Passa ai contenuti principali

Il caffè è sempre una buona idea

Care amiche, ve li avevo annunciati e oggi vi mostrerò i portachiavi per le chiavette dei distributori del caffè che ho ricamato con lo schema di Emma Congdon. Poi riprendiamo il discorso del ricamo ecologico ed ecosostenibile con Lord Libidan e ci sarà un nuovo SAL natalizio e dei free.


Visti questi schemi sulla rivista Cross Stitch Crazy, li ho subito messi tra i lavori da fare, perchè avevo delle idee: erano perfetti come portachiavi per le chiavette dei distributori automatici. In origine sono stati pensati per dei copritazza in feltro, ma noi non siamo abituati ad usare quei contenitori, poi li trovo un po' scomodi, li devi togliere ogni volta che vuoi lavare la tazza. 
Proprio per questo gli schemi sono un po' grandi, e ho dovuto usare la tela aida (avanzi e ritagli) più piccola che c'è, la 20 count (o aida 80, ci stanno 8 crocette per cm).


Anch'io ho scelto il feltro per rifinirli, avevo dei colori giusti giusti, e li ho cuciti con un semplice punto festone. Una volta finiti, a guardarli bene sembrano dei biscotti, forse avrei dovuto farli proprio color biscotto!


Take a break, schema di Emma Congdon pubblicato su Cross Stitch Crazy n. 245 2018
Tela aida Zweigart 20 count color lilla e color nocciola

Contribuiamo a tenere pulito il mondo? 6 consigli per ecoricamine

Ne avevo già parlato in un post di qualche tempo fa della mia voglia di essere più ecosostenibile, sia nella vita che nel ricamo. Ora Lord Libidan ha pubblicato un post su come possiamo essere più ecologiche nelle piccole cose ricamose, il post originale lo trovate qui, io aggiungo qualche commento. 

Posto che noi ricamine siamo famose per risparmiare cercando di utilizzare tutti gli avanzi di filo e di tela e riciclando qualsiasi cosa troviamo in casa, dai vecchi bottoni ai nastri dei pacchi regalo, possiamo prestare maggior attenzione a:
  1. avanzi di filo: Lord Libidan consiglia di fare il famoso barattolino, sia per valutare quanto filo sprechiamo, sia per poterli riciclare in vari modi, tra cui cita dei rotolini per accendere il fuoco. Ecco, no, io questo lo sconsiglio, non è detto che siano solo di cotone, ci potrebbe essere del sintetico che puzza e inquina, così come le tinte non naturali. Quello che consiglio io, invece, è di utilizzare gli avanzi per imbottire i nostri puntaspilli o piccoli ornamenti dai colori scuri (sotto la tela bianca i fili colorati si vedono), magari in aggiunta all'imbottitura sintetica che usiamo solitamente. Attente però ai lavaggi! Se i fili all'interno perdono colore, possono macchiare il nostro lavoro!
  2. cartine delle matassine: quelle che riportano la marca e il numero della matassina, per intenderci. Ecco, ricordiamoci che possono essere di carta o di plastica, quindi facciamo attenzione a differenziarle quando le buttiamo, usiamo gli appositi contenitori.
  3. telai: non avrei mai immaginato che buttiamo così tanti telai come dice lui, boh? É vero che con l'uso si possono rompere, ma io li ho da tanti anni e li conservo tutt'ora. Comunque se dobbiamo buttarli teniamo conto che possono essere in legno o in plastica e hanno delle parti metalliche. Differenziare bene. Aggiungo io che prima di buttare un vecchio telaio in legno, magari solo perchè logoro, pensiamo se non vogliamo farne una bella cornice vintage, eventualmente dipinta proprio da noi!
  4. tele e stoffe: io gli avanzi delle tele le butto nel secco, non pensavo che ce ne fossero di biodegradabili e non. Inoltre se sono tinte con coloranti artificiali... Non so, forse anche questi li possiamo usare per imbottire, io tengo anche gli avanzi di pochi centimetri per ricamare le piccole cose o fare dei piccoli patchwork, non ho tutto questo scarto.
  5. plastic canvas: ovvero le tele di plastica. Anche di queste Lord Libidan ci dice che ce ne sono di biodegradabili e non, forse c'è scritto sulla confezione, non ho mai guardato, comunque per sicurezza gli avanzi li butto nella plastica, così sono tranquilla.
  6. aghi: ah ragazze, gli aghi! Appena si bruniscono un po' per l'uso dovremmo buttarli, quindi ne usiamo proprio tanti! Io li butto nel secco, faccio bene? Non sono riciclabili nè riutilizzabili.
Fin qui quello che dice Lord Libidan, direi che siamo abbastanza brave, no? Io aggiungo di cercare di prendere sempre prodotti con meno imballaggio possibile e di qualità: si scarta davvero meno. Inoltre di tenere gli avanzi, che possiamo utilizzare in mille modi a seconda di cosa si inventa la nostra testolina, ma non riempiamoci di ciarpame, per carità, sempre ordine e pulizia.

Un nuovo SAL, qualche free e un nuovo libro di Helene La Berre

Vi segnalo che Maryse ha organizzato 2 SAL natalizi a pagamento con suoi schemi: un sampler Mon village de Noel a 15 euro e uno più piccolino con le Boules de Noel a 10 euro. Inoltre, se scorrete il post, verso la fine c'è un free da scaricare.

C'è poi il gatto del mese, quello di settembre lo trovate qui.

Per il ritorno a scuola, un bellissimo free di Rhona, lo trovate qui.

Ora, non per fare pubblicità gratuita, ma uscirà un nuovo libro natalizio di Helene La Berre che trovo favoloso! Ci sto facendo un pensierino, ve lo confesso... Lo potete vedere qui e, se cliccate su "Feuilleter", lo potete sfogliare. Bello, vero?

Coming soon...

Allora care amiche, complice l'arrivo dell'aria più fresca sto pensando all'autunno e all'inverno. Quindi prossimamente vedrete un altro sewing set questa volta dedicato alle zucche, poi arriverà il runner di cui non vi ho più mostrato le foto perchè sono talmente orgogliosa che vi voglio fare una sorpresa!

Per oggi è tutto, buon ricamo!
xx Irene

Commenti

  1. Ciao Irene, i due portachiavi sono molto carini.
    Grazie per averci segnalato tutte le iniziative e per il libro di Helene le Berre l'ho già prenotato

    RispondiElimina
  2. Ciao Irene,non vedo l'ora di vedere il tuo runner finito .
    Bellissimi i porta chiavetta sono molto allegri e colorati .

    RispondiElimina
  3. What a great idea to make these coffee pieces into key rings, Irene! You did a wonderful job in finishing--I like the colorful felt you chose for each of them :)

    RispondiElimina
  4. Ciao Irene! I portachiavi sono davvero molto belli: un'idea utile e personalizzata!!!
    Grazie ancora per tutte le iniziative che puntualmente ci segnali!!!
    Mi unisco virtualmente a te ed ai tuoi propositi (soprattutto quello di usare e sfoltire nel tempo il materiale creativo già in possesso...): chissà che la condivisione degli stessi obbiettivi diventi una motivazione in più!!!
    Buon pomeriggio!!!
    Rita

    RispondiElimina
  5. Love your stitching of the coffee set looks great I have the chart so may do something like it next year.
    I have joined in on both SALs looking forward to start my stitching soon.
    Thank you again for a lovely post.

    RispondiElimina
  6. Irene, I love your key rings with the great coffee stitches. They would make great thread holders too. You did a wonderful job on your stitching. Thank you for showing us the great idea. RJ@stitchingfriendsforever

    RispondiElimina
  7. Leggere sul tuo blog e un piacere. Molto belle le porta chiavi, e che dire sono curiossisima di vedere il runner.

    RispondiElimina
  8. I tuoi portachiavi li trovo geniali,mi piacciono tantissimo.
    Riguardo tutti i consigli davvero utili, non hoMAI buttato stoffa o telai, riciclo tutto, fantastico vero buona serata

    RispondiElimina
  9. grazie Irene!! le tue dritte sono sempre interessanti!! e complimenti sia per il ricamo che per il confezionamento! aspetto di vedere la sorpresa!! ;)

    RispondiElimina
  10. Tolle Idee. Die Schlüsselringe sehen klasse aus.
    Liebe Grüße Manuela

    RispondiElimina
  11. Grazie Irene! Mi hai fatto sentire un sacco "green": sono anni che uso gli avanzi di filo e lana per riempire puntaspilli e cuscinetti!! :D
    Mi piace l'effetto che danno al lavoro finito: un'imbottitura più compatta, meno gonfia e un po' più pesante, cosa che con i puntaspilli non guasta. Ed è vero, è anche ecologico!
    Simpatici i tuoi portachiavi, bellissima idea

    RispondiElimina
  12. Ma che belli questi portachiavi e poi.... meglio grandi che troppo piccoli, così li trovi subito, heheh Un abbraccio e nice week

    RispondiElimina
  13. Eine tolle Idee für die Schlüsselringe, und Kaffee geht ja immer.
    Danke für den Tipp mit dem Buch, das sieht schon sehr interessant aus.
    lg Martina

    RispondiElimina
  14. Ciao Irene, che bello tornare a leggerti puntualmente ed hai sempre bellissime sorprese!
    Deliziosi i tuoi portachiavi e molto invitante anche la rivista che ho potuto sfogliare.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina

Posta un commento

Su questo blog non sono permessi i commenti anonimi. Chi commenta è consapevole che il proprio profilo Blogger sarà pubblico. Per ulteriori informazioni Privacy policy di Google

Post popolari in questo blog

Little Koala di The Little Stitcher per l'Australia

Ciao ragazze! Come restare insensibili di fronte a ciò che è successo e che succede ancora in Australia? Il nostro contributo sarà piccolo ma può fare grandi cose. Quindi, grazie a tante disegnatrici generose e sensibili, anch'io ho ricamato un koala, quello offerto da The Little Stitcher che trovate qui. Se volete, potete dare il vostro aiuto in molti modi, anche solo ricamando e condividendo la notizia!

Eccolo! Allora, è un disegnino ricamabile in poco tempo, io l'ho un po' personalizzato: non ho fatto la bocca e ho aggiunto del punto scritto e dei punti nodini. E la firma! Ragazze, ricordate di firmare i vostri ricami, sembra una bazzecola ma non lo è, la nostra impronta è importante.

L'ho rifinito come portalavanda, avevo questo tessuto (da tempo immemorabile, ma vabbè...) di Mas d'Ousvan (adoro...♥) che ispirava proprio la lavanda e stava bene con i colori, quindi fatto! Little Koala, schema free di The Little Stitcher scaricabile qui Tela aida Zweigart 20 co…

Be my Valentine: da Lizzie Kate un free per San Valentino

Sarà una festa amata e odiata, sciocca, commerciale, o perfetta per ricordare: qualcunque cosa sia quest'anno San Valentino l'ho ricamato! Complice un free di Lizzie Kate e una mezza idea di provare tecniche nuove, mi sono buttata e questo è il risultato.

Qualcosa di simile ma anche completamente diverso da quello che faccio. Intanto la personalizzazione del free di Lizzie Kate: ho cambiato colori (attenzione, ci sono errori sulla legenda) e anche tecnica, ho aggiunto perline e il punto ragno per i fiori.

Poi è da un po' che guardo con ammirazione le ricamine che fanno gli ornamenti con il polistirolo e ho provato anch'io seguendo qualche tutorial e, ve lo confesso, andando un po' a caso. Allora, dalla foto sembra perfetto ma non lo è, ho fatto una gran fatica a inserire il tessuto, a tirarlo perfettamente, a tenerlo dritto, insomma, è stato un parto! Per fortuna, aggiungendo nastri e passamanerie, si nasconde il tutto, ma devo assolutamente migliorare, così non v…

Anne Jacobs, La Villa delle stoffe: recensione

Ciao ragazze, oggi parliamo di libri! Ho letto il primo volume della serie della Villa delle stoffe di Anne Jacobs e, visto che parla di tessuti e cucito, l'ho inserito nella bibliografia dei Needlework fiction Books.

Anne Jacobs, La Villa delle stoffe, Giunti, Firenze 2018. 
Tit. orig.: Die Tuchvilla Genere: romanzo prevalentemente rosa, con sfondo storico e un lieve tocco di giallo Categoria: cucito Trama Augsburg, 1913. La piccola Marie, dopo aver passato l’infanzia in un orfanotrofio e aver lavorato per qualche tempo in fabbrica, appena maggiorenne viene assunta come sguattera alla cosiddetta Villa delle Stoffe, residenza della ricchissima famiglia Melzer, proprietaria di una delle più grandi aziende di tessuti della Germania. Non avrà vita facile, i domestici non la vedono di buon occhio: è bella, intelligente, ha un portamento regale. Così invidiata e maltrattata, che medita di scappare. Ma c’è un segreto: non è arrivata lì per caso, è stato il capostipite della famiglia a vole…

La società dei Makers: recensione

Ciao ragazze, siamo nel 2020 già da quasi un mese e, vi sarete accorte, non ho fatto propositi! Non solo nel ricamo, eh? Ho deciso di prendere le cose con più rilassatezza, calma e serenità. Oggi vi parlo di qualcosa che ci sta molto a cuore: il valore della nostra passione. E lo farò tramite le parole di un libro davvero interessante di David Gauntlett, La società dei makers. La creatività dal fai da te al Web 2.0.

Prima però parto da una newsletter di Inspirations (il meraviglioso magazine di ricamo), ricevuta a novembre, che portava il titolo di Resurgence, ovvero Rinascita (la trovate qui se volete leggerla). Quando fanno la riunione per decidere cosa pubblicare nel nuovo numero della rivista, le redattrici si pongono sempre la domanda di come essere accattivanti e quale iniziative organizzare per coinvolgere le nuove generazioni e non far morire il ricamo. Beh, sorpresa, il ricamo non sta morendo affatto, anzi! Basta guardare i social, instagram, facebook, è tutto un fiorire di …

Anthea SAL di Faby Reilly: tappa 1!

Da quanto tempo non mi iscrivevo a un SAL! Mi piace moltissimo ricamare in compagnia, ma faccio fatica a stare al passo con le altre partecipanti, poi mi viene voglia di fare altro e quindi rischio di abbandonare e non portare a termine nulla. Ma a questo non ho resistito, l'Anthea SAL di Faby Reilly. Ora vi spiego perchè.

Come vedete dalla foto si tratta di un calendario botanico, 12 tappe, una al mese, con i fiori di stagione. Non mi sono iscritta perchè mi piaceva particolarmente il tema, ma perchè Faby Reilly inserisce e spiega molto bene punti tradizionali accanto al punto croce e io voglio imparare a fare qualcosa di nuovo.
Dalla foto non si vede benissimo, ma la cornice è fatta con mouliné e Diamant a punto riso. Purtroppo non ho scelto una tela particolarmente adatta, Faby Reilly consigliava lino Belfast. Io ero tentata di scegliere una Murano e invece, per non acquistare altro visto che l'avevo in casa, ho scelto una Floba extrafine. Il count è lo stesso, 32, ma i fi…