque. Non sappiamo quando e dove. Dobbiamo stare insieme, non si può, in diretta su.
    Brodeuses Parisiennes è una grande scelta per il giorno di oggi !!!
    Saluto e abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Liebe Irene,
    ich verstehe so gut was du meinst. Lasst uns auf unsere Art Liebe in die Welt tragen mit Nadel und Faden statt mit Waffen und Hass. Auch wenn wir nicht viel tun können aber hoffen und Liebe und Freude schenken. Deine Stickerei ist wieder sehr, sehr schön.
    Wünsche dir nur das Beste
    Liebe Grüße Sandra

    RispondiElimina
  8. Ciao cara sono d'accordo con te.
    Il tuo ricamo è meraviglioso.

    RispondiElimina
  9. Ciao Irene!
    non si è mai retorici in questi casi,un solo pensiero,per essere,in qualche modo,vicini...
    complimenti
    un abbraccio
    Denny

    RispondiElimina
  10. Hai fatto benissimo!! La nostra arma più potente e' il coraggio di continuare a vivere la vita senza paura...difficile ma possibile tutti insieme!
    Bella la tovaglietta!!

    RispondiElimina
  11. si parla di cose leggere per sopportare un macigno nel cuore....un bel ricamo fa bene alla vista e al cuore....

    RispondiElimina
  12. Irene! Noi piangiamo insieme con la Francia. E 'molto triste ...
    Ricamo bello! Grazie per il post!

    RispondiElimina
  13. Un pezzo di vita quotidiana il tuo post in un momento storico così tragico la vita deve andare avanti e un nostro diritto vivere in pace e serenità e ci sono individui che ci vogliono privare di questo ,io vivo questo periodo con più ansia dato che mio figlio da pochi mesi e in Belgio per frequentare L università .
    Il mio pensiero va alle vittime e ai loro cari.
    Ciao Irene a presto

    RispondiElimina
  14. Concordo pienamente bisogna andare avanti anche per non dargliela vinta.
    Il ricamo è graziosisissimo!
    Mila

    RispondiElimina
  15. A lovely, lovely finish, Irene! It is good to see the world unite against the evil forces that want to change our daily lives. Goodness will prevail!

    RispondiElimina
  16. A lovely finish, Irene. And I love that you put it up on your blog these days ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Sono tornata! In tutti i sensi!

Ben ritrovate ragazze, come state? Siete ancora in vacanza o, come me, al lavoro? Come vi avevo annunciato mi sono presa qualche settimana di pausa, ne avevo bisogno, dopo vi spiego i motivi. Forse vi aspettate che vi mostri tanti lavori ma non è così, solo un work in progress ma ogni tanto si deve pur respirare e prendersela comoda. Allora partiamo, o meglio, torniamo!

Le mie ferie sono sempre brevi, sia per esigenze lavorative che famigliari, e sono ormai 3 o 4 anni che non viaggio a lungo, come ben saprà chi, come me, ha qualcuno di fragile o malato accanto che ha bisogno di presenza e di cure. Tuttavia non lo dico per lamentarmi, ma con molta serenità: bisogna prendere le cose con filosofia e amore, all’inizio pesa un po’, poi viene naturale e si riesce persino ad essere felici!
Quest’anno per me è stato uguale ma diverso: mi spiego. Restando a casa, usualmente i giorni precedenti le vacanze li passavo a programmare le cose da fare: pulizie, sistemazioni, acquisti, riordini. Vi r…

Eco ricamo: come convertire il ricamo in senso ecologico

Non è mai troppo tardi e non si fa mai abbastanza per salvare ed amare il pianeta in cui viviamo, vero? L’argomento va molto di moda, ma non è un male, sapete? Anzi. Parlarne, rifletterci, aiuta a modificare i propri comportamenti rendendoli più compatibili con la natura e la nostra amata terra che, per molti anni, abbiamo trascurato e la cui salute abbiamo sottovalutato.

So che siete già bravissime a riciclare la plastica, a risparmiare acqua ed energia, a raccogliere i rifiuti nei parchi e nelle spiagge, a non sprecare cibo. Possiamo fare altro? Magari nelle nostre piccole passioni? Io credo di sì, e di seguito vedremo qualche consiglio prezioso. Tuttavia, mi sento di fare un appunto: che questa non diventi un’ossessione o un problema per noi, eh? Prendiamo sempre tutto con serenità e abbiniamolo alle nostre capacità fisiche, mentali ed economiche. E anche alla nostra filosofia ed etica della vita, d’accordo? Anche le piccole modifiche possono fare la grande differenza.
Allora, cos…

Una Kokeshi a punto croce!

Questa è la storia di come un piccolo fallimento può essere rimediato con creatività. Sì, perché il quaderno rivestito che vedete nella foto, nella mia idea, non doveva essere così ma, complice l’imbranataggine con la macchina da cucire e, diciamolo, la mancanza di voglia di rifinire in modo complicato, alla fine è venuto carino lo stesso, vero?

La Kokeshi è una tipica bambolina giapponese.
Vi confesso che il ricamo lo avevo terminato da parecchio tempo: iniziato appena Piki lo aveva pubblicato free sul suo blog (lo trovate qui e, dato che ci siete, date un’occhiata al sito e ai lavori di Chiara, ha una semplicità così elegante che la invidio tanto!), già si era rivelato un po’ impegnativo perché lo volevo fare piccolino, quindi l’ho ricamato 1 su 1 con un filo di mouliné su lino 11 fili.
È stato quando ho visto il risultato che mi è venuta voglia di farne la copertina di un quaderno, ne ho trovato uno perfetto proprio in tono! Ho scaricato una miliardata di tutorial per ricoprirlo …