Passa ai contenuti principali

Le mie crocette per la Francia

Ci ho pensato molto prima di fare questo post, è facile cadere nella retorica e nell'ipocrisia. Il fatto è che, davanti a ciò che succede, ci sentiamo strani a continuare come niente fosse, ci sembra di non portare rispetto, di essere indifferenti. Però poi vedo e sento le persone colpite che ci esortano a continuare la nostra vita normale. 
Questi individui (non so come chiamarli) mirano a terrorizzare e non si accorgono, invece, che ci stanno unendo in una fratellanza europea che prima non si era vista: stanno, forse, ottenendo l'effetto contrario.
In fondo, cosa possiamo fare noi? Oltre la solidarietà, l'integrazione, la comprensione, che altro?
In questi giorni stavo cucendo il rik rak sulle tovagliette americane che avevo ricamato tempo fa, con lo schema delle Brodeuses parisiennes e, sarà stupido, ma ho deciso di pubblicarlo e di usarlo.


É il mio piccolo segno per tutti quelli che stanno soffrendo, per quelli che hanno perso i propri cari, per quelli che hanno paura. É il mio modo per far sentire che sono loro vicina, vicina a tutti. E anche se continuerò a parlare di ricamo, di Natale, e scherzerò, dirò sciocchezze e sarò frivola, il mio pensiero non mancherà.
Un abbraccio a tutte le amiche francesi.

Schema Tarte aux pommes Les Brodeuses parisiennes (lo trovate anche sulla rivista Creation point de croix n. 23 del 2012)
Tela Zweigart Murano a pois marroni 32 ct.
Filati DMC Mouliné

Commenti

  1. Bravo Irene!!! Ho amo questo progettazione))

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene, speriamo si crei una vera alleanza europea... Mi piace come hai deciso di usare questo ricamo. Grazie del commento e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Brava Irene, ognuno nel proprio piccolo, deve fare ciò che può contribuire a creare un mondo di pace...

    RispondiElimina
  4. Ciao, brava per la scelta e il post dedicato alla Francia.
    Barbara

    RispondiElimina
  5. Molto bello il tuo ricamo,non bisogna aver paura di sembrare leggeri,la tristezza si porta nel cuore....

    RispondiElimina
  6. Gentile Irene, dobbiamo essere comprensione e di amore. Sembra che il mondo aveva dimenticato. Quella parola orribile - il terrorismo - sta diventando ogni giorno. Questo è sbagliato!
    Eventi Parigi può accadere ovunque. Non sappiamo quando e dove. Dobbiamo stare insieme, non si può, in diretta su.
    Brodeuses Parisiennes è una grande scelta per il giorno di oggi !!!
    Saluto e abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Liebe Irene,
    ich verstehe so gut was du meinst. Lasst uns auf unsere Art Liebe in die Welt tragen mit Nadel und Faden statt mit Waffen und Hass. Auch wenn wir nicht viel tun können aber hoffen und Liebe und Freude schenken. Deine Stickerei ist wieder sehr, sehr schön.
    Wünsche dir nur das Beste
    Liebe Grüße Sandra

    RispondiElimina
  8. Ciao cara sono d'accordo con te.
    Il tuo ricamo è meraviglioso.

    RispondiElimina
  9. Ciao Irene!
    non si è mai retorici in questi casi,un solo pensiero,per essere,in qualche modo,vicini...
    complimenti
    un abbraccio
    Denny

    RispondiElimina
  10. Hai fatto benissimo!! La nostra arma più potente e' il coraggio di continuare a vivere la vita senza paura...difficile ma possibile tutti insieme!
    Bella la tovaglietta!!

    RispondiElimina
  11. si parla di cose leggere per sopportare un macigno nel cuore....un bel ricamo fa bene alla vista e al cuore....

    RispondiElimina
  12. Irene! Noi piangiamo insieme con la Francia. E 'molto triste ...
    Ricamo bello! Grazie per il post!

    RispondiElimina
  13. Un pezzo di vita quotidiana il tuo post in un momento storico così tragico la vita deve andare avanti e un nostro diritto vivere in pace e serenità e ci sono individui che ci vogliono privare di questo ,io vivo questo periodo con più ansia dato che mio figlio da pochi mesi e in Belgio per frequentare L università .
    Il mio pensiero va alle vittime e ai loro cari.
    Ciao Irene a presto

    RispondiElimina
  14. Concordo pienamente bisogna andare avanti anche per non dargliela vinta.
    Il ricamo è graziosisissimo!
    Mila

    RispondiElimina
  15. A lovely, lovely finish, Irene! It is good to see the world unite against the evil forces that want to change our daily lives. Goodness will prevail!

    RispondiElimina
  16. A lovely finish, Irene. And I love that you put it up on your blog these days ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger o Google+ sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Tele da ricamo: aida e count

Torniamo alla nostra rubrica sulle tele da ricamo. La volta scorsa abbiamo parlato della composizione delle varie declinazioni della tela aida. Oggi torniamo sull'aida ma cerchiamo di imparare le sue misure: cosa sono i count, come si calcolano, come si calcola la dimensione di uno schema, quanti fili dobbiamo usare. Procediamo con ordine. Le misure Quando andiamo in negozio a comprare la tela aida, ci viene chiesto a quanti count, a quanti fori o a quanti quadretti la vogliamo. Noi italiani parliamo di quadretti, nei paesi anglosassoni usano i count che non corrispondono, eh? Attenzione: una tela 20 count non significa che ha 20 quadretti in 10 cm. Vediamo di essere più chiari. Cosa sono i count I paesi anglosassoni hanno, come unità di misura, il pollice (inch) che corrisponde a 2,54 cm (arrotondiamo a 2,5). Con count, si intende il numero di quadretti di tela che ci stanno in un pollice (quindi in 2,5 cm). É un po' complicato per noi che non siamo abituati a questa unità d…

Come acquistare schemi di qualità

Prese dalla bellezza dei disegni, dalla vivacità dei colori e, a volte, dal basso costo, siamo invogliate ad acquistare schemi per il punto croce da tutte le parti: non ci sono, infatti, solo le mercerie o i mercati rionali, e non ci sono nemmeno solo i negozi ufficiali online. Ormai qualsiasi sito, anche privato, può vendere schemi in download. Ma saranno davvero di qualità? Semplici da ricamare? Legali?

Scrivo questo post prendendo spunto da quello di Lord Libidan che trovate in lingua originale qui, penso sia molto utile per tutte noi, sia per darci consigli su come muoverci, sia per essere sempre corrette senza temere di andare contro la nostra etica.
Non tutti gli schemi che troviamo online sono di qualità e fattibili, molti sono davvero pessimi: anche se costano poco, perchè buttare soldi e tempo per fare qualcosa che poi non ci soddisfa? Proviamo a seguire alcune regole, cinque in particolare: Prima di acquistare, cerchiamo un'immagine dello schema già ricamato. I software …

I filati da ricamo invecchiano?

Ciao ragazze, oggi parliamo di un argomento che riguarda tutte, la terza età dei nostri fili da ricamo. La nonna vi ha lasciato una borsa di filati? L’amica ha cambiato hobby e vi ha dato i suoi che non usa più? Avete trovato un vecchio progetto che non avete finito e desiderate recuperare i materiali? Tra le vostre scorte avete delle matassine di quarant’anni fa ancora intonse? Vi è sorto il dubbio se il filato sia buono o se conviene buttare tutto? Vediamo qualche consiglio.

Il filato, a seconda della composizione, non è inerte, chiaramente invecchia, soprattutto in determinate condizioni: ha preso luce e si è sbiadito?ha preso umidità e si è gonfiato o ha formato delle muffe (emana cattivo odore)? sono presenti degli insetti (farfalline, pesciolini d’argento, tarme, acari)?è macchiatoimpolverato?si spezza? I nostri ricami sono preziosi, non cerchiamo di utilizzare a tutti i costi il filato se vediamo che è rovinato, piuttosto sacrifichiamolo. Se è sbiadito, a meno che non vog…